Apertamente

di Giona A. Nazzaro da MicroMega - Non si può che essere profondamente grati a Marco Bellocchio per il suo enorme coraggio. Un coraggio non declamatorio, che non si manifesta nelle prese di posizione e nelle dichiarazioni di principio. Bensì un coraggio che si annida nel cuore stesso della poietica e poetica di un gesto cinematografico il cui terreno di elezione è il territorio, fisico, mentale, politico e spirituale di un paese (moralmente ed eticamente) in ginocchio. Un coraggio, dunque, che s’origina dalla propria vocazione artistica, dal proprio bisogno di fare cinema e che per potersi esprimere pienamente non può che affrontare quelli che sono i nodi inevitabili del nostro vivere comune.

Sì: anche solo per omaggiare il titolo più citato della filmografia bellocchiana, il regista conserva ancora saldamente serrati i suoi pugni in tasca. E se rispetto al passato, dove la sua potenza creativa si esprimeva a tratti addirittura violentemente contro il cinema stesso (inteso come linguaggio di un consenso da mettere in crisi e spezzare), e oltrepassata l’esperienza sensuale e schiettamente insurrezionale ma vilipesa (purtroppo) e a tratti rifiutata dei film compresi fra Diavolo in corpo e Il sogno della farfalla, Bellocchio, dicevamo, a partire da Il principe di Homburg, ha come abbracciato la sua vocazione eversiva calandola però dentro un piacere ritrovato e rinnovato del fare cinema.

Così facendo Bellocchio, mentre intorno a lui il cinema italiano sempre più smarriva la sua strada (a prescindere dalle eccezioni stagionali e dai soliti nomi), affronta(va) un percorso di assestamento del proprio lavoro guidato da uno sguardo implacabile e sedotto da un piacere del filmare che non aveva e, alla luce di Bella addormentata ancora di più, non ha eguali in Italia.
Ed è questo piacere che Bellocchio ha eletto a luogo deputato del conflitto del proprio fare cinema. È in questo principio del piacere che si attua la differenza cinema (che non a caso è stata osteggiata violentemente persino in fase di realizzazione [censura preventiva?], perché, tanto vale dirlo a chiare lettere, in questo paese, oggi, film come Bella addormentata si vorrebbe che non esistessero…).

Bella addormentata, in questo senso, non è un film capitale del nostro cinema perché affronta “contenutisticamente” il dramma Englaro. No. Bella addormentata è un film capitale, probabilmente tra i più importanti del regista e del nostro cinema, perché offre lo spettacolo, rarissimo in Italia, di un’intelligenza critica che si confronta e scontra con il proprio paese attraverso gli strumenti critici che il proprio lavoro mette a disposizione. È dalla passione per l’atto del filmare che nasce l’indiscusso valore politico del film (d’altronde il contrario non è mai vero…). Nel puntare il suo sguardo sull’Italia di oggi, Bellocchio si mette in gioco prima di tutto come creatore di forme filmiche ed è affidando a queste l’immagine del suo discorso che la politica torna finalmente a essere una cosa viva. Un processo organico, complesso e non banalmente ideologico.

La sottile linea buia lungo la quale oscilla Eluana Englaro, una vita che non è più una vita, diventa il cono d’ombra nel quale piombano le coscienze di un paese intero. Quella vita che non è più una vita, diventa il segno di una morte in vita di un paese che contempla il proprio venire meno con attonito disinteresse e stupore idiota.

Ed è in questa notte infinitamente buia della coscienza che Bellocchio affonda Bella addormentata, trovando in Daniele Ciprì un complice in grado di riuscire a declinare e coniugare al presente le innumerevoli gradazioni dell’oscurità. In questo senso è Bella addormentata il vero Buongiorno, notte del regista. Non a caso Bella addormentata si riallaccia fortissimamente a L’ora di religione, altro film situato sul crinale del crepuscolo del “sistema Italia”.

Bellocchio è come se materializzasse il malessere di un paese malato terminale che attende solo il referto clinico che ne accerti il decesso. Ed è in questo snodo esatto che il piacere del cinema di Bellocchio diventa la chiave di volta che permette l’affermarsi di uno sguardo schiettamente politico. Perché il regista, pur nutrendo posizioni evidentissime (e assolutamente condivisibili), non affida il proprio discorso alla sua invettiva, ma al piacere dell’inquadratura, al rigore del montaggio, alle dinamiche di un lavoro con gli attori che ha dell’incredibile per come è puntuale e articolato. Ed è il suo cinema che si offre come differenza, come discorso. La differenza del fare diventa così, dialetticamente, materialisticamente, la differenza del pensiero. Alterità. Differenza.

Lo spettacolo che offre Bellocchio oggi è quello di un lavoro, il cinema, che materialisticamente, ossia come processo di un fare, come immagine di una progettualità, si fionda nell’agone della storia presente (per dirla con D’Orsi), per chiedere conto e ragioni al proprio paese in virtù del suo essere “poiesia”, ossia processo di una creazione che inevitabilmente è anche politica.

Nell’intrecciare una polifonia di corpi, voci e storie, alternando numerosi registri drammatici, osando riferirsi alla cronaca recente come se si trattasse di antiche storie mitologiche, mettendo in scena una classe politica che sembra uscita direttamente dal Satyricon felliniano, senza per questo indulgere in facilissime invettive, anzi sorprendendoci per la pietas, per quanto ironica, attraverso la quale il suo sguardo mette in scena anche il cosiddetto avversario, il film si rivela una delle creazioni più rigorose e complesse della filmografia del regista (per non dire del sottilissimo lavoro di decoupage e delle musiche di Crivelli che letteralmente reinventano la vicenda del film attraverso timbri, tonalità e ritmi).

Bellocchio, oggi più che mai, è il cineasta della complessità. E come artista il regista sceglie la strada più ardua: il rifiuto radicale di lasciarsi sedurre dalla semplificazione. E nel percorrere la strada della complessità, il suo sguardo si apre alle possibilità del mondo. Ed è in questo suo aprirsi al mondo che il coraggio di Bellocchio risplende in tutta la sua audacia. L’audacia di un cineasta che al colmo della sua potenza espressiva chiama a rendere conto la coscienza di un intero paese di fronte a un evento indicibile eleggendolo come segno di una resa ineluttabile. Una resa che è la notte del nostro vivere comune.

Ed è la luce e la verità di questa solitudine invincibile (verità cinematografica, intesa come bellezza della giustezza delle soluzioni adottate in sede poietica dal regista), a fare di Bella addormentata un’esperienza filmica che commuove sino alle lacrime e oltre.

News - In evidenza

Galleria fotografica

Consigliati

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information