Apertamente

di Amedeo di Maio e Ugo Marani da MicroMega del 1/5/2017 - Come in tutte le saghe che si rispettino, è difficile precisare quando divampò l’inizio della fine, ovvero quando gli studiosi sociali del mercato del lavoro cominciarono a far danno alla comprensione dei processi macroeconomici. L’inizio non era stato malvagio: la trattazione manualistica della determinazione del reddito e dell’occupazione risultava monca di una teoria dei prezzi. Il mercato del lavoro consentiva di sopperire a questa carenza: poiché l’andamento della disoccupazione influenzava, verosimilmente, quello dei salari e questi ultimi, in mercati oligopolistici, la fissazione del prezzo da parte delle imprese; era dunque possibile “chiudere” il modello reddito-spesa. Eravamo all’universalizzazione della Curva di Phillips, uno strumento interpretativo semplice, ma efficace. Ancora: poiché in un’economia capitalistica, labili e mutevoli appaiono i confini tra occupati, disoccupati e inattivi, era necessario approfondire i metodi di stima e le cause di passaggio tra le diverse segmentazioni, in primis tra inattività e segmentazione. La teoria del “lavoratore scoraggiato”, in Italia ripresa da Salvatore Vinci e Giorgio La Malfa, è una buona declinazione di questo filone di indagine. Non che non ci fossero esagerazioni: la stima della Curva di Phillips beneficiava delle nuove tecniche econometriche che consentivano, tramite raffinatezze semi-logaritmiche, doppio-logaritmiche e “stiramenti della funzione”, di arrivare sempre al risultato prefisso.

Ma erano esibizioni, tutto sommato, accettabili: l’economista che si occupava dI mercato del lavoro ambiva a spiegare molto ma, di certo, non le determinanti del livello di occupazione muovendo dalle interazioni tra salariati e imprenditori. L’occupazione era la risultante ultima, fenomenica, di quanto avveniva altrove, sul mercato monetario, dei beni, degli scambi con l’estero.

Ma l’appetito vien mangiando, e una posizione di retroguardia non piace a nessuno. Comincia negli anni Ottanta un’inesorabile, non sappiamo quanto inconsapevole, cavalcata dei “lavoristi”, economisti e giuristi, verso una maggiore centralità nel firmamento dei livelli di occupazione. Per i primi, con i quali abbiamo maggiore consuetudine, una buona occasione è fornita dagli studi di un eminente economista francese, Edmond Malinvaud, negli anni Settanta presidente dell’International Economic Association che raffina, dopo alcuni studi degli anni Cinquanta che la avevano etichettata impropriamente come Curva di Beveridge, la possibile relazione tra disoccupazione e posti di lavoro vacanti. Ne sortiva una tassonomia della disoccupazione, frizionale, ciclica, strutturale, che oscurava quanto di buono Keynes ci aveva lasciato: la distinzione tra disoccupazione volontaria e involontaria, da intendersi, la seconda, come l’impossibilità di trovare un posto di lavoro al saggio di salario corrente.

Assolutizzando le relazioni comportamentali sul mercato del lavoro, l’accademia, e quella italiana provincialisticamente anzi tutte, da allora rimuove un dato che rimarrà impresso solo in sparuti studiosi, in primis al Premio Nobel Robert Solow: il mercato del lavoro è un’istituzione sociale ed in quanto tale non può rispondere a regole che non siano sociali e qualsiasi tentativo di analizzare il lavoro come merce che dipenda unicamente dai segnali di prezzo è da considerare irrealistico.

Gli economisti del lavoro, talora predicando keynesianamente bene e razzolando neo classicamente male, si incamminano su di una strada opposta ai caveat di Solow, non solo, ma abbracciando la figura dell’agente rappresentativo, secondo il quale l’individuo, che offre la propria forza lavoro, e l’imprenditore, che lo richiede, massimizzano le rispettive funzioni di utilità e di profitto, secondo i criteri dell’individualismo metodologico.

Il mercato del lavoro perde la propria connotazione di luogo ideale della genesi del conflitto distributivo tra classi sociali e diviene la sede in cui valutare il grado di razionalità degli “agenti”, l’esistenza di vincoli esogeni, il grado di flessibilità dei salari, il rispetto del principio di razionalità. Il tutto al fine di accertare il rispetto dell’eguaglianza tra salario (reale) e produttività marginale.

