Apertamente

di Franco Becchis e Fulvia Nada da Lavoce.info del 13/8/2014 - Il caso degli investimenti di F2i in impianti di produzione e reti energetiche offre l’occasione per una riflessione sulla regolazione che le deve accompagnare, per garantire equità e ragionevolezza dei guadagni e delle tariffe. Perché sono i cittadini che pagano il conto finale delle bollette. IL CASO F2I FRA FINANZA E REGOLAZIONE F2i è un esempio interessante di coinvolgimento della finanza in progetti infrastrutturali. E in una fase in cui le attività finanziarie sono state additate come responsabili della crisi con i loro eccessi e la distanza dalla cosiddetta “economia reale”, osservare flussi di investimento in impianti di produzione di energia e reti energetiche offre una angolatura diversa. Agli investimenti, tuttavia, andrebbe affiancata una buona regolazione, in particolare a livello locale, dove si realizzano gli impatti socio-economici e territoriali più rilevanti, per favorire l’afflusso di capitale, dare stabilità ai piani finanziari e, al contempo, proteggere i consumatori da rendite e extraprofitti.
Costituita nel 2007, F2i – Fondi italiani per le infrastrutture Sgr spa – è una società che gestisce un fondo comune di investimento mobiliare di tipo chiuso, che annovera nel suo portafoglio partecipazioni in società operanti nel settore delle infrastrutture. Con 1.852 milioni di euro, attualmente quasi interamente investiti, detiene il primato di maggiore fondo italiano nonché di maggiore fondo infrastrutturale focalizzato su un solo paese.
I settori in cui F2i investe includono infrastrutture di trasporto persone e merci (porti, aeroporti, autostrade, interporti, ferrovie e terminal ferroviari), reti di trasporto e distribuzione di elettricità, gas e acqua, nonché depositi di stoccaggio, reti di telecomunicazione e media, impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e tradizionali, impianti per la gestione dei rifiuti (waste-to-energy), sanità, servizi pubblici locali e infrastrutture sociali.
Si tratta di settori interessati da livelli di regolazione ampi, a volte molto incisivi (energia), altre volte più labili (ciclo dei rifiuti e dell’acqua): su tutti, comunque, l’interesse dello Stato deve accompagnare alle esigenze di investimento quelle di tutela del consumatore. È quest’ultimo, infatti, che paga il conto finale della bolletta rifiuti, dell’acqua, della luce e del calore, per citare solo alcuni casi.

PLUSVALENZE E REGOLAZIONE

Nel dicembre 2012 Iren, multiutility italiana attiva nei settori dell’energia, teleriscaldamento, gas naturale, servizio idrico integrato e rifiuti, e F2i hanno acquisito dal comune di Torino l’80 per cento di Trm (Trattamento rifiuti metropolitani), la società per azioni che nel 2005 è stata incaricata tramite affidamento in house della progettazione, costruzione e gestione del termovalorizzatore di rifiuti urbani situato in località Gerbido. Le quote dell’inceneritore, il primo realizzato in provincia di Torino, sono state acquistate tramite la società veicolo Trm V spa, controllata al 75 per cento da F2i e al 25 per cento da Iren, per circa 126 milioni di euro, incassati dal comune di Torino assetato di risorse per ridurre la pressione del suo debito. Nell’aprile 2014 il consiglio di amministrazione di Iren ha deciso di esercitare l’opzione di acquisto del 24 per cento delle quote di Trm V detenute da F2i, che rimarrà comunque l’azionista di maggioranza con il 51 per cento delle azioni. Nel 2012 il 24 per cento delle quote aveva un valore di circa 30,2 milioni di euro, ma dopo un solo anno e mezzo F2i ha incassato 35,6 milioni di euro, con una plusvalenza di circa 5,4 milioni, un +18 per cento che, considerati i profili di rischio, è un risultato notevole.
È meno noto, tuttavia, che la plusvalenza avrebbe potuto essere considerevolmente superiore se a suo tempo l’autorità locale di regolazione del ciclo dei rifiuti (Ator) non avesse condotto una buona regolazione delle tariffe di ingresso dei rifiuti solidi urbani all’inceneritore di Trm, tariffa che costituisce il suo core business, e quindi dei suoi multipli di mercato. (1)

