Apertamente

di Christian Costamagna da Osservatorio Balcani e Caucaso del 16/1/2017 - Una storia complessa e affascinante: quella dell'Islam nei Balcani. Sergio Paini la racconta al grande pubblico, con un saggio che va dalle conquiste ottomane alla minaccia dell'ISIS. La questione dei musulmani nei Balcani, ormai da tempo, è tornata alla ribalta delle cronache, anche in Italia. Si tratta di un tema complesso, che tende ad essere sbrigativamente semplificato dall'isteria allarmistica che accomuna, tout court, l'Islam con il terrorismo oppure, per contrasto, da una eccessiva minimizzazione, al limite della negazione, di un problema effettivamente esistente. Il libro La mezzaluna d'Europa - I musulmani nei Balcani dagli Ottomani fino all'Isis (ELS - La Scuola, Editrice Morcelliana, 2016, pp. 154) di Sergio Paini costituisce una risposta ragionata e meticolosamente informata, a come si è sviluppato l’Islam nei Balcani, dalle origini in epoca medievale sino ai giorni nostri. L'Islam dei Balcani

Il libro di Paini non è un saggio scientifico rivolto alla comunità degli specialisti, bensì è di carattere divulgativo. Si rivolge dunque a quei lettori curiosi che vorrebbero comprendere meglio, sgombri da pregiudizi, l’evoluzione di un processo religioso, culturale e sociale. Il testo è suddiviso in capitoli che potrebbero essere definiti come schede ragionate, come sintesi minuziose, miniature precise che identificano, in maniera autonoma, vari temi sotto il profilo cronologico e per argomento.
Il libro

"Mezzaluna d'Europa. I musulmani nei Balcani dagli Ottomani fino all'Isis",

di Sergio Paini,

Editore La Scuola, 2016

pp. 152

Prezzo di copertina, 15,50 euro

Dopo una parte di carattere introduttivo, nel quale l’autore ci spiega alcuni concetti chiave relativi all’Impero ottomano ed alla sua secolare presenza nella Turchia d’Europa, ci accompagna verso la scoperta dei popoli, coprendo circa mezzo millennio. In prima battuta Paini tratta il tema dei bosgnacchi (musulmani slavi presenti nel territorio dell’odierna Bosnia Erzegovina, oltre che della Serbia e del Montenegro), per poi passare agli albanesi (d’Albania, del Kosovo e della Macedonia), e chiude infine i capitoli di carattere storico con “gli altri musulmani”, ovvero le cosiddette minoranze (dai Gorani ai Rom).

L’autore evita, giustamente, in un lavoro divulgativo, di inserire le note a piè di pagina, ma non rinuncia, al termine di ogni capitolo, di inserire i riferimenti bibliografici. Le fonti di Paini sono in prevalenza testi scientifici, aggiornati, in inglese, ma anche in italiano, francese, tedesco, oltre che in alcune delle principali lingue dei Balcani. L’autorevolezza delle fonti secondarie, non sarebbe stata sufficiente a rendere il saggio di Paini accessibile ai novizi (per quanto rigorosamente strutturato), senza l’ausilio dell’intima conoscenza dei Balcani da parte dell’autore, frutto di anni di studi e viaggi (lo si può evincere anche dalle belle foto scattate dall’autore allegate al testo), e dalla necessaria curiosità fondamentale per ogni forma di conoscenza.

Paini dunque, nei quattro quinti del suo lavoro, sintetizza, senza disdegnare i particolari, una storia secolare di espansione degli Ottomani nella penisola balcanica, di scontri con gli altri imperi (Asburgico, ma anche Russo), degli intrighi di palazzo della Sublime Porta, delle complicità delle élite dei Balcani, delle loro rivalità, delle ribellioni del popolo, delle rivoluzioni, e delle guerre. Sono storie di popoli e di eroi, certo, ma anche storie di imperi transnazionali che hanno soggiogato e manipolato le popolazioni locali, e che hanno incentivato le conversioni religiose, causato lo spostamento forzato di decine o centinaia di migliaia di persone, e fomentato eccidi. Tuttavia, emerge anche una storia parallela di convivenza e di tolleranza tra fedi e culture differenti.
La "minaccia islamista"

Dopo una cavalcata attraverso i secoli nelle forme dell’Islam nei Balcani, nel quinto ed ultimo capitolo, l’autore prende in esame la cosiddetta “minaccia islamista” al di là dell’Adriatico. Com’è giusto che sia in un lavoro sintetico di questo genere, eventi fondamentali della storia contemporanea, quali la Seconda guerra mondiale, oppure il conflitto degli anni ’90 del secolo scorso, sono stati condensati in pochi paragrafi, ma ciò non ha intaccato la chiarezza e l’esaustività dell’autore nel toccare gli aspetti cardinali, seguendo il filo conduttore delle dinamiche che hanno coinvolto le comunità balcaniche di fede islamica.

