Apertamente

di Giacomo Pellini da Sbilanciamoci.info del 26/5/2017 - Per superare la crisi economica non basta solo abbandonare le politiche di austerità, bisogna ripensare il ruolo dello Stato. Presentati a Roma i risultati del progetto europeo ISIGrowth. “Non serve uno Stato che si limiti solo a correggere i problemi, ma uno Stato che abbia anche una visione del mondo e che investa. In poche parole, uno Stato Innovatore”. Parola di Marianna Mazzucato, autrice del libro Lo Stato Innovatore e docente di Economia dell’Innovazione presso l’Università del Sussex. Mazzucato è anche ricercatrice del progetto europeo ISIGrowth, presentato mercoledì 24 maggio nel corso di una conferenza organizzata alla Camera dei Deputati insieme a Giovanni Dosi, direttore dell’Istituto di Economia della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e coordinatore del progetto. A discutere i dati, dopo la loro presentazione, è stata una nutrita platea di deputati e senatori.

L’obiettivo di ISIGrowth è duplice: in primo luogo, fornire una nuova e completa diagnostica dei rapporti tra innovazione, dinamiche dell’occupazione e crescita in un’economia mondiale sempre più globalizzata e finanziarizzata. In secondo luogo, ISIGrowth mira a elaborare scenari politici e strumenti di analisi per raggiungere gli obiettivi di Europa 2020 di una crescita intelligente (smart), sostenibile (sustainable) e inclusiva (inclusive).

Sul banco degli imputati le politiche di austerità e quelle di flessibilizzazione del mercato del lavoro. Misure che, secondo Dosi, “aggravano la crisi, deprimono la crescita e aumentano la fragilità economica insieme a diseguaglianze e povertà”. Due veleni che per l’economista vengono erroneamente e colpevolmente considerati come antidoti: da Bruxelles e, ancor di più, da Berlino.

In particolare, per Dosi le politiche di austerity contribuiscono ad aumentare il rapporto debito/Pil, non a diminuirlo: “in presenza di disoccupazione, il moltiplicatore prevede che un’unità di spesa produca 2 punti in più sul Pil”. Ma supponendo che “ci siano 100 euro di debito e 100 di Pil, se seguiamo Schauble e tagliamo le spese di 1, avremo sì 99 di debito, ma anche una corrispettiva caduta del Pil di 2 punti: il rapporto debito/Pil quindi aumenta. Se avessimo incrementato la spesa”, conclude il docente, “avremmo invece diminuito quel rapporto”. L’austerità è quindi dannosa per la crescita, e non è altro che un mantra religioso. E religiosa è la connotazione della parola debito in tedesco – schulde – che può assumere tra i suoi significati quello di “colpa”.

Anche la flessibilizzazione del mercato del lavoro è deleteria. O al massimo ininfluente. Come lo è stato il Jobs Act, costato alle finanze dello Stato circa 17 miliardi di euro, ovvero “la stima del costo annuale del reddito di cittadinanza”.

E allora cosa fare? Innanzitutto “rottamare” il Jobs Act. Poi, non rinnovare il Fiscal Compact, che impone l’obbligo del pareggio di bilancio agli Stati europei – e che in Italia è stato addirittura inserito all’interno della Costituzione. Una misura che risale, ricorda Dosi, agli Stati Uniti del dopo rivoluzione e in particolare ad Alexander Hamilton, allora segretario del Tesoro dell’Amministrazione Washington. Un provvedimento che prevedeva sicuramente un freno all’indebitamento degli Stati, ma che prefigurava anche il pagamento dei debiti pregressi di tutti gli Stati da parte del Governo federale. Da noi, invece, solamente la prima parte è stata applicata.

Serve inoltre un nuovo Istituto di Ricostruzione Industriale (Iri), meccanismo pensato negli anni ’30 per salvare il Paese dal crollo del sistema creditizio. L’Iri si espanse negli anni successivi alla seconda guerra mondiale e arrivò attraverso il sistema delle partecipazioni statali a inglobare molti settori industriali. Buona parte delle aziende pubbliche furono poi privatizzate all’inizio degli anni ’90, mentre le restanti furono smembrate e l’Iri cessò la propria esistenza. “L’Italia non si sarebbe industrializzata nel dopoguerra senza l’Iri, né avrebbe sviluppato i comparti legati alla siderurgia e agli idrocarburi”, afferma il docente. Infine, servono “tasse che colpiscano il top 1% della ricchezza nel nostro Paese” oltre a un’imposta sulle transizioni finanziarie per ridisegnare il welfare e creare misure di sostegno al reddito più strutturali, anziché “misure spot come gli 80 euro di Renzi” conclude Dosi.

Secondo Marianna Mazzucato, fermare le politiche di austerità “è necessario, ma non è sufficiente”. Quello che serve è anche orientare nella giusta maniera gli investimenti.

