Apertamente

di Marino Niola da Italiani Europei del 3/9/2013 - La crisi economica, che ha profondamente modificato le abitudini, anche alimentari, degli italiani, sta determinando la nascita di una nuova etica del consumo all’insegna di sobrietà, frugalità, sostenibilità e leggerezza. Il low cost si è trasformato da necessità in virtù e si sono riscoperti i vantaggi di una dieta povera, come quella mediterranea, ma ricca di rimandi dalla forte valenza simbolica. E il rilancio di usi e costumi tipici dei nostri nonni passa per la rete, chiudendo un circuito, solo all’apparenza paradossale, che unisce passato e futuro. «Meno quattrini si hanno meno si è disposti a spenderli in cibo sano». Sono parole di George Orwell che sembrano fotografare le tendenze recenti che affiorano dai consumi alimentari degli italiani. Almeno stando ai dati ufficiali. Come quelli dell’Istat che, per bocca della sua direttrice Maria Carone, ha delineato un quadro a dir poco preoccupante. Dall’ultimo rapporto annuale del prestigioso istituto di statistica emerge come la crisi stia modificando in profondità le abitudini e i comportamenti dei consumatori. Particolarmente significativo appare un passaggio dove si sottolinea che «per far fronte alle difficoltà economiche le famiglie riducono la quantità o la qualità dei prodotti alimentari acquistati». Aumenta, infatti, la quota di persone che comprano cibo presso gli hard discount. E, come sempre, il Mezzogiorno, tradizionale fanalino di coda nelle graduatorie del benessere, balza in testa alla classifica della lesina forzata. Gli ultimi diventano i primi nella corsa al risparmio. In molti casi coatto.

Perché, se i nostri connazionali stringono la cinghia, non è solo per una conversione di massa all’abbondanza frugale, né per una sacrosanta istanza di riduzione degli sprechi. E men che meno per un sussulto di resipiscenza antibulimica. No, in questo caso non siamo di fronte a nessuna critica dell’economia domestica. Non c’entrano etica e dietetica. La caduta delle vendite alimentari, secondo molti osservatori, è complessiva e strutturale. E non dipende da variazioni della domanda – da una redistribuzione della spesa, determinata da nuove tendenze e sensibilità – o da diversificazioni dell’offerta. Lo proverebbe anche il crollo delle vendite nei supermercati nonostante gli sconti, le promozioni, i prezzi stracciati, qualche volta sottocosto. Il fatto è che gli italiani mangiano meno, e non sempre per scelta. Se poi mangino veramente peggio è da vedere. Intanto perché questi dati richiedono di essere letti alla luce di ragioni non puramente e semplicemente economiche e statistiche. I numeri conducono a tutto purché se ne esca, per andare in cerca delle realtà che essi significano. E che non sono mai riducibili a un solo ordine di ragioni. Le misure matematiche non sono immediatamente traducibili in misure sociali e culturali. Bisogna arrampicarsi sulle cifre come su una piattaforma per gettare uno sguardo d’insieme sul complesso paesaggio antropologico che si va ridisegnando sotto i nostri occhi. E che le scelte alimentari contribuiscono a fotografare.

È interessante, in questo senso, il quadro che emerge da una rilevazione del Panel famiglie Ismea-GfK Eurisko che indica, nel 2012, una forte crescita della spesa in prodotti bio. Il boom riguarda soprattutto il Nord, che rappresenta il 70% del mercato, seguito dal Centro con il 23% e dal Sud con il 7%. In certi settori – prodotti da forno, snack, bevande – gli incrementi si aggirano intorno al 20% e, in generale, si attestano intorno al 10% per pasta, uova, frutta e ortaggi.

Senza voler sottostimare la crisi, che c’è e picchia duro, è il caso di prendere in considerazione anche le risposte all’emergenza che si traducono in nuovi stili di vita. Che non possono essere spiegati semplicemente in termini numerici. Come tutti i fenomeni riconducibili in un modo o nell’altro entro la galassia varia e mutevole del low cost.

