Apertamente

di Thomas Fazi da Sbilanciamoci.info del 31/5/2016 - La troika chiede alla Grecia altre misure lacrime e sangue in cambio della promessa di una rinegoziazione del debito dopo il 2018. Mentre il tracollo sociale ed economico continua
Nella notte tra il 25 e il 26 maggio, i ministri delle finanze della zona euro hanno raggiunto un accordo col governo greco che prevede il via libera ad un ulteriore esborso di 10,3 miliardi ma soprattutto – come era prevedibile – un impegno di massima (non vincolante) da parte della troika ad “alleggerire” progressivamente il debito greco. Jeroen Dijsselbloem, presidente dell’Eurogruppo, l’ha definito un accordo «ambizioso» e «un importante passo in avanti». Secondo il ministro delle finanze greco Euclid Tsakalotos, la Grecia «inizia ad uscire dal circolo vizioso della recessione». Un’analisi a freddo dell’accordo in questione, però, non sembra giustificare tanto ottimismo. È vero, per la prima volta si è discusso in modo concreto dell’annoso problema del debito greco, e questa è senz’altro una vittoria – innanzitutto simbolica – per Tsipras, che ha investito gran parte del proprio capitale politico nella rinegoziazione del debito. Ma le misure prese a riguardo lasciano molto a desiderare.
L’FMI, come è noto, chiedeva una ristrutturazione immediata del debito – tramite un taglio nominale del debito (la scelta favorita dal Fondo ma esclusa categoricamente dagli europei) o una rimodulazione delle scadenze – e degli obiettivi di bilancio sostenibili: ossia un avanzo primario non superiore all’1,5 per cento del PIL (considerato comunque un’impresa).
L’accordo, invece, prevede una rimodulazione delle passività elleniche «dal 2018 in poi» – sarebbe a dire, dopo le elezioni tedesche del 2017 – e un avanzo primario del 3,5 per cento per il 2018, senza precisare se debba essere mantenuto successivamente. È un duro colpo per il Fondo. Nella sua ultima analisi sulla sostenibilità del debito greco, rilasciata non a caso pochi giorni prima del meeting dell’Eurogruppo, il Fondo monetario definisce l’avanzo primario che il governo greco si è appena impegnato a rispettare come «del tutto irrealistico». «Anche se la Grecia, attraverso uno sforzo eroico, riuscisse temporaneamente a raggiungere un surplus vicino al 3.5 per cento del PIL – si legge nel rapporto – pochi paesi in passato sono risusciti a mantenere avanzi primari di questi livelli». Questo è confermato anche da uno studio di Barry Eichengreen e Ugo Panizza, in cui i due economisti hanno analizzato centinaia di casi di paesi, sia emergenti che avanzati, che tra il 1974 e il 2013 hanno cercato di perseguire ampi e consistenti avanzi primari. Per concludere che avanzi primari di questa entità sostenuti per più di pochi anni sono estremamente rari, per motivi sia economici che politici.
Senza una significativa ristrutturazione del debito, l’FMI prevede che il rapporto debito/PIL greco – attualmente pari al 180 per cento – è destinato a crescere inesorabilmente, arrivando a poco meno del 300 per cento entro il 2060 (riquadro sinistro nella figura seguente). Mentre i costi di servizio del debito lieviterebbero ad un impossibile 60 per cento del bilancio governativo (riquadro destro), rispetto al 18,5 per cento di oggi. Va da sé che la Grecia andrebbe in bancarotta molto prima.

