Apertamente

di Alberto Botta da Sbilanciamoci.info del 01/04/2014 - L'obiettivo degli Eurobonds dovrebbe essere il ritorno ad una vera politica fiscale espansiva che unisca obiettivi di breve periodo a obiettivi di lungo periodo. È opinione diffusa tra i policy-makers europei che la fase più acuta della crisi dell’eurozona sia ormai acqua passata e che vi siano incoraggianti segnali di ripresa. Non troppi mesi orsono, l’ormai ex-Primo Ministro italiano Enrico Letta rimarcava con soddisfazione come la contrazione dell’economia italiana stesse rallentando e la ripresa economica fosse ormai alle porte. Certo, è compito dei policy-makers alimentare la formazione di aspettative positive da parte degli agenti economici al fine di indurre maggiori spese per consumi ed investimenti, e dunque stimolare la ripresa. Le affermazioni di cui sopra, tuttavia, appaiono esercizi di retorica privi di qualsivoglia collegamento con la realtà. Secondo i dati economici forniti dal Fondo monetario internazionale, si stima che il Pil reale italiano tornerà ad un livello leggermente superiore rispetto a quello registrato nel 2001 solo nel 2016 (1). In ogni caso, esso resterà ancora a lungo inferiore rispetto ai suoi livelli pre-crisi. Le dinamiche dell’intera eurozona sono certo più incoraggianti rispetto quelle italiane, ma sono ben lungi dall’essere entusiasmanti. Nei prossimi cinque anni, il Fondo monetario stima che la crescita dell’eurozona non supererà mai il valore medio dell’1,6%, ivi compresa la presunta fiorente economia tedesca. Dietro ad una modesta ripresa economica complessiva, continueranno a celarsi profonde divergenze regionali tra paesi periferici e paesi centrali (2).

Alla luce di questi dati, si può ammettere che gli interventi annunciati dalla Banca centrale europea a settembre del 2012 abbiano aiutato a mantenere in vita l’euro e a sedare la febbre degli spreads tra titoli di stato periferici e Bund tedeschi. Tali misure, tuttavia, sono ben lungi dall’aver ridato all’eurozona uno slancio tale da farle recuperare il benessere materiale perso durante quest’ultimi anni di dura crisi. Al contrario, l’eurozona rischia di attraverso un lungo periodo di stagnazione in cui sarà ben difficile porre rimedio alla piaga dilagante della disoccupazione di massa, soprattuto quella giovanile.

I dati macroeconomici di cui sopra e la persistente stretta creditizia che attanaglia i paesi periferici descrivono una realtà contraddistinta da radicale incertezza. Si tratta di una situazione in cui gli agenti economici non sono in grado di formulare su basi ragionevolmente solide aspettative credibili circa l’evoluzione futura della zona euro. Tale incertezza riguarda eventi di lungo periodo per i quali non è possibile stabilire alcuna distribuzione di probabilità (calcolare alcun rischio statistico) quali la sopravvivenza dell’Unione Monetaria (Ume), la configurazione politico-economica che potrebbe sostituire la stessa in caso di collasso, le riforme politicamente adottabili per consentire all’Ume di sopravvivere. In questo contesto, gli operatori finanziari sviluppano una forte preferenza per la liquidità. La politica monetaria, quindi, diventa preda della “trappola della liquidità” ed è incapace di trasmettere alle politiche di credito degli operatori finanziari le misure espansive fino ad ora messe in atto. Dal canto loro, le imprese non finanziarie adottato comportamenti conservativi e si astengono dall’assumere decisioni di investimento. La domanda per investimenti risulta in larga misura insensibile a qualsivoglia riduzione dei tassi d’interesse determinata dalle autorità monetarie, e certamente insufficiente a ricondurre i sistemi economici alla piena occupazione (3).

