Apertamente

di Giuseppe Allegri e Roberto Ciccarelli da MicroMega del 18/9/2013 - In "Capitalismo in-finito", Aldo Bonomi racconta l'ascesa e la caduta della borghesia diffusa del capitalismo molecolare e dei distretti industriali. Dagli anni Ottanta, le sue quattromila imprese sono cresciute grazie al decentramento produttivo e alla riduzione della società italiana al “ceto medio”. Questa è stata la storia (anche) del Nord-Est, e del suo "capitalismo molecolare". Nel tempo questo modello è diventato l'oggetto di uno dei "miti" della produttività all'italiana. Oggi la crisi ha lasciato sul terreno una moltitudine di disoccupati e partite Iva che formano una sterminata massa di contoterzisti impoveriti. Diversi per status e per culture professionali dai precari maggioritari, ma come loro ridotti a un neo-proletariato definito anche da Bonomi “Quinto Stato”.

Che cos'è il Quinto Stato

Categoria altamente composita, cresciuta sull'onda della “terziarizzazione” dell'economia, il Quinto Stato raccoglie tre habitus diversi: quello del capitalismo personale; il lavoro della conoscenza, culturale e creativo; quello dei servizi alla persona e della logistica. Più che rappresentare un soggetto unico, e omogeneo, il Quinto Stato è il nome del processo che ha progressivamente precarizzato i rapporti di lavoro, svuotato i territori e i rapporti produttivi. Questo processo ha investito tanto i precari tradizionali, quanto il lavoro autonomo professionale che Sergio Bologna ha definito di “seconda generazione”.

Bonomi non trascura la contraddizione interna al Quinto Stato, tra la lower middle class e il proletariato dei precari che non hanno nulla da spartire con i ricchi professionisti o gli attori della speculazione finanziaria. Tra di loro i legami sono tenui e, quando ci sono, il conflitto è aspro. In questo caso, parlare di “Quinto Stato” significa descrivere un orizzonte che contiene scandalose differenze di classe, ma anche una vita sociale aperta al conflitto.

La plasticità di una categoria che indica una condizione, e non solo un soggetto produttivo o contrattuale, impedisce di identificare il Quinto Stato solo in una classe creativa, un ceto professionale o imprenditoriale. Per noi il problema è emerso scrivendo "La furia dei cervelli", un libro lungamente analizzato in "Capitalismo in-finito". Oggi sappiamo che il Quinto Stato non allude solo allo status di una categoria professionale, ma incarna il futuro di un lavoro che sarà sempre più indipendente, intermittente e autonomo e già oggi indica la condizione di una vastissima porzione della forza-lavoro attiva, al di là delle nazionalità di riferimento.

Il Quinto Stato resta un motore della ricchezza, anche se viene disconosciuto dalle rappresentanze politiche, imprenditoriali o sindacali.

Questa è la situazione che sta emergendo in una crisi che ha già distrutto oltre un milione di posti di fissi in Italia, ma non ha certamente cancellato la capacità di vivere in maniera operosa. Il Quinto Stato si definisce in base ad una capacità comune agli esseri umani e alle possibilità di affermarla sui territori e nelle città, indicati da Bonomi come i luoghi dove elaborare un progetto di “green society” alternativo all'Europa dell'austerità.

Coalizioni

Il Quinto Stato oggi è un processo discontinuo la cui finalità resta ancora da comprendere. Ciò non toglie che esso abbia caratterizzato i processi produttivi e sociali degli ultimi trent'anni. Politicamente si è espresso nel sindacalismo territoriale della Lega Nord o nel blocco sociale berlusconiano. Il Movimento 5 Stelle, anch'esso può essere considerato un'espressione del Quinto Stato, si limita a sostituire l'identificazione con il Capo Beppe Grillo al legame ancestrale con un territorio o all'ambizione di governare il paese come una rete Mediaset.

Questi limiti non dovrebbero tuttavia distogliere l'attenzione dal fatto che il Quinto Stato è anche un soggetto di riferimento per la politica. Bonomi sostiene che il suo futuro resta legato alla possibilità di costruire coalizioni tra le vittime e gli attori di un processo che ha cambiato radicalmente la società italiana. Per realizzarle è necessaria una forza politica (e non solo un partito o un movimento personale) che abbiamo visto risvegliarsi nel lavoro culturale o nella difesa dei beni comuni, con la difficoltà di produrre risultati tangibili.

E tuttavia è difficile capire come costruire tali coalizioni. In due anni abbiamo assistito ad una frammentazione politica che ha portato i movimenti anti-austerity a dividersi in parti più piccole di un atomo. E non sappiamo se e quanto i soggetti del "fare impresa" di cui parla Bonomi si sentano rappresentati dalla Confindustria di Giorgio Squinzi che, al fondo, propone un rilancio della manifattura; la ripresa degli investimenti sulle energie fossili. Due aspetti che ci sembrano molto lontani da un progetto di "green society" e di eco-sostenibilità.

Il lavoro autonomo, indipendente o precario è stato disarticolato dalla crisi, ha peggiorato la sua condizione socio-economica, non favorisce la sua partecipazione alla sfera pubblica.

Una miscela esplosiva

Il crash economico-finanziario è iniziato nel 2007-2008 e continuerà a lungo. Qui siamo. Ma non dobbiamo perdere l'abitudine allo sguardo lungo, e in profondità, sulla trasformazione. Quella del lavoro che coinvolge direttamente il rapporto con i "territori" e con le "istituzioni". A partire da questa triangolazione è possibile intravvedere un nuovo orizzonte per la "politica". Non è teoria, è pratica. Si afferma nella difesa dei "beni comuni", oppure nell'impegno per nuovi modelli di sviluppo estranei ai faraonici progetti delle "grandi opere". Per Bonomi si riconosce sempre meno nell'"antropologia economica delle 3C: Capannoni-Comunità-Campanile".

