Apertamente

di Vincenzo Comito da Sbillanciamoci.info del 25/9/2016 - Quelli che venivano considerati sino a non molto tempo fa come i veri padroni del mondo devono ormai sottostare ad analisi mediatiche poco riverenti
Le vacanze estive, ormai comunque passate da qualche tempo, non sembrano avere prodotto delle novità positive di qualche rilievo per quanto riguarda l’economia dei paesi occidentali e dell’Europa in particolare, come sottolinea, tra l’altro, ad esempio, l’ultimo rapporto OCSE (OECD, 2016) e la ripresa dei lavori si sta svolgendo in un clima piuttosto depresso, non solo in Italia, paese che comunque sembra soffrire, come al solito, più degli altri. I limiti dell’azione dei banchieri centrali
I riflettori continuano ad essere, tra l’altro, puntati sulle azioni dei banchieri centrali; bisogna al riguardo sottolineare che negli ultimi tempi il sentimento dell’opinione pubblica nei loro confronti è cambiato e la loro immagine si va rapidamente appannando. Quelli che venivano considerati sino a non molto tempo fa come i veri padroni del mondo devono ormai sottostare ad analisi mediatiche poco riverenti. Le coeur n’y est plus. Si fa sempre più strada l’opinione che la loro capacità di intervento per migliorare il quadro economico dei paesi occidentali sia abbastanza ridotta.
Le misure di acquisto dei titoli e la riduzione sino ad un territorio negativo dei tassi di interesse, in Europa, in Gran Bretagna, negli Stati Uniti, in Giappone, non hanno dato che in misura limitata i risultati sperati, sia pure con qualche differenza da paese a paese. Certo, esse hanno evitato che il quadro si presentasse come ancora più deteriorato, ma i risvolti negativi delle politiche perseguite sembrano sempre più importanti.
Si affermano così giudizi come quello di un operatore finanziario, Vincent Gallo, di Algebris Investment, che afferma che il giocattolo del quantitative easing è ormai rotto e che il re è nudo (Smith, 2016).
Peraltro, doveva essere abbastanza chiaro sin dall’inizio che gli interventi delle banche centrali, senza una parallela azione di politica economica in senso espansivo da parte dei poteri pubblici dei vari paesi, non avrebbero potuto portare a risultati molto migliori.
Così, la stessa Banca per i Regolamenti Internazionali, che pure è la banca centrale delle banche centrali, non risparmia le sue preoccupazioni per il quadro finanziario che si va delineando (Reuters, 2016); non molto dissimile la situazione come viene presentata dall’OCSE nel suo ultimo rapporto già citato (Oecd, 2016).
Grazie anche alle politiche accomodanti sin qui portate avanti, sottolinea in particolare la BRI, i prezzi degli asset hanno forse raggiunto livelli troppo elevati, mentre i tassi di interesse sulle obbligazioni sono ormai arrivati a livelli troppo bassi e mentre i rischi per la stabilità finanziaria stanno crescendo. Parallelamente, i valori di mercato delle banche mostrano ormai livelli molto depressi e i tassi di interesse negativi danneggiano i loro profitti.
Come ormai indicato da diverse parti, i bassi tassi di interesse peggiorano peraltro i bilanci non solo delle banche, ma anche di assicurazioni e di fondi pensione, nonché i redditi dei risparmiatori, che, d’altro canto, sono tentati, per continuare a ottenere dei guadagni, a investire in impieghi anche molto rischiosi, mentre l’aumento dei valori degli asset contribuisce ad alimentare le diseguaglianze tra gli have e gli have not. I tedeschi sottolineano poi, per sovramercato, come le azioni delle banche centrali allentino anche la disciplina di bilancio dei vari paesi.
La necessità di una politica di maggiori investimenti pubblici
Ferve il dibattito sul cosa fare. Sembra, almeno per il momento, essersi ridotto l’interesse, che sino a qualche mese fa era vivo, per una politica di helicopter money, che continuerebbe a lasciare i comandi dell’economia nelle sole mani dei banchieri centrali e si tende a concentrare ora l’attenzione sulle possibili azioni dei governi.
Riemerge qua e la richiesta, almeno verso i paesi che se lo possono maggiormente permettere, in particolare gli Stati Uniti e la Germania, di aumentare in misura consistente il loro livello di investimenti pubblici. Da una parte si registra, in effetti, in ambedue i casi, una grande necessità di intervenire per evitare il collasso delle infrastrutture, per una parte almeno in uno stato preoccupante; dall’altra si sottolinea come questo sia un momento buono per investire, dato anche il bassissimo livello dei tassi di interesse; infine si ricordano i possibili affetti positivi di tale misura sulle economie degli altri paesi.
