Apertamente

di Giulia Bettin, Alessia Lo Turco e Daniela Maggioni da Lavoce.info dell'11/8/2014 - L’afflusso di manodopera straniera non ha ripercussioni esclusivamente sul mercato del lavoro, ma può anche influenzare le scelte in termini di intensità di capitale umano e fisico, livelli di automazione e specializzazione delle imprese manifatturiere italiane. NON C’È SOLO IL SALARIO La letteratura economica in tema di immigrazione si è focalizzata prevalentemente sull’analisi dell’impatto dell’afflusso di lavoratori stranieri sui livelli salariali e occupazionali degli autoctoni, a prescindere dalle relazioni di sostituibilità e complementarietà esistenti tra i fattori produttivi all’interno delle imprese. Solo recentemente alcuni lavori hanno investigato direttamente l’effetto di una maggior disponibilità di forza lavoro straniera sul grado di automazione e di intensità di capitale adottati dalle imprese, nell’ipotesi che l’utilizzo di lavoro straniero influenzi anche le tecniche di produzione e persino le scelte produttive. L’evidenza empirica a tale riguardo è però contrastante: da un lato, l’aumento dell’immigrazione nelle aree metropolitane degli Stati Uniti sembra andare di pari passo con una riduzione della intensità di lavoro qualificato e di capitale della produzione locale. (1) Dall’altro lato, l’aumento degli immigrati nelle province italiane si è tradotto in una crescita degli investimenti fissi delle piccole e medie imprese presenti sul territorio. (2)
In un nostro recente lavoro, l’utilizzo di dati sul numero di lavoratori stranieri impiegati a livello di singola impresa, insieme all’adozione di un modello strutturale che deriva dalla teoria della produzione, ci consente di valutare in modo più diretto il ruolo degli immigrati nell’industria manifatturiera, il loro impatto sulla specializzazione settoriale e sul grado di intensità di lavoro qualificato all’interno dei singoli settori produttivi. (3)

UNO SGUARDO D’INSIEME

L’unica fonte di dati attualmente disponibile in Italia che contenga informazioni sul numero di lavoratori immigrati operativi all’interno delle imprese è l’Indagine sulle imprese manifatturiere realizzata da Capitalia. La banca dati include tutte le imprese manifatturiere italiane di dimensione superiore ai 500 addetti e un campione a rotazione per settore, dimensione e area geografica di tutte le imprese tra i 10 e i 500 addetti. Utilizziamo la IX wave che copre il periodo 2001-2003 e contiene informazioni su 3.264 imprese per un totale di 9.314 osservazioni impresa-anno. (4)
La tabella 1 mostra che circa il 43 per cento delle imprese analizzate impiega lavoratori immigrati; dove sono presenti, questi ultimi rappresentano circa il 10 per cento del totale degli addetti.

Tabella 1
Tabella Bettin

Le imprese che utilizzano lavoro straniero sono localizzate soprattutto nel Nord Italia e sono di piccole e medie dimensioni (al di sotto dei 250 addetti). L’impiego dei lavoratori immigrati risulta meno accentuato nei settori caratterizzati da un’alta intensità di lavoro qualificato, sebbene la differenza con i settori a minore intensità non sia così marcata. (5)
Tenendo in considerazione l’eterogeneità settoriale, geografica e dimensionale delle imprese e del mercato del lavoro locale, le imprese che impiegano immigrati mostrano un livello inferiore di output, di produttività del lavoro, diintensità in lavoro qualificato e di costi totali rispetto alle aziende che ricorrono unicamente a lavoro domestico, mentre il livello di intensità di capitale risulta superiore. Tali imprese pagano mediamente salari più bassi e sono caratterizzate da gap salariali minori tra lavoratori qualificati e non qualificati. La maggiore intensità di capitale, insieme al ridotto impiego di lavoro qualificato, indurrebbe a pensare che i lavoratori extra-UE del campione svolgano per la maggior parte mansioni scarsamente qualificate, complementari all’uso delle macchine.

