Apertamente

di Matteo Zola da East Journal del 7/2/2017 - Ogni anno nel verde prato di Bleiburg decine di migliaia di persone, provenienti da ogni parte della Croazia, si trovano per glorificare – con tanto di messa e incensi –i fascisti caduti durante la Seconda guerra mondiale. Commemorano i loro martiri, quei soldati ustascia e quei collaborazionisti dello Stato indipendente di Croazia che, agli ordini di Ante Pavelic, sterminarono ebrei, rom e serbi in quantità. Ogni anno il piccolo villaggio austriaco di Bleiburg diventa così la capitale del revanscismo croato, del suo modo distorto di leggere la storia. Al grido di “Per la patria, siam pronti!” – che fu proprio il motto degli ustascia – la folla saluta i suoi eroi. Tra i presenti, non mancano le autorità politiche e quest’anno hanno presenziato in veste ufficiale Zlatko Hasanbegovic, ministro della Cultura, eTomislav Karamarko, leader dell’HDZ, partito di centrodestra tradizionalmente al potere. Accanto a loro, Branimir Glavaš condannato per crimini di guerra commessi durante le guerre jugoslave degli anni Novanta. Mancava solo la presidente Grabar-Kitarovic, che ci era comunque andata l’anno prima. Questa è l’immagine della Croazia di oggi, che si vuole europea e democratica ma fa il saluto fascista alla memoria degli ustascia uccisi.

Il filo della barbarie

Non manca nulla. Il filo della barbarie è teso, gli stracci del nazionalismo croato vi sventolano tutti: il regime ustascia di Ante Pavelic rinviene attraverso i suoi morti; quello etno-nazionalista di Franjo Tudjman è un vecchio criminale di guerra impettito; il potere neo-ustascia è incarnato dai politici rampanti che assistono alla cerimonia. La continuità tra il passato è il presente è assicurata.

Non c’è da stupirsi, la “nuova” Croazia degli anni Novanta nasce recuperando tutto l’armamentario simbolico e ideologico del regime fascista di Pavelic. E di quel regime ha recuperato anche la criminalità: non a caso Franjo Tudjman, primo presidente della Croazia indipendente negli anni Novanta ed uno degli artefici della dissoluzione della ex-Jugoslavia, è stato riconosciuto post mortem dal Tribunale Penale Internazionale per l’ex-Jugoslavia come principale responsabile delle stragi e deportazioni di civili serbi dalla Croazia nel 1995, avendo ispirato ed organizzato tali operazioni.

La rimozione di Anna Frank

Quel filo non si è spezzato. La Croazia europea e democratica di oggi non smette di strizzare l’occhio a quel retaggio nero. E gli esempi, inquietanti, non mancano e provengono non solo dalla classe politica – che pure legittima, come nel caso di Bleiburg, un certo revisionismo – ma dalla società croata stessa. Nelle scorse settimane un preside di Sebenico, Josip Belamaric, ha ordinato la rimozione di una mostra dedicata alla figura di Anna Frank, organizzata da una associazione partner del Museo Anna Frank di Amsterdam, e destinata agli alunni delle scuole. Il motivo è che tale mostra rappresentava in modo negativo i soldati ustascia, quali organizzatori di campi di concentramento e macellai di migliaia di ebrei. Una falsità, secondo il preside, che ritiene evidentemente l’oblio e la mistificazione il pane migliore per crescere dei baldi giovani neo-ustascia.

La patacca sulla memoria

Non finisce qui. Su quel filo di barbarie che unisce passato e presente del paese, un altro cencio sventola. Non una bandiera, ma una patacca – o meglio, una placca – piazzata all’ingresso del campo di Jasenovac. Sulla patacca ci sono i nomi di undici combattenti morti nelle guerre degli anni Novanta, militanti delle HOS, truppe paramilitari organizzate dall’ultra-nazionalista Partito croato dei diritti. I militanti dello stesso partito, insieme ai veterani di guerra, hanno deciso di onorare la memoria dei loro commilitoni in quello che è il simbolo della bestialità del fascismo croato: Jasenovac, campo di concentramento croato in cui morirono, durante la seconda guerra mondiale, circa 40mila serbi, 15mila ebrei, altrettanti zingari e musulmani. A rinforzare il carattere neofascista dell’iniziativa, il motto “Per la patria, siam pronti!” campeggia sulla patacca a ricordare l’ideale legame tra quei morti e quelli del passato. Fascisti di tutte le ere unitevi! E’ un po’ come se Forza Nuova andasse a piazzare una placca con scritto “Heil Hitler” all’ingresso di Auschwitz.

