Apertamente

di Pier Giorgio Ardeni da Sbilanciamoci.info del 13/05/2014 - La debole ripresa registrata nei paesi della periferia è davvero dovuta alla massiccia dose di austerity somministrata, come vorrebbero alcuni commentatori? Ci risiamo. Nonostante in molti ora dicano di essere "contro" l'austerità (ma è solo maquillage, un effetto della campagna elettorale), in realtà il mantra della Commissione Europea (CE) nessuno ancora lo ha messo in discussione nei fatti e nelle politiche. E il pensiero dominante insiste, insidioso, a martellare. E noi dobbiamo continuare a denunciarlo, senza dargli tregua. Austerità, coraggio e fondi della Troika il mix virtuoso che ha salvato la “periferia”. Questo il titolo dell'articolo di Federico Fubini su Affari e finanza di Repubblica del 6 maggio, che così comincia: "E se l’austerità funzionasse? Molti indizi in serie in teoria dovrebbero equivalere a una prova." L'articolo parla dei paesi dell'Europa del Sud – Grecia, Italia, Portogallo e Spagna, con l'aggiunta dell'Irlanda, che preferisco chiamare GIPSI, piuttosto che l'orribile PIIGS – per dire che: "La novità di questi mesi è che i Paesi che hanno sperimentato la cura tedesca - quella vera, non il surrogato fatto di aumenti delle tasse - stanno dando segnali di trasformazione. Spagna, Portogallo, Irlanda e in parte persino la Grecia, sembrano diversi e più capaci di camminare sulle proprie gambe rispetto anche solo a 10 mesi fa."

A parte il mix di certi luoghi comuni non spiegati – quale sarebbe la cura tedesca "vera"? Ma non sono loro che hanno milioni di mini-jobs? E quale sarebbe il legame tra austerità e aumenti delle tasse? – , il punto dell'articolo è che siccome in questi paesi si osserva un minimo di "ripresa" (aumento dell'export, debole aumento del PIL, una certa diminuzione della disoccupazione), allora il merito va dato alle politiche di austerità. Quali politiche in particolare? Le politiche di flessibilizzazione del mercato del lavoro, benedette!

È importante denunciare quanto sia ingannevole questo modo di ragionare. Le politiche di austerità propugnate in particolare dalla CE sono state in particolare di due tipi: flessibilizzazione del mercato del lavoro e riduzione della spesa pubblica per contenere il deficit e ridurre il debito pubblico. I due tipi di politiche, insieme, avrebbero dovuto portare ad un maggiore dinamismo sul mercato del lavoro (in quanto più "liberalizzato") e ad un minore impatto del debito sul mercato finanziario. Ma, come ha più volte sostenuto Krugman, una politica restrittiva resta una politica restrittiva, comunque la si rigiri, che può portare solo ad una diminuzione della domanda e del prodotto lordo, non ad un aumento. Ma allora, se un aumento c'è stato, è stato esso dovuto alle politiche di austerità? Dal lato del mercato del lavoro forse.

Il caso della Spagna è esemplare: una "riforma" del mercato del lavoro tra le più conservatrici degli ultimi decenni – da rievocare la foga reazionaria delle Maggie Thatcher – tale da infrangere addirittura le regole dell'ILO, che ha portato a due effetti concomitanti: aumento della quota di lavoro part-time e aumento della quota di lavoro temporaneo. Questo ha fatto diminuire la disoccupazione! Come si dice, "bad jobs are driving out good jobs" dal mercato del lavoro (e questo è il bel risultato, la flexploitation). Ma questo non interessa chi guarda all'economia con quegli occhiali: l'importante è (dire) che l'austerità funzioni. E il "coraggio" consisterebbe in questo: sfidare sindacati e forze sociale a rompere il contratto sociale e introdurre maggiore flexploitation. (anche il nostro presidente del consiglio e il suo ministro del lavoro stanno cercando di avere quel "coraggio").

