Apertamente

di Virgilio Dastoli da Striscia Rossa del 30/12/2018 - Fra i tanti slalom compiuti dal governo Conte nella Legge di Bilancio – che dovrebbe essere definitivamente approvata dalla Camera entro poche ore ed essere poi sottoposta alla firma del Presidente della Repubblica e alla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale entro il 31 dicembre 2018 evitando l’esercizio provvisorio – vi è quello relativo alla tassazione agevolata per gli enti cosiddetti del Terzo Settore (ETS) a cui si è applicata finora un’aliquota IRES del 12% e che il Presidente del Consiglio avrebbe voluto equiparare ai profitti di tutte le imprese raddoppiando l’aliquota al 24% con un maggiore introito per lo Stato di 120 milioni di Euro nel 2019.

Leggi tutto...

News - Italia

di Marco Brando da Striscia Rossa del 14/12/2018 -  “Ci deve pur essere un giudice a Milano…”. Lo avranno pensato, prima della sentenza favorevole, i genitori di più di duecento bimbi extracomunitari, esclusi dalle mense e dai bus scolastici di Lodi in base a un editto sottoscritto dalla sindaca leghista, Sara Casanova. Beh, quel giudice ha dato ragione al loro ricorso contro il provvedimento.   Forse padri e madri – colpevoli, secondo il Comune lombardo, di avere radici fuori dall’Unione europea – non conoscono la storia del giudice di Berlino, quello che “ci deve pur essere…”: è alla base di antico modo di dire nato dalla vicenda (vera) di un poveraccio che nel Settecento, in Germania, fu privato del suo mulino dal potente di turno, ma alla fine ottenne giustizia; altri bimbi, quelli tedeschi, hanno sempre trovato questa storia sui libri scolastici, espressione della speranza nell’imparzialità della legge.

Leggi tutto...

News - Italia

di Pierre Haski da Internazionale del 17/12/2018 - Fino a otto giorni fa i mezzi d’informazione ungheresi, controllati dai sostenitori del primo ministro Viktor Orbán, ironizzavano crudelmente sulle proteste dei gilet gialli contro Emmanuel Macron in Francia. Dal 12 dicembre, però, anche l’Ungheria deve assistere a proteste sociali e politiche quotidiane – andate in scena fino al 16 dicembre nelle strade di Budapest – e gli stessi giornali oggi accusano i manifestanti di essere al soldo di George Soros, il finanziere ebreo diventato il bersaglio preferito del governo. Così va la vita nel paese della democrazia “illiberale” sbandierata da Viktor Orbán: i manifestanti sono virtuosi in Francia ma traditori in Ungheria.

Leggi tutto...

News - Europa

di Celeste Ingrao da Striscia Rossa del 9/12/2018 - Me la immagino la destinataria tipo della nuova norma sul congedo di maternità. Ha circa trent’anni, forse 35, magari anche 40, che ormai i figli si fanno sempre più tardi. E’ una che in qualche modo “ce l’ha fatta”. Perché ormai avere un regolare contratto di lavoro dipendente vuol dire avercela fatta, quale che sia il lavoro, fosse pure un lavoro di schifo. Fa l’impiegata, la commessa, la segretaria, l’insegnante… Chissà forse è pure un po’ in carriera, nel senso che lavora in uno di quei posti dove è possibile persino a una donna emergere, a patto di essere più brava e più efficiente di tutti, sempre disponibile a orari lunghissimi, reperibilità h24, trasferte.

Leggi tutto...

News - Italia

di Stefano Allievi da Left del 2/12/2018 - Per il governo l’immigrazione sembra essere sempre meno un processo da gestire o eventualmente un problema da risolvere: e sempre più un tema da agitare. Non qualcosa di cui occuparsi, ma qualcosa da cui essere occupati. Non qualcosa da fare, ma qualcosa di cui parlare. Per varie ragioni. Nuovi sbarchi praticamente non ce ne sono più, per cui non c’è più da fare la voce grossa contro di essi (appena 6.500 negli ultimi 5 mesi, 978 in novembre, con un drastico calo tendenziale che prosegue da due anni, accentuatosi negli ultimi mesi con il nuovo governo). Ci sarebbe da lavorare per l’integrazione di richiedenti asilo e immigrati: ed è soprattutto qui che emergono le contraddizioni tra politiche dichiarate e decisioni prese con il “decreto Salvini”.

