Apertamente

di Paolo Cacciari da Sbilanciamoci.info del 12/01/2015 - A dicembre a Parigi una nuova Conferenza delle parti (Cop 21) è chiamata a riscrivere il Protocollo di Kyoto. Una proposta per fermare la logica dei mercati finanziari Quest’anno sarà un anno importante (decisivo?) per le questioni energetiche. A dicembre a Parigi una nuova Conferenza delle parti (Cop 21) è chiamata a riscrivere il Protocollo di Kyoto. I sommi decisori delle sorti del mondo avranno sotto i loro occhi tutti gli elementi per poter scegliere al meglio il nostro destino. Vediamoli. L’anno che si è appena concluso è stato l’anno più caldo da quando vengono effettuati i rilevamenti (1891). E, probabilmente, sarà anche quello in cui è stato raggiunto il record di concentrazione media annua di 400 parti per milione di CO2 in atmosfera. Per trovare un valore simile bisogna risalire al Pliocene; 3 milioni di anni, prima della comparsa del genere Homo. La temperatura media era più alta di circa 2-3°C e il livello dei mari più alto di 20-25 metri. L’ultimo rapporto divulgato dal panel di scienziati che studiano i cambiamenti climatici (Ipcc, V° Rapporto) stabilisce senza timore di sbagliare che la causa principale del fenomeno è l’uso di combustibili fossili.

Volendo prendere a cuore la salute umana, si potrebbero anche considerare i dati sull’inquinamento generato dalle polveri sottili inalabili. L’agenzia Europea per l’Ambiente, ad esempio, stima in 64.000 le morti premature registrate per questa causa solo in Italia. Le riserve conosciute di petrolio e gas naturale, nonostante le nuove tecnologie di estrazione sempre più “spinte” e pericolose (fracking, pozzi oceanici profondi), non riescono a compensare il progressivo esaurimento dei giacimenti conosciti se non a costi esorbitanti. L’estrazione di gas di scisto negli Stati Uniti è in perdita già dal 2012. Tecnicamente, abbiamo superato il “picco di Hubert”, siamo già entrati in riserva. Per contro, le fonti energetiche rinnovabili legate al sole (che genera anche i venti e produce biomassa vegetale) e, soprattutto, le tecnologie utili ad aumentare l’efficienza dei rendimenti e a risparmiare sui consumi hanno registrato successi sorprendenti. La green economy, le clean tecnology, le smart grids e city, ecc. sono già oggi il terreno dove le imprese si giocano la competizione e i profitti. Non a caso – senza aspettare la conferenza di Parigi – Obama e Xi Jinping hanno siglato patti bilaterali per scambiarsi tecnologie e materiali. Non dimentichiamoci che la informatizzazione e la miniaturizzazione delle macchine richiede materiali sempre più ricercati, come i minerali soprannominati, per l’appunto, “terre rare”.

Tutto chiaro, quindi. Anche un bambino saprebbe cosa fare per contrastare l’entropia crescente provocata dal megasistema termo-industriale attualmente installato sul pianeta e farlo rientrare nei limiti della capacità di rigenerazione dei cicli biologici ecosistemici. Servirebbe realizzare un grande processo di de-carbonizzazione dei sistemi energetici e di conversione degli apparati produttivi e dei processi di consumo, disincentivare l’uso di combustibili fossili, le pratiche ago-zootecniche più energivore ed inquinanti (la filiera della carne), trasformare i sistemi di mobilità e così via fino alla riprogettazione del ciclo di vita degli oggetti (beni e servizi) d’uso comune e un ricalcolo del loro valore avendo cura di non “esternalizzare” alcun costo intervenuto prima, durante e dopo la loro produzione. Per intenderci: non è vero che un barile di petrolio “vale” i dollari che i mercati stabiliscono. Se, ad esempio, per produrlo abbiamo reso inabitabile una intera regione (il Delta del Niger o il Mar Nero in Kazakistan, per dire due luoghi che la “nostra” Eni conosce bene), dovremmo conteggiare i danni ambientali sociali irreversibili provocati che sono incommensurabili usando l’unità di misura del denaro. Devono, cioè, intervenire altri sistemi di valutazione non economici, ma qualitativi, scientifici (per esempio la conservazione della biodiversità) ed etici (per esempio l’equità, la reciprocità dei vantaggi, la dignità e la autodeterminazione delle comunità delle popolazioni insediate).

