Apertamente

di Marina Forti da Internazionale del 7/3/2019 - Questo articolo nasce dal lavoro comune di un gruppo di giornali europei, Europe’s far right research network, in vista delle elezioni europee del 2019. Ne fanno parte, oltre a Internazionale, Falter (Austria), Gazeta Wyborcza (Polonia), Hvg (Ungheria), Libération (Francia) e Die Tageszeitung (Germania). Sul finire di un inverno insolitamente tiepido su tutta l’Europa occidentale, bisogna chiedersi: l’Unione europea sarà in grado di fare la sua parte per contrastare il riscaldamento globale? Stiamo parlando dell’impegno a diminuire l’emissione di anidride carbonica e altri gas a effetto serra rilasciati dalle centrali termiche, dai motori, dalle industrie, dai sistemi di trasporti, dai cementifici di tutto il continente.

Nell’ambito degli accordi sottoscritti a Parigi nel 2015, l’Unione europea si è data l’obiettivo di diminuire del 40 per cento le sue emissioni entro il 2030. In pratica, significa accelerare la transizione alle energie rinnovabili per tagliare i consumi di combustibili fossili come petrolio, gas e carbone. Si tratta di indirizzi politici generali che riguardano i piani energetici e dei trasporti, le decisioni come quella di abbandonare il carbone o tassare i carburanti, gli incentivi per l’auto elettrica. Sono decisioni che dipendono in parte dai singoli paesi, e molto dall’Unione europea nel suo insieme. E dal Parlamento europeo, per cui voteremo a maggio.

I partiti della destra radicale sono l’incognita principale: quelli ultranazionalisti, antieuropeisti, per lo più antimmigrati, spesso antisistema che negli ultimi anni hanno guadagnato terreno in diversi paesi europei, ottenendo forti rappresentanze nei parlamenti nazionali e in alcuni casi andando anche al governo – come in Ungheria, in Austria, in Polonia e in Italia. Nell’ultima legislatura europea (2014-2019), i ventuno partiti della destra radicale avevano insieme quasi il 15 per cento dei seggi, la quota più alta degli ultimi trent’anni.

Verità convenienti
Questi partiti si sono per lo più opposti alle politiche per contrastare il cambiamento climatico: ma non tutti l’hanno fatto e soprattutto non con gli stessi argomenti. Ci sono quelli apertamente “negazionisti” o “scettici”, che negano o comunque mettono in dubbio l’impronta umana sul riscaldamento globale. Più spesso però le destre europee non citano affatto la questione del clima nei loro programmi, o l’affrontano solo in modo marginale, e senza prendere posizioni chiare – come si scopre dalla mappatura dei programmi delle estreme destre europee sul clima condotta da due ricercatori dell’istituto berlinese Adelphi (Convenient truths. Mapping climate agendas of right-wing populist parties in Europe, Berlino 2019). E ci sono perfino partiti dichiaratamente di estrema destra che sostengono la necessità di favorire la transizione energetica.

È decisamente “negazionista” il Freiheitliche partei österreichs (Partito austriaco della libertà, Fpö), dell’estrema destra nazionalista austriaca, che fa parte della coalizione di governo a Vienna: nei suoi documenti si legge che il cambiamento climatico è “propaganda”. Nel parlamento austriaco l’Fpö ha votato contro la ratifica degli accordi di Parigi sul clima. Sostiene che misure come la carbon tax (tassa sui combustibili fossili) avranno l’effetto di deindustrializzare l’Austria e tutta l’Europa. Soprattutto, sostiene che “il cambiamento del clima non deve diventare una giustificazione per concedere asilo, o l’Austria rischia di essere sommersa da milioni di rifugiati ambientali”.

Secondo Marine Le Pen la lotta ai cambiamenti climatici è “un complotto comunista”

Anche la tedesca Alternative für Deutschland (Alternativa per la Germania, Afd), antieuropeista e dai connotati di estrema destra, sostiene che “l’anidride carbonica non è una sostanza inquinante” e che il cambiamento climatico è un’invenzione. Si ispira alle posizioni dell’Europäisches Institut für Klima und Energie (Istituto europeo per il clima e l’energia, Eike), che attacca in modo sistematico la scienza del clima.

