Apertamente

di Mauro Barberis da MicroMega - È possibile considerare Karl Marx e Rosa Luxemburg due pensatori liberali? Secondo Pierfranco Pellizzetti, sì. Nel suo ultimo libro, “Libertà come conflitto” (Mucchi Editore), Pellizzetti propone un' "altra idea di liberalismo" attraverso un'antologia ragionata di testi e citazioni che sconvolge le tradizioni più consolidate. Anticipiamo la postfazione di Mauro Barberis.

Un altro libro sul liberalismo? Macché: piuttosto un repertorio, o meglio un caleidoscopio di frammenti di un discorso liberale, tratti da centinaia di libri coscienziosamente sottolineati e da un uso rilassato di quello che i francesi chiamano ancora ordinateur (e tutti gli altri al mondo, più banalmente, computer). Niente di più lontano, comunque, dall’ennesima visita guidata sui luoghi museal-catacombali della tradizione liberale: semmai, il punto di partenza per nuove e ancora più azzardate scorribande. Ma anche la proposta, vagamente provocatoria, di un liberalismo possibile: il liberalismo pellizzettiano, mix originale di repubblicanesimo civico, e mai cinico, decostruzione liberatoria, ottimismo della volontà, rapinose passioni, pervicaci idiosincrasie, e quant’altro.

Come l’autore dell’Archeologia del sapere arruolato in epigrafe, anche questo liberalismo, ironicamente, non sta dove lo cerchiamo, ma s’inventa inesauribili altrove da dove guardarci ridendo. Il liberalismo come critica dei rapporti di dominio, à la Pellizzetti, moltiplica i punti di vista, gli scorci e le prospettive: sinché il liberalismo come credevamo di conoscerlo si frammenta e si ricompone in costellazioni sempre nuove, irriducibili a ogni schema sistematico. Soprattutto, lo sguardo del liberale ironico trapassa i libri per guardare in faccia alla Realtà – massì, spendiamola anche noi questa parolaccia ingiustamente rivalutata dai tanti riscopritori dell’acqua calda... Pellizzetti parte dalla definizione per enumerazione del liberalismo perpetrata da Ronald Dworkin e Sebastiano Maffettone, che evoca davvero la zoologia fantastica di Jorge Luis Borges, e approda a un elenco di citazioni tratte da autori ancor più eterocliti, portando a un allegro naufragio ogni pretesa di definire, di tracciare limiti, di istituire rapporti di filiazione. Nell’elenco, si possono incontrare Montaigne e Noam Chomsky, Richard Rorty può andare a braccetto con Valerio Zanone, e Manuel Castells accompagnarsi a Piero Gobetti; qua e là compare persino il sottoscritto, postfatore in conflitto d’interessi. E ognuno, badate bene, dice qualcosa di indiscutibilmente liberale: che, se volete, è un argomento a favore, e non contro il liberalismo pellizzettiano.

Il libro – perché, come vi sarete accorti, questo è davvero un libro, proprio come la pipa di Magritte era davvero una pipa e questa è davvero una postfazione – si organizza attorno a due nuclei tematici ben riconoscibili: nuclei che potrebbero apparire mutuamente irrelati, e in effetti lo sono, benché a tenerli insieme vi sia sempre lo stesso indefettibile progetto critico. Il nucleo originario è in realtà il secondo: il repertorio-caleidoscopio del liberalismo, dal capitoletto intitolato Liberalismo e definizione sino alla conclusione Riassumendo: un’idea di liberalismo. Al repertorio-caleidoscopio, peraltro, l’autore ha premesso una Nota esplicativa e un’analisi di quattro questioni di attualità: il preteso postsecolarismo, la finanziarizzazione del mondo, lo scontro di civiltà, la desertificazione del reale.

Il primo nucleo tratta queste quattro questioni nella forma di un’analisi serrata delle capacità critiche dei principali media novecenteschi: in ordine di apparizione, cinema, televisione e computer. La televisione viene debitamente demonizzata, per la sua rara capacità di ottundere il senso critico e di asfaltare le coscienze. A paragone viene invece rivalutato, sia pure con ripensamenti, il cinema, per essere riuscito a denunciare la militarizzazione del mondo compiuta sotto l’amministrazione Bush: anche se, verrebbe fatto di dire, parlare bene del cinema è più facile, la tv ci aspetta al varco ovunque mentre al cinema bisogna volerci andare, e anche il più desolante blockbuster bisogna comprarselo, se proprio non si vuole piratarlo dal computer. Già: e il computer? Anche qui, mi pare che il Pellizzetti – amico tanto fraterno da doverne prendere qua e là le distanze – dopo la primavera araba finisca per sopravvalutare le potenzialità liberatorie del mezzo, senza pensare al suo prolungamento comunicativo, il telefonino. Su tutto questo, per non parlare dell’e-democracy, occorrerà un supplemento di ricerca empirica, come si diceva una volta. L’unica cosa certa, perché la sperimentiamo sulla pelle nostra e dei nostri figli, è la colonizzazione dell’esperienza perpetrata da tutti questi media. Prima i nostri figli, e poi pure noi, cominciamo a perdere facoltà che una volta ci erano naturali, come il riserbo, il silenzio, la solitudine, la riflessione: tutte cose oggi percepite, con orrore, come sconnessione dal web.

Del secondo nucleo tematico – il repertorio del liberalismo come critica dei rapporti di dominio – si è già detto l’essenziale.
A rinfocolare un vecchio dissenso, potrei aggiungere che Pellizzetti concepisce il conflitto fra poteri e libertà, e anche la critica, in un modo che la sua bestia nera, Friedrich Hayek, avrebbe bollato come costruttivistico: come se dietro ogni fenomeno e processo vi fosse sempre un qualche progetto, o complotto. Io invece, come il vecchio Fritz, prendo più sul serio la vecchia metafora della mano invisibile; il mercato, il capitalismo, e anche la finanziarizzazione dell’economia, non sono nati da un progetto e meno che mai da un complotto. In realtà, tutto evolve, non necessariamente verso il meglio, spesso seguendo solo le linee di minor resistenza: anche i nostri progetti alternativi, inesorabilmente destinati a cambiare pure loro.

 

News - Economia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information