Apertamente

di Marzio Galeotti e Alessandro Lanza da La Voce del 18/12/2018 - Tra spinte verso obiettivi più ambiziosi e minacce di cancellare ogni accordo, le conclusioni della Cop24 hanno scontentato tutti. I disastri ambientali e gli allarmi degli scienziati non bastano a scardinare gli interessi particolari dei singoli paesi. Le conclusioni di Katowice. Alla Cop24, la conferenza sul clima che si è chiusa il 15 dicembre a Katowice in Polonia, i delegati di quasi duecento paesi hanno avuto necessità dei tempi supplementari per giungere a una conclusione. La diplomazia dell’orologio, quella che si traduce nel fermare virtualmente il tempo alla mezzanotte del giorno di scadenza del negoziato per poter continuare a trattare, era già stata applicata oltre venti anni fa in occasione della firma del protocollo di Kyoto. Nel 2018, al termine delle ulteriori 24 ore di negoziato, il commento del presidente della Cop, il polacco Michal Kurtyka, è stato: “Abbiamo fatto del nostro meglio per non lasciare indietro nessuno”. Frase che meglio di altre sintetizza lo sforzo fatto per chiudere un accordo che scontenta un po’ tutti.

Scontenta certamente chi, sull’onda del recente rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (Ipcc) che raccomanda la necessità di contenere l’incremento della temperatura del pianeta a 1,5°C, sperava in un accordo più coraggioso e visionario. Scontenta chi velatamente o esplicitamente ha cercato di sabotare l’intero impianto negoziale. Gli Stati Uniti, per esempio, che pur partecipando all’accordo continuano, per bocca del presidente Trump, a minacciarne l’uscita. Scontenta chi voleva inserire una clausola che aprisse al mercato globale dei certificati di riduzione delle emissioni, a causa della forte opposizione del Brasile. Questo paese ha ritirato la disponibilità a ospitare la conferenza dell’anno venturo, sotto l’impulso del presidente eletto Jair Bolsonaro, che in fatto di cambiamenti climatici sembra già fare buona compagnia al presidente Trump. Poi ci si è messa la Turchia, che non voleva essere classificata tra i paesi sviluppati, ma tra quelli in via di sviluppo.

Le domande senza risposta

Tra i tanti temi all’ordine del giorno, comunque, un ruolo fondamentale aveva la preparazione del cosiddetto “Libro delle regole”. È stato raggiunto un accordo su un sistema di regole unitario che detterà come i paesi devono misurare e registrare le proprie emissioni e i relativi obiettivi in base agli impegni assunti nel 2015 a Parigi di mantenere l’aumento medio della temperatura mondiale ben al di sotto dei 2°C rispetto ai livelli preindustriali, con l’obiettivo di limitarlo a 1,5°C. Queste regole elimineranno la precedente distinzione tra paesi sviluppati e in via di sviluppo.

Altre domande non hanno trovato risposta e, una fra tutte, è quella sempre presente dei finanziamenti dai paesi più industrializzati agli altri, considerate le responsabilità storiche nell’incremento delle concentrazioni di CO2 in atmosfera.

Ma soprattutto resta un tema: la domanda chiave relativa al fatto se i paesi stiano facendo abbastanza per ridurre le loro emissioni, alla luce del recente rapporto dell’Ipcc, è stata semplicemente depennata dal dibattito per manca di volontà politica.

Commentando la firma il 25 marzo 1957 del trattato istitutivo della Comunità economica europea il Corriere della Sera scriveva: “Quello che è stato realizzato è il risultato di sforzi poco ordinari da parte dei governi, i quali hanno sormontato in maniera eccezionale le obiezioni delle loro amministrazioni nazionali”.

In quel momento storico fu possibile tagliare un importante traguardo attraverso uno slancio pienamente politico, sorretto da un attento sguardo diretto al futuro. Si realizzò il superamento di quella politica dell’immediato che invece oggi riveste un ruolo sempre più cruciale nelle nostre società. Nel 1957, una robusta spinta al superamento di quella politica venne dalle guerre e dalle distruzioni che avevano caratterizzato i trenta anni più bui dell’Europa (1915-1945).

Oggi, gli allarmi sempre più frequenti, i disastri ambientali, il carico di morti che questi eventi hanno comportato – tutti fatti ormai univocamente attribuiti al cambiamento climatico – non sono stati invece sufficienti a modificare il previsto esito della conferenza Onu sul clima di Katowice.

D’altra parte, l’attuale amministrazione americana ha definito il cambiamento climatico una bufala, totale e molto costosa, inventata dai cinesi con il preciso scopo di rendere non competitivi i prodotti statunitensi. E non ha esitato inoltre a parlare del riscaldamento globale come di una “cazzata” (bullshit), sostenendo come il nostro pianeta si stia invece congelando. Donald Trump ha poi richiamato il suo “natural instinct for science” (naturale istinto scientifico) per confutare le conclusioni del più recente rapporto Ipcc.

Anche a casa nostra, il consigliere parlamentare Cristiano Ceresani, capo di gabinetto del ministero per la Famiglia, sostiene che il cambiamento climatico sia dovuto al comportamento umano, soggetto alle tentazioni di Satana.

Se questo è il tempo in cui viviamo quale risultato potevamo attenderci? Il prossimo appuntamento è a Santiago del Cile per la Cop 25.

News - Mondo

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information