Lo stesso Fubini torna il giorno dopo sostenendo che "Va meglio di noi anche l'euro-periferia: Spagna e Grecia corrono il doppio". Guardare ai dati sul PIL o le esportazioni è senz'altro importante. Ma se l'economia si "riprende" non è a causa dell'austerità. Le esportazioni crescono per due fattori di fondo: maggiore domanda e minori prezzi anche se, certo, nel lungo periodo c'è anche il fattore "qualità". Se sulla domanda non ci si può fare molto, è sui prezzi che evidentemente si può agire. E qui torniamo al punto: un mercato del lavoro più "flessibile" è un mercato del lavoro che sfrutta meglio e di più i lavoratori che, come corollario, vengono a costare meno e consentono così la diminuzione dei prezzi (e l'aumento della produzione e del PIL). Grande merito dell'austerità! Abbiamo dato ai mercati del lavoro più flexploitation, veniamo ripagati con più PIL e esportazioni. (1)

E i salari? E i redditi? E che dire di quegli indicatori di equità e coesione sociale come povertà, diseguaglianza e compagnia bella? I cosiddetti "costi sociali" dell'austerità: quelli non contano, quelli non fanno titolo, se non come un "male" (una malattia sociale), e non fanno macroeconomia. [Ci sono anche economisti che sono arrivati a dire che l'austerità è buona perché nonostante il minor prodotto si lavora meno e quindi si ha più tempo libero!] (2)

I GIPSI sono tra i paesi che hanno pagato di più non solo la cosiddetta crisi, ora entrata nel suo sesto anno, ma le politiche di austerità che la CE ha propugnato e che la "troika", quando chiamata, ha imposto. Forse anche l'Italia doveva ricorrere alla "troika", si dice, invece che fare da sola e procedere ad inutili manovre che però non hanno agito a fondo come quelle degli altri GIPSI.

Della diseguaglianza se ne parla ormai come di un problema ricorrente, quasi non fa più notizia. Ultimo in ordine di tempo, l'importante libro di Thomas Piketty (3) e il dibattito che ha sollevato. Periodicamente l'OCSE e Eurostat ci informano che la diseguaglianza è in aumento, è grave, non si vedono segni di una sua diminuzione e che ha conseguenze terribili. Eppure non si fa nulla (o molto poco). Si tollera, come si tollera la povertà. Come se fosse ineluttabile, perché in effetti è intimamente connaturata al modo di funzionare del sistema capitalistico. (4)

Anche il Censis del buon De Rita se ne è accorto e titola "Crescono le diseguaglianze sociali: il vero male che corrode l’Italia", aggiungendo che "i 10 uomini più ricchi del Paese hanno un patrimonio pari a quello di 500mila famiglie operaie messe insieme." (5) L'austerità uccide, letteralmente (il numero dei morti dovuto a sistemi sanitari meno egualitari è in aumento), titola un libro di Stuckler e Basu, due studiosi di Oxford e Stanford.

I GIPSI sono oggi tra i paesi dove la diseguaglianza è più alta in Europa, dove la diseguaglianza è aumentata di più e dove anche la povertà è molto più alta di prima e del resto d'Europa. Le notizie dalla Grecia di alberi tagliati nei parchi per riscaldarsi, suicidi, persone che vivono sotto le lamiere o che non hanno di che pagare le cure mediche sembrano provenire a qualche paese dell'ex "terzo mondo". Ma oggi il terzo mondo è qui da noi: il primo è più ricco di prima, il secondo lavora, fatica e si mantiene con livelli di reddito costanti e quindi sempre più lontano dai ricchi, il terzo è quello che scivola nella zona della povertà. Il fatto è che nel primo sono sempre più in pochi, mentre è il nostro terzo mondo quello le cui fila sono in aumento.

E cosa fa il nostro governo, cosa propongono il nostro presidente del consiglio e il suo ministro dell'economia? 80 euro di più al mese per 10 milioni di persone a reddito basso! Ma c'è il problema della "copertura"... Qui casca l'asino: se fosse un governo che ha in mente la giustizia e l'equità sociale e che volesse davvero fare qualcosa contro la diseguaglianza non avrebbe questo problema: basterebbe infatti aumentare l'IRPEF di 80 euro sui redditi più alti per toglierla a quelli più bassi... ma questo non si può dire e non si può fare. Aumentare le tasse è cattivo mentre l'austerità è buona.

Non stanchiamoci di dirlo: l'austerità è cattiva. Smascheriamo questo pensiero dominante.



(1) Chi studiava economia 20 anni fa, si ricorda di una politica che assomigliava molto a questa: si chiamava beggar thy neighbor, impoverisci il tuo vicino.

(2) Si veds Oscar Jorda e Alan Taylor su Vox.

(3) Si veda ad esempio l'articolo di Krugman, The Piketty Panic, e il recente dibattito su varie colonne e siti web, come Economist's View.

(4) Consiglio l'intervento di Amartya Sen su perché la povertà dovrebbe essere ancora intollerabile ed è invece tollerata.

(5) Anche se poi il Sig. Bertelli di Prada dice: "non prendiamocela con i ricchi, non è colpa loro" (e forse ha ragione, è colpa di chi li lascia arricchire così)

News - Economia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information