Così, Mario Draghi ha sottolineato di recente la necessità di interventi per l’Europa, suggerendo una politica fiscale espansiva per chi è in grado di farla (chiara allusione alla Germania), mentre, per quanto riguarda gli Stati Uniti, Larry Summers (Summers, 2016) sottolinea come siamo ormai in una situazione in cui a causa della mancanza di fondi i ponti crollano, i bambini bevono acqua con il piombo e i sistemi di controllo aereo non possono usare la tecnologia GPS. L’economista ricorda come un aumento degli investimenti pubblici possa anche creare occupazione qualificata e un rilevante stimolo all’economia.
Sulla linea di Summers si collocano anche diversi altri economisti statunitensi. Anche la Clinton e Trump promettono che, se saranno eletti, aumenteranno in maniera significativa gli stanziamenti in infrastrutture e in particolare Trump avanza cifre mirabolanti in proposito (Dougherty, 2016).
Ma, per quanto riguarda l’Europa, la risposta dei tedeschi, che non si è fatta attendere, appare di un tono diverso da quello dei candidati alla presidenza Usa. Il solito Jens Weidmann, il banchiere centrale teutonico, in un’intervista diffusa sui quotidiani di vari paesi (si veda, ad esempio, Le Monde, 2016), mentre si dichiara a favore di uno stop alla prodigalità nell’acquisto dei titoli pubblici e alla politica di bassi tassi di interesse, misure che tendono tra l’altro, secondo lui, ad allentare gli impegni all’equilibrio di bilancio dei vari paesi, respinge comunque i suggerimenti di Draghi, oltre che di Summers (il rapporto OCSE non era ancora noto al momento dell’intervista) e rifiuta, in particolare, l’idea che la Germania possa aumentare gli investimenti pubblici. Intanto, pendono di nuovo i ricorsi alla corte costituzionale tedesca sulla eventuale politica di allungamento temporale e di allargamento dei criteri di acquisto dei titoli pubblici da parte della BCE. Si accusa, tra l’altro, la banca di voler finanziare il debito pubblico italiano.
Il rapporto OCSE sottolinea peraltro l’esigenza di aumentare, accanto alle spese per investimenti nelle infrastrutture fisiche, quelli per la sanità e l’istruzione, decisioni che contribuirebbero tra l’altro, per l’istituto parigino, anche a ridurre il livello delle diseguaglianze.
Intanto Juncker suggerisce che il suo piano di investimenti a livello di Unione Europea – che non sembra, al momento del suo annuncio, avesse scaldato molto gli animi-, potrebbe raddoppiare come dimensioni rispetto alle previsioni iniziali e coprire un numero più lungo di anni. Ma, ancora una volta, non sono in molti a prestare adeguata attenzione ad una proposta che comunque, pur andando per alcuni aspetti nella giusta direzione, appare ancora largamente al disotto di quanto sarebbe richiesto dalle necessità dell’ora.
I penosi risultati di Bratislava
Intanto i governanti europei pestano l’acqua nel mortaio. Non si capisce a che risultati concreti abbiano portato da una parte il summit di Germania, Francia e Italia a Ventotene, dall’altro quello successivo dei paesi del Sud Europa, infine quello di Bratislava che vedeva presenti tutti i paesi dell’Unione. Wolfgang Munchau (Munchau, 2016) parla, a proposito di tali incontri, di sindrome di deficit di attenzione e di carenza di focalizzazione. La UE, afferma l’editorialista del Financial Times, si trova ancora davanti a una crisi finanziaria non risolta, ad un’unione monetaria non completata e lo stesso si può dire per l’unione bancaria, a sbilanci interni ed esterni rilevanti ed in crescita, a troppo pochi investimenti, a tassi di interesse negativi e a redditi reali in diminuzione in alcuni dei suoi membri e, invece di concentrare l’attenzione su tali temi, i leader dei vari paesi si occupano di altro, di sicurezza. Si tratta chiaramente di una perdita di tempo, afferma l’esperto, che pensa, tra l’altro, che solo una prossima crisi spingerà forse in avanti l’integrazione europea. Se i leader prenderanno le giuste decisioni lo faranno, egli afferma, quando avranno le spalle al muro. Non ci sentiamo di dargli torto.
Testi citati nell’articolo
-Dougherty C., Economists push for spending on infrastructure, International New York Times, 20 settembre 2016
–Le Monde, Les taux bas fragilisent la discipline budgétaire, 20 settembre 2016
-Munchau W., Europe’s leaders focus on the next distraction, www.ft.com, 18 settembre 2016
-OECD, Interim economic outlook, Parigi, settembre 2016
-Reuters, Central bankers group issues stark warning on world economy, www.theguardian.com, 18 settembre 2016
-Smith S., Market spotlight : why central bank power is waning, www.ft.com, 11 settembre 2016
-Summers L., Building the case for infrastructure investment, www.ft.com, 11 settembre 2016

News - Economia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information