Apertamente

di Simona Maggiorelli da Left del 15/11/2018 - «Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione». Così la Costituzione antifascista, ad incipit dell’articolo 21. Che poi prosegue: «La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure». La libertà di stampa ha un’importanza vitale per la democrazia. Anche il presidente della Repubblica Mattarella ha sentito la necessità di ribadirlo già in due occasioni in quest’autunno contrassegnato da una ridda di attacchi a chi fa informazione da parte di ministri e portavoce di governo. Sempre più colleghi che lavorano ad inchieste scomode subiscono perquisizioni e intimidazioni. Sempre più sono le querele intimidatorie che colpiscono anche chi fa satira, come denuncia Vauro con un suo corsivo su Left. Un giornalismo autorevole, basato sulla verifica delle fonti, sulla ricerca della verità e dell’approfondimento, apre la strada a una discussione pubblica sul senso di ciò che accade. Che il mondo dei media si articoli in una pluralità di voci, è fondamentale per ampliare l’opinione pubblica informata, attiva, critica, capace di non lasciarsi abbindolare dalle fake news e dalla propaganda.

«Conoscere per deliberare», diceva non un comunista, ma il liberale Luigi Einaudi. Ma tutto questo oggi non aggrada ai picconatori della democrazia rappresentativa. Dando uno sguardo alla storia vediamo che regimi fascisti e teocratici da sempre usano la censura e l’olio di ricino contro chi osa pensare liberamente. Ma anche i governi populisti se la prendono con chi fa informazione. Alla dialettica e al confronto preferiscono la demagogia, le arringhe dai balconi, puntano a far fuori ogni fastidiosa intermediazione per parlare direttamente alla cosiddetta pancia della gente, a chi ha meno strumenti, ai delusi di un centrosinistra barricato ai Parioli, a chi, anestetizzato da trent’anni di tv commerciali, è disposto a bersi la politica-spettacolo propalata dalla piattaforma Rousseau (vedi Left del 2 agosto 2018, Eclisse di democrazia).

«Pennivendoli e puttane», «Infimi sciacalli», tali sono i giornalisti secondo esponenti di primo piano del M5s come Di Battista e come il ministro e vice-premier Di Maio (che così facendo accusa se stesso visto che il suo nome compare nell’elenco pubblicisti dell’Ordine della Campania). Perfino l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, questa volta, ribadisce «l’esigenza di un’informazione libera, pluralista, rispettosa della dignità delle persone, del ruolo delle forze politiche e dell’autonomia professionale dei giornalisti». «Ogni attacco agli organi di stampa rischia di ledere il principio costituzionale di libera manifestazione del pensiero, che è alla base del pluralismo dell’informazione e del diritto di cronaca e di critica» si legge in una nota dell’Agcom.

Tutt’altro che parte della casta (ormai moltissimi giornalisti in Italia vivono in condizioni di precariato estremo) redattori e freelance nei giorni scorsi sono scesi in piazza (#giùlemanidallinformazione) rivendicando il proprio diritto/dovere di informare. Giornalisti dalla schiena dritta, come scrive autorevolmente Antonio Cipriani in questo sfoglio, che vantano senso di responsabilità, passione per il proprio mestiere, aderenza totale al dettato costituzionale.

Personalmente ne conosco moltissimi che, investendo del proprio, “gambe in spalla” si recano sul posto, per capire il contesto, per comprendere cosa c’è dietro un fatto, una notizia, stando dalla parte di chi non ha voce. Ancora oggi in uno scenario di crisi che offre scarsissime opportunità di lavoro giornalistico retribuito, tantissimi sono i giovani che vanno nei territori di guerra e di crisi, per documentare, denunciare, con professionalità e senso di umanità e giustizia. Tanti sono quelli che si imbarcano con le Ong (criminalizzate da Minniti, Di Maio e Salvini) per raccogliere la voce di migranti che la politica disumana di oggi riduce a meri numeri; per scuotere l’opinione pubblica, per fermare la strage.

Con orgoglio pubblichiamo ogni settimana i loro reportage su Left, così come con orgoglio abbiamo partecipato alla manifestazione del 10 novembre che ha visto una pacifica e inarrestabile onda di persone fluire per le strade della Capitale, contro il razzismo, contro il decreto Salvini, contro le misure discriminatorie e repressive del dissenso sociale imposte da questo governo. Il clima festoso, la musica, i sorrisi, i cartelli parlavano da soli, come raccontano anche le foto riportare in queste pagine. Oltre 50mila persone sono arrivate a Roma da ogni parte d’Italia nonostante le forze dell’ordine abbiamo fermato pullman, identificato e schedato i manifestanti, ritardando il loro viaggio. (Hanno fatto lo stesso due settimane fa con i neofascisti che andavano a sfilare a Predappio?).

La manifestazione del 10, dopo il raduno spontaneo a Riace in sostegno di Mimmo Lucano, conferma che un’opposizione forte c’è in Italia, auto convocata, che non si fa confondere la testa. Chiede inclusione, più diritti sociali e civili ma anche più cultura e, anche per questo non può certo sentirsi rappresentata dal governo giallonero che – in linea con i precedenti – taglia i fondi alla cultura, de-finanzia la scuola pubblica, l’università, la ricerca. Gli attacchi a chi fa informazione e formazione vanno di pari passo alla denigrazione di scienziati e intellettuali (ultimo ma non ultimo il caso di Roberto Battiston rimosso dal ruolo di presidente dell’Agenzia spaziale italiana).

L’anti-intellettualismo, la diffidenza verso chi si dedica allo studio per la crescita culturale di tutti, l’ignoranza ostentata, la gara a chi ha meno titoli di studio caratterizzano tutti i movimenti conservatori e reazionari. Tenere «il popolo» all’oscuro è necessario perché sia completamente subalterno. Noi invece siamo tenacemente convinti che lo studio e la corretta informazione siano importanti e irrinunciabili strumenti di auto-emancipazione e di crescita culturale collettiva.

News - Cultura

Galleria fotografica

Consigliati

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information