Il governo non sembra intenzionato a far nulla per rimuovere la placca, così le associazioni ebraiche hanno deciso  di non unirsi alle autorità per il prossimo Giorno della Memoria. D’altronde ci va solo la faccia da culo di Zagabria per celebrare da un lato le vittime della Shoà e dall’altro gli “eroi” del fascismo ustascia.

Il pogrom di capodanno

Per iniziare bene l’anno nuovo, a Zagabria si è deciso di dare la caccia al negro. Uomini incappucciati hanno trascorso la notte di capodanno a pestare migranti e rifugiati a colpi di mazza da baseball, mentre una loro amica riprendeva tutto. Altri eroi della moderna Croazia immortalati per l’eternità! Chissà, forse un giorno avranno anche loro una bella targa commemorativa: “Qui giacciono i volontari della pace che difesero il paese dall’orda dei musulmani infedeli”. Quando la polizia è arrivata era ormai troppo tardi, ma ha comunque fatto in tempo a rifiutarsi di accompagnare i feriti in ospedale. Il fatto è che queste persone sono state aggredite sui trasporti pubblici, in luoghi pubblici e anche di fronte al centro di accoglienza, il che solleva dubbi circa la loro sicurezza e sul livello di connivenza sociale di fronte a queste violenze. Anche la polizia, invece di tutelare la sicurezza, approfitta del clima di impunità e pregiudizio per picchiare i richiedenti asilo, deportarli e calpestare i loro diritti. La tensione sociale nel paese è in aumento, come lo sono povertà e disoccupazione: media e politici fanno il gioco di sempre, spostano sui migranti l’attenzione, dipingendoli come il problema. La solita guerra tra poveri.

Un quadro desolante

Nel cuore del paese il declino economico si combina con la paura dell’immigrazione e dà luogo a un diffuso pregiudizio alimentato dai veterani delle guerre jugoslave che sono la base elettorale dell’attuale leadership al potere. Molti di questi ex-combattenti guardano con nostalgia all’epoca del regime ustascia, ritenendo di doversi ergere a difensori del paese anche in tempo di pace. Il nemico è lo straniero. Il migrante che viene dalla Siria come il musulmano di Bosnia o il serbo vicino di casa.

La memoria dei conflitti inter-etnici, che ha radice fin nelle guerre balcaniche per passare dalle atrocità della Seconda guerra mondiale fino alle guerre jugoslave degli anni Novanta, è sempre una memoria armata, una memoria di parte. E lo è proprio perché il filo col passato criminale e omicida, nei Balcani tutti e in Croazia specialmente, non si spezza. Non deve quindi stupire l’allarme lanciato da Ivica Dacic, ministro degli Esteri serbo, che ha parlato di “fascismo sottotraccia” nella società e nella politica croate. La paura dei serbi nei confronti di una “nuova” Jasenovac, di un nuovo sterminio, è ciò che li ha spinti a sparare per primi nelle guerre jugoslave – in questo debitamente manipolati dalle loro élites criminali. I nazionalismi si alimentano a vicenda. Il nazionalismo croato è oggi costantemente tollerato quando non apertamente alimentato da una narrativa patriottarda e neofascista che trova proprio nella politica i suoi punti di riferimento. Un quadro desolante per il ventottesimo stato membro dell’Unione Europea

News - Mondo

Quale orizzonte per la sinistra

Indagine SWG per Apertamente

Scarica l'indagine >>>

Galleria fotografica

Consigliati

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...

Le mie memorie

Le mie memorie
Da Aiello, piccolissimo paese del Friuli orientale, alla Cina passando dalla Russia dopo esser cresciuto in Brasile.
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information