Negli anni ’90 i Paesi europei e occidenatali hanno sperimentato un periodo di crescita sostenuta. Era una crescita però “sbagliata” e drogata. Negli Usa, ad esempio, era trainata dal debito privato: i cittadini si indebitavano per mantenere alto il proprio stile di vita, mentre i salari erano fermi dagli anni ’70.

Ma chi porta avanti queste politiche? Mazzucato non ha dubbi: è soprattutto lo Stato che deve avere un ruolo attivo nel promuovere questa visione di crescita. Quello Stato che spesso è visto come “un impedimento burocratico” alle dinamiche di mercato, un organismo estraneo di cui deve essere limitata la portata. Che può al massimo intervenire per frenare una grave crisi di disoccupazione o una recessione. Mazzucato poi cita Keynes: lo Stato deve fare quello che non sta avvenendo nella società, imprimere una propria visione al mondo. In poche parole, l’ispiratore del New Deal stava anticipando proprio l’idea dello Stato imprenditore, mission oriented: quella di un soggetto attivo che riesca a immaginare un futuro diverso e a indirizzare la propria azione in maniera che questo divenga realtà.

Secondo Mazzucato, esempio di Stato innovatore non sono le democrazie del Nord Europa, bensì gli Stati Uniti: nonostante la potenza americana sia sempre stata considerata come patria del liberismo economico, in realtà se si analizza a fondo la questione possiamo vedere come lì lo Stato abbia avuto un ruolo di primo piano in diversi settori come le biotecnologie, in cui gli Usa investono oltre 32 miliardi di dollari l’anno. E lo stesso discorso vale per la Silicon Valley: Internet o ARPAnet non sarebbero nate senza la mano del Governo statunitense. E nemmeno l’atteraggio sulla Luna, visto che l’indotto produttivo che ruotava attorno al programma Apollo coinvolse molti settori produttivi – anche lo stesso tessile, per via delle tute spaziali utilizzate – contribuendo al loro sviluppo e alla loro innovazione.

Il tessuto produttivo italiano, invece, è composto perlopiù da piccole e medie imprese che difficilmente investono in ricerca e sviluppo. E Mazzucato ricorda che anche per quelle poche Pmi che vorrebbero innovare – il 5% o 6% – è molto difficile capire dove andare a sbattere la testa. Per venirne a capo, secondo la docente dell’Università del Sussex servono programmi di coinvestimento, meccansimi che siano in grado di far inteagire le imprese private con il settore pubblico.

In tal senso, il peccato originario del nostro Paese risale agli anni ’80, quando furono esternalizzati molti dei servizi che offriva lo Stato a enti o agenzie private; la scusa era quella che “il privato è efficiente, il pubblico no”. Ma l’evidenza non lo ha dimostrato, e ora questa idea è entrata in crisi anche presso coloro i quali sono stati per anni gli sponsor dei processi di outsourcing e deregulation, come il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale.

Negli ultimi anni c’è stata una profonda contraddizione anche in Europa: mentre imponevano tagli e politiche di contenimento dei bilanci ai Paesi del Sud Europa, quelli del Nord e soprattutto la Germania investivano – attraverso le loro banche completamente pubbliche – nella ricerca di base e applicata, creando network e partnership tra Stato e imprese. Così, poco dopo lo scoppio della crisi del 2008 la banca pubblica tedesca ha fortemente aumentato i propri prestiti alle imprese che volevano investire, mentre le banche private si tiravano indietro.

Sono i Pigs semmai ad aver investito poco. O male. Questo è avvenuto in particolare per quanto riguarda gli investimenti di lungo periodo, i quali aumentano una produttività che in Italia non cresce da vent’anni, ben prima dell’adozione dell’euro.

C’è poi il discorso legato alle energie rinnovabili: l’Italia, per la sua posizione e il clima, è in una posizione assolutamente privilegiata per la valorizzazione di queste risorse, ma si limita a elargire qualche sussidio a pioggia. In Danimarca avviene il contrario: oggi non solo è il Paese che investe di più in green economy, ma anche quello che più vende alla Cina, enorme mercato per i servizi verdi. Politiche industriali intelligenti e lungimiranti, che richiedono però investimenti che ai Paesi “spendaccioni” e poco “virtuosi” del Sud Europa non sono consentiti. Citofonare Bruxelles e Francoforte.

News - Economia

Quale orizzonte per la sinistra

Indagine SWG per Apertamente

Scarica l'indagine >>>

Galleria fotografica

Consigliati

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...

Le mie memorie

Le mie memorie
Da Aiello, piccolissimo paese del Friuli orientale, alla Cina passando dalla Russia dopo esser cresciuto in Brasile.

Trieste la città dei venti

Trieste la città dei venti
Su un molo del porto di Trieste non a caso c’è una rosa dei venti: Trieste è la città dei venti.
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information