Apertamente

di Guglielmo Ragozzino da Sbilanciamoci.info del 24/10/2014 - SvendItalia/L’industria italiana alle origini della Eu esportava merci di basso conio e riempiva le case e le strade con prodotti indigeni. La facilità di mercato, insieme alla sostanziale protezione doganale,ha consentito agli industriali italiani la propria mancata specializzazione. Le difficoltà attuali dell'industria italiana non si presentano per la prima volta. Nell'attuale fase la struttura industriale è propria di un paese che non è ancora riuscito a fare i conti con le proprie capacità e le proprie debolezze. Tornando indietro negli anni si può notare che più che scarsità di carbone e ferro, su cui alzavamo geremiadi, avevamo ritardi culturali e politici, analfabetismo diffuso, povertà secolari. Dazi in entrata e in uscita alle frontiere; all'interno, tra zone diverse del paese, (nord/sud, montagna/piano, città/campagna) si erano stabiliti altri sistemi di controlli e di tangenti. Infine, occorreva difendersi dalle sopraffazioni dei potenti, come dai pedaggi obbligatori di un Ghino di Tacco, questo Robin Hood nostrano, appostato a ogni passo.

Il risultato era una fitta rete di protezione che tra dogane, dazi, pizzi interni, decime, sviluppava barriere spesso insormontabili. Il formarsi di un mercato nazionale e un tranquillo viaggiare tra mercati, università, santuari erano ostacolati. Tutto questo bagaglio tradizionale di regole e di difese ha dato origine al sistema industriale attuale, che è provinciale, debole e malfermo. Solo il 20% degli occupati nelle attività industriali lavora in quelle maggiori, statisticamente quelle con oltre 250 addetti. In tutta Italia sarebbero 3.000 tali imprese, proprio la metà di quelle tedesche. Si aggiunga che sei imprese "grandi" su dieci sono a gestione - a governance come scrive ormai anche l'Istat - familiare. Anche questo non promette nulla di buono.

I mercati europei, in lenta apertura, hanno dato inizio a una serie di scosse alla fine degli anni '50, oltre mezzo secolo fa, attraverso la Ceca (Comunità del Carbone e dell'Acciaio) e poi il Mec. Sono anche gli anni migliori per l'industria nazionale. Il famoso miracolo. Non tutti capirono la fase; erano in molti a temere o a sperare che il capitalismo fosse agli ultimi aneliti. L'Italia progrediva - ora lo sappiamo - con un sistema di bassi salari e prezzi limitati, per un mercato interno protetto, ma comunque in crescita e avido di ogni merce; la produzione nazionale era diretta a un mercato di «serie B», con beni meno preziosi ma molto meno costosi di quelli per le classi agiate, scambiati sui mercati internazionali e per i benestanti d'Italia.

Il fordismo di massa, sia pure imparaticcio, consentiva comunque agli operai, immigrati dal Sud alle fabbriche del Nord, di acquistare, poco alla volta, l'auto che avevano costruito, la lavatrice tanto desiderata. Il mercato internazionale, europeo, che si stava aprendo, era insomma diviso in due. Vi era il mercato degli operai, larghissimo e a fianco quello di lusso per i redditi più alti: capitalisti, direttori, con il contorno di dottori e di avvocati.

Quanto all'Italia, il mercato interno protetto dipendeva certo dal prezzo, ma anche dalla "manutenzione". Durante gli anni della guerra e della Ricostruzione ancora in corso, gli italiani avevano imparato ad aggiustare. Ora riversavano sui nuovi prodotti dell'incerta industria italiana, la propria capacità di riparare ogni cosa con un po' di colla attacca tutto e di nastro isolante: era la magia di "cacciavite e martello" nei nuovi quartieri di antiche città. Ben presto vi fu un trionfo di piccole officine, di artigiani tuttofare. Auto piccole e a basso prezzo, frigoriferi leggeri, erano l'esempio della nostra produzione industriale. E' noto che se Fiat voleva dire da noi Fabbrica Italiana di Automobili Torino, in paesi anglosassoni la stessa sigla voleva dire "Fix It Again, Tony" (Riparalo ancora Tony). Ma da noi riparare non era allora un disvalore.

L'insufficiente specializzazione dell'Italia, o mancata del tutto, nasce da qui. L'industria italiana alle origini dell'Europa unita esportava merci di basso conio e riempiva le case e le strade delle città italiane con prodotti indigeni. La facilità di mercato, insieme alla sostanziale protezione doganale, consentiva agli industriali italiani la propria mancata specializzazione. Ogni cosa prodotta era vendibile; si doveva soltanto aspettare e mettersi in lista per comprare. Sarebbe durato poco. L'apertura dei mercati fece sì che in Italia si potessero ormai comprare Renault 4 e VW.

In Italia, a fianco di quello ormai costretto a competere, vi era un secondo sistema industriale, di proprietà statale e piuttosto al riparo dalla concorrenza internazionale. Invece di lasciarlo fiorire, per potersene servire, lo si buttò via.

