Apertamente

di Maria Luisa Pesante da Sbilanciamoci.info del 25/05/2015 - Fare dell'affaire pensioni una questione di rapporti tra vecchi e giovani è in primo luogo una scelta ideologica degli economisti neo-liberali, per i quali, soprattutto nelle analisi del risparmio e dunque dei sistemi previdenziali, non esistono classi, ma solo generazioni. La più riuscita falsa notizia circa il sistema pensionistico italiano è probabilmente quella che esso avvantaggi i vecchi, ossia i pensionati, a grave danno dei giovani: questi ultimi, con i loro contributi, pagano ai primi pensioni che, per quanto basse nella maggioranza dei casi, non sono state meritate con una adeguata contribuzione durante la vita lavorativa, e però avranno a loro volta in futuro pensioni bassissime. Farne una questione di rapporti tra vecchi e giovani (non c’è equità intergenerazionale, secondo il gergo corrente) è in primo luogo una scelta ideologica degli economisti neo-liberali, per i quali, soprattutto nelle analisi del risparmio e dunque dei sistemi previdenziali, non esistono classi, ma solo generazioni. In secondo luogo, però, è anche un’affermazione falsa su come funziona il nostro sistema pensionistico, e sugli effetti dell’intervento Monti-Fornero nel novembre 2011. Non è vero che coloro che, se sono fortunati, entrano oggi nel mondo del lavoro o che ci sono già, ma sono ancora lontanissimi dal traguardo della pensione, avranno pensioni da fame domani perché oggi pagano alti contributi che finanziano le pensioni in essere. Avranno pensioni da fame perché il loro lavoro, anche quando c’è, non è stabile, e perché le loro retribuzioni sono basse, e quindi il montante contributivo, la somma di tutti i contributi versati, su cui saranno calcolate le loro pensioni sarà insufficiente. Questo è un risultato necessario del sistema contributivo: quanto hai versato, tanto ti sarà restituito. Se i contributi pensionistici dei più giovani fossero oggi più bassi, le loro pensioni in futuro sarebbero ancora più basse. Le iniquità del sistema pensionistico italiano sono in realtà in primo luogo intragenerazionali, tra diversi gruppi sociali delle stesse generazioni.

Le valutazioni del Consiglio di indirizzo e vigilanza dell’Inps (seduta del 2 febbraio 2015) prevedono per quest’anno che il Fondo pensioni lavoratori dipendenti (FPLD) privati chiuda con un attivo di 412 milioni; ma questo modesto attivo è ilrisultato di un attivo di ben 8,5 miliardi del vecchio Fondo di questo nome e di un passivo di circa 8,1 miliardi dei fondi speciali in esso confluiti: Trasporti, Elettrici, Telefonici e Inpdai, i dirigenti industriali, i quali da soli costituiscono la metà di questo disavanzo. Le differenze sociali e di reddito si leggono facilmente nelle differenze tra le pensioni medie dei diversi fondi (dati 2010 del NuVsp). Si tratta di € 20.300 per i Trasporti, 25.400 per i Telefonici, 24.500 per gli elettrici, e 49.200 per i dirigenti industriali, mentre gli altri lavoratori dipendenti arrivano a 11.100. Il bilancio economico del FPLD dice dunque che i dipendenti privati delle fasce di reddito più basse attualmente occupati, e che sono ovviamente delle più diverse età, dai neoassunti agli ultrasessantenni in vista della pensione, pagano contributi che coprono abbondantemente le pensioni in atto delle medesime fasce di reddito e anche quelle, in disavanzo, di gruppi sociali che hanno da 2 a 5 volte il loro livello di reddito. Questi disavanzi sono dovuti, anche se non esclusivamente, alla combinazione tra la pratica che vigeva in questi comparti di facili promozioni negli ultimi anni della carriera e di un calcolo retributivo della pensione che premia in misura cospicua le pensioni di chi ha avuto una carriera lavorativa con considerevoli aumenti di reddito nel corso degli anni, mentre regala ben poco a chi tipicamente, come i lavoratori di più basso livello, ha solo modesti incrementi. Tutta la retorica sull’equità del contributivo in astratto ha solo mascherato la totale assenza di qualsiasi intervento di riequilibrio di avanzi e disavanzi delle gestioni pensionistiche dei dipendenti privati.

