Apertamente

di Jean-Arnault Dérens, Simon Rico da BalcaniCaucaso del 05/12/2019 - La denuncia, fortissima, è arrivata ieri da parte della Commissaria per i diritti umani del Coe Dunja Mijatović: "Va chiuso. Qui della gente morirà". Un reportage dal campo migranti di Vučjak, Bosnia Erzegovina. Ognuno si è coperto come meglio ha potuto. Alcuni si sono messi una coperta sulle spalle, un uomo tiene in mano uno strano ombrello verde. Tutti portano uno zaino sulle spalle e un piumino a tracolla. Si congedano brevemente dai loro compagni che restano nel campo di Vučjak. Sono 25 i migranti che questo pomeriggio nebbioso partiranno verso il confine croato, raggiungibile in meno di un’ora di cammino, per tentare “the game”, ovvero l’attraversamento, molto rischioso, del confine con la Croazia, ed entrare nell’UE. “Ho già provato ad attraversare [il confine] sei volte”, racconta un giovane pakistano di nome Muhammad. “Ogni volta che ci fermano, i poliziotti croati ci ordinano di tirare fuori i nostri cellulari e poi li rompono. Inoltre, dobbiamo dare loro tutti i soldi che abbiamo. Poi bruciano le nostre borse, i nostri vestiti caldi e le nostre scarpe. Dopodiché ci portano alla frontiera con la Bosnia Erzegovina”.
Chiudetelo!
"Questo campo dovrebbe essere chiuso senza indugio", ha ieri dichiarato il commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa Dunja Mijatović durante una sua visita a Vučjak. Anche le ONG denunciano un "incubo", mentre migranti e rifugiati hanno intrapreso uno sciopero della fame per protestare contro le catastrofiche condizioni di vita a cui sono obbligati. "Morirà della gente - ha affermato la Mijatović - non è un luogo dove possano vivere degli esseri umani".
Nonostante i ripetuti maltrattamenti da parte della polizia croata, Muhammad tenterà di nuovo “the game” non appena avrà messo insieme un po’ di soldi. Stando alle sue parole, ci vogliono 300 euro per un viaggio di dieci giorni a piedi, per raggiungere la Slovenia, soldi che non vanno usati per pagare i trafficanti, bensì per comprare il nuovo cellulare, i nuovi vestiti e il cibo.
Vučjak, viaggio al termine dell’inferno
Il campo di Vučjak è stato aperto il 16 giugno scorso sul sito di una vecchia discarica, molto inquinato (soprattutto a causa delle emissioni di metano), situato a una decina di chilometri da Bihać, nel nord-ovest della Bosnia Erzegovina. Il confine con la Croazia è situato a un’ora di cammino, in mezzo alle montagne. Durante la guerra degli anni Novanta, questi territori furono aspramente contesi e l’area intorno al campo è tuttora disseminata di mine. Durante l’estate l’intera zona era infestata da serpenti. Con l’arrivo dell’autunno sono comparsi i cinghiali che ogni notte arrivano, in cerca di cibo, fino alle tende dei migranti fornite dalla Mezzaluna Rossa turca. Attualmente tra 800 e 1000 migranti dormono in questo letamaio, in mezzo all’immondizia. Tutti maschi, che sono stati lasciati fuori dai campi sovraffollati di Bihać e Velika Kladuša, gestiti dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM), che attualmente ospitano solo i minori e le famiglie.
Secondo Nihal Osman, coordinatrice di Medici Senza Frontiere in Bosnia Erzegovina, attualmente nel cantone Una-Sana sono presenti circa 7000-8000 migranti: 3200 migranti sono accolti nei centri di accoglienza di Bira, Miral, Sedra e Borići, mentre più di 4000 vivono nelle case o nelle fabbriche abbandonate, oppure nelle tende del campo di Vučjak. Il bagno all’interno del campo è terrificante.
Dopo il fallito tentativo di attraversare il confine bosniaco-croato, molti rifugiati ritornano nel campo di Vučjak con ferite, causate da maltrattamenti da parte della polizia croata. Quasi tutti i migranti presenti nel campo soffrono di diarrea e di malattie della pelle, compresa la scabbia. Ogni giorno il comune di Bihać distribuisce 10.000 litri di acqua al campo, ma le docce all’aperto sono piene di immondizia. Gli ospiti del campo devono fare i loro bisogni all’aperto: i bagni sono fuori uso ormai da molto tempo. A causa delle umide nebbie autunnali, di notte la temperatura già scende sotto lo zero. Molti migranti hanno l’influenza, mentre MSF ha registrato numerosi casi di tubercolosi e di AIDS. “Se queste persone dovessero rimanere all’aperto, come oggi, alcune di loro moriranno quest’inverno”, avverte Nihal Osman, aggiungendo: “Qui le temperature possono scendere sotto i -20°C e i fuochi accesi con rami non basteranno”.
