Apertamente

di Enrico Grazzini da MicroMega del 28/8/2013 - Finalmente una testata autorevole per la sinistra europea come Le Monde Diplomatique ha pubblicato in prima pagina un lungo e argomentato articolo titolato “Uscire dall'euro? Contro un'austerità perpetua” [1]. L'articolo rompe un tabù: finora “solo” gli economisti anglosassoni, qualche isolato economista europeo e italiano considerato originale e strambo [2], e qualche formazione estremista, soprattutto di destra, hanno osato parlare della possibilità di uscire dall'euro. Finalmente, grazie all'autorevolezza riconosciuta della testata francese (certamente non estremista), dovrebbe essere possibile avviare anche in Italia un dibattito critico e approfondito sull'euro e sull'Unione Europea, senza illusioni romantiche sul radioso avvenire dell'Europa, senza subalternità ideologiche e senza censure. Gran parte della sinistra italiana, sia quella tradizionale che quella cosiddetta radicale e alternativa, finora ha chiuso occhi, orecchie e bocca sulla moneta unica europea: ma la sinistra dovrebbe cominciare a ripensare radicalmente l'euro e riconoscere che l'Unione Europea ha cambiato natura genetica rispetto agli ideali originari [3].

La sinistra finora ha ignorato la drammaticità del problema della moneta unica. Ma non dovrebbe assolutamente lasciare alla destra fascisteggiante, reazionaria e sciovinista il monopolio della protesta sulla questione scottante dell'euro e della sovranità nazionale. Sollevare il problema dell'euro tedesco non dovrebbe essere considerato sintomo di bieco nazionalismo: la sinistra dovrebbe invece affrontare con coraggio il problema se non vuole che il populismo di destra – alla Le Pen, alla Berlusconi o alla Bossi, che sono molto critici verso l'euro e la UE – si affermi facilmente presso le fasce popolari. Anche perché ormai, come vedremo, i sondaggi indicano che l'euro e l'Unione Europea sono visti dall'opinione pubblica certamente più come un problema che come una soluzione.

La sinistra dovrebbe addirittura spingersi a proporre un referendum sulle drammatiche questioni dell'euro e del fiscal compact. Questa proposta non dovrebbe essere tacciata pregiudizialmente di populismo. Al di là dei risultati del voto popolare, avrebbe comunque il merito di rilanciare la discussione su due problemi fondamentali: l'euro a direzione tedesca e la sovranità nazionale come forma basilare e irrinunciabile di democrazia. Una consultazione pubblica a livello nazionale è difficile da realizzare ma sarebbe salutare. Infatti è indubbio che allo stato attuale i popoli dell'Europa si possano esprimere democraticamente solo a livello nazionale. Il popolo europeo non esiste ancora come popolo sovrano, è troppo diviso e frammentato in lingue, culture, situazioni e aspirazioni diverse per riuscire a esprimersi democraticamente. Il popolo dell'Europa non è neppure rappresentato dalle istituzioni europee che sono fondamentalmente interstatali - a parte il Parlamento Europeo, che però, pur essendo eletto, ha pochissimi poteri -. Referendum sulle questioni europee e sull'euro sono stati tenuti in paesi come Francia, Olanda, Danimarca, Svezia e Irlanda. Perché allora non avviare anche in Italia un ampio dibattito e cercare il voto popolare su una questione centrale che impatta drammaticamente la vita dei cittadini? I popoli sono spesso più saggi dei politici e non si dovrebbe avere timore della democrazia.

