Apertamente

di Maria Concetta Tringali da MicroMega del 2/7/2019 - “L’attualità del male"” è un volume pubblicato da Edizioni SEB 27, a cura di Maurizio Veglio, avvocato esperto di diritto dell’immigrazione. Esce a novembre del 2018 e comincia a innescare polemiche come micce. La scelta del titolo (specie nel sottotitolo), è già un faro puntato: “la Libia dei Lager è verità processuale”. Il libro è scritto a più mani, centotrenta pagine che raccolgono una serie di interventi su fatti di estrema attualità politica. Le firme sono di autorevoli giuristi – tra cui Alberto Pasquero, Pierpaolo Rivello, Lorenzo Trucco e Piergiorgio Weiss – e di uno psicanalista ed etnoclinico, Fabrice Olivier Dubosc. Al centro, l’orrore dei campi di detenzione. Domenico Quirico che scrive la prefazione definisce quello che sta accadendo, al di là e al di qua del Mediterraneo, con toni netti – «Questa è la disgrazia del mondo» - e parla di «seconda morte dell’Occidente dopo l’apocalisse dei totalitarismi». Di naufraghi in cerca di un porto sicuro è pieno il mare. Di questi giorni è la notizia della Sea Watch 3 e della sua capitana coraggiosa, costretta a forzare il blocco navale italiano di fronte a Lampedusa, per condurre sulla terra ferma 42 migranti, costretti al largo da oltre due settimane e in una situazione di comprensibile stremo delle forze.

Il tentativo di Veglio va dunque a toccare un nervo scoperto. L’intento è quello di mettere nero su bianco cosa sia la Libia dei giorni nostri, senza infingimenti e a cominciare da un punto di partenza che si rivela senz’altro privilegiato: una sentenza della Corte d’Assise di Milano che, condannando all’ergastolo uno degli aguzzini del campo di Bani Walid, ci porta fin dentro all’orrore dei lager libici. Crimini efferati, compiuti in un clima di impunità che sembra destinata a rimanere assoluta.

Per rispondere a chi quel volume lo ha attaccato sin da subito, va detto che sebbene quella sentenza non abbia ancora la forza del giudicato, essa è nondimeno depositaria di una prima verità processuale, confermata in grado d’appello il 30 marzo scorso.

A venire fuori, pagina dopo pagina, un’umanità dimenticata, reietta e violata che sembra restituirci – a molti decenni di distanza – la vergogna di quell’altra umanità, sterminata nei campi di concentramento nazisti.

Nell’Europa dei diritti umani, uomini e donne senza più diritti. E a dirlo adesso non è più la moltitudine di voci sparse, di testimoni e giornalisti, ma sono gli esiti di una lunga ed articolata istruttoria consacrati, per la prima volta, in un provvedimento dell’autorità giudiziaria italiana.

La novità è questa e può essere esplosiva. Al centro c’è in fondo una materia che scotta, c’è la questione dei migranti. Attorno a quella, i numeri degli sbarchi, la politica europea e italiana incarnata oggi da Salvini che guida il governo dei decreti sicurezza, incorruttibile solo sulla ineluttabilità dei porti chiusi. Ma c’è di più. Ci sono gli accordi internazionali, l’operazione Sofia, c’è il pacchetto Libia «approntato dall’Unione Europea per stabilizzare e armare il proprio buttafuori alla porta meridionale del continente» ci dice quel volume.

La forza del libro dirompe dapprima quando dà conto della formazione e dell’addestramento che il nostro Paese fornisce alla Guardia costiera libica, mentre fa guerra aperta alle Ong. Siamo a Taranto ed è l’autunno di due anni fa, la scena si svolge alla Scuola Sottufficiali della marina militare. Il piano narrativo è il primo nel quale ci si imbatte. «A fine agosto 2017 Associated Press diffonde la notizia per cui il Governo di accordo nazionale presieduto da al-Serraj avrebbe pagato la milizia di Ahmed Dabbashi e quella guidata dal fratello (Brigade 48) allo scopo di interrompere il flusso di profughi. L’accordo sarebbe stato concluso direttamente da rappresentanti delle autorità italiane, da cui sarebbero provenuti i fondi: “i trafficanti di ieri sono i poliziotti di oggi”». Arriva presto, quindi, anche la denuncia.