Dove alle cifre dell’economia reale si sovrappongono le proiezioni dell’economia simbolica. Che stanno determinando la nascita di una nuova etica del consumo, una ristilizzazione dell’immagine stessa del mercato all’insegna della sobrietà. Perfino di una neomitologia della frugalità. Generando un’etica della sostenibilità come antidoto alla bulimia consumistica e un’estetica della leggerezza come rimedio contro l’obesità del superfluo. Una filosofia easy, emblema di un vivere giovane che ha lo stesso bioritmo della cosiddetta “generazione perduta”. Nato dalla necessità economica, dunque, il low cost sta diventando una cultura, un mainstream che guarda avanti e anticipa il futuro facendo, appunto, di necessità virtù. Spesso, e non a caso, virtù domestiche. Sono sempre di più i nostri connazionali che si sono rimessi a cucinare la domenica e nelle feste comandate. Ma anche nel quotidiano. Si rispolverano le ricette di una volta. Abbandonate per mancanza di tempo. E adesso riscoperte per impiegare il tempo. E risparmiare denaro. Al punto di sfiorare l’autarchia alimentare. Autoproducendosi lo yogurt, preparando conserve e marmellate, piantando germogli sul davanzale e pomodori in terrazzo. Quel che si dice curare il proprio orticello. Che è anche un modo per trasformare le tradizioni, frettolosamente dismesse negli anni dello sballo dissipativo, in beni rifugio cui tornare ad aggrapparsi in momenti difficili come questo che stiamo vivendo. Chilometro zero, casa, famiglia, dimensioni concentriche di una località intesa come porto sicuro. E che si rivela come l’unico welfare aperto sette giorni su sette, 24 ore su 24. È in questo quadro sociale che nasce la fortuna, anche mediatica, della dieta mediterranea e, in senso lato, delle cucine povere. Rivalutate – a dirlo è l’antropologa Elisabetta Moro, direttrice scientifica del MedEat Research, Centro di ricerca sociale sulla dieta mediterranea dell’Università di Napoli “Suor Orsola Benincasa”1 – come ricetta in grado di riparare i danni prodotti quell’opulenza bulimica spalmata come burro sulla vita del cittadino globale e che ha finito per ostruire le coronarie del primo mondo.

È fuori di dubbio che dopo cinque anni di convivenza con la recessione, con una crescente disoccupazione, con la riduzione del potere d’acquisto dei salari, con l’aumento delle tasse siamo decisamente una collettività sull’orlo di una crisi di nervi. Eppure, da questo scenario apocalittico stanno affiorando i segni di una trasformazione che non riguarda solo il nostro avere ma anche il nostro essere. Una vera mutazione antropologica che imprime una svolta ai nostri abiti e abitudini, usi e costumi. E anche consumi.

Non è un caso che le ultime tendenze registrino la diffusione di stili sociali che rompono decisamente con l’edonismo degli anni Ottanta. E, in parte, anche con l’individualismo di massa dei Novanta. Ma anche con la bulimia shopaholic che nell’ultimo decennio ci faceva marciare a testa bassa come asini dietro la carota del consumo à bout de souffl e. Senza un progetto, senza una meta, immersi in un eterno presente alla continua rincorsa del last minute.

Adesso, volenti o nolenti, non solo abbiamo fatto del low cost una necessità, ma stiamo anche imparando a trasformarlo in una virtù. Nel pilastro di una nuova sensibilità responsabile, solidale, in certi casi neocomunitaria. Non è un caso che si moltiplichino le forme di condivisione. Di risorse, di oggetti, di beni e servizi. Dal car sharing, che esorcizza milioni di posseduti dal culto dell’auto, inducendoli a condividere costi e benefici delle quattro ruote, al cohousing, che adatta le nostre abitudini alle misure sempre più contenute di spazi e budget. E, nei casi più green, fino agli orti condominiali. Del resto, che stia cambiando il nostro senso del possesso lo prova il ritorno di pratiche solo apparentemente giurassiche come il baratto. Cosa contro cosa, beni contro prestazioni, occhi che si guardano e mani che si stringono. È il trionfo della filiera corta, dell’economia faccia a faccia. Della strizzata d’occhio tra domanda e offerta.