Il Fondo, insomma, ha ceduto su tutta la linea: non solo la ristrutturazione del debito greco, che l’FMI riteneva indispensabile da subito, è stata rinviata al 2018 (ad eccezione di alcuni accorgimenti tecnici per evitare rischi di volatilità dei tassi d’interesse pagati al MES) – permettendo così alla Merkel di scavalcare le prossime elezioni – ma «l’impegno non è assoluto, ed è invece legato a eventuale necessità e con il riconoscimento di quanto Schäuble ripeteva da settimane, e cioè che è inutile e impossibile fare previsioni adesso su quel che accadrà nel 2018, alla fine del terzo programma di salvataggio». Tutto rimandato a domani. E questo nonostante la ristrutturazione del debito fosse stata promessa per la prima volta già nel lontano 2012.
Ancora una volta la brutale realtà dei rapporti di forza – per cui ciò che è buono per la Germania è buono per l’Europa intera – ha avuto la meglio sulla logica economica e sullo spirito di solidarietà. Come ha commentato un caustico Marco Zatterin sulla Stampa:
Le riunioni dell’Eurogruppo sono quello sport cui si gioca a ventidue – diciannove Stati e tre istituzioni – e alla fine vince la Germania. Nella notte è andata così col dossier greco, di nuovo. Il Fondo monetario ha chiesto sino all’ultimo che fosse falciata via subito una parte rilevante del debito ellenico, ritenendo che Atene avesse già fatto molti sforzi e che l’onere del suo immenso debito coi creditori europei rischiasse di rendere la cura più pericolosa della malattia. Il tedesco Wolfgang Schäuble si è impuntato, per obblighi politici e fedele al principio secondo cui non un centesimo preso dalle tasche dei suoi elettori deve essere condonato a un debitore.
E questo – non ci stancheremo mai di ribadirlo – nonostante la Germania abbia beneficiato, alla conferenza di Londra del 1953, di uno dei più grandi tagli del debito mai visti nella storia, senza di cui «il miracolo economico tedesco non sarebbe stato praticamente possibile», assicura Ursula Rombeck-Jaschinski dell’università di Düsseldorf, autrice del libro sul trattato del debito di Londra Das Londoner Schuldenabkommen.
E che dire dei 10,3 miliardi che la troika verserà a breve nelle casse dello Stato greco? Una cosa è certa: non ci rimarranno a lungo. Nonostante i media si ostinino a parlare di “aiuti”, come se quei miliardi dovessero veramente finire nelle tasche dei cittadini greci, essi serviranno perlopiù per permettere allo Stato greco di far fonte alle prossime scadenze obbligazionarie: perlopiù titoli in mano all’FMI e alla BCE, la stessa BCE che sta “stampando” 80 miliardi di euro al mese attraverso il suo programma di quantitative easing. Un’enorme partita di giro, insomma, in cui la troika verserà dei soldi “alla Grecia” per permettere alla Grecia di ripagare la troika.

