Apertamente

di Nicole Corritore da Balcani Caucaso del 24/03/2020 -  La recente emanazione dello stato di emergenza in Bosnia Erzegovina a causa della pandemia da coronavirus, rende ancora più difficile la situazione per migranti, rifugiati e richiedenti asilo. Intervista a Silvia Maraone, project manager di Ipsia che lavora a Bihać. A fine febbraio il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha annunciato l'apertura delle frontiere e le autorità greche hanno respinto migliaia di rifugiati e migranti. Ma in realtà il flusso non si è mai fermato...
È dall’estate del 2019 che chi lavora lungo la rotta balcanica sta assistendo a un fenomeno preoccupante e cioè quello dell’aumento del numero di persone lungo la rotta. Transiti che in realtà si erano mostrati in aumento già lungo il 2018, ma il 2019 è l’anno che ha mostrato chiaramente che qualcosa di importante sta cambiando a livello di politiche di contenimento dei migranti sui confini turchi. Parliamo di confini che teoricamente sono sigillati, secondo l’accordo Ue-Turchia del marzo 2016 , ma che di fatto sono porosi, dove è impossibile controllare in maniera capillare stretti di mare e percorsi di terra, senza contare il traffico organizzato attraverso l’uso delle quattro ruote come camion, auto e furgoni che passano le frontiere regolari con il pagamento di mazzette tra un passaggio e l’altro.
Dalla scorsa estate i numeri sono aumentati: e la minaccia di Erdoğan, cioè che avrebbe aperto i confini, che non sarebbe stato in grado di mantenere l’ordine nella gestione dei profughi – che ricordiamo sono quasi 4 milioni in Turchia – usata a fine febbraio è sempre stata ventilata, fin da quando ha firmato quell’accordo con l’Ue.
Una minaccia ma mai messa in atto prima di ora, o sbaglio?

Arrivi di migranti in Grecia tra gennaio 2018 e gennaio 2020 (UNHCR )
La minaccia è diventata realtà già l’estate scorsa e noi che lavoriamo sul campo ce ne siamo accorti. A partire da settembre in particolare i numeri sono lievitati in maniera sensibile. Tant’è che gli sbarchi in Grecia sono stati simili a quelli che avevamo visto anche nel 2015, l'anno dell’esodo di migliaia di rifugiati verso i paesi del nord Europa. Basta guardare i numeri (fonte UNHCR ): tra gennaio e dicembre 2019, con un picco nel mese di settembre di 10.500, sono arrivate in Grecia 74.600 persone, di cui 59.700 via mare. Nel 2018 erano stati in tutto 50.500.
Ritieni che ciò che è accaduto al confine greco-turco, dove migliaia di persone sono rimaste bloccate e respinte con violenza ma un certo numero è comunque passato, si sentirà più a nord dove operi tu?
È come la teoria dei vasi comunicanti: come era successo nel 2014-2015, con l’innalzarsi del conflitto in Siria, aumenta la pressione delle persone in fuga ai confini turchi.
Però rispetto al 2015 la situazione in Grecia è ben diversa...
La Grecia ha oggi un governo di destra che appena insediatosi ha messo in chiaro subito che non intende farsi carico dei richiedenti asilo che arrivano nel paese in maniera irregolare. E a partire dal marzo 2016 chiunque arrivi in Grecia irregolarmente è considerato illegale e dovrebbe essere rimpatriato o nel suo paese di origine o in Turchia, secondo l’accordo 1 a 1 [l'accordo ha introdotto, tra le altre cose, uno schema di scambio 1:1 secondo il quale per ogni siriano rimandato in Turchia, un altro viene ricollocato in uno stato membro Ue, ndr] firmato a marzo 2016 tra Turchia e Ue.
La vittoria a luglio 2019 del partito Nuova Democrazia dell’attuale primo ministro, Kyriakos Mitsotakis, ha mostrato già i primi effetti?
