Apertamente

di Aldo Bonomi, da Il Sole 24 Ore del 1/7/2013 - Per ripartire c'è bisogno di un'iniezione di robustezza: non "pannicelli caldi" ma motori che sviluppino una capacità di spinta tale da far compiere un salto di qualità al sistema. E' la ripresa degli investimenti il motore da rimettere in moto: senza investimenti niente produzione, innovazione, accumulazione o distribuzione di ricchezza. Ciò dipenderà non solo dalla riorganizzazione dei fattori strettamente economici quanto soprattutto dalla capacità di quella che io chiamo "macropolitica" di costruire visioni e programmi per il futuro che ricostruiscano la tela lacerata della fiducia. Capaci cioè di disegnare sentieri nuovi di sviluppo a partire da un'idea di crisi che ne coglie soprattutto gli aspetti di metamorfosi sociale, culturale e ambientale. Gli animal spirits imprenditoriali possono tornare a funzionare solo dentro una nuova visione di progresso e sviluppo che abbia al centro l'accoppiata governance e sostenibilità.

Con tutte le cautele del caso penso che programma e visione possano essere sintetizzati dall'idea, seppur vaga, di "green economy". Concetto ormai precocemente abusato e spesso utilizzato come scatola semantica buona per tutti i contenuti e gli usi. Che tuttavia può assumere significati più concreti e innovativi se associato all'idea di green society, ovvero all'idea che un nuovo ciclo di sviluppo economico all'insegna della sostenibilità potrà innescarsi solo se sarà l'esito di nuovi rapporti sociali e nuova governance pubblica. Green economy è concetto che non appartiene all'ambientalismo classico. Riguarda invece l'idea che il capitalismo incorpori il limite ambientale nel suo processo di accumulazione. Ne faccia motore di un nuovo ciclo.

È un discorso che riguarda il tema della sobrietà dei consumi e di una strategia keynesiana di nuovi investimenti. L'idea di green economy va quantomeno situata nelle condizioni reali del ciclo attuale. Perché a ben vedere ne possiamo identificare almeno tre versioni, con significati ed esiti politici opposti tra loro: anzitutto green economy è un concetto che sul piano delle economie mondiali è stato spesso declinato come grande bolla finanziaria, come finanziarizzazione delle commodities alimentari e dell'accaparramento delle terre agricole in Africa e in America Latina per produrre biogas oppure altri tipi di combustibili alternativi al petrolio in via di esaurimento. Una green economy fatta di una ristretta élite composta di dodici transnazionali che da sole monopolizzano il mercato mondiale delle commodities e ne "fanno" la potenza del controllo sui destini delle popolazioni. Al polo opposto esiste anche una seconda declinazione di green economy, legata all'idea di una diversità dei modelli di capitalismo e, nel caso dell'Italia, alla radice territoriale e localistica del nostro apparato produttivo.

Una green economy territoriale, dunque, che in parte sta già crescendo come esito di due processi evolutivi. Da una parte come evoluzione del capitalismo molecolare, come adattamento delle economie produttive di piccola e media impresa sul lato della maggiore efficienza energetica, della compatibilità ambientale delle produzioni, di una innovazione leggera dei processi produttivi e del design dei prodotti. Dall'altra, come evoluzione di una tendenza al vivere "borghigiano", la propensione a una migliore qualità localistica della vita da parte di ampi segmenti di ceto medio riflessivo, portatore di un'evoluzione postmaterialista degli stili di vita e di consumo che fa da base sociale e culturale a fenomenologie come Slow Food, Eataly, reti e accademie del gusto proliferate sul territorio, ecc.

Un fenomeno a cavallo tra economia e rappresentazione sociale che sostiene filiere produttive e nel medesimo tempo ha sbocchi di tipo partecipativo importanti, che alimenta concezioni democratiche che stanno al confine tra green economy e ideologia della "decrescita felice". In mezzo tra finanza e territorio si colloca una visione della green economy neokeynesiana e che, per quanto mi riguarda, rappresenta la vera sfida se si intende ricostruire una idea di sviluppo. Essa suggerisce la necessità di spingere in avanti la frontiera della discontinuità tecnologica, per esempio sul piano della questione energetica. Per farlo occorrono infrastrutture e poli che abbiano la massa d'urto adeguata. È chiaro che tutto ciò significa ripensare il ruolo del pubblico fuori sia dai vecchi schemi dell'Iri che dalle retoriche neoliberiste. Un ruolo che va declinato a cavallo tra centro e periferia del sistema.

Occorre continuare a guardare al difficile costruirsi di un'altra coscienza del mondo che per ora si rappresenta nei difficili, aspri e stanchi incontri globali, se si leggono i documenti ufficiali, di Kyoto, Copenaghen, Rio de Janeiro. Un neokeynesismo che dovrebbe tuttavia avere come punto centrale non tanto l'accentramento quanto la capacità dei territori, poli d'eccellenza, le nostre piattaforme territoriali, di fungere da fertilizzatori del nuovo ciclo economico rispetto alle economie territoriali. Questa è la sfida vera che attende i cavalieri che fecero le imprese del made in Italy. È la nostra Tennessee Valley.
È fatta da una riconversione possibile quantomeno di una parte consistente del tessuto produttivo diffuso di sei milioni di capitalisti molecolari trainati da quattromila medie imprese leader. Tutti impegnati nello sforzo epocale del produrre merci altre con altri motori di energia per altri consumi.

Uno sforzo immane che ridisegna il paesaggio che verrà, con meno capannoni e piú colline di Solomeo, dal nome del borgo umbro dove Brunello Cucinelli ha ricostruito una comunità-paese di produttori, piú chilometro zero in agricoltura, piú Eataly per commercializzare il made in Italy dei territori e piú Terra Madre per un vivere di sobrietà. Quando parlo di green economy che deve essere green society e green governance sostengo che la cornice di una grande politica industriale dovrà contenere anche l'eterotopia praticabile di un patto tra composizione sociale terziaria capace di ragionare di soft economy, di sviluppo sostenibile, di innovazione tecnologica, di economia dell'esperienza, di sobrietà, di saperi formali contaminati con i saperi contestuali dell'artigiania, di estetica della merce, contaminando l'impresa.

News - Economia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information