Non facciamoci illusioni. La crisi dell'euro e quindi dell'Unione Europea continuerà e probabilmente precipiterà. Purtroppo non stiamo uscendo dalla crisi, come afferma il governo Letta. Ha ragione Le Monde Diplomatique quando afferma che l'euro genera un'austerità senza fine, e che è quasi certo che, comunque vada, la moneta unica cesserà di esistere. La scienza economica non è una scienza esatta e il futuro è intrinsecamente imprevedibile. Tutte le previsioni sono degli azzardi. Ma l'euro così come è attualmente è insostenibile e irriformabile semplicemente perché la Bundesbank e la politica tedesca non vogliono riformarlo. Molte persone colte e competenti possono suggerire alla Germania che cosa dovrebbe fare per superare l'austerità e rinvigorire l'Europa [4]: ma è inutile perché i governanti tedeschi non hanno la volontà e l'interesse a seguire i consigli altrui. L'alternativa reale sembra questa: o la speculazione internazionale romperà l'eurozona e provocherà il caos, o i paesi dell'eurozona concorderanno in qualche maniera la rottura della moneta unica per salvare almeno parzialmente l'Unione Europea [5]. Le Monde propone realisticamente di “fare un passo indietro” e di passare dalla moneta unica a una “moneta comune” concordata, che permetta però valute nazionali autonome. Ma al di là della questione cruciale di come uscire dalla camicia di forza della moneta unica, il problema dell'euro non è solo economico e tecnico, ma anche e soprattutto politico, democratico, istituzionale, e riguarda direttamente il presente e il futuro dell'Unione Europea.

La morte dell'Europa democratica e federale

Quasi certamente gli storici ricorderanno questo periodo come quello della morte dell'idea nobile dell'Europa come unione volontaria e paritaria degli stati in una entità solidale, federata, democratica e cooperativa. L'Unione Europea sta agonizzando e ha modificato il suo DNA proprio con la nascita dell'euro. Gli italiani erano tra i più entusiasti dell'Unione Europea, la consideravano come un progresso democratico, come un passo verso la modernità e come fattore di sviluppo. L'Unione Europea oggi appare piuttosto come il duro e autoritario guardiano sovranazionale dei “compiti” che ogni Stato deve fare “a casa” per abbattere il welfare e fare regredire il benessere popolare. Non è più possibile nutrire illusioni romantiche: esiste ormai un abisso incolmabile tra le idee del Manifesto di Ventotene, gli sforzi di De Gasperi, Adenauer e Shuman per costruire una Europa unita e pacifica, e l'Unione Europea attuale. I trattati e i vincoli europei, a partire dal trattato di Maastricht (definito “stupido” da Romano Prodi) e quello di Lisbona, delineano una Unione Europea ultraliberista e autoritaria. Il ritornello della campagna elettorale di Angela Merkel è questo: “l'Europa il 7% degli abitanti nel mondo, il 25% del prodotto totale il 50% delle spese per il welfare: non possiamo più permettercelo” e quindi ogni Stato deve fare i “compiti a casa” per ridurre la spesa sociale e aumentare la produttività. In questo contesto e in base a questa ideologia di centrodestra, l'Unione Europea è diventato il ragioniere che controlla la riduzione dei bilanci sociali dei singoli stati, e il poliziotto vigile che cura lo svolgimento dei “compiti a casa” indipendentemente dalla volontà popolare, e anzi contro la volontà popolare. Dopo i diktat, le sanzioni e le multe sono dietro l'angolo.

Il risveglio della potenza tedesca e l'egemonia sull'Europa

Spesso l'Europa è stata accusata di essere l'Europa dei banchieri e delle banche: ma questa accusa non è più vera. E' superata dalla realtà, e in peggio. La UE è l'Europa delle banche e della finanza tedesca e degli altri paesi creditori del Nord Europa, come Olanda e Finlandia, che guadagnano dalla crisi europea. Sulla volontà egemonica tedesca sull'Europa vale la spiegazione data (e riportata da questo sito) da Marco D'Eramo [6]. Dopo la sconfitta nella seconda guerra mondiale, la Germania sta uscendo prepotentemente dalla subalternità e, grazie al successo della sua unificazione, pretende il suo posto preminente in Europa e nel mondo globale. Vuole affermare la sua potenza e la sua autonomia. Non a caso, contrariamente ad altre potenze occidentali, ha deciso, per esempio, di non partecipare alle azioni militari in Libia e in Siria.