Dall’autunno dell’anno scorso si è vista chiaramente la politica repressiva del governo Mitsotakis. Ad Atene, ad esempio, sono stati evacuati numerosi squat, nel quartiere centrale di Exarchia già normalmente monitorato giorno e notte perché quartiere “anarchico” e abitato da molti rifugiati. Qui sono aumentati i controlli della polizia e delle forze speciali e le azioni repressive nei confronti dei profughi che non stanno dentro i campi profughi regolari.
Ciò che sta accadendo di grave a Lesbo, cioè l’isola dell’Egeo dove avviene il numero maggiore di sbarchi e dove le condizioni di vita dei profughi nel campo di Moria sono le peggiori di tutto il paese, è però che la popolazione già da inizio febbraio ha cominciato a manifestare, in maniera sempre più violenta, contro la presenza dei rifugiati. Ma anche contro la presenza di giornalisti , attivisti e membri delle Ong che operano sul territorio.
Queste manifestazioni sono strettamente collegate all’aumento degli sbarchi?
La correlazione l’abbiamo vista. Appena è aumentato il numero, sono stati organizzati dei veri raid da parte della popolazione, per colpire i volontari - non solo stranieri, ma anche locali - che aiutano i migranti e per spingere i giornalisti a spegnere i riflettori su ciò che accade.
Dalle zone di sbarco dei gommoni e delle barche abbiamo visto le immagini di mura umane create dalla popolazione per respingerne lo sbarco e urlando ai migranti di tornare da dove erano venuti. Scene completamente diverse da quelle che abbiamo visto negli anni scorsi. Una situazione che per forza di cose andrà degenerando.
Il governo turco ha dichiarato che con “l’apertura” dei giorni scorsi ben 80mila persone sono riuscite a passare il confine greco. Sono numeri plausibili, secondo te?
Non penso sia così alto. Si stima che siano circa 10mila le persone che ci si aspetta in arrivo in Serbia come in Bosnia Erzegovina.
La Serbia su questa questione continua a mantenere un profilo basso. E' un paese che ha risposto a quanto richiesto dall’Unione europea, con l’apertura dunque di 18 centri di accoglienza fin dal 2016. La popolazione locale si sta però irrigidendo, si sono verificate manifestazioni contro i migranti e gli attivisti al confine nord, nella zona di Šid, ma anche a Subotica. Tra queste l’attacco da parte di gruppi locali ai volontari di No Name Kitchen, ong spagnola con un presidio sul confine a Šid.
E in Bosnia Erzegovina?
Anche qui in Bosnia Erzegovina si è vista aumentare l’insofferenza - quantomeno negli attivissimi gruppi Facebook – verso i migranti, che usano la stessa narrazione retorica che sentiamo in Grecia e in Serbia per seminare panico nella popolazione, annunciando l’arrivo di “4 milioni di persone, terroristi, invasori”…
Dopodiché, in effetti, i numeri sono aumentati. Ad esempio a Tuzla, dove non esistono campi di accoglienza o di transito e tutta l’assistenza è in mano a pochi volontari locali, si è visto un flusso notevole proveniente dalla Serbia soprattutto perché l’inverno è stato mite e quindi non vi è stata alcuna interruzione come di solito accade nei mesi più freddi. Con la primavera e vista la situazione generale di tensione, sarà ancora più pesante, senza ombra di dubbio.
E a Sarajevo, che è comunque uno dei luoghi di transito, com’è la situazione?
I volontari ci aggiornano e ci dicono che i campi sono pieni. Anche perché le persone portate via da Tuzla sono state portate a Blažuj, l’ultimo dei campi allestiti nel paese a dicembre 2019. Ma il movimento di queste persone è continuo. In città ci sono molte persone che stanno per strada, perché lo preferiscono piuttosto che stare nei campi o in edifici abbandonati o, se riescono, in appartamenti in affitto. Chi regolarmente, perché in possesso di documento di identità e della richiesta d’asilo, chi affidandosi a cittadini che senza scrupoli affittano a prezzi esorbitanti.