Dovrebbe, insomma, intervenire una visione politica delle cose del mondo che sfugge totalmente ai grandi decisori a capo degli stati semplicemente perché hanno il cervello avviluppato nell’ideologia del mercato. Eppure, anche qui, abbiamo sotto i nostri occhi uno dei casi più eclatanti di fallimento del mercato e di “falsificazione” – direbbero i filosofi – delle teorie su cui si fonda l’economia mainstream: il raggiungimento spontaneo di un equilibrio tra domanda e offerta (la legge dell’ottimo sociale). Raccontavano bene Gerardo Marletto e Mario Agostinelli (“Sbilanciamo l’Europa”, 9/1/2015, inserto de il manifesto) l’incredibile paradosso del prezzo del petrolio entrato in un ottovolante che non descrive né lo stato della realtà fisica della risorsa (la rarefazione), né le esigenze sociali generalmente espresse e condivise (un consumo più parsimonioso). Siamo di fronte ad un caso di scuola (e che caso!) della irrazionalità suicida della logica del mercato, di colpevole deresponsabilizzazione delle istituzioni pubbliche, di spogliazione dei diritti delle popolazioni. Ma si è andati oltre. Una testarda fede liberista ha spinto la tecnocrazia europea a credere di poter regolare il mercato con gli strumenti del mercato. Ha così creato un farraginoso sistema di autorizzazioni pubbliche all’inquinamento liberamente commerciabili (Emission Trading Scheme) attraverso il quale è stato possibile conferire un valore monetario anche all’aria fritta: la CO2 emessa in atmosfera che alla borsa della City di Londra si aggira attualmente sui 5 euro a tonnellata.

I “meccanismi finanziari per il clima” si sono rivelati del tutto inefficaci se non per alimentare i mercati finanziari e favorire le speculazioni. Gli attori che operano nelle borse rispondono a interessi proprietari competitivi (le cinque o sei multinazionali dell’energia che attraverso concessioni statali controllano i giacimenti e l’intera filiera dell’energia) a null’altro mirano se non alla massimizzazione dei profitti nel tempo più breve possibile. Costi quel che costi, accada quel che accada. L’importante è accumulare ricchezza monetaria ad un ritmo sempre crescente o, comunque, non inferiore a quello dei concorrenti. Questo si intende per dittatura del mercato, per finanziarizzazione dell’economia, per mercificazione e privatizzazione dei beni naturali e storici attraverso l’esproprio della sovranità politica delle popolazioni. Il petrolio, il gas naturale, le risorse minerarie, ma anche il suolo fertile e una atmosfera respirabile sono beni comuni, sono beni primari limitati, sono le precondizioni della vita su questo pianeta.

Negli Stati Uniti i movimenti ambientalisti sono riusciti a fermare oleodotti e pozzi di shale oil e gas di scisto (nello Stato di New York, per ora). Il movimento per la giustizia climatica mobilita i contadini di tutto il mondo. L’opposizione ai nuovi trattati Ttip di libero scambio transatlantici fa leva sulla necessità di mantenere e allargare le clausole di salvaguardia ambientale e sociale. Le campagne per un audit del debito pubblico denunciano le inammissibili sovvenzioni che gli stati concedono al settore petrolifero, alla zootecnia industriale e, da noi, perfino agli inceneritori di rifiuti. Ci sarebbe un modo per imbrigliare la logica criminale del mercato usando la sua stessa arma (il denaro), quello a suo tempo proposto da Alberto Acosta, già presidente dell’assemblea costituente dell’Ecuador e dai movimenti indigeni delle foreste amazzoniche dello Yasunì: far pagare a chi consuma più combustibili fossili il prezzo equivalente del petrolio che rimane nei giacimenti sottoterra. Premiare chi rinuncia ad estrarre petrolio con il denaro di chi ne consuma già troppo. Semplice vero? Basterebbe stabilire una carbon tax (una sorta di tariffa progressiva come quella dell’acqua, che penalizza i consumi maggiori) destinata esclusivamente ad alimenti un fondo speciale internazionale a favore di quei paesi che decidono di non usare ab origine le proprie riserve fossili. Ciò non compenserebbe ancora il “debito ecologico” già accumulato dai paesi ricchi ai danni dei sud del mondo, ma almeno non costringerebbe i paesi che hanno la maledizione di essere ricchi di risorse naturali a svendere il proprio territorio e la propria anima ai predatori del pianeta. Un modello che anche il nostro governo potrebbe benissimo sostenere e proporre in alternativa allo sfruttamento dei giacimenti in Adriatico, in Basilicata e altrove. Ci sono molti modi per fermare le trivelle di Renzi.

News - Economia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information