MSF non interviene all’interno del campo, per non legittimarne l’esistenza. Per assicurare il proseguimento della sua missione umanitaria, il personale di MSF opera in una piccola clinica allestita in un villaggio nei pressi del campo, nonostante l’ostilità dei residenti.
“Dobbiamo essere discreti. Finiamo alle 15, prima che la gente torni dal lavoro”, spiega Nihal Osman. Solo la Croce Rossa di Bihać distribuisce un pasto al giorno ai rifugiati nel campo di Vučjak: il giorno in cui abbiamo visitato il campo il pasto era composto da un mestolo di riso, un po’ di ragù di carne, qualche magra fetta di pane e un litro di acqua gassata. Già a partire dall’estate, alcune organizzazioni internazionali hanno iniziato a fare pressione sulle autorità bosniache affinché trovassero un’altra sistemazione per i migranti, ma le autorità sono rimaste sorde agli appelli. “Tutti si sono focalizzati sullo scandalo umanitario a Vučjak” afferma Osman, “ma questo è un problema europeo. Sempre più persone percorrono la rotta balcanica e il cantone di Bihać ne è lo sbocco naturale”. La città di Bihać, situata all’estremo nord-ovest della Bosnia Erzegovina, è infatti la città bosniaca più vicina alla Slovenia e all’Italia, paesi che tutti i migranti ammassati nel cantone Una-Sana aspirano di raggiungere, per chiedere asilo e poi proseguire il loro viaggio in paesi dell’Europa occidentale e settentrionale. Nel 2019 in Bosnia Erzegovina sono stati registrati 28.327 arrivi, quasi 5000 in più rispetto al 2018 e quasi 30 volte di più rispetto al 2017. In Europa, solo in Grecia è stato registrato un numero maggiore di arrivi. La Bosnia Erzegovina ha ormai superato l’Italia e la Spagna per numero di arrivi di migranti.
Migranti vittime dei calcoli politici
Ricordando la loro esperienza personale durante la guerra in Bosnia tra il 1992 e il 1995, gli abitanti del cantone Una-Sana per molto tempo hanno dimostrato ospitalità e solidarietà nei confronti dei rifugiati bloccati in questo vicolo cieco lungo la rotta balcanica. Oggi, tuttavia, prevalgono i sentimenti di sconforto e disperazione. Nelle ultime settimane a Bihać si sono svolte diverse manifestazioni contro i migranti, mentre le autorità locali continuano ad ostacolare l’attività delle poche organizzazioni umanitarie presenti sul campo, come Medici Senza Frontiere. E sono i rifugiati a pagare il prezzo più alto per gli scontri politici tra le autorità locali e quelle di Sarajevo.
Il controllo delle frontiere e la gestione delle migrazioni rientrano formalmente sotto la competenza delle istituzioni centrali della Bosnia Erzegovina, in particolare del ministero della Sicurezza, ma il cantone Una-Sana, che ha il suo ministero dell’Interno, ricade nel territorio della Federazione BiH, una delle due entità che costituiscono la Bosnia Erzegovina. Le autorità del cantone Una-Sana sostengono di essere state abbandonate dalle autorità federali e lasciate sole ad affrontare la crisi dei migranti. La loro politica mira a rendere ancora più difficili le condizioni di vita dei migranti al fine di scoraggiarli dal restare nella zona. Due settimane fa, le autorità cantonali hanno impedito la libera circolazione dei rifugiati. I rifugiati fermati in strada dalla polizia vengono immediatamente portati nel campo di Vučjak.
Anche l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, che gestisce i campi ufficiali di accoglienza in Bosnia Erzegovina, cerca di ricollocare i migranti bloccati nel cantone Una-Sana, chiedendo che vengano aperti altri campi ufficiali nella Bosnia centrale, nei dintorni di Tuzla o Sarajevo. È poco probabile che questa strategia porti a risultati concreti, e nel frattempo Bihać resta “la porta d’ingresso” in Croazia. Pochi migranti osano avventurarsi verso nord, nel territorio della Republika Srpska, le cui autorità perseguono una politica di fermezza assoluta nei confronti dei rifugiati, rifiutandosi di allestire i centri di accoglienza.
