Apertamente

di Chiara Maritato da Osservatorio Balcani e Caucaso del 9/1/2017 -  La Turchia del dopo golpe si delinea sempre di più come un paese spaccato, in cui tutti devono schierarsi tra gli "eroi" per non venir classificati come "traditori". Un'analisi. Nell’estate del 2011, mentre passeggiavo insieme a due amici in un parco di Esfahan, in Iran, si presentò a noi un signore di mezza età. Dopo averci raccontato, in perfetto italiano, dei suoi studi in Italia, aggiunse: “Sapete, qui all’inizio pensavamo che tutto questo non sarebbe durato che un paio di anni… e invece, ora siamo quasi a trentatré.” Non aggiunse altro e sparì, veloce com’era arrivato. Più volte ho ripensato all’amarezza di quel signore di Esfahan che si rattristava per non aver saputo decifrare quanto era accaduto nel suo paese. Rivoluzionario o no, il quotidiano è un punto di partenza fallace per decifrare il futuro. Quanto dureranno gli arresti di giornalisti, politici e accademici in Turchia: ancora qualche mese? Qualche anno? Oppure l’intenzione è di trasformare la Turchia in “una prigione a cielo aperto”, per dirla con le parole di Murat Belge, un intellettuale che ha speso la sua vita personale e accademica nella lotta per le libertà e i diritti umani? Dall’indomani del tentato golpe avvenuto nemmeno sei mesi fa, il 15 luglio 2016, il numero degli arresti convalidati, 40.000, è senza dubbio allarmante. Se si unisce a quello delle persone in fermo, 82.000, e alle 115.000 persone che hanno perso il lavoro, siamo di fronte a cifre che persino i più miopi farebbero fatica ricondurre alla normalità.
Chi è "terrorista"?

Al di là dello stato di emergenza, dichiarato pochi giorni dopo il fallito golpe, il 21 luglio 2016, ed esteso per la seconda volta per altri tre mesi il 4 gennaio, è soprattutto dalla controversa Legge antiterrorismo che si deve partire per analizzare l’escalation di misure detentive. Emanata nel 1991, nel pieno del conflitto tra Ankara e PKK, la legge ha conosciuto diversi emendamenti. Tra questi, nel 2015 è da ricordare l’approvazione di un Pacchetto per la sicurezza interna (Iç Güvenlik paketi) costituito da due leggi: la prima rafforza i poteri investigativi della polizia, disponendo la possibilità di condurre indagini, utilizzare armi, registrare e sottoporre a fermo individui senza formale mandato e di disperdere manifestanti da luoghi di protesta. La seconda legge si concentra invece sui media e in particolare su Internet, dando il potere al Primo ministro e ad altri ministri di rilievo di richiedere immediatamente la rimozione di contenuti e di bloccare siti web se non si fa seguito a una precedente ingiunzione e se ritenuti a rischio per la sicurezza.

Così il pacchetto sicurezza del 2015 ha ridefinito non solo la legge anti-terrorismo, ma anche il significato del termine stesso, terrorista. Terrorista non è solo chi si fa saltare in aria tra la folla pronta a sfilare in un corteo ad Ankara o fa esplodere autobombe davanti alle caserme. Terrorista è anche un sito web che minaccia la sicurezza nazionale, terrorista è chi “insulta” il Presidente della Repubblica mezzo stampa e social networks, terrorista è chi firma una petizione dietro una cattedra, chiedendo la pace con il popolo curdo. Terrorista è l’ex alleato numero uno, il predicatore Fethullah Gülen esiliato negli Stati Uniti, con la sua comunità religiosa (cemaat) e il suo impero economico e mediatico, ribattezzato, dall’11 dicembre 2015, Organizzazione Terroristica (Fetullahçı Terör Örgütü, FETÖ). Nel mirino quindi partiti, associazioni filo-curde e FETÖ, due realtà così diverse eppure accomunate dalla stessa etichetta.
Gülen e questione curda

L’ondata di arresti è da ricondursi a due eventi chiave. Da una parte la rottura formale tra l’AKP di Erdoğan e la cemaat di Gülen iniziata nel dicembre 2013; dall’altra la fine del processo di pace, o meglio delle negoziazioni con i curdi, nel 2015. Per quanto riguarda la prima, le purghe hanno interessato la rete d’imprese, scuole e ospedali legati alla cemaat già nei due anni precedenti al golpe dello scorso luglio che, secondo il governo, è stato orchestrato dalla stessa comunità. Tuttavia, l’infiltrazione capillare della cemaat negli apparati statali è il risultato di un processo lungo almeno un decennio.

