Apertamente

di Jacopo Custodi da MicroMega del 8/10/2019 - Sul confine ovest del continente europeo, il Portogallo vive una situazione politica in netta controtendenza rispetto a gran parte dei paesi europei: la sinistra, inclusa quella radicale, è forte e influente nel paese. Ma da chi è composta questa sinistra portoghese, poco conosciuta all’estero, che è stata capace di concentrare il dibattito nazionale su temi sociali e ambientali? Il 6 ottobre 2019 in Portogallo si sono svolte le elezioni parlamentari, dopo quattro anni di geringonça (l’“accozzaglia”), durante i quali il Partito Socialista, di centro-sinistra, ha governato in minoranza grazie ad un’alleanza parlamentare con la sinistra radicale, composta dai comunisti del PCP, dai verdi del PEV e dal Bloco De Esquerda. Durante questi ultimi quattro anni la sinistra radicale portoghese, in una negoziazione continua coi socialisti, è riuscita a far approvare varie leggi, soprattutto in campo sociale, che hanno aperto un nuovo ciclo politico progressista nel paese. Ciclo politico che esce confermato da questa nuova tornata elettorale: “ai portoghesi è piaciuta la geringonça”, ha commentato António Costa, il premier portoghese nonché leader del Partito Socialista, dopo aver appreso i nuovi risultati elettorali. I socialisti, infatti, crescono di circa 4 punti e ottengono il 36,65% dei voti, a soli 10 seggi dalla maggioranza assoluta. Le forze parlamentari a sinistra dei socialisti, invece, restano complessivamente stabili e sommate ottengono il 20,5% dei voti.

L’area del centrodestra, invece, si restringe complessivamente di circa 5 punti percentuali rispetto al 2015, con il PSD che perde 9 seggi e il CDS 13. Naturalmente, il Portogallo, per quanto rappresenti un’eccezione nel panorama europeo, non è totalmente al riparo dai venti d’estrema destra che soffiano in Europa. La destra reazionaria di Chega!, un partito simile alla Lega, entra in parlamento con un deputato e l’1.3% dei voti (in Portogallo vige un sistema elettorale proporzionale con correttivo d’Hont e senza soglia di sbarramento). Ma l’1.3% è davvero nulla, se paragonato a quello che il resto d’Europa continua a sperimentare.

Che il Portogallo viva un ciclo politico progressista è evidente anche dalle tematiche che dominano il dibattito politico nazionale nei talk show e sui giornali. Restano ai margini i temi identitari, etnoculturali o l’immigrazione, mentre acquistano centralità le questioni sociali. Ad esempio, nel dibattito televisivo fra i leader di tutti i partiti parlamentari in vista delle elezioni, i temi su cui si è incentrato il confronto sono stati lavoro, salario, sanità e ambiente. Lo spostamento del dibattito pubblico verso queste tematiche, è frutto in larga misura della rilevanza politica delle varie formazioni alla sinistra del Partito Socialista, che sono state capaci di incidere sull’agenda politica del paese e di influenzarla. Vediamole brevemente.

Il Bloco de Esquerda è oggi la principale forza di sinistra radicale del paese (9.67% dei voti), ed è coordinato dalla dinamica Catarina Martins, dottorata in linguistica ed ex attrice. Come spiega Cristiano Dan, “quando è stato fondato vent’anni fa poteva ridursi a un semplice cartello elettorale nel quale erano confluiti i trotskisti del PSR, gli ex maoisti dell’UDP e i comunisti dissidenti di Politica XXI. Le cose sono andate altrimenti, un processo unitario si è messo in moto e ciò che di vivo nelle tre tradizioni c’era è diventato patrimonio comune. I dirigenti delle tre organizzazioni fondatrici hanno saputo rinunciare a parte delle loro identità, per costruire una nuova identità unitaria”. Oggi il Bloco è una forza popolare capace di parlare al grande pubblico, con percentuali elettorali ormai consolidate, seppur sconti ancora un radicamento territoriale insufficiente (lo si vede ad esempio nelle varie elezioni municipali). Il Bloco negli anni è riuscito ad uscire dal minoritarismo identitario tipico dell’estrema sinistra, senza però rinunciare ai suoi cavalli di battaglia, ed è oggi il partito portoghese che con più successo e radicalità unisce la lotta per i diritti civili (incentrati su antirazzismo, femminismo ed ecologismo) alle questioni sociali (quali redistribuzione della ricchezza, difesa della classe lavoratrice, diritto alla casa, nazionalizzazioni, stato sociale).