Le Monde indica che l'euro – così come è stato costruito secondo i dettami della Germania socialista di Schroeder e della democristiana Merkel – contrasta la sovranità dei popoli e dei singoli stati. E' in gioco niente di meno che la sovranità nazionale dal momento che la politica monetaria è decisa dalla Banca Centrale Europea e che anche la politica fiscale dei singoli stati è dettata dalla Germania e da trattati intergovernativi capestro, come quello del fiscal compact che produrrà effetti disastrosi (impone infatti una rapidissima e automatica riduzione delle spese pubbliche anche nei periodi di crisi, strozzando l'economia e il welfare [7]). Non è esagerato affermare che l'Unione Europea è diventata il gestore del neocolonialismo finanziario a guida tedesca. E come tutte le forme neocoloniali, la UE opprime gli stati subalterni, li rende servili, impedisce la loro crescita e schiaccia le classi popolari e i ceti medi. Per i popoli europei diventa impossibile decidere democraticamente e con un minimo di autonomia il proprio destino.

Il vero e grave limite della politica tedesca di austerità consiste però nel fatto che è talmente rigida, assurda e controproducente da diventare insostenibile. Secondo la maggioranza degli economisti anglosassoni è difficile che l'euro possa resistere: la politica di austerità alimenta la crisi e divarica drammaticamente le nazioni europee, già così differenti dal punto di vista economico, sociale e politico. Per la Merkel tutti gli stati europei dovrebbero essere più produttivi, più competitivi, ottenere surplus commerciali per ridurre i debiti esteri e raggiungere il pareggio del bilancio pubblico, proprio come fa la Germania. Ma il modello mercantilista tedesco fondato sull'abnorme surplus dell'export non può essere trasferito a tutti i paesi europei. E' insostenibile. Il tentativo vero della Merkel è probabilmente di indebolire e subordinare gradualmente gli altri paesi UE senza però farli crollare del tutto, fino a dominare di fatto l'economia europea: ma questo gioco è estremamente pericoloso e incerto, ed è probabile che si riveli impraticabile.

L'insostenibilità del modello tedesco e la proposta di Le Monde Diplomatique

Per salvarsi, alcune economie indebitate e in deficit commerciale, meno produttive, dovrebbero svalutare, mentre la Germania dovrebbe rivalutare in maniera tale da contenere il suo avanzo commerciale con gli altri paesi europei. La proposta di Le Monde è che gli stati europei concordino di passare da una moneta unica a un sistema di cambi fissi intraeuropei: l'euro rimarrebbe però come moneta comune sui mercati internazionali di fronte al dollaro e alle altre valute extraeuropee. Il punto debole di questo piano è che appare troppo razionale per essere applicato nel contesto dell'attuale egemonia finanziaria tedesca. È più probabile che la Germania continui a gestire la crisi per tentare di raggiungere il dominio economico, e che però alla fine il tentativo fallisca e porti alla rottura incontrollata dell'euro. Le incognite per il mantenimento dell'euro attuale sono troppo numerose: il risultato delle elezioni tedesche; la sentenza della Corte Costituzionale tedesca; la ripresa della speculazione internazionale conseguente alla stretta prevista della Federal Reserve; la crescita dei debiti dei paesi del sud Europa; il possibile fallimento di qualche banca europea. Inoltre nuovi movimenti politici (di destra o di sinistra) potrebbero scatenarsi contro il fiscale compact, la riduzione drastica del welfare e le imposizioni autoritarie della UE. In effetti la costruzione di questa Europa ultra-autoritaria a guida tedesca si dimostra sempre più complessa e sempre più improbabile. Gli stati litigano già sul bilancio europeo e riducono i finanziamenti alla UE; in Germania l'opinione pubblica considera lazzaroni e sfaticati i paesi del sud Europa; la Gran Bretagna medita di uscire dalla UE; la Spagna ha perfino iniziato a lottare contro i resti dell'impero britannico a Gibilterra, mentre la Grecia reclama il pagamento dei debiti di guerra al governo tedesco. La solidarietà europea sta cedendo di fronte alla competizione generata dall'euro a guida tedesca. E la Merkel non vorrà mai una Europa federata che metta a rischio l'autonomia e l'egemonia tedesca. Non a caso la Germania opera soprattutto attraverso trattati intergovernativi al di fuori della UE. Il fiscal compact è un trattato intergovernativo e il Meccanismo Europeo di Stabilità (MES), detto anche Fondo salva-stati, è stabilito da un accordo tra governi.