Probabilmente, la parte più delicata, è proprio l’ultima, perché va a toccare un nervo scoperto che da tempo anima il dibattito nell’opinione pubblica internazionale e anche italiana. Paini adotta uno stile asciutto, contestualizza il fenomeno del proselitismo di gruppi terroristi utilizzando dati e informazioni solide, e arricchisce il testo con fatti tratti dalle cronache recenti, senza sbavare in speculazioni.

La Bosnia Erzegovina occupa una parte considerevole del capitolo finale, dove l’autore spiega come durante il conflitto negli anni ’90 alcune migliaia di combattenti islamici stranieri, sostennero il governo di Sarajevo. Sebbene solo alcune centinaia di loro decisero di rimanere stabilmente nel paese dopo la guerra, ben presto si affiancarono svariate fondazioni e associazioni umanitarie provenienti dai paesi arabi del Golfo Persico, facendo nuovi proseliti, e occupando quello spazio del disagio sociale lasciato vuoto dalle legittime istituzioni.

Paini prosegue citando alcuni dei casi più recenti ed emblematici di terrorismo condotti nei Balcani da parte di estremisti di fede islamica, mette in luce la relazione tra l’Isis ed i Balcani, come ad esempio i messaggi di alcuni bosgnacchi ed albanesi affiliati al Califfato rivolto ai loro connazionali, affinché promuovessero attentati nei propri paesi, e conclude menzionando la rete di arruolamento dell’islamismo radicale, che ha sviluppato i propri nodi e contatti, oltre che nei Balcani e nel Medio Oriente, anche in Italia.
Miti, semplificazioni, realtà complesse

L’autore volge a termine il proprio saggio mettendo in guardia il lettore da facili semplificazioni. Il mito della “dorsale verde”, propagandato sia da coloro che dicono di temerlo, sia da coloro che lo supportano, sarebbe una “forzatura ideologica” perché si scontra con la realtà. Le comunità di fede islamica nei Balcani sono tutt’altro che omogenee ed unite tra loro, per lingua o etnia, fattori di primaria importanza ai quali occorre aggiungere che le forme di Islam radicale sostenute dai paesi arabi, sono molto distanti da quello locale e tradizionale.

Per usare le parole di Paini, “i reclutatori dell’Isis cercano di fare leva sulle frustrazioni dei giovani e sulle promesse tradite dall’Occidente per scatenare un conflitto religioso”, tuttavia “gli anticorpi più forti contro il fanatismo si trovano ancora e prima di tutto lì dove i musulmani sono abituati da secoli a dialogare e convivere con altre fedi”. Le considerazioni finali dell’autore spiccano per il loro realismo, la loro pacatezza (evitando inutili allarmismi ormai più che logori sui rischi della “polveriera balcanica”) e, seppur con semplicità, il loro acume. Tali considerazioni dovrebbero essere anche un monito, un esempio virtuoso, verso gli attori istituzionali, politici e del mondo dei media, che troppo spesso speculano miseramente sulle complessità dei Balcani.

In breve, il saggio di Paini è un testo lucido, preciso, autorevole. La scelta di dedicare la maggior parte del testo a contestualizzare sotto il profilo storico i musulmani balcanici, per giungere alle questioni più controverse del tempo presente, rappresenta indubbiamente un valore aggiunto, perché consente al lettore la possibilità di dotarsi di un’opinione informata su di un tema volgarizzato dai mezzi di comunicazione di massa, ed estremamente lacunoso nei saggi non accademici in lingua italiana. “La mezzaluna d’Europa” è dunque un libro irrinunciabile per il lettore che non voglia accontentarsi di restare sulla superficie delle cronache, o di interpretazioni tendenziose scollate dalla realtà.

News - Europa

Quale orizzonte per la sinistra

Indagine SWG per Apertamente

Scarica l'indagine >>>

Galleria fotografica

Consigliati

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...

Le mie memorie

Le mie memorie
Da Aiello, piccolissimo paese del Friuli orientale, alla Cina passando dalla Russia dopo esser cresciuto in Brasile.
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information