Nei campi ufficiali, l’OIM promuove programmi di rimpatrio volontario. Molti operatori umanitari sostengono che l’OIM non si sia impegnata nel fornire una risposta umanitaria alla crisi dei migranti, ma piuttosto nel contribuire alla “gestione delle migrazioni”, ovvero alle politiche finalizzate a scoraggiare i rifugiati dal tentare di raggiungere l’Unione europea. Gli operatori umanitari sono inoltre stupiti dal silenzio quasi totale dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), che sembra aver trasferito le sue competenze all’OIM. Nemmeno il Comitato internazionale della Croce Rossa è presente sul territorio del cantone Una-Sana, solo alcune sezioni nazionali hanno inviato le loro équipe.
“Le autorità locali vogliono che queste persone se ne vadano altrove, affermando che ci sono troppi migranti da gestire sul loro territorio”, sottolinea Hannu Pekka Laiho, membro della missione di osservazione della Croce Rossa finlandese. “Il problema è che tutti gli attori coinvolti in questa crisi giocano a scaricabarile, sia i bosniaci che l’OIM e l’Unione europea".
Appoggiandosi al suo bastone, un vecchio uomo si commuove per la sorte dei rifugiati bloccati a Vučjak. “Tutti vogliono sbarazzarsi di Vučjak. Nel frattempo, queste persone sono semplicemente lasciate a se stesse. C’è una tensione palpabile, ma mi stupisce che la situazione non sia ancora peggiore, viste le condizioni in cui vivono questi uomini. Ogni giorno per chiedono se verranno aperti nuovi campi in Bosnia o in Croazia, e io non possono dare loro alcuna risposta concreta”.
Una lunga odissea attraverso i Balcani
Nel campo di Vučjak dominano due nazionalità, gli afghani e i pakistani. Non si parlano tra loro e ogni gruppo occupa la sua zona. I magrebini, malvisti, non osano restare nel campo e si rifugiano nelle case abbandonate. Quest’estate un palestinese è stato ucciso a colpi di coltello. Nel campo ci sono anche alcuni migranti provenienti dall’India e tre senegalesi. Djallo, 33 anni, è originario di Kédougou, una città situata nel sud-est del Senegal vicino al confine con la Guinea e con il Mali. Djallo è prima arrivato in Turchia, per poi raggiungere la Grecia, dove è rimasto due anni lavorando nelle fattorie. Dopo aver messo da parte i soldi sufficienti, ha intrapreso la rotta balcanica, sperando di raggiungere l’Unione europea.
Djallo racconta dettagliatamente le tappe della sua lunga odissea balcanica. Ha attraversato illegalmente le frontiere della Macedonia del Nord, e poi quelle della Serbia, pagando ogni volta diverse centinaia di euro ai trafficanti. A Preševo, nel sud della Serbia, alcuni pakistani gli hanno venduto per dieci euro una falsa ricevuta della richiesta di asilo presentata in Serbia, mentre la richiesta di asilo è gratuita. Poi ha pagato 150 euro per attraversa il fiume Drina, che separa la Serbia e la Bosnia Erzegovina, per poi arrivare a Bihać con l’autobus e ormai da più di un mese si trova nel campo di Vučjak.
“Nel nord della Macedonia sono rimasto bloccato in un villaggio dove tengono i rifugiati finché le loro famiglie non mandano i soldi”, racconta Djallo, tremante nel suo cappotto logoro, con ciabatte di plastica in piedi. Due giorni prima della nostra conversazione, Djallo è stato riportato nel campo di Vučjak, dopo essere stato forzatamente respinto dalla Croazia. “Abbiamo camminato dieci giorni con un gruppo di pakistani e afghani. Ci hanno fermati vicino alla Slovenia e ci hanno riportati qui. Non ho opposto alcuna resistenza, ma i poliziotti mi hanno preso tutto. Disperato, senza un soldo, Djallo pensa di tornare indietro. Almeno fino alla Grecia perché “lì almeno è possibile lavorare e guadagnare un po’ di soldi”. La polizia croata cerca di scoraggiare i migranti dal proseguire il loro viaggio. Zagabria ha ricevuto i complimenti dai suoi partner europei per la “buona gestione” delle frontiere e a breve potrebbe entrare nell'area Schengen.

News - Europa

Galleria fotografica

Consigliati

Borderless

Borderless
di Veit Heinichen

La Malaluna di Maurizio Mattiuzza

La Malaluna di Maurizio Mattiuzza
di Maurizio Mattiuzza

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information