L'Europa senza consenso popolare

Si sta costruendo un'Europa senza consenso popolare. L'opinione pubblica europea è sempre più contraria a questa Europa e a questo euro. Lo dimostrano i risultati della rilevazione compiuta a livello europeo da parte dell'autorevole e neutrale Pew Research Center condotta nel maggio 2013 e significativamente intitolata: “Il nuovo malato d'Europa: l'Unione Europea stessa” [8]. Secondo questa indagine la fiducia verso la UE è al punto più basso dalla sua creazione. La UE è vista con favore da meno della metà della popolazione europea, cioè dal 45% del totale (rispetto al 60% del 2012). In Grecia solo il 33% è favorevole alla UE, in Francia e in Gran Bretagna solo il 41-43%, in Spagna il 46%. Solamente in Germania (60%) e in Italia (58%) resiste un'opinione pubblica maggioritaria favorevole alla UE. Tuttavia la fiducia verso la UE sta crollando a causa della crisi economica: dal 2007 al 2013 il sentimento positivo verso lo stato dell'economia è sceso di 61 punti in Spagna, 54 in Gran Bretagna, 22 in Italia, 21 in Francia e nella Repubblica Ceca. Le divaricazioni aumentano. Tutte le nazioni europee meno la Germania vedono nell'occupazione il problema principale. Secondo l'opinione pubblica di tutti i paesi europei, meno la Germania, i politici nazionali gestiscono male l'Unione Europea. La crisi economica sta “creando forze centrifughe che dividono l'opinione pubblica europea, separando in particolare la Germania da tutti gli altri paesi europei”, in particolare dai francesi e dai paesi del sud Europa. Solo l'1% dei Greci, il 3% degli italiani e il 9% dei francesi sono soddisfatti della situazione economica attuale, contro il 75% dei tedeschi. Il 60% degli europei (e il 90% dei francesi) pensa che i figli staranno peggio dei padri. Il 77% crede che questo sistema favorisca solo i ricchi. L'85% ritiene che il gap tra i ricchi e poveri sia aumentato negli ultimi cinque anni, e il 66% pensa che questo gap costituisca un grave problema.

In Grecia il 78% ritiene che l'appartenenza alla UE abbia indebolito l'economia: la pensano allo stesso modo il 75% degli italiani e il 60% degli spagnoli. La maggioranza guarda sfavorevolmente a Bruxelles e ad una maggiore integrazione europea. A dispetto della crisi e delle disillusioni su Bruxelles e l'Unione Europea, il 69% dei greci, il 67% degli spagnoli, il 66% dei tedeschi, il 64% degli italiani e dei francesi vogliono però mantenere l'euro. Forse l'euro viene percepito come un male ormai irreversibile e l'uscita è considerata più dannosa che benefica. Comunque i sondaggi parlano chiaro: l'Europa è deludente ed è un problema in cerca di soluzione.

Ovviamente non si tratta di decidere le proprie politiche in base ai sondaggi, ma di prendere atto che il sentimento popolare verso l'Europa sta rapidamente e radicalmente cambiando, e di tenere conto della percezione negativa della UE. Spesso l'opinione pubblica è più ragionevole e critica dei politici, degli economisti e dei tecnocrati. Non si tratta evidentemente di rinunciare all'Europa unita e di essere “meno europeisti”: si tratta invece di prendere finalmente atto della realtà politica attuale, senza illusioni e idee preconcette.