La ripresa degli scontri nel sud-est del paese, con intere zone sottoposte a coprifuoco e la serie di attentati in aree urbane da parte del PKK e gruppi a esso riconducibili, ha riaperto lo scontro, portandolo oltre il piano militare. I recenti arresti di circa 8000 membri del Partito Democratico dei Popoli (HDP) filo-curdo, tra cui i suoi leader nazionali, lo scorso novembre, non sono di certo segnali positivi per il dialogo, condizione necessaria per la pace. L’HDP, ormai una presenza stabile nel parlamento nazionale, con il 10% di voti e 59 seggi conseguiti alle elezioni del novembre 2015, è stato un interlocutore prezioso nelle negoziazioni tra governo e PKK tra il 2013 e il 2015.

L’epurazione di apparati della burocrazia, di intellettuali e della classe dirigente in nome di una minaccia alla sicurezza nazionale può alimentare una polarizzazione – ed estremizzazione – della società. Se s’insinua nella popolazione la paura di far parte dell’opposizione, si rischia di soffocare una democrazia. Del resto, come si può rafforzare la società civile nella sua pluralità se intellettuali, giornalisti e membri dell’opposizione (curda e non) ingrossano le carceri con l’accusa di terrorismo?
Tra due imam

Gli arresti appaiono uno dei pochi punti fermi: collante per i sostenitori e monito per chi ha posizioni critiche. Soprattutto, essi alimentano una dicotomia che, come ha brillantemente sintetizzato l’antropologa Jenny White attenta studiosa dei movimenti Islamisti in Turchia, non lascia spazio a equivoci: tutto rientra in uno schema binario, o traditore (hain) o eroe (kahraman). È una riduzione semplicistica, o con me o contro di me, che svilisce e sgretola ogni dialogo. Riprendendo un’affermazione dello scrittore Nedim Gürsel all’indomani del fallito golpe, è come se i turchi dovessero per forza schierarsi “tra due imam”, ovvero tra due tendenze teocratiche: il predicatore Gülen da una parte, e il conservatorismo religioso dell’AKP che da 15 anni è al governo.

E gli altri? Chi vince democraticamente le elezioni, governa anche per chi non ha votato per lui. E’ un assioma così lapalissiano, eppure una delle più grandi prove che ogni governo democratico dovrebbe impegnarsi a superare. Perché restringere gli spazi di opposizione e tacciare le voci scomode che rappresentano quell’altra parte di Turchia, oggi minoranza? A chi giova accentuare la polarizzazione sociale? E’ davvero questa l’unica strada per combattere il terrorismo?

Se una cosa si è rafforzata, è la minaccia di attentati su due fronti: uno di matrice curda e l’altro ad opera di individui o gruppi riconducibili all’ISIS. L’ultimo di questi, avvenuto la notte di Capodanno nella discoteca “Reina” di Istanbul, ha simbolicamente chiuso un annus horribilis se si considera che dal giugno 2015 hanno perso la vita più di 1500 persone tra civili, militari e agenti di polizia.

L’instabilità sembra destinata a non placarsi. Gli scontri al confine turco-siriano e i futuri sviluppi della Dichiarazione di Mosca del 20 dicembre 2016, che sancisce la legittimità del governo siriano e segna un cambio di rotta nei rapporti della Turchia con Iran e Russia dopo cinque anni di politica anti-Assad, vedono molti riflettori internazionali puntati su Ankara.

Tuttavia, più la Turchia è nell’occhio del ciclone, più sale il rischio che si acuisca la crisi economica. Le magnifiche sorti del capitalismo che hanno agito da traino in questo decennio di crescita a marchio AKP hanno subito una battuta di arresto. A causa delle recenti svalutazioni della moneta e del calo degli investimenti esteri, la borghesia produttiva filogovernativa avrà presto bisogno di rassicurazioni. È soprattutto auspicabile (ma per ora poco prevedibile) che il 2017 porti a una normalizzazione dei rapporti con i partiti dell’opposizione e a una spinta inclusiva, che vada oltre l’individuazione di nemici comuni, e che esca soprattutto dall’arida distinzione fra traditori ed eroi.

News - Mondo

Quale orizzonte per la sinistra

Indagine SWG per Apertamente

Scarica l'indagine >>>

Galleria fotografica

Consigliati

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...

Le mie memorie

Le mie memorie
Da Aiello, piccolissimo paese del Friuli orientale, alla Cina passando dalla Russia dopo esser cresciuto in Brasile.
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information