L’Afd e l’Fpö hanno alcuni riferimenti comuni. I rispettivi istituti di ricerca, l’austriaco Hayek institut e la tedesca Hayek Gesellschaft (entrambi intitolati all’economista Frederich von Hayek, considerato un capostipite della scuola liberista), sono affiliati all’Austrian economic centre, istituto privato che a sua volta mantiene stretti legami con alcune fondazioni della destra ultraconservatrice statunitense. Tra questi è particolarmente presente l’Heartland institute, un think-tank che negli Stati Uniti ha fatto attivamente lobby a difesa dell’industria del tabacco e, nel caso in questione, per dimostrare che non esiste un’impronta umana nel cambiamento climatico.

L’Heartland institute è finanziato tra gli altri dalle compagnie petrolifere Koch Industries ed ExxonMobil; a sua volta l’istituto da parte dell’Atlas network, una rete di fondazioni e istituti liberisti americani in cui troviamo anche il Cato institute e il Committee for a constructive tomorrow (Comitato per un domani costruttivo, Cfact, che tra i suoi finanziatori ha di nuovo la Koch Foundation, la ExxonMobile, la Chevron e la Chrysler). Citiamo queste sigle perché sia l’istituto Heartland sia l’Atlas network e gli altri sono spesso ospiti e partner di eventi organizzati dall’istituto Hayek, e viceversa. Insomma: l’estrema destra austriaca e quella tedesca hanno stretti legami con alcune tra le più note fondazioni dell’estrema destra americana, tutte finanziate dall’industria petrolifera, protagoniste di un’aggressiva azione di lobby contro le politiche sul clima.

Una questione di convenienza
Non tutti i partiti della destra europea però si oppongono alle politiche sul clima mettendone in dubbio la validità scientifica. Gli argomenti sono altri: per esempio che le energie rinnovabili pesano sulle bollette pagate dai cittadini. L’AfD osteggia la legge approvata in Germania per le energie rinnovabili sostenendo che sono “non competitive”, e quindi rappresentano un costo per l’economia nazionale e uno strumento per dare sussidi ad alcune lobby economiche.

Nella Repubblica Ceca, il partito Svoboda a přímá demokracie (Libertà e democrazia diretta, Spd) usa argomenti simili: ha coniato il termine “i baroni del solare”, per indicare le aziende che beneficiano delle sovvenzioni statali per le energie rinnovabili. In Francia, il Front national guidato da Marine Le Pen sostiene che la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sul clima (Unfccc), da cui discende tutta la trattativa internazionale in materia, è “un complotto comunista” per limitare l’economia francese – anche se poi appoggia l’uso di energie rinnovabili generate in Francia per “diminuire la dipendenza dai paesi arabi del Golfo che insieme al petrolio ci mandano la loro ideologia”.
Una protesta ambientalista per proteggere la foresta di Hambacher, nell’ovest della Germania, minacciata dall’espansione di una miniera di carbone, 27 ottobre 2018. - Till Rimmele, Getty Images
Una protesta ambientalista per proteggere la foresta di Hambacher, nell’ovest della Germania, minacciata dall’espansione di una miniera di carbone, 27 ottobre 2018. (Till Rimmele, Getty Images)

Altri sono contrari alla decisione europea di abbandonare il carbone in nome dei posti di lavoro: questione sensibile in Germania e soprattutto in Polonia, dove il carbone resta una parte importante dell’economia. Il partito Prawo i sprawiedliwość (Diritto e giustizia, Pis) del presidente Jarosław Kaczyński ha sempre difeso l’industria mineraria in nome del lavoro e della “indipendenza energetica” del paese (presunta, visto che la Polonia importa carbone dalla Russia), oltre che per mantenere la sua base di consenso tra i sindacati dei minatori (non stupisce che l’Heartland institute abbia cercato contatti proprio con i sindacati polacchi, come si apprende dal giornale della destra statunitense Breitbart).

L’Ungheria offre un inaspettato esempio opposto: la Magyar polgári szövetség (Alleanza civica ungherese, Fidesz, presieduta dall’attuale premier Viktor Orbán) è un partito autoritario noto per le posizioni violentemente xenofobe e antieuropee, ma sostiene che è necessario tagliare le emissioni di gas serra per limitare il cambiamento climatico.