RETI ENERGETICHE

Per un’infrastruttura che va, un’infrastruttura che viene. Nell’ultimo quinquennio F2i ha effettuato ingenti acquisizioni nel settore della distribuzione del gas naturale, diventando il primo operatore indipendente – occupandosi della sola distribuzione e non della vendita – nonché secondo operatore nazionale per quota di mercato “con quasi 4 milioni di clienti connessi alla propria rete e circa 5,8 miliardi di metri cubi di gas distribuito a circa 2.000 comuni e conta di accrescere significativamente la propria quota di mercato mediante la partecipazione alle future gare di distribuzione gas per ambito territoriale”, come recitano i comunicati stampa della società. L’obiettivo è creare “una holding delle reti, restituire i soldi agli azionisti che lo vorranno, e quotarla in borsa”, dichiarava l’amministratore delegato, Vito Gamberale, qualche anno fa.
La stagione delle acquisizioni ebbe inizio nel 2009 quando F2i Reti Italia, società controllata per il 75 per cento da F2i e per il 25 per cento dall’allora Axa Private Equity, acquistò da Enel Distribuzione l’80 per cento di Enel Rete Gas per 515,7 milioni di euro. In una sorta di campagna di “rinazionalizzazione” volta a riportare sotto il controllo italiano asset posseduti da società straniere, nel 2011 F2i Reti Italia acquistò il 100 per cento di E.On Rete (290 milioni di euro, circa 9mila km di rete con 600mila punti di riconsegna nel centro nord) e G6 Rete Gas controllata dalla francese Gdf Suez (772 milioni di euro, circa 15mila km di rete con un milione di punti di riconsegna distribuiti in tutto il paese e in particolare in Puglia).
Nel dicembre 2013, F2i Reti Italia, che al tempo possedeva l’85,1 per cento del capitale sociale di Enel Rete Gas, ha acquisito da Enel Distribuzione la quasi totalità delle quote residue (14,8 per cento) per 122,3 milioni di euro, rimborsando al contempo circa 177 milioni di euro di vendor loan, ricevuto in occasione della prima acquisizione, che sarebbe scaduto nel 2017. (2) Nel marzo 2014 Enel Rete Gas è stata ribattezzata 2i Rete Gas – gruppo F2i Reti Italia. Dal 2009 a oggi la società controllata da F2i e Ardian ha più che raddoppiato il fatturato “che, da 300 milioni, ha superato i 700 milioni e un Ebitda che da 160 milioni è arrivato a oltre 370 milioni”, sempre secondo il comunicato stampa della società”.
Pur disposto a lasciare F2i per la presidenza Telecom, “perché alle spalle c’è finalmente un vero e serio piano industriale”,ma sconfitto da Giuseppe Recchi, Gamberale per il momento continuerà a guidare la società, che a breve lancerà un nuovo fondo, di durata quindicennale, guardato con molto interesse anche da investitori del Medio Oriente. Per attrarre capitali esteri, l’ad di Fondi per le infrastrutture auspica la privatizzazione delle utilities in mano agli enti locali nonché la creazione di grandi utilities attive in singole filiere. (3)
I settori strategici su cui F2i intende puntare nel prossimo futuro sono la filiera del gas naturale, i servizi idrici e gli impianti waste-to-energy. Inoltre, F2i intende continuare ad avvalersi della partnership con Iren per “un più ampio progetto di collaborazione nel settore dello smaltimento rifiuti, che riguarda Trm e Iren Ambiente” al fine di espandere la presenza della multiutility in alcune aree del Centro-Nord, vale a dire Liguria, Toscana e parte del Piemonte e dell’Emilia-Romagna. (4)

REGOLAZIONE LOCALE DA RAFFORZARE

Si tratta di sviluppi interessanti per le reti e le infrastrutture italiane, bisognose di forti investimenti per garantire le condizioni di contorno della produzione, della mobilità e della vita sociale. Al contempo, tali sviluppi richiedono uno sforzo di regolazione ulteriore per garantire equità e ragionevolezza dei guadagni e, quindi, delle tariffe. Sul fronte delle grandi reti di distribuzione (energia elettrica, gas naturale) siamo ben coperti dal lavoro dell’Autorità per l’energia elettrica gas e il sistema idrico, che nel servizio idrico integrato svolge anche un lavoro di regolazione generale da calibrare a livello locale con le Autorità d’ambito ottimale; tanto resta da fare, invece, nel settore dei rifiuti e della mobilità urbana.



(1) L’attività di regolazione tariffaria all’apertura dell’impianto di Trm fu condotta da Ator con il supporto di Fondazione per l’ambiente/Turin School of Local Regulation.
(2) Lo 0,05 per cento delle quote, soggette a diritto di prelazione, sono detenute da altri azionisti.
(3) Ardian è il nuovo nome di Axa Private Equity.
(4) Queste dichiarazioni sono tratte da http://vitogamberale.wordpress.com/2014/04/ e da http://www.atorifiutitorinese.it/images/Bandi_e_gare/Gamberale.pdf

News - Economia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information