La crisi ha trasformato la percezione del territorio. Spesso ci soffermiamo sugli aspetti mortiferi, legati alla desertificazione industriale, all'abbandono di migliaia di famiglie sul lastrico, con o senza cassa integrazione. In molti casi, l'unico centro resta quello degli ipermercati.

Il territorio è diventato una gabbia senza uscita. Esiste anche la percezione del suo allungamento e della sua dispersione. Il Nord Est, ad esempio, è ormai una macro-area che comprende almeno un paio di nazioni europee. E altri esempi di delocalizzazione si potrebbero fare.

Bonomi propone invece un'altra idea di territorio: Non piú una sommatoria di contesti locali governati secondo uno schema piramidale centro-periferia, ma piuttosto un intreccio in fieri di piattaforme territoriali di interconnessione tra società locali e flussi.

La sua attenzione va ad un capitalismo

"flessibile in cui cresce l’importanza delle componenti immateriali, delle tecnologie informatiche, di un capitale umano fatto di saperi formali di diversa natura e intensità".

Nel territorio come piattaforma si affermano nuove logiche di organizzazione sociale fuori dalle matrici comunitarie e localistiche tradizionali, con l’estendersi dello spazio di riferimento dello sviluppo oltre la dimensione locale e l’agglomerarsi di grandi piattaforme produttive. Seguirebbe una riorganizzazione politico-istituzionale

"di poteri e funzioni dello Stato centrale e dei livelli istituzionali locali o sopranazionali e il passaggio dallo Stato soggetto allo Stato funzione”.

Oggi questa riorganizzazione è guidata dalle politiche di austerità e dalla loro idea di territorio, di capitalismo e di riorganizzazione istituzionale. Bonomi segnala come i "governi dei tecnici" abbiano gravemente danneggiato la "neo-borghesia" del capitalismo molecolare (più tasse) come i lavoratori precarizzati (con la riforma Fornero del lavoro e delle pensioni). Entrambi si trovano impigliati nelle reti di un capitalismo sbrindellato. La crisi è stata aggravata dall'intreccio fatale del fallimento del post-fordismo all'italiana con quello delle politiche dell'austerità.

Questa è una miscela esplosiva.

Il mutualismo

Lo strumento per riprendere l'iniziativa in questa cornice potrebbe essere il mutualismo. La proposta è presente anche nel libro di Bonomi. La lunga storia di questo concetto ha portato la sinistra a intenderlo come una forma di solidarietà tra i poveri. Il mutualismo è invece lo strumento utile per creare coalizioni democratiche che abbiano lo scopo di garantire il mutuo soccorso, regimi di auto-governo e nuove istituzioni territoriali. Sono queste le basi, solidali e non individualistiche, per una riforma universale del Welfare che tuteli le potenzialità della persona e non la sua appartenenza a corporazioni, sindacati o classi sociali.

Questa prospettiva resta purtroppo una prerogativa di minoranze attive e viene ignorata dalla maggioranza del Quinto Stato, sempre più passivo, rancoroso e impoverito. Ciò non toglie che, per chi fosse interessato a “fare politica”, il mutualismo rappresenti un'opzione concreta, oltre che una radicale alternativa all'austerità. E non può essere altrimenti perché il mutualismo esprime l'esigenza di costruire una società dove milioni di persone continueranno a vivere e a lavorare in maniera indipendente e dovranno difendere la propria autonomia contro tutte le forme di sfruttamento e ricatto.

Tra i principi costituenti del mutualismo c'è la secolare tradizione civica italiana che ha sempre ragionato sul municipalismo e il suo rapporto con i territori e con le persone che li vivono e li attraversano. Nella tradizione del mutualismo c'è anche l'idea di un'Europa intesa come uno spazio dove affermare la libertà, la solidarietà e la giustizia sociale. Infine c'è la pretesa di incidere sulle scelte politiche a livello locale. Collegare questi livelli nella stessa cornice potrebbe servire ad affrontare il problema della rappresentanza, oltre che a riattivare la partecipazione.

Una scommessa altissima

A sinistra quando si parla di "politica" si evocano sempre principi intramontabili che difficilmente scaldano il cuore. Oppure ci si dedica alle alchimie dei "soggetti politici" e dei cartelli elettorali, un bricolage che non porta mai a nulla. Sarebbe invece preferibile partire da ciò che si muove sui territori.

A partire da questa base si può configurare un campo, oggi allo stato a dir poco fluido, composto da coalizioni tra associazionismo civico e promozione sociale con le diverse anime che compongono il Quinto Stato: lavoratori indipendenti, auto e piccola impresa e molti altri segmenti sparsi nella sterminata provincia italiana, sospesi tra sottoccupazione e assenza di retribuzione. Vista dall'alto, al di fuori delle dinamiche presenti sui territori e nelle reti, questa resta una prospettiva difficile. Ripartiamo invece dal basso e restiamo alle cose, lì dove nascono i rapporti tra le persone, i territori e le istituzioni.

In Italia esiste una domanda di riappropriazione dei flussi economici, della tutela e della valorizzazione socio-culturale dei territori. Si continuano a costruire reti tra spazi e soggetti sociali, economici, istituzionali capaci di produrre ricchezza e buone forme di vita, invece che sfruttamento e passioni tristi.

La loro è una scommessa altissima, anche perché manca una visione condivisa della società. Corrono il rischio di perderci nella difesa testimoniale e minoritaria del localismo, di identità posticce, rassegnandoci all'aggravarsi delle differenze di classe e della povertà.

News - Economia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information