Leggi tutto...

News - Italia

di Daoud Kuttab da Internazionale del 12/12/2018 - Il brutale omicidio del giornalista saudita residente negli Stati Uniti, Jamal Khashoggi, avvenuto nel consolato dell’Arabia Saudita a Istanbul, ha dominato l’informazione di tutto il mondo per almeno due mesi. Ma il suo caso non è isolato. Secondo l’International press institute, la violenza contro i giornalisti e l’impunità nei confronti di chi commette crimini contro di loro oggi sono “due delle principali minacce alla libertà dei mezzi di informazione nel mondo”. I governi spesso usano sia il bastone sia la carota per tenere in riga i giornalisti. Possono ricompensarli quando seguono la linea ufficiale, tramite bustarelle o altre forme di corruzione. Mentre chi rifiuta di farsi comprare rischia di essere privato di diritti fondamentali (come il rinnovo del passaporto) o di vedersi distruggere la reputazione.

Leggi tutto...

News - Mondo

di Marzio Galeotti e Alessandro Lanza da La Voce del 18/12/2018 - Tra spinte verso obiettivi più ambiziosi e minacce di cancellare ogni accordo, le conclusioni della Cop24 hanno scontentato tutti. I disastri ambientali e gli allarmi degli scienziati non bastano a scardinare gli interessi particolari dei singoli paesi. Le conclusioni di Katowice. Alla Cop24, la conferenza sul clima che si è chiusa il 15 dicembre a Katowice in Polonia, i delegati di quasi duecento paesi hanno avuto necessità dei tempi supplementari per giungere a una conclusione. La diplomazia dell’orologio, quella che si traduce nel fermare virtualmente il tempo alla mezzanotte del giorno di scadenza del negoziato per poter continuare a trattare, era già stata applicata oltre venti anni fa in occasione della firma del protocollo di Kyoto.

Leggi tutto...

News - Mondo

di Davide Villani da Sbilanciamoci dell'11/12/2018 - Non una ricetta ma una proposta, una rivendicazione che ha già una storia, da ripercorrere. Questo è nel libro “Tempo rubato” di Simone Fana la trattazione del tema della riduzione dell’orario di lavoro nella crescente automazione dei processi produttivi. Per un dibattito che riguarda disoccupazione, precarietà, reddito, produttività e plusvalore. In un’epoca caratterizzata dagli elevati tassi di disoccupazione ci vuol coraggio per scrivere un libro che sostenga la riduzione dell’orario di lavoro. O meglio, un libro che mette al centro i tempi di vita e che riflette su come questi si coniugano (e potrebbero coniugarsi) con i tempi di lavoro. Una riflessione che ingloba gli aspetti tecnici e i riflessi politici di una questione tanto vitale quanto troppo spesso ignorata.

Leggi tutto...

News - Economia

di Paolo Polli del 6/12/2018 - Sono convinto che la dialettica, anche quella politica, sia fattore di crescita culturale, conoscenza e fonte di rispetto.  Rispetto a amicizia che provo da tantissimi anni per Bou Konate, ingegnere, già amministratore locale, italiano e monfalconese, magari non doc come molto si usa e non sempre a proposito, ma che a Monfalcone è a casa sua.  Come sono a casa loro tutti quei monfalconesi che non si riconoscono in un modo di fare fatto di proclami, diktat, insofferenza per il diverso o il non allineato.

Leggi tutto...

News - Italia

di Daniele Stasi da Italiani Europei del 16/11/2018 -  La rinascita del nazionalismo nei paesi dell’Est Europa può essere fatta risalire a due fenomeni tra loro strettamente connessi: la rottura del patto liberaldemocratico che aveva ispirato le élite politiche della Polonia, della Cecoslovacchia e dell’Ungheria all’indomani delle trasformazioni del 1989; la perdita d’influenza, dopo la crisi finanziaria del 2008, dell’Unione europea, e dell’Occidente in generale, sulle società postcomuniste rispetto all’obiettivo della costruzione di una “democrazia consensuale” e di un’efficiente economia di mercato.

Leggi tutto...

News - Europa

Altri articoli...

Pagina 3 di 132

3

Galleria fotografica

Consigliati

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information