Apertamente

di Maria Luisa Vincenzoni da Striscia Rossa del 26/1/2020 - Gadi Luzzatto Voghera, storico, già docente all’università Ca’ Foscari di Venezia e alla Boston University, è il direttore della Fondazione Centro documentazione ebraica di Milano. Questa istituzione, che ora opera in una partnership internazionale con il Mémorial de la Shoah di Parigi e la Fondazione Memoriale della Shoah di Milano, è un istituto culturale indipendente. Già nel 1957 la Federazione giovanile ebraica la costituì per “la ricerca e l’archiviazione di documenti di ogni tipo riguardanti le persecuzioni antisemite in Italia e il contributo ebraico alla Resistenza”. Dal 1986 il CDEC, dopo vari ampliamenti, si è costituito in fondazione e rappresenta oggi il principale centro di storia e documentazione sull’ebraismo in Italia.
Svolge attività scientifica, divulgazione sulla storia degli ebrei in Italia in età contemporanea, sulla Shoah, la sua memoria e didattica, l’antisemitismo e il pregiudizio dal secondo dopoguerra ad oggi. Organizza mostre e rassegne cinematografiche, orientamento e consulenza di studiosi a livello nazionale e internazionale. È presieduto dal professor Giorgio Sacerdoti, emerito di Diritto internazionale alla Bocconi.
Gli eventi prima, durante e dopo il Giorno della Memoria sono moltissimi in anche in Italia, e hanno coperto l’intero mese di gennaio.
Per il direttore Gadi Luzzatto Voghera, questo soverchiante calendario, tutto condensato a gennaio, non aiuta.
D. Professore, perché il Giorno della Memoria è, secondo lei, caricato di prodromi ed eventi successivi troppo numerosi nell’arco di così poche settimane?
R. Perché la “canonizzazione” della Memoria è l’esatto contrario del riportare all’oggi ciò che è stato per leggere il presente, perché tutte queste iniziative importanti e di spessore rischiano, cadendo tutte in un brevissimo periodo, di essere derubricate a eventi collaterali. A tutto danno della promozione della ricerca storica e delle iniziative per la didattica. Così si appiattiscono aree di indagine, come quella sul linguaggio d’odio, che stiamo da tempo studiando, su una data certamente importante in tutto il mondo, il 27 gennaio. Noi studiosi e docenti, tuttavia, abbiamo bisogno di uno spazio che cadenzi eventi e ricerche durante tutto l’anno. Altrimenti rischiamo di farle apparire come appendici o mere estensioni di un unico giorno, pieno di significati e che, proprio per questo, non può contenere tutto. Le faccio un esempio: stiamo sviluppando un progetto che si chiama “Dopo l’ultimo testimone”. Come collegheremo storia e memoria? Come insegneremo e rifletteremo sulla Shoah?
D. Come evitare questa sovrapposizione di significati, di eventi divulgativi e lunghe ricerche scientifiche, di giorno dedicato e di azioni civiche, studi storici, lunghi dialoghi che un giorno non può contenere?
R. Si cerca di capire in cosa stiamo sbagliando. Penso che vada riportato il giorno unico e che ci si debba attenere al tema introdotto dalla Dichiarazione di Stoccolma nel 2000 e recepito dalla legge italiana. Memoria del genocidio del popolo ebraico, degli altri perseguitati dal nazi-fascismo e dei giusti che seppero dire un no. Un giorno solo, importante e veramente condiviso.
D. Cosa è cambiato nel linguaggio d’odio antisemita?
R. Ieri era diffuso in determinati gruppi e non era un registro spendibile nell’arena pubblica. Oggi si sta riuscendo a far accettare nella quotidianità e nei più vari ambienti un pensiero ritenuto inammissibile e disonorevole in luoghi istituzionali, in grandi eventi sportivi, in conversazioni pubbliche che oggi si manifestano anche sui social media. È un linguaggio d’odio diffuso tra molte autorità pubbliche, leader italiani e internazionali. Un discorso di odio che tocca abilmente tutte le sacche del pregiudizio.