Si torna perfino a fare il pane in casa. Che è un gesto dall’enorme valore simbolico, vista l’eco che l’alimento per eccellenza ha nella nostra cultura e nel nostro immaginario. È come un tuffo nel passato che diventa ritorno al futuro. Il boom del pane fai da te è, infatti, il classico esempio di innovazione che veste i panni della tradizione. Un caso di vintage alimentare.

Apparentemente si tratta di una moda generata dalla crisi. È vero, ma non è tutto. Certo, coi tempi che corrono cresce l’esigenza di fare economia. Ma oltre il risparmio c’è di più. C’è voglia di naturalità, di genuinità, di semplicità, di convivialità, di sicurezza. Alle ragioni economiche si aggiungono istanze morali, spinte ambientali, tendenze securitarie. Che si materializzano in quel cibo per antonomasia che è il pane quotidiano. Emblema supremo della vita proprio perché base della nutrizione umana. Al punto di diventare un simbolo sacro e politico di comunione e condivisione. Per i cristiani e non solo. Gli uomini diventano compagni, da cumpanis, perché si spartiscono il pane. Che ha la stessa origine della parola padre. Ma ha alle spalle anche una madre. Il lievito madre, appunto. Altra sostanza che ha una profondissima risonanza nel nostro immaginario. Nell’antica mitologia la sostanza acida che fa crescere l’impasto è sempre dono di una dea. O della Madonna in persona. Che la regala agli uomini perché la facciano passare di mano in mano. Nell’Italia di una volta un pezzetto di fermento non si negava a nessuno, neanche ai nemici. Proprio quel che fanno adesso gli adepti dell’autoproduzione, che si uniscono in comunità solidali. E scambiano gratuitamente fra loro pezzetti di lievito staccati dal corpo centenario di “madri inacidite”. Figlioletti con tanto di nome di battesimo da coccolare come dei tamagotchi.

Oggi paradossalmente è la rete a rilanciare usi e costumi dal sapore arcaico. Che spopolano nella blogosfera, nei forum e nelle chat. In questo modo, i due estremi della storia si toccano. E la sobrietà forzata dei nonni si trasforma in abbondanza frugale dei nipotini. In questa metamorfosi, che almeno in parte intercetta domande lasciate senza risposta dalla politica tradizionale, si intravede uno dei possibili algoritmi del postconsumismo. Bread contro spread.

Se questi esperimenti di comunità anti-individualistica si generalizzassero, ci troveremmo davvero in un nuovo tornante della storia. E, del resto, proprio questo significa la parola crisi, dal greco krino, cioè separare. Il momento che separa un modo di essere, di vivere e di sentire dal momento successivo. Tempo di difficoltà, dunque, ma anche di bilanci e di rinnovamento. Di separazione del grano dal loglio, della lana dalla seta, del necessario dal superfluo. Come dire che è in frangenti come questi che una collettività mostra il suo vero volto. E sceglie cosa vuole diventare. A riprova del fatto che i grandi mutamenti sociali hanno spesso nell’alimentazione una leva potente e un segnale premonitore. Perché, come diceva Anthelme Brillat-Savarin, padre della gastronomia moderna ma anche protagonista della rivoluzione francese, il destino delle nazioni dipende dal modo in cui si nutrono.
[1] E. Moro, La dieta mediterranea tra i presocratici e l’UNESCO. Retoriche di ancestralizzazione e politiche di patrimonializzazione, in “Voci. Annuale di scienze umane”, 2013; A. Keys, M. Keys, Mangiar bene e stare bene (con la dieta mediterranea), Piccin, Padova 2009.

News - Europa

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information