Da Tuzla e da Sarajevo prosegue poi il flusso su Bihać e dintorni...
Sì, non vogliono restare lì. Tentano comunque di portarsi sul confine nord-occidentale, qui a Bihać e nella zona di Velika Kladuša, dove tutti i giorni decine di persone provano il “game” con i relativi push back della polizia sia croata che slovena.
Ed ora anche nella penisola balcanica stanno emergendo i primi casi di coronavirus e misure d’emergenza...
Con la pandemia da coronavirus e le misure adottate il 17 marzo in Bosnia Erzegovina la situazione è diventata ancora più complessa e delicata, a tratti scoraggiante. Anche perché la Bosnia Erzegovina ha un sistema sanitario particolarmente debole. Con l’emanazione dello “stato di emergenza” a livello nazionale, sono stati chiusi i locali pubblici, ristoranti e bar, biblioteche, farmacie, scuole, centri sportivi e tutte le attività sportive, è stato decretato il coprifuoco e sono state date indicazioni su come comportarsi nei luoghi pubblici.
Nel campo Bira di Bihać dove voi di Ipsia operate, cosa sta accadendo?
Rifugiati e coronavirus
Da pochi giorni è stata creata, grazie all'apporto di diversi gruppi, associazioni e volontari attivi in Grecia, la pagina Facebook "Refugee Corona Information Resource " con l'obiettivo di fornire informazioni ai rifugiati, oltre che in inglese in tutte le lingue parlate dalle persone accolte nei campi e fuori da essi.
Già da sabato 14 marzo gli uomini e i minori maschi non accompagnati dovevano stare chiusi dentro al campo, con polizia e cordone di operatori che mantiene il controllo degli ingressi. Ci era stato comunicato che si trattava di misure preventive della durata di 14 giorni, entrate in vigore al Bira e al campo Miral a Velika Kladuša, ma non al Borići e all’Hotel Sedra vicino a Cazin, i campi per famiglie. Da allora abbiamo ridotto le attività di gruppo e aggregative e abbiamo solo distribuito il tè la mattina, con gli operatori che restano dentro al chiosco muniti di guanti e mascherina.
I migranti non hanno reagito violentemente a queste decisioni, ma si lamentano di non poter uscire dal campo perché per loro è una necessità, anche solo mentale. Come IPSIA abbiamo deciso di ridurre i contatti tra i migranti, anche se trattandosi di un campo chiuso, in questo momento con un po’ meno di duemila persone… la situazione è paradossale. Così com’è ora se una persona si ammalasse, l’epidemia si spargerebbe in pochissimo, sebbene siano stati preparati dei container esterni per la quarantena. Ma il campo, di fatto, è totalmente impreparato all’espandersi di questa malattia.
Rispetto a coloro che non sono accolti nei campi regolari, accanto alle misure decretate a livello nazionale il Kržni stab (Consiglio di crisi) costituito in seno al Cantone Una-Sana il 18 marzo ha preso una serie di altre decisioni tra le quali l’allestimento di un campo di tende in località Lipa , tra Bihać e Bosanski Petrovac.
Un altro problema grave riguarda il fatto che le persone che tentano il “game”, se rientrano dopo il termine di 48 ore probabilmente non potrebbero essere riammesse nei campi, soprattutto se vengono da Slovenia e Croazia, ma questo vorrebbe dire ancora più gente in giro per strada. Quindi anche su questo punto, in questo momento c’è un po’ di confusione e i campi non sono attrezzati per isolamento e quarantena.
Al momento le organizzazioni continuano a lavorare nei campi, chi con attività ridotte, chi con rotazione di personale, e tutte le attività che coinvolgono più di dieci persone contemporaneamente sono scoraggiate. Per ora rispettiamo tutte le misure che ci sono state date e stiamo lavorando tutti insieme per fare in modo che sia per il personale come per i migranti accolti si riducano le potenziali situazioni di crisi.

News - Europa

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information