La situazione appena è assai vicina a quella analizzata da Keynes nella Teoria Generale, e alla quale Keynes pensava di far fronte attraverso una politica fiscale espansiva di “socializzazione degli investimenti”. Ciò nonostante, le ultime notizie economiche inerenti l’eurozona riferiscono che i paesi periferici, Italia in primis, sono ancora sotto stretto controllo da parte delle istituzioni comunitarie per quanto concerne la sostenibilità dei propri conti pubblici. Posto che tale sostenibilità sembra dipendere da fattori politico-istituzionali, di cui l’eurozona è colpevolmente priva, piuttosto che da cattivi “fondamentali” economici (4), tali pressioni impediscono ai paesi membri di adottare le politiche espansive di cui sopra. In assenza di esse, la persistente paranoia comunitaria circa la necessità di una rigida disciplina fiscale renderà assai difficile la messa in sicurezza dei bilanci pubblici nazionali e, soprattutto, il realizzarsi di una ripresa economica minimamente apprezzabile.

Per uscire da tale impasse è necessaria una forte politica fiscale anticiclica condotta a livello comunitario e potenzialmente finanziata attraverso l’emissione di eurobonds (i.e. titoli di debito pubblico garantiti congiuntamente da tutti gli Stati Membri dell’eurozona) da parte di una istituenda agenzia fiscale europea. La proposta di emettere eurobonds non è nuova. La maggior parte delle proposte già avanzate, tuttavia, concepisce gli eurobonds come strumenti di mutualizzazione degli stocks di debito pubblico già accumulati. Loro obiettivo specifico sarebbe dunque la riduzione degli stocks di debito pubblico nazionali esistenti da operarsi in concomitanza con il mantenimento di rigorose politiche di bilancio volte ad impedire che tali debiti si ricostituiscano rapidamente. Ben poco si dice invece del finanziamento di forti politiche fiscali comunitarie di natura anti-cicliche. Alla luce dell’analisi di cui sopra, dovrebbe essere invece quest’ultimo l’obiettivo prioritario, se non unico, degli eurobonds. Il ritorno ad una vera politica fiscale espansiva che unisca obiettivi di breve periodo (contrasto immediato alla stagnazione economica e supporto alle finanze pubbliche nazionali attraverso il sostegno comunitario alla crescita) a obiettivi di lungo periodo (sostegno allo sviluppo produttivo e tecnologico dei paesi periferici): ecco di che cosa ha davvero bisogno l’eurozona. Si tratta certo di un cambiamento politico-istituzionale radicale che implica, in buona sostanza, il muoversi verso la piena integrazione fiscale dei paesi membri e la riforma della Bce nel senso di una vera Banca centrale capace di supportare, alla bisogna, l’emissione di titoli di debito comunitari. È logico attendersi, soprattutto dai paesi centrali dell’eurozona, una strenue opposizione a tali riforme (5), le quali abbracciano un’impostazione economica diametralmente opposta a quella strettamente monetarista su cui sono state disegnate le istituzioni europee. Si tratta tuttavia delle uniche riforme che possono rendere l’Ume davvero sostenibile, come parte della teoria economica ben sa da parecchio tempo (6).



1 Fondo Monetario Internazionale (2013) – World Economic Outlook, Ottobre 2013.

2 Nei prossimi 5 anni il Pil pro-capite misurato secondo la parità dei poteri d’acquisto continuerà a ridursi, rispetto a quello tedesco, in Spagna, Italia e Portogallo. In Grecia, si assisterà ad una debole ripresa relativa solo a partire dal 2015, dopo una caduta di oltre venti punti percentuali rispetto ai livelli pre-crisi (più o meno la stessa contrazione registrata in Irlanda).

3 Nel periodo 2007-2011, gli investimenti fissi lordi nei paesi PIIGS sono crollati dal 21% del PIL al 14,6%.

4 Alberto Botta (2013) – A Proposito di eurobonds, Il Politico, vol. 78 (2).

5 Si vedano le critiche mosse dalla Corte Costituzionale tedesca di Karlsruhe alle misure recentemente adottate dalla BCE.

6 Peter Kenen (1969) – The theory of optimum currency areas: an eclectic view, in Muldell R., Swoboda A. (eds.) – Monetary Problems of the International Economy, The University of Chicago Press.

News - Economia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information