E muovendo da questa distorsione interpretativa i passi successivi sono ineluttabili: la raffinatezza delle indagini poco si coniuga con l’efficacia descrittiva del ciclo, della disoccupazione, della carenza di domanda effettiva.

Alcuni paradigmi significativi di questa mutazione. Il primo: la teoria della job search. Coloro che cercano un lavoro, selezionano un’offerta di lavoro alla volta e decidono di accettare o meno l’opportunità lavorativa, confrontando il salario ricevuto in offerta con il proprio salario minimo accettabile (salario di riserva). Il punto è che il salario minimo accettabile è determinato soggettivamente dal lavoratore e potrebbe deviare dai principi della produttività marginale. Ci si dimentica, come affermava Joan Robinson, che il lavoratore può solo scegliere se lavorare o “morire di fame”.

Il secondo: i modelli dei “salari di efficienza”. Alle imprese converrà fissare un livello di salari che massimizzi lo sforzo dei lavoratori, poiché la loro “adesione” al bene dell’impresa crescerà all’aumentare del salario corrisposto. Assunzione quest’ultima non particolarmente aderente alle ipotesi di contrapposizione tra classi sociali, ma, forse, veritiera di comportamenti atomistici.

E infine la terza classe di modelli, di certo la meno gratificante per l’universo dei lavoratori: il filone insider-outsider. I lavoratori occupati, gli insider, godono di un potere relativo, determinato dal costo per un’impresa di sostituirli con lavoratori esterni, gli outsider. Il vantaggio determinerebbe una vera e propria rendita di posizione in termini di salario e di potere sindacale, impedendo l’assunzione degli outsider. Modello, quest’ultimo, che rimuove definitivamente il concetto di classe a favore di quello individualistico.

Per ricapitolare: siamo partiti, logicamente e cronologicamente, dall’idea che la domanda effettiva determini il fabbisogno di lavoratori nell’economia e che sul mercato del lavoro si fissi il salario corrispondente a quel fabbisogno e il livello di prezzi cui quella domanda effettiva sarebbe soddisfatta. Arriviamo, grazie anche ad una parte della nostra professione, a modelli in cui il livello di produzione è determinato dai comportamenti sul mercato del lavoro, dalle ipotesi di efficienza, di egoismo degli insider, dalle aspettative sul salario minimo soddisfacente.

Le ipotesi di policy, nei due approcci, sono del tutto opposte: nel primo le politiche del lavoro sono politiche della domanda aggregata, dirette e indirette; nel secondo approccio è necessaria la governance di quello specifico mercato, la rimozione delle distorsioni sulla domanda e, soprattutto, sull’offerta da parte dei lavoratori. Al lettore risulterà immediatamente intuitivo quanto attraente, in termini di ideologie e di interessi, risulti comparativamente il secondo approccio rispetto al primo: la contrapposizione salario-occupazione, l’egoismo di chi lavora rispetto a chi è escluso, i bamboccioni che hanno un troppo elevato salario di riserva.

Ma vi è qualcosa di ancor più rassicurante se si imbocca la strada del mercato del lavoro quale luogo di genesi della disoccupazione. La politica economica della piena occupazione cessa di occuparsi delle cause di deficienza della domanda aggregata per occuparsi di formazione dell’offerta, di occupabilità, nel tentativo (nemmeno troppo) subliminale di convincere il giovane disoccupato che se non trova lavoro un bel po’ di colpa sarà anche sua, di matching, terribile anglicismo per indicare la funzione statale di agenzia tra disoccupazione e posti vacanti.

Le sedicenti politiche del lavoro, attive-passive-miste, si ramificano, divengono una struttura istituzionale e burocratica fornite di vita (e di rendita) propria, mentre gli economisti del lavoro aggiungono nuove fantasie a quelle già esistenti: il placement, lo skill, i jobs.

Poi arriva una crisi economica epocale e forse dovrebbe sorgere il dubbio ai nostri colleghi se non sia il momento di invertire la rotta.

News - Economia

Quale orizzonte per la sinistra

Indagine SWG per Apertamente

Scarica l'indagine >>>

Galleria fotografica

Consigliati

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...

Le mie memorie

Le mie memorie
Da Aiello, piccolissimo paese del Friuli orientale, alla Cina passando dalla Russia dopo esser cresciuto in Brasile.

Trieste la città dei venti

Trieste la città dei venti
Su un molo del porto di Trieste non a caso c’è una rosa dei venti: Trieste è la città dei venti.
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information