Apertamente

di Sergio Cesaratto, da Il Manifesto - In Italia interi settori produttivi vanno perduti (quanti mesi di vita ha la Fiat?), la disoccupazione monta, sanità e istruzione pubblica vengono demolite. Nel prossimo autunno reddito e occupazione continueranno a calare nel quadro di una stagnazione complessiva dell'Europa. Ora più che mai è necessario che la sinistra batta un colpo. L'elemento da cui deve partire un ragionamento di sinistra sul che fare nel prossimo autunno è che, rebus sic stantibus, reddito e occupazione in Italia continueranno a calare nel quadro di una stagnazione complessiva dell'Europa che costituirà, a sua volta, causa principale del rallentamento dell'economia globale. Non c'è luce in fondo al tunnel. Tale preoccupazione traspare nell'intervista pre-ferragostana che Stefano Fassina, il braccio destro economico di Bersani, ha rilasciato al Foglio (9/8); assai meno nella coeva intervista rilasciata da Bersani al Sole in cui egli rivendica la continuità europeista coi Ciampi e Padoa-Schioppa e, viene da desumere, col montismo: «Noi siamo quelli dell'euro... lealtà al governo Monti, lealtà verso il grande obiettivo europeo, responsabilità nella tenuta dei conti, nella riduzione del debito e nella costruzione di un avanzo primario»; sebbene la Germania abbia le sue responsabilità e abbia guadagnato dall'euro «noi paesi cosiddetti periferici dobbiamo riconoscere che dopo l'euro non abbiamo fatto i compiti a casa, non abbiamo approfittato dell'abbassamento dei tassi». E dagli coi «compiti a casa». L'obiettivo di diminuire il rapporto debito pubblico/Pil non è per la sinistra un obiettivo condivisibile, tanto meno nel quadro di stagnazione prima, e di aperta crisi ora, in cui la moneta unica ha condotto il paese. Né il debito pubblico costituisce un problema con bassi tassi di interesse, quelli che oggi vengono a mancare per la sciagurata inazione della Bce. Questo non per assolvere i casi di mala gestione pubblica, in particolare negli anni di Berlusconi. Ma non sulla tematica del debito pubblico la sinistra si deve crocifiggere. La Carta d'intenti del Pd è peraltro così vuota di contenuti che addirittura goffo è stato il tentativo di riempirla di temi - come le unioni civili - che sono punto di civiltà e non programma sociale, come chiosava domenica su questo giornale Alfio Mastropaolo.

Pur costituendo una base più ragionevole di discussione, il decalogo programmatico che Fassina ha proposto nella sua intervista ancora non copre in maniera soddisfacente il buco politico di Bersani. Punto centrale è la concessione della licenza bancaria ai fondi di salvataggio europeo (surrogato di un aperto intervento della Bce ancor più indigeribile ai tedeschi), in cambio di una definitiva cessione di sovranità fiscale a Bruxelles.

Due osservazioni vanno fatte al riguardo. La prima riguarda un'ambiguità della proposta (naturalmente sappiamo che un'intervista non è il luogo adatto per articolare le proprie proposte). La concessione della menzionata licenza bancaria può essere impiegata sia per reindirizzare le politiche europee in direzione espansiva, che come strumento per procrastinare l'agonia con l'obiettivo ultimo (con Monti e Fornero conniventi) di distruggere stato sociale e sindacati. Dipende da quali tassi d'interesse la Bce si dà come obiettivo. Al di là del teatrino tedesco di intervento sì/intervento no a cui abbiamo assistito a inizio settimana, un intervento Bce vi potrà essere, ma prevedibilmente col solo scopo di far sopravvivere l'euro dando tempo all'austerità di svolgere la sua funzione ultima di far fuori, per ora nell'Europa meridionale, un secolo di conquiste sociali (compiendo così il disegno per cui la moneta unica fu creata, si veda il mio pezzo su il manifesto del 31/7). Fassina si oppone ovviamente a questo disegno, per cui deprecabile è stato il tentativo di Eugenio Scalfari di ricondurre le sue proposte a quelle della Merkel. Per evitare equivoci, consigliabile è allora esprimersi in toni più diretti proponendo un impegno trasparente della Bce a diminuire i tassi di interesse a livelli tali da consentire il doppio obiettivo di stabilizzare i rapporti debito/Pil e di consentire politiche fiscali espansive. Per coprirsi le spalle "accademiche" Fassina potrebbe riferirsi da un lato a Wyplosz e De Grauwe, e dall'altro a Pasinetti. Questo costituirebbe un primo passo verso un vero "patto di stabilità e crescita" europeo progressista. Non l'unico, naturalmente. Si deve affrontare il problema dello squilibrio di competitività infra-eurozona creato dall'euro; quello di uno spostamento della distribuzione del reddito a favore dei salari pur controllando l'inflazione; quello della modernizzazione, civile, amministrativa e infrastrutturale (anche coi project bond sostenuti da Fassina) della periferia europea.

