Apertamente

di Mattia Diletti da Italiani Europei - La Convention repubblicana e quella democratica hanno aperto la campagna elettorale per le presidenziali 2012. E già sono emersi i limiti di un partito, quello repubblicano, che sembra congelato nel passato, e la forza dei democratici che, impegnandosi ad ampliare i loro diritti, puntano sul sostegno dei soggetti più deboli della società: donne, omosessuali, latinos, lavoratori a basso reddito. Qualcuno, forse, ricorderà una vignetta apparsa subito dopo la vittoria di Barack Obama nelle elezioni del 2008: il nuovo presidente si rivolgeva, con aria interdetta e tenendo tra le mani del pane e del pesce, all’elettore che gli aveva consegnato lo strano regalo: «E questi cosa sono?», «Pani e pesci. Do something».
La Convention repubblicana e, in modo indiretto, quella democratica hanno ruotato attorno a quel “do something”. Da oggi in poi, il candidato repubblicano spenderà milioni di dollari per chiedere agli americani se stanno meglio di quattro anni fa, fornendo la risposta per lui più ovvia: assolutamente no. Dall’altro lato la campagna democratica racconterà quello che è stato fatto e ciò che si può ancora fare.

Come ha ricordato Mario Del Pero, la sintesi migliore della risposta della Convention democratica alle invettive republican l’ha data il vicepresidente Joe Biden: «Osama bin Laden è morto e la General Motors è viva». La prospettiva per il futuro (“Forward”) l’ha mostrata il presidente in carica: un milione di posti di lavoro nell’industria entro il 2016; il raddoppio dell’export entro il 2014; la riduzione dell’importazione di petrolio e la creazione di 600 mila posti di lavoro grazie al potenziamento del settore del gas; un calmieramento delle rette per il college; l’assunzione di 100 mila insegnanti di matematica e scienze; la formazione di due milioni di lavoratori nelle scuole pubbliche per aiutarli ad affrontare le nuove esigenze del mercato del lavoro. Tutto ciò, Congresso repubblicano permettendo.


Crisi della politica, American way

Ma basterà agli americani che Osama bin Laden sia morto e il governo non abbia fatto fallire la General Motors? Certamente no (ma si è anche parlato di riforma sanitaria e di molto altro). Tutti citano i dati disastrosi relativi ai tassi di disoccupazione: non si riesce più a scendere sotto l’8%, nonostante l’economia abbia ripreso a camminare. In realtà, tuttavia, il senso di sfiducia degli americani verso istituzioni e politica va ben oltre questo singolo dato. Basti vedere la serie storica, drammatica, del grado di approvazione concesso dagli elettori americani al Congresso degli Stati Uniti, di poco superiore al 10% e in picchiata ormai da anni.

Più in generale, accade negli Stati Uniti ciò che avviene qui in Europa: la credibilità della politica è scesa ai minimi termini. Come scrive Alfio Mastropaolo, viviamo nella “democrazia dello scontento”. Ancor di più in un paese come gli Stati Uniti, dove da un regime di governo diviso tipico del passato – il Presidente di un partito, il Congresso di un altro, ma in qualche modo si riusciva a lavorare – si è arrivati a un “non governo”, allo stallo, a una contrapposizione ideologica feroce, voluta in modo strategico dal Partito repubblicano. Ma anche figlia di una trasformazione antropologica profonda di quel partito, lunga trent’anni.

L’impressione è che sia proprio la strategia repubblicana di questi ultimi due anni (molto simile a quella di tante altre occasioni) a indebolire il GOP: la guerra di religione contro Obama non ha una traccia di futuro, non segna nessun nuovo percorso attorno al quale unire il popolo americano, già di per sé abbastanza disorientato. E qui ha gioco facile Obama nel dire che «I nostri avversari ci parlano di tagli alle tasse, meno regole e che siccome il governo non può mica fare tutto, è meglio non faccia nulla. Non puoi pagarti l’assicurazione sanitaria? Non ti ammalare! Se una compagnia inquina l’aria che tuo figlio respira, è il progresso! E se non hai i soldi per pagarti il college, fatti prestare i soldi dai tuoi, come dice il mio avversario (...). Noi non siamo così, crediamo nell’iniziativa individuale ma anche in qualcosa di nome cittadinanza, una parola che significa che abbiamo obblighi gli uni nei confronti degli altri».1


I democratici, quasi un partito (dei diritti?)

Le previsioni sono fatte per essere sbagliate – lo spazio politico/elettorale per una restaurazione repubblicana è stretto ma reale – però i democratici posseggono ancora una qualche visione politica del futuro, mentre i repubblicani non hanno fatto un passo in avanti rispetto a quattro, dieci o trenta anni fa. Come se nel mondo non fosse successo nulla, non solo una gravissima crisi economica, ma anche la caduta del Muro di Berlino (buona la battuta di John Kerry alla Convention democratica: «Quattro anni fa Sarah Palin diceva di vedere la Russia dalle coste dell’Alaska, oggi Romney ne parla come se avesse appena visto Rocky IV»).
I democratici – e Obama – appaiono più forti perché sembrano ancora possedere un lumicino di credibilità, e attorno a essa organizzano interessi, gruppi sociali e domande: quelle dei soggetti che devono ancora lottare ed emergere per allargare la sfera dei diritti (i latinos, le donne, gli omosessuali, i giovani, i lavoratori a basso reddito, i sindacati, i lavoratori pubblici). A loro è stato dato un grande spazio alla Convention di Charlotte, dove i democratici parevano un partito quasi organizzato, per loro un fatto nuovo.

Non è affatto detto che il sistema politico americano e la sua élite politico-economica (democratica e repubblicana) possa riuscire a garantire diritti, opportunità e potere a questi gruppi che chiedono e rivendicano, ma sembra già qualcosa rispetto alla non politica dei repubblicani. Ed è quel qualcosa che ha a che fare con un disegno di futuro.

News - In evidenza

Galleria fotografica

Consigliati

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information