Secondo al Bloco in termini di forza, vi è lo storico Partido Comunista Português (PCP), in coalizione col piccolo partito ecologista PEV, in un cartello elettorale immutato dal 1987 e chiamato Coligação Democrática Unitária (CDU). La CDU soffre da anni di una tendenziale riduzione del suo elettorato, ma mantiene comunque il 6,46% dei voti a livello nazionale, con percentuali molto più alte in alcune zone a basso reddito del centro-sud del paese. È un partito in cui perdura una cultura poststaliniana che gli rende difficile entrare in sintonia con i settori più giovani e dinamici della popolazione. Ciononostante, sarebbe sbrigativo accomunarlo ad altri partito veterocomunisti europei, quali il KKE greco. In primo lungo perché si tratta di un partito genuinamente popolare (basta andare alla sua celebre Festa do Avante per rendersene conto), ancora ben radicato territorialmente. In secondo luogo perché presenta una concezione della lotta politica non massimalista ma da 'guerra di posizione’ gramsciana, che gli ha permesso di interagire tanto col Bloco quanto col PS per l'ottenimento di conquiste parziali. Non a caso, lo slogan della CDU in quest'ultima campagna elettorale è stato "avanzare è necessario". In terzo luogo per l’acceso patriottismo rivendicato (“per una politica patriottica e di sinistra” è il motto ufficiale del PCP), imperniato sulla Rivoluzione dei Garofani quale ‘mito fondativo’ della nazione. Si tratta comunque di un patriottismo che convive tanto con una retorica internazionalista quanto con la difesa dei migranti (il PCP è stato anche a bordo della nave Lifeline).

Oltre al Bloco ed alla CDU, entrano in parlamento il PAN (3,28%) e Livre (1,09%). Il PAN, acronimo che sta per Persone-Animali-Natura, è una formazione animalista ed ecologista, formalmente slegata dalla divisione destra-sinistra. Capace di raccogliere voti in modo trasversale, è un partito che negli ultimi anni ha però appoggiato tutte le misure più a sinistra del governo socialista, in sintonia col Bloco e la CDU, ed ha contribuito a portare il tema ecologista nell’agenda politica del paese in un’ottica sociale e progressista. Livre (‘Libero’) è invece un piccolo partito ecosocialista nato nel 2013 da una scissione del Bloco ed oggi alleato a livello internazionale con Varoufakis. A differenza di gran parte della sinistra radicale portoghese, che è ponderatamente euroscettica, Livre rivendica l’europeismo tra i suoi valori centrali.

In ultima analisi, la combinazione (ed il mutuo rispetto) di due forze diverse e strutturate come Bloco e PCP ha permesso alla sinistra portoghese di sperimentare negli ultimi anni un dinamismo che è introvabile in molti altri paesi europei. La forza del Bloco nel tenere insieme, ben saldi, i diritti civili e quelli economici ha impedito il diffondersi in Portogallo di mostri politici quali Diego Fusaro o il neoliberalismo progressista (due facce della stessa medaglia). Infine, il legame del PCP con le aree più povere del paese, insieme al suo patriottismo includente, ha arginato il diffondersi del nazionalismo di destra. Certo, il “modello portoghese” non va né mitizzato né semplificato, ma una riflessione sulle ragioni del suo successo non può che essere salutare per la sinistra italiana, ormai da troppi anni incapace di crescere politicamente.

@JacopoCustodi

(8 ottobre 2019)

News - Europa

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information