IL LAVORO STRANIERO NEL PROCESSO PRODUTTIVO

Dalla stima di una funzione di produzione per il nostro campione emerge che il contributo dei lavoratori immigrati alla produzione manifatturiera italiana è assai limitato. L’aumento dell’output derivante da un incremento dell’1 per cento nella disponibilità di immigrati è pari allo 0,2 per cento nel campione totale, con un valore leggermente superiore, pari a 0,22 per cento, nei settori ad alta intensità di lavoro non qualificato e un valore più basso (0,15 per cento) nei settori che utilizzano più lavoro qualificato. Sulla base di tali elasticità, l’aumento nell’impiego di lavoro immigrato osservato nel campione, darebbe luogo a un incremento del 2 per cento del peso dei settori a più alta intensità di manodopera non qualificata nel manifatturiero italiano.
La stima delle elasticità di complementarietà tra fattori della produzione consegna un importante messaggio: lavoro straniero e lavoro autoctono risultano essere complementari e non sostituti. Tuttavia, il risultato va ulteriormente declinato adottando una definizione più articolata del rapporto di sostituzione/complementarietà tra fattori produttivi catturata dall’elasticità di sostituzione di Morishima. Tale indicatore misura la relazione esistente nell’utilizzo di due input produttivi, tenendo conto del fatto che le oscillazioni nei prezzi di uno di essi portano a variazioni delle domande assolute di entrambi i fattori considerati (colte dalle semplici elasticità sopra menzionata), che si traducono in cambiamenti significativi nell’impiego relativo degli input e, dunque, nelle tecniche produttive adottate dalle imprese.
Da questo punto di vista, lavoro domestico e immigrato si configurano come fattori produttivi tra loro sostituti. Da un lato, le imprese tendono a diminuire il rapporto tra lavoratori autoctoni e immigrati per un dato livello di output se i lavoratori immigrati sono disposti ad accettare un salario inferiore. Dall’altro lato, risultano disposte ad aumentare il rapporto immigrati/autoctoni in risposta a un aumento nei livelli salariali dei lavoratori autoctoni, ma solo nei settori ad alta intensità di lavoro non qualificato. In questi settori, dunque, le tecniche di produzione possono consentire un maggior utilizzo di lavoro immigrato di fronte a pressioni salariali degli autoctoni.

I RISULTATI

Più in generale, i risultati rivelano chiaramente un rapporto di sostituibilità esistente tra lavoro qualificato e non qualificato (sia immigrato, che autoctono): quando il costo del primo aumenta, le imprese tendono a riorientare le tecniche produttive verso l’uso più intensivo del secondo. Un aumento dell’impiego di lavoratori immigrati riduce, infatti, il rapporto tra la quantità di lavoro qualificato e lavoro non qualificato utilizzata dalle imprese del manifatturiero italiano, in particolare nei settori ad alta intensità di lavoro non qualificato.
I dati nazionali mostrano che nel 2006 solo il 9 per cento del totale dell’occupazione straniera era impiegata in mansioni qualificate e nel 2008 tale quota era ulteriormente diminuita all’8 per cento. Più in generale, sarebbe interessante analizzare la risposta delle imprese in termini di scelte delle tecniche produttive a fronte di cambiamenti nei costi connessi all’innovazione tecnologica. Se l’innovazione andasse di pari passo con l’aumento dell’intensità di manodopera qualificata nella produzione, i nostri risultati suggerirebbero che i processi innovativi potrebbero essere scoraggiati dalla maggiore disponibilità di lavoro straniero e le imprese potrebbero indirizzarsi in modo più deciso verso la produzione di beni meno sofisticati, con importanti conseguenze in termini di prospettive di crescita di lungo periodo del paese.

(1) Lewis E.G. (2011), “Immigration, skill mix, and capital-skill complementarity”, Quarterly Journal of Economics 126(2), p. 1029-1069.
(2) Accetturo A., Bugamelli M., Lamorgese A.R. (2012), “Welcome to the machine: firms’ reaction to low-skilled immigration”, Temi di Discussione 846, Banca d’Italia.
(3) Bettin G., Lo Turco A., Maggioni D. (2014), “A firm level perspective on migration: the role of extra-EU workers in Italian manufacturing”, Journal of Productivity Analysis.
(4) La IX wavedell’indagine contiene una domanda sul numero di lavoratori extra-UE presenti nell’impresa in ogni anno del periodo di riferimento della survey, ossia 2001-2003.
(5) I settori skill intensive includono i settori science-based, scale-intensive e specialised suppliers secondo la classica tassonomia à la Pavitt (1984).

News - Economia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information