Sempre secondo le previsioni dell’Inps la gestione dell’ex-Inpdap, quella dei dipendenti pubblici, ha un disavanzo di circa 5.5 miliardi, a sua volta ampiamente compensato dalla gestione del lavoro parasubordinato, in attivo di 7.7 miliardi. Anche qui è bene dubitare che si tratti semplicemente di un travaso di risorse da giovani a vecchi, comunque siano definite queste imprecise categorie. Al 2013, nei due gruppi compresi nel lavoro parasubordinato i collaboratori (coloro per cui il committente versa il contributo) tra i 30 e i 59 anni di età rappresentavano il 65%, i professionisti (che versano direttamente) il 73, e gli ultrasessantenni rispettivamente il 16 e il 13%. I propriamente giovani sono quindi una minoranza in un tipo lavoro fatto fondamentalmente da persone nel pieno dell’età adulta. Ma anche qui c’è un problema di rapporto tra gruppi sociali. Al 2007 il reddito medio dei collaboratori che vivevano di sole collaborazioni (circa il 70% dell’intero comparto) era di circa 13.000 euro. Al 2009 i pensionati dell’Inpdap incassavano una pensione di 20.800. Non occorre insistere sul disavanzo dei fondi dei lavoratori autonomi (commercio, artigianato, agricoltura) che ammonterà quest’anno a 9.8 miliardi, ovvio risultato del fatto che i loro contributi, anche se lentamente cresciuti dal 12% dei primi anni ’90 fino al 22,2% del 2014, continuano a essere nettamente inferiori a quelli dei lavoratori dipendenti, mentre le prestazioni sono parificate.

Se poi si guarda alla situazione patrimoniale (che riflette l’andamento cumulativo delle gestioni) del comparto dei lavoratori dipendenti, l’Inps prevede un attivo di 57.5 miliardi derivante dalla differenza tra il deficit del FPDL (126 miliardi circa) e l’avanzo patrimoniale della Gestione prestazioni temporanee (183 miliardi). Il grosso del primo è costituito dal deficit patrimoniale dei fondi speciali, pari a 91 miliardi. La seconda, GPT, è costituita dai versamenti di lavoratori e datori di lavoro, al fine di erogare cassa integrazione ordinaria, indennità di disoccupazione, malattia, maternità e assegni familiari. Il suo avanzo di esercizio per il 2015 è previsto in 960 milioni, mentre era di 1680 nel 2013. Dunque negli anni i lavoratori dipendenti, e in particolare quelli a più basso reddito, hanno versato complessivamente parecchio di più di quanto abbiano ricevuto; e, se dall’attivo patrimoniale di quest’anno si togliessero i 34.4 miliardi del debito patrimoniale dei dirigenti industriali, il fatto risulterebbe ancora più evidente (92 miliardi di attivo patrimoniale). Se ci si degnasse di guardare i conti dell’Inps (reperibili sul portale) anziché propinare pubblicità per le proprie ideologie di elezione, si potrebbe vedere facilmente che qualsiasi ragionevole riduzione dell’iniquità sociale nella struttura del sistema pensionistico italiano migliorerebbe anche il rapporto tra quello che incassano i pensionati, ossia i vecchi, tra i quali esiste una profonda discriminazione di classe, e quello che possono aspettarsi i giovani, ossia i lavoratori in qualche modo occupati, i quali pure sono socialmente parecchio eterogenei (per cambiare esempio: al 2013 tra i parasubordinati i collaboratori uomini che sono amministratori, sindaci e revisori dei conti di società hanno un reddito di 33.800 euro, i collaboratori presso la Pubblica amministrazione di 11.000). Siccome la sostanza della situazione è che i lavoratori più poveri stanno pagando il deficit dei pensionati più ricchi, è chiaro che qualsiasi riequilibrio di questa patologia migliorerebbe le possibilità di intervento dell’Inps come erogatore di prestazioni sociali. I 183 miliardi di attivo patrimoniale della GTP e i 104 miliardi della gestione parasubordinati - non esattamente briciole - sono soprattutto crediti accumulati nei confronti dei fondi privilegiati dai vari governi, non sono soldi disponibili. Ma sarebbe più decente cominciare a ragionare su questo anziché ripetere ingannevolmente che il peso delle pensioni in Italia è troppo grande e impedisce di aiutare le famiglie, di finanziare i giovani, di coltivare la scuola, e via predicando per ogni apprezzabile obiettivo.

News - Economia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information