Apertamente

di Giovanni Vale da Balcani Caucaso del 01/10/2018 - Nonostante sia ormai da tempo ufficialmente chiusa, la cosiddetta rotta balcanica continua ad essere attraversata dai migranti in cerca di uno sbocco verso i paesi Schengen. Due recenti casi di cronaca. Continua ad essere di grande attualità, in Croazia, il passaggio di migranti e rifugiati al confine croato-bosniaco, malgrado l’ufficiale chiusura della rotta balcanica. La settimana scorsa un fatto di cronaca ha ricordato quanto sia ancora fatale e pericolosa questa rotta migratoria, ormai lontana dai riflettori della stampa internazionale. Lunedì scorso, un cittadino siriano di 43 anni - che dalla Bosnia Erzegovina era entrato in Croazia per poi proseguire verso l’Europa occidentale - ha denunciato di essere stato separato da sua figlia di 5 anni, di cui ha perso le tracce. Stando alla ricostruzione fatta dall’uomo e riportata dall’organizzazione umanitaria locale “Are you Syrious ?” (AYS), la piccola Allsa (questo il nome della bambina) sarebbe stata separata dal padre a causa di un intervento della polizia croata. Il cittadino siriano sarebbe infatti stato fermato dai poliziotti, mentre si trovava sul territorio croato e mentre stava comprando acqua e cibo in un negozio a Smoljanac, nella regione della Lika. Da lì, gli agenti hanno trasportato l’uomo nuovamente in Bosnia Erzegovina ignorando le sue richieste di fermarsi e cercare la figlia.

Non solo. Il cittadino siriano - a cui solo successivamente è stato concesso di fare domanda di asilo in Croazia - ha anche dichiarato di essere stato derubato del suo denaro dagli agenti croati e che questi ultimi hanno anche distrutto il suo cellulare, “come già accaduto in precedenza a diversi rifugiati”, nota l’associazione “Are you Syrious?”.

Dopo aver denunciato questa situazione alla polizia bosniaca, e grazie all’intervento proprio delle forze dell’ordine di Sarajevo, che ha contattato i colleghi croati, il padre di Allsa ha potuto fare domanda di asilo in Croazia, ma è ancora alla ricerca della figlia (anche se secondo il quotidiano 24Sata, il cittadino siriano avrebbe già lasciato il centro di accoglienza dove si trovava a Zagabria). Sono infatti ormai passati 19 giorni da quando l’uomo ha perso di vista la bambina nei pressi del valico di frontiera di Maljevac. Al momento dell’intervento della polizia croata, Allsa si trovava con una famiglia irachena, che a questo punto potrebbe aver continuato il proprio cammino verso la Slovenia e l’area Schengen.

La polizia croata ha negato di essere all’origine della separazione tra il rifugiato siriano e la figlia e, sempre secondo il quotidiano 24Sata, la versione dell’uomo sarebbe inoltre discutibile, dato che nella documentazione in mano alle autorità bosniache - che hanno registrato il passaggio del siriano nell’agosto scorso - non ci sarebbe traccia della bambina. Ad ogni modo la polizia croata assicura che non c’è stato alcun intervento degli agenti a Smoljanac, dove l’uomo sarebbe stato fermato in un negozio e riportato al confine. Va detto però che la polizia croata non potrebbe comunque confermare tale intervento, trattandosi di una violazione del diritto internazionale. Ad ogni profugo o migrante che entra sul territorio croato, anche illegalmente, deve infatti essere data la possibilità di sottoporre una domanda d’asilo.

Nella pratica, invece, i respingimenti al confine (i cosiddetti “push-backs”) si ripetono ogni giorno alla frontiera croato-bosniaca, al punto che l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) ne ha contati ben 3242 in tutto il 2017 e circa 2500 nel corso di quest’anno (dati aggiornati ai primi giorni di settembre). Circa 700 di questi hanno detto di aver subito violenze e furti da parte degli agenti croati.
L’attivista condannato in Croazia

Il caso della giovane Allsa e di suo padre non è l’unico fatto di cronaca ad essere stato registrato di recente in relazione al passaggio della cosiddetta “rotta balcanica” in Croazia. Sempre durante la settimana scorsa, un attivista della già citata Ong “Are you Syrious?”, Dragan Umičević, è stato condannato al pagamento di 60mila kune di multa (circa 8mila euro) per aver aiutato alcuni migranti ad attraversare illegalmente la frontiera croata. Secondo il tribunale per i reati minori di Županja (nell’est del paese), il 21 marzo scorso il volontario croato ha aiutato un gruppo di 14 afghani ad attraversare il confine serbo-croato nei pressi di Strošinci. I giudici hanno confermato che Umičević ha “mandato dei segnali luminosi per indicare dove e quando attraversare il confine croato”. La multa - su cui però pende ora la possibilità di un appello - potrà essere saldata in cinque rate e sarà considerata estinta al pagamento di 40mila kune (o 5.300 euro circa) entro i prossimi cinque mesi.

Per “Are you Syrious?”, tuttavia, la condanna di Umičević è una ritorsione contro il lavoro dell’organizzazione umanitaria ed in particolare per il caso Madina, la giovane bambina afghana morta nell’inverno scorso al confine serbo-croato e la cui storia è stata resa pubblica per la prima volta proprio da AYS.

In un comunicato pubblicato su Facebook, l’associazione croata ha definito “grottesca” la decisione dei giudici e ha spiegato la propria versione dei fatti. Quattro mesi dopo la morte di Madina, investita da un treno dopo che la polizia croata aveva ordinato alla sua famiglia di seguire i binari in direzione di Belgrado per tornare in Serbia, “la famiglia della piccola Madina ci ha contattato tramite Facebook la notte del 20 marzo 2018”, spiega l’associazione. Il gruppo di persone, “in cui c’erano in totale 11 bambini e ragazzi”, si trovava nei pressi di Strošinci, al confine serbo-croato. “Ci hanno mandato la loro posizione, confermando di essere già in territorio croato”, assicurano i volontari.

Quello che è avvenuto in seguito, stando all’associazione, non ha dunque niente a che vedere con l’attraversamento illegale di un confine. Il volontario Dragan Umičević - “quello che vive più vicino alle località in questione” - è partito alla ricerca di una pattuglia di polizia per segnalare la presenza di una famiglia con minori che desiderava far richiesta di protezione internazionale. “Ha fatto soltanto questo: si è recato alla stazione di polizia vicino al confine e ha trasmesso le informazioni in suo possesso. Non è mai stato in contatto diretto con la famiglia di Madina”, prosegue il comunicato di AYS.

Per l’associazione, dunque, l’accusa è legata proprio al lavoro svolto dagli attivisti umanitari da tre anni a questa parte e alla denuncia - fatta più volte dall’Ong - delle violenze commesse da parte degli agenti croati, compreso anche il recente caso della giovane Allsa, persa di vista dal padre proprio a causa dell’intervento della polizia croata.

“L’unica, sgradevole, conclusione a cui possiamo arrivare è che sia stato lo stesso ministero dell’Interno a rendere pubblico questo fatto, per sviare l’attenzione dalle proprie pratiche illegali e per discreditare agli occhi del pubblico il lavoro dei difensori dei diritti umani”, conclude “Are you Syrious?”, che comunque promette di fare ricorso contro la condanna e difendere il volontario finché ogni accusa non sarà rimossa.

News - Europa

Galleria fotografica

Consigliati

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information