D. Accade sempre più spesso?
R. Sì. Ieri è accaduto a me, in una località lombarda, durante una conferenza pubblica promossa dall’Anpi su questo tema. Sono stato aggredito verbalmente da tre persone urlanti dopo aver pronunciato la parola “sionismo”. Si sono poi allontanati, una chiara provocazione organizzata ad hoc. Non mi accadeva credo da trent’anni. Episodi simili fanno saltare gli equilibri in una società, e minacciano anche il “giorno per giorno” di noi professionisti, studiosi e storici. Non è solo un occasionale rumore di fondo, è una costante intimidazione che certo si può ignorare ma che ci lascia più soli come cittadini, ebrei, storici.
D. Cosa pensa del Forum Mondiale sull’Olocausto in corso a Gerusalemme?
R. R. Penso che si sia voluto sancire un legame strutturale tra i settantacinque anni dalla liberazione del campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau e l’antisemitismo. Un meccanismo legittimo ma problematico, poiché rischia di ridurre l’evento Shoah al solo fenomeno dell’antisemitismo.
D. Cosa resta a suo avviso non detto?
R. Resta non detto, o sottaciuto, che il tentativo di distruggere l’ebraismo europeo ha seguito molto prima e sta seguendo oggi strade e direzioni diverse. L’ antisemitismo oggi è all’attacco. Le manifestazioni di odio antisemita seguono schemi tra loro diversi: il suprematismo bianco, la nostalgia del colonialismo che ha sancito come meno umani gli esseri dominati, l’Islam fanatico e molte altre agenzie del potere che, dal backoffice, muovono facilmente gli odiatori.
D. Cosa deve fare lo storico?
R. Assumere l’antisemitismo come disciplina, senza appiattirsi sui problemi che genera l’odio verso Israele come stato degli ebrei. È un tema che provoca un dibattito molto forte, con toni molto accesi, nelle comunità ebraiche. Si tratta di un dibattito legittimo e necessario. Ma non si può ridurre l’antisemitismo a quell’ambito e lo storico ha il compito di aiutare tutti a contestualizzare il fenomeno antisemita, a dargli appunto una prospettiva storica. In Francia la comunità ebraica sta diminuendo perché lì gli ebrei non si sentono sicuri. A chi dice che è esagerato ricordo che quando in Italia quando furono approvate le leggi antiebraiche la comunità fu colta di sorpresa: chi non ci credeva, chi, da fascista o da simpatizzante si sentiva al sicuro, chi sperava di far passare la nottata, chi entrò nella Resistenza, chi pose in salvo se stesso o almeno la propria famiglia.
D. Storia complicata.
R. Sì.Tutta la storia è complicata, se da studiosi ci abbandoniamo alle semplificazioni non facciamo più onestamente il nostro lavoro. E non diamo più strumenti per capire l’oggi. “Israel” era un settimanale che negli anni ‘30 venne preso d’assalto da squadristi ebrei. Oggi nelle comunità ebraiche si registra una forte violenza verbale contro alcune voci critiche. Rispetto, anche se posso non essere d’accordo con alcune loro posizioni, Moni Ovadia, Gad Lerner, o Giorgio Gomel, economista e co-fondatore di gruppi per la pace. Gomel ha sostenuto ad esempio che l’abbraccio di Netanyahu agli etno-nazionalisti nostrani mette in pericolo gli ebrei in Europa. Negli ambienti ebraici ora ha molte difficoltà ad esprimersi, non viene invitato a conferenze.
D. Come leggere queste divisioni che portano anche ad escludere delle persone dentro le comunità ebraiche?
R. Per quello che è: una strategia dell’antisemitismo diretta a colpire la comunità ebraica dividendola.

News - Mondo

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information