Ne faceva parte in primo luogo l'Iri (Istituto di Ricostruzione Industriale). Era nato dalla crisi mondiale degli anni trenta e dalla necessità di alleggerire il debito dei gruppi bancari che avevano finanziato l'industria, a partire da quella bellica e le reti dei servizi come elettricità e telefoni, strettamente collegati all'industria pesante. Così era rimasto appiccicato alle banche e tramite loro all'Iri loro un bel numero d'imprese decotte. L'Iri aveva il compito di gestire il tutto e l'imperativo di cominciare a disfarsene. Com'è noto, avvenne proprio il contrario. Era un delitto chiudere attività e licenziare in un momento di crisi occupazionale. A fianco dell'Iri arrivò l'Eni (Ente Nazionale Idrocarburi), nel 1953 voluto da Enrico Mattei, con il compito di gestire petrolio e gas. Serviva energia per la grande trasformazione del paese. Poi seguì l'Efim, (Ente partecipazione e finanziamento industria manifatturiera), per dare ulteriore supporto all'industria meccanica e manifatturiera la cui sistemazione si è trascinata fino al 1962. Poi fu la volta dell'attività mineraria, con l'Egam (Ente Gestione Attività Minerarie) che vivacchiava dal 1958. Emersero anche altri gruppi pubblici e tra i maggiori vi fu la Sir che risultava ufficialmente privata e appartenente all'industriale Angelo Rovelli che in effetti era superfinanziato dall'Imi (Istituto Mobiliare Italiano). Per aggirare la legge si utilizzava un finanziamento bancario assai vantaggioso per le piccole e medie imprese. Per poterlo utilizzare si suddivise in molte diverse società teoriche il gigantesco impianto della Sir di Porto Torres. Si applicava la lettera della legge, se non proprio lo spirito.

"Sesto tra cotanto senno", avrebbe detto il poeta, fu di certo l'Enel, nato nel 1962 con il compito di gestire l'energia elettrica italiana, fatti salvi gli interessi delle città maggiori e delle maggiori imprese "auto produttrici" tra le quali Montecatini, Falck e Fiat. Era un ente, giuridicamente diverso dalle PPSS, ma cambiava poco. I grandi partiti della coalizione di governo e ciascuna delle loro fameliche correnti pensarono che l'industria pubblica fosse comunque roba loro, da spartirsi e da mettere a frutto. Vi erano posti di responsabilità, ben pagati che appartenevano per definizione a questo o quel partito della maggioranza. La lottizzazione offriva altri spazi, Le società coinvolte si moltiplicavano e si creavano altri bisogni da soddisfare con altre poltrone. Il caso più noto alla popolazione è quello della Rai che moltiplicò per tre i canali televisivi per accontentare i tre maggiori partiti, opposizione comunista compresa in questo caso.

L'insieme delle PPPSS e degli altri gruppi pubblici e semipubblici, compreso l'arcipelago delle banche costituiva un sistema corrotto. La peggiore politica dominava imprese e banche pubbliche e ne era dominata nello stesso tempo. Un referendum nel 1993, ai tempi di Tangentopoli, abolì il Ministero delle partecipazioni statali che era nato nel 1956. Il voto significava che la popolazione era esasperata per le devastazioni al bene comune causate dall'intreccio tra Partecipazioni e partiti. L'abolizione prevalse anche nelle città che dipendevano in larga misura dalle imprese a PPSS come Genova o Napoli. Il risultato per entrambe non fu felice. Le attività già delle PPSS diventarono così un territorio aperto alle scorrerie private, italiane, straniere o miste. Come ulteriore risultato era fatta fuori anche quella parvenza di programmazione industriale che le imprese pubbliche consentivano. Lo Stato rinunciava così alla possibilità di agire e orientare le imprese private, la scelta e l'attivazione delle reti, gli accordi internazionali. Per la paura di essere messi sotto accusa si preferì legarsi le mani e rinunciare a un sistema che avrebbe potuto funzionare bene, con qualche accorgimento qualche regola precisa e qualche intelligente sostegno. I contrappesi indispensabili di cui gli altri paesi dell'Unione europea potevano servirsi, non solo erano messi da parte, ma erano addirittura messi in vendita, o regalati, a qualche compagine di Capitani coraggiosi che in effetti svolsero svariate scorrerie. La società dei telefoni già dell'Iri e poi gettata in borsa alla mercé degli scalatori è quella per la quale fu coniato, ai tempi di Massimo D'Alema, il nomignolo di Capitani (rectius: Capitali) coraggiosi, in occasione della prima scalata. Ne susseguirono quattro, tutte diverse e tutte apprezzate. Tutti gli scalatori impararono presto come fare: si opera la scalata servendosi delle riserve che si trovano in Telecom Italia stessa. Se non ce n'è più, facendo debiti a suo nome. Qualcuno pagherà. Così, per non perdere tempo, tutti gli scalatori infilarono in Telecom il loro debito precedente e uscirono da Telecom mesi o anni con bilanci ripuliti. Lo stato avrebbe invece la possibilità di difendere occupazione e sviluppo, in Sardegna come altrove, in questi frangenti di scarso lavoro e depressione generale, se avesse attività e imprese operative da usare in casi disperati e da modulare di fronte alle varie necessità. Sarebbe opportuno imparare di nuovo a fare la manutenzione del nostro sistema industriale, utilizzando la scatola degli attrezzi esistente e tollerata da Bruxelles. Attaccatutto, cacciavite e martello e un metro da sarto, per prendere le misure. E poi un regolo, per fare i conti.

News - Economia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information