Apertamente

di Chiara Baldi da MicroMega del 15/10/2016 - Tre donne – una ricercatrice, una attivista e una politica – e tre visioni su Islam e femminismo. Renata Pepicelli, docente universitaria ed esperta in materia, Maryan Ismail, ex Partito Democratico milanese e ora membro del coordinamento nazionale delle comunità islamiche presso il Ministero dell'Interno, e Sumaya Abdel Qader, consigliere comunale eletta a Milano nella lista del Pd, hanno affrontato il tema del ruolo della donna nella cultura islamica nel corso del convegno che si è tenuto il 5 novembre a Milano, alla Casa della Cultura. «Il tema della questione femminile nell'Islam viene affrontato oggi dai media in modo sensazionalistico, così da risultare pura propaganda», spiega Sumaya Abdel Qader. «Le donne musulmane in Europa non sono o integraliste o femministe. C'è un mare in mezzo. Molte di loro non si pongono neanche il problema perché sono madri, mogli, lavoratrici, studiose, intellettuali». Secondo Abdel Qader, «le donne musulmane non si sono svegliate oggi a parlare di femminismo: è un dibattito lungo decenni che ci porta a chiedere “chi siamo?”. E mentre tutti discettano sul ruolo del corpo della donna, le donne cercano risposte a domande complesse, tipo “come convinco mia figlia a mettere il velo?”». Per Abdel Qader, c'è una «coalizione» tra le donne musulmane: quando una di loro è vittima di violenza da parte del marito, le altre la aiutano indicandole come uscirne. «Ho tre figli, qualche settimana fa la maggiore mi ha detto che voleva mettere il velo. Pur portandolo le ho detto di “no” perché a 14 anni magari lo fai per emulazione e se davvero vuoi avvicinarti a Dio è meglio se prima inizi a pregare. Mio marito non è stato contento della risposta, ma l'ha rispettata».

Di epoca oscurantista parla invece Maryan Ismail, esponente storica della comunità somala milanese. «Quando mi chiedono 'cosa significa per noi donne africane musulmane l'Islam?' rispondo che non esiste una visione di un Islam tout court: ci sono peculiarità e specificità», spiega Ismail, che ricorda che quando l'Islam cominciò a insediarsi, «le sue più grandi sostenitrici erano proprio le donne: le due mogli del Profeta Maometto sono state fondamentali e sono tutt'oggi considerate le madri dei credenti», tanto che all'inizio «alle donne era riconosciuto un ruolo molto più importante di quello di oggi, basti pensare che Maometto nelle sue battaglie era affiancato da condottiere militari che avevano il compito di difenderlo: donne libere ed emancipate. Oggi, invece, viviamo in un periodo di oscurantismo di genere».

Ismail appartiene alla corrente del sufismo africano, «una corrente islamica spirituale e non politica, per noi una forma di resistenza democratica al colonialismo», dice Ismail, che ricorda che la Somalia «da 27 anni è ostaggio del Wahabismo, dei Fratelli Musulmani, a cui rispondiamo con la nostra iconografia tradizionale: le donne somale sono colorate, non indossano i tipici veli dell'Islam oscurantista, abbiamo fazzoletti in testa colorati. Io sono profondamente musulmana e posso commettere peccati, ma nulla mi toglie quello che sono come donna e come persona». È grazie alle donne, quindi, se la Somalia resiste all'oscurantismo. Una visione che – secondo lei – manca nelle altre tre scuole di femminismo islamico: per quella riformista tradizionale, più diffusa negli ambienti islamizzati, uomini e donne sono spiritualmente uguali ma la loro particolarità biologica li spinge ad assumere dei ruoli differenti e ad avere diritti e doveri non uguali, ma equivalenti. La donna è figlia, sposa, madre all'interno del quadro famigliare. In quella riformista radicale, la questione femminile è concepita in maniera radicalmente diversa dal pensiero religioso classico: non si tratta più di diritti e doveri ma di soggetti di sesso femminile e maschile fondamentalmente uguali al di là dei contesti culturali e sociali. Infine, nella scuola riformista liberale, che è la più diffusa tra le femministe musulmane, i rapporti sociali tra sessi sono costruzioni sociali e la concezione musulmana tradizionale è una deformazione patriarcale della parità dei sessi.

In Europa, dove come spiega Renata Pepicelli «il numero dei musulmani cresce come quello dei fedeli di altre religioni: i cristiani sono tuttora la prima comunità religiosa tra i migranti», le donne musulmane appartengono a tre categorie. «Siamo portati a pensare che le donne musulmane siano tutte immigrate: molte lo sono, ma una fetta importante è costituita da coloro che sono nate e cresciute qui da genitori musulmani venuti da noi. Non si parla più di “immigrati di seconda generazione”, ma di terza e quarta», racconta la docente.

Poi ci sono le convertite: «Sono ancora in numero ridotto ma sono comunque in crescita». Infine, le donne che appartengono a minoranze storiche autoctone di musulmani presenti in Romania, Bulgaria, Finlandia e Grecia: «Sono discendenti di minoranze musulmane autoctone, per questo possiamo dire che l'Islam è una radice storica dell'Europa». Secondo Pepicelli, «le musulmane europee sono espressione di una ulteriore pluralità perché il modo in cui si vive l'Islam è plurale, con differenze significative». Tanto che varia di generazione in generazione: «Le figlie lo vivono in modo diverso rispetto alle madri. E infatti quando si studia il fenomeno di genere anche nell'Islam si dovrebbe prima inserire questi giovani all'interno di dinamiche e problematiche tipiche della condizione giovanile, e solo dopo in quella migratoria che appartiene molto di più ai loro genitori piuttosto che a loro».

News - Medioriente

Quale orizzonte per la sinistra

Indagine SWG per Apertamente

Scarica l'indagine >>>

Galleria fotografica

Consigliati

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...

Le mie memorie

Le mie memorie
Da Aiello, piccolissimo paese del Friuli orientale, alla Cina passando dalla Russia dopo esser cresciuto in Brasile.
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information