Opporsi a questa Europa per un'altra Europa possibile

Occorre contrastare questo euro fallimentare e la passiva subalternità dei governi italiani (e del centrosinistra) alle politiche tedesche ed europee. Si tratta di denunciare il fiscal compact e questa Europa autoritaria e neocoloniale, di prepararsi alla rottura della moneta unica, e di ritornare all'idea originaria di una Europa democratica e cooperativa. Bisogna iniziare una battaglia culturale e politica per modificare sostanzialmente i trattati esistenti e costruire un'altra Europa. Un'Europa in cui le sovranità nazionali non vengano schiacciate, un'Europa magari con un euro comune ma (come suggerisce Le Monde) anche con monete nazionali il cui valore sia concordato. E' auspicabile una Europa non presidenziale ma in cui il Parlamento – magari con due camere, una eletta dal popolo, l'altra rappresentativa degli stati membri – conti davvero e generi un governo condiviso senza gerarchie schiaccianti tra gli stati. Occorreranno certamente più tempo e maggiori sforzi per costruire l'Europa dei popoli: ma è questa l'Europa che vogliamo.

NOTE

[1] Frederic Lordon, Le Monde Diplomatique - il manifesto, agosto 2013, “Uscire dall'euro? Contro un'austerità perpetua”
[2] Per citare solo gli autori italiani critici più recenti verso l'euro, ricordiamo Bagnai Alberto: “Il tramonto dell'euro. Come e perché la fine della moneta unica salverebbe democrazia e benessere in Europa” Editore Imprimatur, 2012; Emiliano Brancaccio, Marco Passarella, “L'austerità è di destra. E sta distruggendo l'Europa” Il Saggiatore, 2012 ; Bruno Amoroso, Jesper Jesperson, “L' Europa oltre l'Euro: le ragioni del disastro economico e la ricostruzione del progetto comunitario” Lit Edizioni, 2012; Loretta Napoleoni, “Democrazia vendesi - Dalla crisi economica alla politica delle schede bianche, Rizzoli, 2013; Marino Badiale, Fabrizio Tringali “La trappola dell'euro”, Asterios Editore, 2012
[3] Chi scrive si è visto rifiutare la pubblicazione di un articolo critico sull'euro da parte di Sbilanciamoci.info, l'organismo vicino a SEL, che pure vorrebbe essere aperto e proporre politiche alternative di sinistra. L'articolo in questione è stato pubblicato da MicroMega: “Lafontaine e la trappola dell’euro”, 21 maggio, 2013.
[4] Vedi per ultimo Luciano Gallino su Micromega, da Repubblica, 26 agosto 2013: “I debiti della Germania e l’austerità della Merkel”
[5] Vedi anche di Enrico Grazzini: MicroMega, 27 giugno 2013, “Occorre una svolta: ultimatum alla Merkel oppure uscire dall’euro”
[6] Marco d'Eramo, vedi Micromega dal Manifesto, 14 dicembre 2011: “La strategia di Berlino vista da Washington”. “L'obiettivo (della Merkel) è la reinserzione a pieno titolo della Germania nel novero delle grandi potenze planetarie, ovvero l'abrogazione totale dell'ordine uscito dalla seconda guerra mondiale e dagli accordi di Potsdam (1945)..... Non dimentichiamo mai che l'euro è sentito dalla Germania come l'ultimo diktat derivato dalla sconfitta, come una prigione, cioè proprio quello per cui era stato pensato. Non è difficile perciò immaginare che i tedeschi provino una vera e propria Schadenfreude (termine che meravigliosamente sintetizza la 'gioia provata per le disavventure altrui') quando l'euro si ritorce contro chi l'aveva imposto e da camicia di forza della potenza tedesca diventa invece l'arma di punta del suo arsenale economico-finanziario”.
[7] Luciano Gallino, La Repubblica, 8 gennaio 2013 “Il baratro fiscale dell'agenda Monti”
[8] Pew Research Center, Maggio 2013: “The New Sick Man of Europe: the European Union. French Dispirited; Attitudes Diverge Sharply from Germans”.

News - Economia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information