Apertamente

di Giacomo Pellini da Sbilanciamoci.info del 4/3/2019 - Un recente studio tedesco mostra come e perché una loro avanzata alle prossime elezioni europee di maggio metterebbe a repentaglio le politiche energetiche e climatiche dell’Unione.
I partiti di destra radicale non odiano solo i migranti, ma anche l’ambiente e le politiche climatiche. E la loro eventuale avanzata alle prossime elezioni europee – molto probabile, secondo diversi sondaggi – potrebbe mettere seriamente a rischio le politiche energetiche e climatiche dell’Unione europea, a partire dagli obiettivi previsti dall’Accordo di Parigi sul clima. A sostenerlo è un recente dossier del think tank tedesco Adelphi, intitolato “Convenient Truths – Mapping climate agendas of right-wing populist parties in Europe”, che contiene un’analisi dettagliata dei programmi di 21 forze politiche di destra radicale in Europa. Formazioni, è bene ricordarlo, che a Bruxelles e Strasburgo non hanno un unico di riferimento, ma sono divise tra quattro gruppi parlamentari: Partito Popolare Europeo (PPE), Conservatori e riformisti (ECR), Europa per la libertà e la democrazia diretta (EFDD) e Europa delle Nazioni e della Libertà (ENF).
Secondo queste formazioni, le politiche ambientali ed energetiche contro il cambiamento climatico portate avanti dall’Unione europea sarebbero costose, socialmente ingiuste, addirittura dannose per il clima. O al limite, del tutto ininfluenti. Tre le argomentazioni ricorrenti: il negazionismo climatico, secondo cui non viene negata l’esistenza del global warming, ma il fatto che questo sia indotto dall’attività dell’uomo; lo scetticismo nei confronti delle discipline scientifiche; la retorica nazionalista che vede la sovranità nazionale minacciata dagli accordi internazionali e dall’approccio multilaterale in politica estera. Tutto ciò appellandosi a una comunità immaginaria di persone vittime di élite globali e cosmpolitiche senza scrupoli.
Il dossier suddivide i partiti presi in considerazione in tre categorie: ci sono in primis i pasdaran del negazionismo climatico: partiti che respingono esplicitamente l’evidenza che il nostro pianeta sia in pericolo a causa delle attività umane. È il caso ad esempio dei tedeschi di Alternativa per la Germania (AfD, membri di EFDD), secondo cui la CO2 è“un’indispensabile componente della vita”. Nel programma delle scorse elezioni l’AfD ha peraltro dichiarato che “l’IPCC e il governo tedesco stanno sopprimendo gli effetti positivi della CO2 sulla crescita delle piante e quindi sulla nutrizione globale”. Ed è il caso del Partito del Popolo Danese (DF, nel gruppo ECR), che alla domanda se i cambiamenti climatici siano o meno dipendenti dall’uomo, alza le spalle affermando come questa sia“una questione di fede – e la fede appartiene alla Chiesa del popolo”.
Ci sono poi le formazioni politiche di destra radicale che non hanno alcuna posizione sul tema, o che attribuiscono ad esso poca importanza. È il caso della Lega in Italia e del Rassemblement National in Francia (entrambi fondatori del gruppo ENF), così come dei polacchi di Libertà e Giustizia (PiS, membro di ECR), al governo della Polonia e fortemente a favore del carbone – tanto da averlo ribadito durante l’ultima Conferenza delle parti sul clima dell’ONU tenutasi nella regione più carbonifera d’Europa, l’Alta Slesia.
Il principale bersaglio di tutte le formazioni politiche di destra radicale è ovviamente l’Accordo di Parigi sul clima, sul banco degli imputati come nemico della sovranità nazionale. Il dossier di Adelphi dimostra come molti di questi partiti si siano astenuti o abbiano votato contro la sua ratifica all’Europarlamento, avvenuta il 4 ottobre del 2016: tra queste la Lega (“L’accordo raggiunto è stato un compromesso al ribasso per permettere alle aziende cinesi e dei Paesi in via di sviluppo di competere ingiustamente con le aziende italiane” dichiarava durante le votazioni l’eurodeputato del Carroccio Gianluca Pini).
Secondo gli austriaci del Partito delle Libertà (FPO, gruppo ENF) l’Accordo sul clima sarebbe invece solo il primo di una serie per “nascondere aiuti stranieri senza nessuna trasparenza”. E per gli olandesi del Partito per la Libertà (PVV), presenti nel gruppo parlamentare europeo di Salvini e Le Pen, “le élite in questo momento si stanno sfregando le mani visti i benefici che avranno dall’accordo, mentre i comuni cittadini saranno costretti a pagare per l’energia elettrica, l’auto e il riscaldamento”.
Ma il voto sull’Accordo di Parigi non è un caso isolato: gli eurodeputati dell’ultradestra europea si astengono o votano spesso compatti contro qualsiasi proposta verde a favore del clima. A parte alcune rare eccezioni, come la Fidesz ungherese di Viktor Orbán.
Il dossier del think tank tedesco analizza 13 decisioni importanti approvate o discusse a Strasburgo, tra cui la revisione della direttiva del sistema europeo di scambio delle quote di emissione (ETS) e quella sui boschi e la silvicoltura. Inoltre nello studio sono incluse tre proposte chiave (efficienza energetica, governance dell’Unione dell’energia, promozione delle energie rinnovabili) del pacchetto “Energia pulita per tutti gli europei”, la direttiva sulla creazione di una diplomazia climatica europea e una proposta a favore di pesanti restrizioni per le emissioni derivanti dal settore trasporti.
Il dato che balza agli occhi è come, in tutte le votazioni, la maggioranza dei parlamentari della destra radicale abbia votato sempre “contro” il clima e l’ambiente. La tedesca AfD, l’olandese PVV, l’UKIP britannico, la Lega italiana e i lepenisti francesi hanno votato contro o si sono astenuti in tutte le risoluzioni. Il PiS polacco si è sistematicamente opposto.
Ed è così che i deputati della destra nazionalista nel Parlamento europeo, che nell’attuale legislatura pesano circa il 15%, hanno contribuito con circa la metà dei voti complessivi all’opposizione nei confronti delle politiche climatiche. Una percentuale che in alcune votazioni, come in quella sulle emissioni di CO2 dei veicoli pesanti, sale notevolmente: i 43 deputati dei 16 gruppi presi in considerazione dal dossier del think tank tedesco (5 partiti dei 21 totali non sono infatti rappresentati all’europarlamento) hanno contribuito a circa il 77% dei voti “contro”.
Un problema che rischia di sfuggire di mano, considerata l’avanzata dei movimenti di ultradestra in tutto il continente – da tempo al governo in Ungheria e Polonia, e recentemente giunti al potere anche in Italia e Austria – e visti soprattutto alcuni sondaggi relativi alle elezioni europee del prossimo maggio, che prevedono una consistente avanzata dei gruppi euroscettici e nazionalisti: secondo le stime di Kantar Public, il gruppo parlamentare più estremista, ENF-Europa delle Nazioni e della Libertà, passerebbe dai 37 seggi attuali a 59, trainato dall’exploit della Lega salviniana. In tutto i populisti di destra potrebbero contare per la prossima legislatura 2019-2024 su circa 150 seggi, arrivando a controllare il 22% del Parlamento europeo.
Così, la retorica negazionista sul clima uscirebbe molto rafforzata, assieme alla narrazione xenofoba e ultranazionalista. Mettendo seriamente a rischio le vite non solo di chi attraversa il Mediterraneo per scappare da guerre, povertà e carestie, ma di noi tutti.

News - Europa

Galleria fotografica

Consigliati

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information