Apertamente

di Roberto Romano da Sbilanciamoci.info del 09/07/2014 - Lo sviluppo economico e sociale è legato alla capacità di agganciare i grandi cambiamenti di struttura, che sono per lo più cambiamenti legati alla capacità di “generare” conoscenza. Nella società e nell’economia della conoscenza c’è qualcosa di nuovo e inedito: quello di integrare gli strumenti convenzionali della politica economica con la conoscenza scientifica. Non perché in precedenza questa non fosse utilizzata, ma perché il patrimonio accumulato delle conoscenze scientifiche e tecnologiche sta cambiando la strumentazione – a nostra disposizione – per fare politica economica. La novità suggerita da Sergio Ferrari, già vice direttore dell’Enea , in Società ed economia della conoscenza, edito da Mnamon (6,00 euro), è legata alla capacità di programmare le innovazioni da parte del sistema privato e pubblico. Un cambio di paradigma che non interessa solo i meccanismi dello sviluppo, ma più in generale le scelte, i valori che la società nel suo insieme intende perseguire. Il rafforzamento del rapporto tra conoscenza scientifica e sviluppo economico, pur con tutte le sue contraddizioni, declina una idea positiva e ottimistica della società. La “conoscenza” ha in sé un valore positivo. Si parte dai limiti dello sviluppo, per arrivare allo sviluppo sostenibile e dunque all’economia e società della conoscenza. Questi passaggi danno conto di quanto e come sia possibile offrire uno sbocco alla crisi economica, ma alla condizione di non fare della società della conoscenza un luogo romantico e privo di contraddizioni. L’investimento pubblico deve ri-appropriarsi del suo ruolo storico. Ferrari, pur non citandolo, ricorda il conflitto capitale-stato di Paolo Leon: “mentre i profitti e i dati di bilancio delle aziende sono “curati” dalle imprese, l’occupazione, la bilancia commerciale, il PIL, i servizi pubblici, la salute e la sicurezza, sono a carico delle istituzioni pubbliche. Non si tratta di una attribuzione formale, piuttosto del fatto che nessun imprenditore (per quanto illuminato) potrebbe gestire una impresa ottimizzando l’occupazione nazionale, la bilancia commerciale, la spesa sanitaria, ecc”.

Una sfida che diventa ancor più complessa se consideriamo che il lavoro domandato e offerto difficilmente assicurerà la piena occupazione, soprattutto nelle economie avanzate. In questi paesi si manifesta un eccesso di capacità produttiva che interroga i rapporti sociali. La riduzione degli orari di lavoro del 20% intervenuta nell’ultimo secolo, per l’Italia come per altri Paesi, ancorché in Italia si lavora 200 ore in più della Germania, dà conto delle anacronistiche riforme del mercato del lavoro e delle pensioni del governo Monti, cioè un aumento delle ore lavorate totali pro capite sull’intero arco della vita. Analisi sbagliate suggeriscono delle risposte peggiori del male che si vuole curare.

La società della conoscenza ha delle enormi implicazioni economiche e sociali. Le conoscenze scientifiche e tecnologiche condizionano lo sviluppo di un Paese. Ferrari assume come rilevanti le conoscenze scientifiche e tecnologiche, non per eliminare il patrimonio delle conoscenze di diversa origine, ma per sottolineare il modo in cui esse trasformano il lavoro, la vita dei cittadini, l’accumulazione della ricchezza e i rapporti tra accumulazione della ricchezza e la trasformazione dei valori sociali e culturali. Financo la possibilità di uscire da una crisi che per l’Italia si manifesta come una crisi nella crisi, che ha radici lontane e non attribuibili alla crisi internazionale. Ferrari ricorda un grande intellettuale come A. Graziani, recentemente scomparso, il quale affermava che “inserire stabilmente in un contesto di paesi avanzati un Paese a struttura industriale tecnologicamente debole, che si regge nel mercato soltanto per la compressione del costo del lavoro, potrebbe rilevarsi un obiettivo assai più arduo da conseguire”. (A. Graziani, 1997, I conti senza l’oste”, ed. Bollati Boringhieri).

In qualche modo lo sviluppo economico, sociale e dei redditi è legato alla capacità di agganciare i grandi cambiamenti di struttura, che sono per lo più cambiamenti legati alla capacità di “generare” conoscenza. Se il rallentamento dello sviluppo dei paesi avanzati coincide con l’uscita dal sottosviluppo di intere popolazioni, in altre parole il capitalismo che trovava delle difficoltà nel conservare, nelle sedi storiche, determinati margini di profitto, aveva tutto l’interesse a creare nuovi mercati e nuove riserve di lavoro a basso costo, si osserva come in tutti i paesi, anche in quelli emergenti, si tenda a consolidare la spesa in ricerca e sviluppo. Rimanendo al solo caso cinese, la spesa in ricerca e sviluppo cresce del 10% annuo, raggiungendo e superando l’Italia nel rapporto spesa in ricerca e sviluppo-PIL. Non solo l’economia internazionale si integrava, ma gli scambi commerciali crescevano molto più velocemente dell’integrazione economica, con un aspetto inedito: i prodotti ad alta tecnologia del commercio internazionale salgono al 30% del totale, con dei tassi di crescita di 12 punti più alti dei beni e servizi non ad alta tecnologia. La sintesi di Ferrari è la seguente: 1) il cambiamento non è solo quantitativo, ma realizza una nuova relazione tra conoscenza scientifica e applicazioni tecnologiche; 2) l’accumulo di conoscenza scientifica e del potenziale tecnologico ha generato un nuovo strumento per lo sviluppo, più in particolare la possibilità di programmare l’innovazione tecnologica; 3) la programmazione dell’innovazione tecnologica apre una serie di questioni di natura etica, politica, sociale ed economica.

In questo contesto l’Italia, che aveva realizzato un vero e proprio miracolo economico dopo la fine della seconda guerra mondiale, non gioca un ruolo. L’Europa è marginale e meriterebbe ben altre istituzioni, ma la crisi dell’Italia non coincide con l’avvio dell’euro (Maastricht). La critica alle politiche europee è corretta, ma questa critica rimuove il fatto che già prima del 1992 l’Italia riusciva a restare sul mercato internazionale solo attraverso delle svalutazioni monetarie. Il declino dell’Italia era precedente agli anni novanta. È stupefacente, ma in molti erano consapevoli del problema. Ferrari riprende uno studio del 1985 di Siniscalco (F. Onida, Innovazione, competitività e vincolo energetico, ed. Il Mulino): “anche se l’interpretazione è stata puramente descrittiva,… i risultati ottenuti, insieme ad altre indagini più dettagliate soltanto per prodotti ( che hanno posto in luce una persistente e crescente inferiorità dell’Italia nell’export dei prodotti ad elevato contenuto tecnologico), hanno tuttavia indotto una nota e diffusa preoccupazione: quella di un Paese specializzato in prodotti maturi, a basso contenuto tecnologico e domanda scarsamente dinamica, sottoposti, per la legge di limitabilità delle tecnologie, alla crescente competizione dei paesi di nuova industrializzazione e in via di sviluppo”.

Era il 1985. Pensate a quanto è grave la situazione attuale del Paese.

News - Economia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information