Apertamente

di Altero Frigerio da Strisciarossa del 22/3/2020 - Ma come facciamo a dire che “tutto andrà bene”. Non è vero che andrà tutto bene, lo sappiamo tutti. E tornare a come stavamo prima del virus non è che proprio mi entusiasmi. Perché i danni della cultura liberista e privatizzatrice non li paghiamo oggi che c’è il virus, li abbiamo già pagati e continueremo a pagarli per chissà quanto tempo ancora. Taglia oggi, privatizza domani e via distruggendo. Prima di parlare della sanità posso fare qualche esempio facile facile? Abbiamo aspettato che venisse giù il ponte Morandi per accorgerci che le autostrade in mano ai privati non erano sicure come raccontavano per giustificare gli aumenti dei pedaggi? Crolla il ponte e le concessioni non vanno più bene? Avevano detto che la colpa era dell’Anas e dei sui manager incapaci o corrotti. La cura è risultata peggio della malattia (per stare ai tempi sanitari correnti). Si riempivano le piazze per mandare affanculo chi difendeva le province (non i consigli provinciali) per poi accorgersi che una volta abolite non si sa più chi deve riparare le strade o assicurare il riscaldamento nelle scuole. Privatizza e liberalizza qui e là per accorgersi che il bilancio dello Stato non migliorava di un decimo, ma dirlo non era abbastanza moderno, à la page, mainstream: brillanti accademici (Giavazzi e Alesina solo per citarli ad esempio), ma anche valenti giornalisti come Rizzo e Stella hanno dato sostanza e liceità ad un comun sentire secondo cui ciò che è pubblico è da buttare: ci vuole meno Stato, o – ad essere sinceri – più mercato. Anzi se tutto è merce, serve solo il Mercato. Il disastro è servito, eletti ed elettori a specchiarsi – beati i primi, beoti i secondi, tutti novelli Narciso – nelle bellezze del lago del “senza lacci e lacciuoli”.
Decenni di tagli selvaggi
Lo Stato, concordo, non deve fare le merendine o i pomodori, ma perché la siderurgia o le telecomunicazioni devono passare e restare in mani private lasciando il Paese in balia degli interessi e dei profitti stranieri? Dall’Iri ai Riva, ai cinesi, agli indiani, ai tedeschi: ora l’acciaio di qualità di Taranto, Piombino o Terni finisce al ministero dello Sviluppo solo per la quota occupazionale, non certo per il suo valore strategico e industriale. Sulle telecomunicazioni sarà meno doloroso ma è altrettanto evidente come si paghino a caro prezzo le scelte scellerate dei decenni scorsi. Altro che golden power: mentre nelle more di privatizzazioni e liberalizzazioni a go go moriva in culla la banda larga, fiore all’occhiello di ogni governo e di ogni maggioranza, il 5G cinese ha trovato ben poche resistenze alla sua penetrazione.
Decenni di tagli al welfare, alla sanità, alla scuola. Risultato: oggi non sappiamo dove mettere i malati, e non abbiamo abbastanza personale per trattarli e curarli. Privatizzare i servizi essenziali evidenzia scelte di campo nette (a destra) e al contempo nasconde debolezze economiche ma anche politiche e culturali (a sinistra). Il declino italiano, non solo produttivo, lo misuriamo con due parametri secchi: l’aumento delle diseguaglianze e l’abbandono del pubblico dai beni comuni e universali in primis, quali educazione e sanità. Insegnanti eroi? Medici e infermieri eroi? Con quale coraggio! Con quale cattiva coscienza! Aumenta la dispersione scolastica; il diritto allo studio è tale solo nominalmente; la qualità del nostro sistema formativo va scemando senza alcuna inversione da anni e anni; censo e provenienza familiare tornano a determinare come non mai le carriere scolastiche. Ma veniamo alla sanità (e al welfare). “Siamo abbandonati e senza forze, senza assistenza e senza aiuti, soli con i nostri figli” twittavano pochi giorni orsono le associazioni dei caregiver raccontando come l’emergenza corona virus si riverberi sulle famiglie con disabili in casa. Un aspetto secondario, diranno sottovoce i liberisti (di destra e di sinistra) non potendo ammettere fino in fondo le loro responsabilità. Girano tante cifre sui tagli alla sanità, ai posti letto, al personale sanitario. Tutte facilmente dimostrabili, finanziaria dopo finanziaria. Quel che non si mette mai abbastanza in evidenza è che contemporaneamente alla scure dei bilanci, in 10 anni la spesa “privata” degli italiani per la salute è aumentata del 16,6%, in contrasto con la crescita del 3% di quella pubblica. Privato è bello, privato è meglio, vale anche per la sanità… Il pubblico spreca, non funziona, soldi buttati: meglio l’accreditamento, la sussidiarietà, meglio la compartecipazione, meglio i fondi (magari contrattuali)! Con il risultato eclatante che c’è stata una supplenza, da parte delle famiglie, alle carenze del pubblico pagata con il proprio portafoglio. L’impatto finale di questa filosofia economico-sociale riguarda la presenza di un numero inadeguato di letti e di personale ospedaliero nelle strutture sanitarie del nostro Paese come la temperie virale di questi giorni sta a dimostrare. Ricordo le riflessioni di Giovanni Belinguer, uno dei padri del Ssn. Sottolineava come con il tempo si è trovato il modo di prevenire e curare con i farmaci molte patologie senza ricorrere al ricovero, e si è diminuito il tempo necessario per il recupero post-operatorio. Infarti, ictus e incidenti stradali si sono ridotti negli ultimi venti anni. Per poi interrogarsi sul perché solo in Italia siano stati tagliati più posti letto che nel resto d’Europa. E perché solo in Italia è calato anno dopo anno il numero di lavoratori negli ospedali, dove già erano meno della media Ue. Oggi ci stupiamo leggendo la notizia che in Italia c’è una sola azienda produttrice di respiratori artificiali e una di mascherine chirurgiche. Ma non è questo un altro esempio “malato” di assenza di politiche industriali “pubbliche” in comparti che invece ci potrebbero vedere protagonisti?
Guasti profondi
Nessuna nostalgia autarchica proprio quando nel bene e nel male il virus ha spazzato via dall’orizzonte delle istituzioni europee, Commissione in testa, dogmi che parevano invalicabili quali il pareggio di bilancio, il fiscal compact e mandato in soffitta tutto l’armamentario rigorista. Sono buonista per indole (e matrice cattolica) ma non riesco a partecipare all’afflato nazionalpopolare dei canti dai balconi e dei concerti pomeridiani perché penso che non basti far passare ‘a nuttata per metterci con l’anima in pace. E trovo stucchevoli sia certa carità pelosa che la beneficenza ad usum propaganda tv. Penso invece che solo se governati e governati comprendessero fino in fondo i guasti profondi delle scempiaggini fatte e assecondate allora, forse, “tutto andrà bene”

News - Economia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information