È una copione già visto. Secondo un recente studio della European School of Management and Technology di Berlino – che di fatto non ha fatto altro che confermare quanto già scritto da noi e da altri più di un anno fa – i programmi di “aiuto” a sostegno della Grecia, nel 2010 e nel 2012, in realtà, hanno salvato principalmente le banche e gli investitori privati. Dallo studio risulta che nel bilancio dello Stato greco sono finiti solo 9,7 miliardi, cioè meno del 5 per cento del totale della somma stanziata dai creditori di Atene. I restanti 86,9 miliardi, sono stati assorbiti da vecchi debiti: 52,3 miliardi per gli interessi, e 37,3 miliardi per la ricapitalizzazione delle banche elleniche. Questi dati mostrano quanto sia fallace l’idea secondo cui “i soldi dei contribuenti europei”, come siamo soliti leggere, siano serviti a salvare la Grecia e gli altri paesi della periferia; la verità è che, con la scusa di salvare le cicale greche, i soldi dei contribuenti europei – di tutti noi – sono stati utilizzati per salvare ancora una volta le grandi banche del continente. Molte delle quali tedesche.
L’aspetto più interessante dell’accordo, però, è quello di cui si è parlato di meno. Ossia il fatto che, stando a quanto scrive il Sole 24 Ore, esso potrebbe portare alla decisione da parte della BCE di accettare nuovamente i titoli di debito greco come collaterale per le normali operazioni di finanziamento delle banche. La BCE, che normalmente accetta solo titoli investment grade, aveva, fino al febbraio 2015, concesso un’esenzione alla Grecia, poi revocata dopo la rottura delle trattative con i creditori sul programma. Al tempo la misura fu interpretata da molti come un chiaro messaggio rivolto al governo appena insediatosi ad Atene: «Capitolate o sarete costretti a pagarne le conseguenze». La decisione della BCE, infatti, ebbe l’effetto di accelerare la fuga di capitali dal paese, costringendo la banca centrale ad incrementare enormemente il volume dei prestiti di emergenza offerti al sistema bancario greco e mettendo sotto forte pressione il governo. Allo stesso modo, la decisione di riammettere i titoli di Stato greci come collaterale – se confermata – può interpretarsi come il segnale che la BCE ritiene definitivamente sedata la “ribellione” greca. Questo ci fa capire quanto le decisioni che vengono assunte dalla BCE e dagli altri organi dell’UE, a dispetto della narrazione ufficiale, non abbiano proprio nulla di tecnico – il rating dei titoli di Stato greci, infatti, è rimasto invariato (anzi, i tassi sui titoli a dieci anni sono addirittura aumentati dopo la sigla dell’accordo!) – ma abbiano invece una connotazione prettamente politica. Nel caso della BCE: usare l’enorme potere che deriva dalla sua capacità di emettere moneta per costringere i governi a implementare riforme in ambito economico, fiscale e strutturale.
Il recente accordo con l’Eurogruppo, infatti, è giunto pochi giorni dopo che il governo Tsipras è riuscito a far passare in parlamento l’ultimo tassello in vista dei nuovi prestiti, che prevede misure per certi versi ancora più draconiane di quelle adottate finora. Tra queste: un meccanismo che prevede una correzione automatica dei conti pubblici nel caso di deriva del deficit pubblico, una accelerazione delle operazioni di privatizzazione e un aumento delle tasse indirette.
Nel frattempo – e non poteva essere altrimenti, a fronte delle più severe misure di austerità mai implementate in un paese occidentale – il tracollo sociale ed economico della Grecia continua. Come si può vedere dal seguente grafico, da quando SYRIZA si è piegata alla troika – nell’estate del 2015 – la Grecia è caduta nuovamente in recessione.

Il tasso di disoccupazione continua a viaggiare al di sopra del 20 per cento, mentre la disoccupazione giovanile supera addirittura il 50 per cento. Ancora più preoccupanti, però, sono le previsioni che fa il Fondo monetario internazionale, nel succitato rapporto, sulla disoccupazione greca da qui al 2060. Le proiezioni demografiche del Fondo suggeriscono che la popolazione in età da lavoro diminuirà del 10 per cento circa entro il 2060. Di conseguenza, il Fondo stima che – anche se l’economia greca dovesse tornare a crescere e i suoi creditori dovessero concedere un taglio del debito – il tasso disoccupazione raggiungerà il 18 per cento nel 2022, il 12 per cento nel 2040 e il 6 per cento solo nel 2060. In altre parole, ci vorranno quarant’anni per ridurre la disoccupazione greca a un dato vagamente normale. Per i giovani greci, attualmente fuori dal mercato del lavoro, questo significa un’intera vita lavorativa.
Di fronte a questi dati drammatici mi chiedo: l’anno scorso molti di noi hanno giudicato la permanenza nell’eurozona il male minore per la Grecia, alla luce degli attuali equilibri internazionali. Possiamo ancora sostenere che sia così?

News - Europa

Quale orizzonte per la sinistra

Indagine SWG per Apertamente

Scarica l'indagine >>>

Galleria fotografica

Consigliati

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...

Le mie memorie

Le mie memorie
Da Aiello, piccolissimo paese del Friuli orientale, alla Cina passando dalla Russia dopo esser cresciuto in Brasile.

Trieste la città dei venti

Trieste la città dei venti
Su un molo del porto di Trieste non a caso c’è una rosa dei venti: Trieste è la città dei venti.
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information