E Veglio lo dice senza remore: lo scopo ultimo, la preoccupazione di chi comanda in Italia e in Europa è bloccare le partenze, per ridurre gli arrivi. Una sottrazione: meno naufraghi, meno immigrati; di fatto sono esseri umani ridotti a numeri.

Siamo stati abituati a ragionale di diritto di asilo (è nostra la Costituzione che al terzo comma dell’art. 10 riconosce che «lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l'effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d'asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge») e di status di rifugiato, come di protezione internazionale.

Bisogna dire che il quadro interno è oggi molto cambiato. Da ultimo, sotto i colpi del governo gialloverde e della maggioranza che quello sottende, il legislatore ha espunto dal sistema perfino la protezione umanitaria; si è scelta una tipizzazione che rende ai più deboli complicato anche solo sperare di riceverla, una qualche forma di tutela.

Il libro si rivela subito un atto di accusa, limpido e senza sconti ed è rivolto ad ognuno di noi, perché «Non possiamo più ignorare». L’intervento di Piergiorgio Weiss arriva appena dopo l’introduzione. Lui è l’avvocato che in quel processo ha rappresentato l’Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione (ASGI), costituitasi parte civile. «Non possiamo più permetterci di ignorare che vi siano campi di raccolta di esseri umani sorvegliati da uomini armati, chiusi di notte con delle catene, circondati da mura dove all’interno le persone detenute vivono a centinaia, donne insieme agli uomini e ai bambini, rinchiusi in precarie condizioni igieniche, dormendo per terra con un solo bagno in comune, scarsamente alimentati, picchiati quotidianamente, con pugni, calci, bastoni, spranghe di ferro fino a provocare molteplici fratture e persino la morte, ustionati da sacchetti di plastica posti sulla schiena delle vittime facendo colare la plastica liquefatta e incandescente sul corpo, con la presenza di vere e proprie stanze delle torture dove si usano scariche elettriche, frustate e tecniche di agonia prolungata come l’abbandono sotto il sole sino alla disidratazione. Non possiamo più fingere di non sapere delle molteplici ed efferate violenze sessuali nei confronti di ragazze anche di minore età, ancor più atroci data la condizione di infibulate delle vittime».

Ma il punto di rottura è forse uno snodo. Chiama in causa tutti i governi del continente, fregiatosi per anni di essere la culla dei diritti umani. Alcuni giudici, diversi mesi dopo la sentenza di Milano, lo hanno scritto. Lo ha fatto ad esempio il GIP presso il Tribunale di Ragusa, sulla vicenda Open Arms del marzo 2018, quando ha dissequestrato la nave, sul presupposto che per salvare non basti raccogliere dal mare, ma occorra un passaggio ulteriore. Il punto rimane quello, tanto oggi - nei giorni della capitana coraggiosa (una donna, giovane e fiera) della Sea Watch 3 – quanto ieri: salvare è condurre i naufraghi in un porto sicuro. E Tripoli, si legge, è «luogo in cui avvengono gravi violazioni dei diritti umani». Identiche conclusioni ce le ha appena consegnate la Corte d’Assiste di Agrigento, in una decisione del 22 giugno scorso: la Libia è luogo disseminato di campi e centri di raccolta dove i migranti restano reclusi, prigionieri di veri e propri lager.

Ecco, è allora forse il caso di dirlo: la forza del libro curato da Maurizio Veglio sta proprio nell’Attualità del male.

News - Mondo

Galleria fotografica

Consigliati

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information