Apertamente

di Giuliano Garavini da MicroMega del 10/7/2014 - In nome dell’innovazione l’ex premier Prodi ha chiesto alla sinistra uno sforzo nel procedere con le trivellazioni nei nostri mari. Il ministro Guidi ha subito dato il via libera alle esplorazioni. Una scelta insensata e pericolosa per l’ambiente, per l’economia e per tutti noi. Lo scorso 18 maggio, Romano Prodi, in un editoriale per il Messaggero, ha chiesto alla sinistra italiana uno sforzo di innovazione per superare il tabù delle trivellazioni, specie in Adriatico. Secondo Prodi, un ritorno in grande stile delle trivellazioni in Italia non potrebbe che produrre benefici diretti, attraverso un aumento delle entrate dello Stato, e indiretti, con un miglioramento della “bolletta energetica” e vantaggi in termini occupazionali. Federica Guidi, ministro dello Sviluppo Economico con una lunga esperienza in Confindustria, ha prontamente dato via libera ad esplorazioni e trivellazioni.

In un’ipotetica risposta al Presidente Prodi, ecco spiegato perché, per l’Italia e per gli italiani, è assai meglio conservare che trivellare.

Lei scrive testualmente che il raddoppio della produzione italiana (specie in Adriatico) consentirà di “aumentare le entrate fiscali dello Stato di 2,5 miliardi di euro ogni anno”. Gli studi di Nomisma, sui quali lei stesso si è basato, valutano le attuali entrate fiscali derivanti dall’estrazione di idrocarburi in Italia1,3 miliardi di euro l’anno. Se così fosse, le entrate dello Stato aumenterebbero di 1,3 mld e non di 2,5 mld ogni anno nel caso in cui si raddoppiasse la produzione!

Mi domando poi come sia possibile che lo Stato italiano non abbia autonomi strumenti per quantificare con esattezza gli introiti derivanti dallo sfruttamento delle ricchezze naturali e si veda costretto ad affidarsi ad una società privata per venirne a capo. Basterebbe, in questo caso, prendere ad esempio la trasparenza norvegese.

Mi permetto anche di farle notare che tutti i governi che hanno propagandato miracolosi raddoppi della produzione nazionale raramente hanno raggiunto gli obiettivi prefissati. E’ poi assai difficile che un improbabile raddoppio della produzione possa produrre un raddoppio delle entrate fiscali in un contesto culturale e politico in cui le imprese lamentano una tassazione eccessiva e premono sui governi con ogni mezzo per ottenere una riduzione della fiscalità.

Riguardo il possibile impatto benefico sulla “bolletta energetica italiana”, è certamente vero che un aumento della produzione nazionale di idrocarburi ne permetterebbe una riduzione. Ma per ridurre la bolletta energetica basterebbe ridurre i consumi, migliorare l’efficienza del trasporto pubblico, aumentare il parco macchine elettriche, etc. Insomma, vi sono molti altri modi per incidere - includendo con ciò un dialogo politico con i paesi produttori in cui si scambi l’energia con la tecnologia, come si faceva negli anni ‘70 - che sarebbero ben più auspicabili rispetto al rilancio in grande stile delle trivellazioni.

Lei sottolinea anche presunta “neutralità” rispetto al proseguimento dello sforzo per la promozione delle energie rinnovabili. Anche qui, nutro dei dubbi. Le imprese pubbliche privatizzate hanno diminuito i loro investimenti nella ricerca e nell’innovazione, proseguendo con ciò una tradizione della grande impresa privata italiana che preferisce le rendite di posizione ai rischi imprenditoriali. Se si consente a queste imprese di investire nella tradizionale estrazione degli idrocarburi senza forzarle a reinvestire i proventi nelle “rinnovabili", questo avverrà assai probabilmente a discapito di investimenti in progetti più innovativi.

L’industria è un pilastro di una società avanzata e la cultura industriale è un indispensabile patrimonio da non disperdere(pena la trasformazione dell’Italia in un parco giochi per turisti). Ignorare le conseguenze ambientali dell’estrazioni di idrocarburi in Adriatico non costituisce però un’adeguata difesa della cultura industriale italiana. Come si fa a sottovalutare i danni prodotti dalla presenza di centinaia di piattaforme in un mare piccolo, turistico e importante per la pesca? Come si fa a non considerare i problemi legati allo smantellamento futuro di queste piattaforme? Come si fa ad ignorare del tutto il fenomeno della “subsidenza” rispetto al quale esiste un’abbondante, se non univoca, letteratura?

Non solo le tasse in Italia sulla produzione di idrocarburi sono basse ma le “royalties” sono bassissime. La royalty di 1/8 (16,5% circa) si è affermata nell’industria mineraria fin dall’età moderna e poi si è trasmessa all’industria petrolifera americana. In una regione europea come la Bassa Sassonia le royalties sono oggi pari al 37%: perché non imitiamo i tedeschi sulle buone pratiche piuttosto che sull’assurda religione del pareggio in bilancio?

Il livello risibile delle royalties pagate sull’estrazione degli idrocarburi in Italia (tra il 4 e il10 per cento) non alcun senso. Tasse e royalties andrebbero aumentate in misura appropriata: ciò consentirebbe di ricavare almeno parte significativa di quelle maggiori entrate per lo Stato che lei auspica tramite un incremento della produzione.

Nel valutare l’appropriato livello di fiscalità rispetto alla produzione di idrocarburi bisogna considerare che essi sono un dono naturale e andrebbero estratti esclusivamente negli interessi dei cittadini, limitando il profitto alla “normale” remunerazione del capitale investito. La Gran Bretagna, dopo la vittoria elettorale di Margaret Thatcher nel 1979, rappresenta il caso emblematico di come le ricchezze naturali della collettività (in questo caso del Mare del Nord) siano state sfruttate a beneficio di un ridottissimo gruppo di capitalisti che ne hanno ricavato giganteschi profitti- il diffuso desiderio di secessione in Scozia sta a testimoniare i rischi della coesione nazionale generati dalla dilapidazione delle risorse naturali.

Almeno da mezzo secolo negli stessi paesi esportatori di petrolio si è sviluppata una corrente di pensiero che va sotto il nome di “conservazionismo”. I conservazionisti considerano gli idrocarburi un bene prezioso e non rinnovabile, pensano che bruciarli in immense quantità per produrre energia non sia il modo più intelligente di utilizzarli, e ritengono che quanto meno gas e petrolio vengono estratti, tanto più si garantirebbe il benessere delle generazioni future. In fondo, non dilapidiamo in un momento di difficoltà nemmeno 70 mld di riserve auree di Bankitalia, sebbene queste siano teoricamente rinnovabili!

Se questi ragionamenti riguardo la priorità della conservazione sono nati in territori giganteschi e relativamente spopolati come il Venezuela, non dovrebbe forse la classe dirigente di un paese piccolo, densamente popolato e con così grandi problemi di dissento territoriale come l’Italia, farne un assunto di fondo?

News - Economia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information