Lo stesso vale in Lettonia per la Nacionālā apvienība (Alleanza nazionale, Na), di estrema destra e partner del governo in carica: sostiene che la transizione energetica favorirà il clima e l’innovazione tecnologica, facendone una questione di “nazionalismo energetico”. Si noti che Fidesz è al potere dal 2010 e l’Alleanza nazionale lettone dal 2011. E che entrambi i paesi, per come sono strutturate le rispettive economie, sono al di sotto della media europea per le emissioni di gas serra.

E l’Italia?
In Italia, la Lega di Salvini parla nel suo programma di transizione energetica e di economia sostenibile, ma finora ha contrastato le misure concrete sul cambiamento climatico. Al parlamento europeo nella scorsa legislatura ha votato contro tutte le proposte di politica energetica e sul clima, salvo una direttiva sul risparmio energetico nell’edilizia. Nel parlamento italiano la Lega si è astenuta dal ratificare gli accordi di Parigi: “Non perché non concorda con questi obiettivi, ma perché l’accordo raggiunto è un compromesso al ribasso … che permette alle aziende cinesi e dei paesi in via di sviluppo di fare concorrenza sleale alle imprese italiane in regola con produzioni rispettose dell’ambiente”, spiegava il deputato della Lega Gianluca Pini (nell’ottobre 2016).

Il fatto è che dichiarazioni di aperto rifiuto della scienza del clima in Italia sono per lo più marginali. Nell’aprile del 2009 il senato aveva approvato la mozione di un folto gruppo di esponenti di Forza Italia-Partito della libertà, che affermava l’incertezza scientifica e chiedeva di revocare gli accordi europei allora in vigore sul clima: ma accadeva dieci anni fa e la cosa è rimasta senza seguito. L’opposizione alle energie rinnovabili nel nostro paese non ha avuto bisogno di negare la scienza: “Il diktat di fermare a ogni costo le rinnovabili in Italia, cosa che è di fatto accaduta, è venuto dal settore del gas e sembra che sia ancora in vigore”, osserva Giuseppe Onufrio, direttore di Greenpeace Italia.

Sta di fatto che la questione del clima non è una priorità per la Lega: salvo quando il vicepremier Matteo Salvini scriveva su Twitter (24 marzo 2018), che “non si può usare un argomento serio come il clima per legittimare l’immigrazione illegale”, in sintonia con il negazionismo dell’Fpö.
L’articolo continua dopo la pubblicità

Tra i negazionisti a oltranza e i “protettori del clima” ci sono diverse sfumature. Uno dei più forti partiti della destra antieuropea oggi rappresentati al parlamento di Bruxelles, il danese Dansk folkeparti (Partito popolare, Df), nel suo programma non parla del cambiamento climatico, ma nei suoi comunicati nega che si possa attribuire con certezza alle attività umane. L’olandese Partij voor de vrijheid, (Partito della libertà, Pvv), noto per le posizioni fortemente antimusulmane e xenofobe del suo leader Geert Wilders, sostiene che non ci sono prove che il cambiamento del clima sia provocato dalle attività umane.

Il belga Vlaams belang (Interesse fiammingo, Vb), ultranazionalista e spesso apertamente razzista e antisemita, del clima non parla affatto. La greca Alba dorata, famosa per i suoi raid violenti contro gli immigrati stranieri, non parla di clima ma vuole aprire pozzi petroliferi in Grecia in nome del “nazionalismo energetico”. Forse, più che alle dichiarazioni di principio, bisogna guardare come hanno votato i ventuno partiti della destra radicale rappresentati nel parlamento europeo durante l’ultima legislatura.

Per lo più si sono opposti alle misure di politica energetica che potrebbero favorire la transizione alle energie rinnovabili. Hanno votato contro la ratifica degli accordi di Parigi sul clima (anche se non in modo compatto: otto si sono espressi a favore). Tutti hanno votato contro la direttiva sull’efficienza energetica, con la sola eccezione dell’ungherese Fidesz. Al dunque, la destra non è amica del clima.

Questo articolo nasce dal lavoro comune di un gruppo di giornali europei, Europe’s far right research network, in vista delle elezioni europee del 2019. Ne fanno parte, oltre a Internazionale, Falter (Austria), Gazeta Wyborcza (Polonia), Hvg (Ungheria), Libération (Francia) e Die Tageszeitung (Germania).

 

News - Mondo

Galleria fotografica

Consigliati

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information