La seconda questione riguarda l'effettivo spazio politico europeo di un ben articolato insieme di proposte progressiste. Mentre Hollande fa finta di niente sperando di passare inosservato ai mercati, a me sembra che la Spd sia assai lontana da serie soluzioni progressiste. Domenica scorsa Jacopo Rosatelli su queste colonne e Piero Soldini su quelle de l'Unità si sono spesi a difesa delle dichiarazioni anti-Merkel del responsabile economico della Spd, che molti avevano lette come vicine a quelle della destra euro-scettica. Non abbiamo ragioni di negare che il sig. Schneider sia preoccupato degli effetti nefasti delle politiche d'austerità. Poiché però è sulla solidità delle proposte che va esercitato il giudizio ultimo, a me pare che il senso delle affermazioni di Schneider meritoriamente tradotte dal sito Voci dalla Germania - la Bce «in nessun modo dovrà farsi carico del finanziamento degli stati, come già ora accade indirettamente con l'acquisto di obbligazioni» - sia inequivocabile. Siccome quello dell'intervento della Bce sulle linee sopra tracciate è il primo passo (e neppure il più complicato!) di un difficile percorso di ricostruzione dell'Europa, ci si domanda: ma stiamo parlando di un percorso realistico? Eh, ma la Spd propone gli Eurobond, e poi si deve avere pazienza, lì c'è una discussione aperta, mi si replica. Gli Eurobond senza un intervento della Bce non significano nulla, e circa la discussione aperta... abbiamo atteso Hollande, ora ci si dice di attendere le elezioni tedesche, mentre qui da noi interi settori produttivi vanno perduti (quanti mesi di vita ha la Fiat?), la disoccupazione monta, sanità e istruzione pubblica vengono demolite.

Noi di "Oltre l'austerità" poniamo allora due quesiti alla sinistra, e a ben vedere a tutti coloro che hanno seriamente a cuore i destini di questo paese - dove per seriamente intendiamo chi è consapevole che "austerità e crescita" costituisce un ossimoro, e che la presunta "credibilità" conquistata a colpi di "rigore" come fattore di crescita, su cui l'impianto del governo Monti-Giavazzi si fonda, è una sciocchezza buona solo per chi scambia termini suadenti per sostanza economica. Cari leader della sinistra, avete in mente dei paletti - un tasso di disoccupazione, una sequenza di trimestri in cui il Pil cade o quant'altro - superati i quali riterrete di porre radicalmente in discussione questo quadro europeo? Quali ulteriori condizioni capestro siete disponibili ad accettare dall'Europa, e in cambio di cosa? È su questa base che voi dovreste attrezzarvi a una risposta alternativa, senza attendere l'«imprevisto» evocato da Massimo D'Antoni su l'Unità (17/8) per predisporre il "piano B". Il rischio non è, infatti, solo che la situazione comunque precipiti, ma che intanto prevalga l'assuefazione al coma.

Una risposta infine a Guido Viale (il manifesto 15/8) che imputa all'e-book "Oltre l'austerità" di aver ricondotto creazione e fallimento dell'euro allo scontro fra teorie economiche buone e cattive. Nessuno di noi è così ingenuo da aver scritto e pensato questo. Ma avremmo anche esulato dal nostro compito se non avessimo anche speso energie nel mostrare l'erroneità delle analisi economiche evocate a sostegno delle scelte europee passate e presenti. Tradizionalmente la sinistra ha sempre dato grande valore alla battaglia delle idee. Nella solidità dell'impianto analitico e nella precisione e coerenza delle analisi l'e-book trova la sua peculiarità rispetto a un pensiero economico più leggero ed eclettico - la nostra è la sinistra di Gramsci e di Sraffa. Circa poi l'attualità della "conversione ecologica", non abbiamo dubbi che il sostegno a domanda aggregata e occupazione debba provenire da un grande "piano del lavoro" volto alla riqualificazione del territorio nazionale, come anche dalla difesa e sviluppo delle nostre capacità tecnologiche e di esportazione.

News - In evidenza

Quale orizzonte per la sinistra

Indagine SWG per Apertamente

Scarica l'indagine >>>

Galleria fotografica

Consigliati

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...

Le mie memorie

Le mie memorie
Da Aiello, piccolissimo paese del Friuli orientale, alla Cina passando dalla Russia dopo esser cresciuto in Brasile.
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information