Apertamente

di Davide Strukelj del 24/3/2020 -  Aristotele ci ricorda che ogni uomo insegue la propria felicità, e così il fine della politica, e dunque dell'uomo politico, deve essere la felicità del popolo, ovvero dell'intera città. L'intera città: questo è "il bene più bello e il più divino".
Per raggiungere un tale obbiettivo l'uomo (politico) deve avere doti notevoli di educazione morale, solo così gli potrà essere chiaro il percorso da seguire. In particolare, e qui Aristotele cita Esiodo, "l'uomo migliore è colui che tutto sa" (moralmente parlando), ovvero che possiede una precisa visione etica del mondo. Ma, considerata la penuria di tali personaggi, Esiodo ci dice che vanno molto bene anche uomini che per completare la loro conoscenza "sanno prestar fede a chi bene li consiglia", sempre riferendosi alla correttezza delle azioni. Sono invece pessimi coloro che "nulla sanno, né sanno accogliere i suggerimenti di chi bene li consiglia", così perseverando nei loro errori. Questi ultimi, sempre secondo Esiodo, dal punto di vista politico sono "uomini buoni a nulla", ovvero individui che occupandosi della cosa pubblica non saranno mai in grado di inseguire e raggiungere, e forse nemmeno di concepire, il "bene più bello e più divino": la felicità della città intera.
Chi sono dunque questi capi che vogliono "tirar dritto" senza ascoltare nessuno, senza mai dubitare delle loro idee. Personaggi che sanno "battere i pugni" fino alla slogatura (metaforica) dei polsi, senza mai fare tesoro dei pareri altrui, senza porsi il dubbio e senza mai cambiare idea? Due sono le categorie che ci vengono in mente.
La prima è quella del capo sedicente-carismatico: un leader che esercita il potere in virtù di doti eccezionali, o addirittura soprannaturali, che lui stesso i suoi seguaci gli riconoscono. In tale contesto, il leader sedicente-carismatico ha una (sua) visione del mondo e delle cose limpida e talvolta imperscrutabile ai suoi stessi sostenitori. La massa di ammiratori si affida al capo anima e corpo, senza discutere su ogni cosa e senza necessità di verifica, con lealtà ed obbedienza, spronata dagli obbiettivi e unita contro i nemici che il leader di volta in volta identifica utilizzandoli come collante per i suoi proseliti. Il leader sedicente-carismatico gode dell’autorità carismatica: ipse dixit, poco importa se esprime valori positivi o meno. La sua prorompente dominanza gli conferisce in ogni situazione uno status superiore. Il leader sedicente-carismatico è spesso un modello al quale tendono imitatori sedicenti-capi, anche se privi delle minime qualità necessarie.
Altra categoria è quella del capo-burocrate. Il capo-burocrate (con il termine "burocrate" inteso nel suo significato negativo) è un capo che esercita il potere conferitogli con fini spesso diversi da quelli dichiarati, tentando indefessamente di trasformare il suo ruolo in status ed ambendo ad un carisma che in coscienza sa di non possedere. La burocrazia (i.e. il potere degli uffici) è per questo leader una forma di esercizio dell’autorità che si nasconde dietro masse di norme e procedure, nate astratte e generali, ma utilizzabili anche a fini personali per limitare, vincolare o condizionare l’iniziativa altrui. Il capo-burocrate preferisce giocare una partita impari e in posizione di vantaggio, grazie all'apparato amministrativo che governa e che lo rende dominante rispetto ad ogni interlocutore (che egli ritiene) disarmato e impotente.
Ma la categoria di gran lunga peggiore è certamente quella che nasce dall'incestuoso fondersi delle due precedenti. Un Golem distruttivo e pericoloso che vive cibandosi di facile approvazione e di dedizione totale, e capace di un pensiero vendicativo da finalizzare al personale consenso. Un capo capace di “tirare dritto” verso il suo fine particolare senza badare ai mezzi necessari, siano questi oggetti inanimati o esseri umani da sacrificare al suo insaziabile desiderio di appagamento.
È costui un capo che di volta in volta identifica una minoranza, piccola o grande, quale nemico dichiarato da sacrificare all'altare del suo indice di gradimento e, utilizzando atti amministrativi appositamente deliberati, ne limita l’iniziativa, il diritto d’impresa oppure la libertà di culto, la partecipazione o i diritti giovanili, di aggregazione, di rappresentanza o ancora la fruizione di spazi pubblici... Insomma agisce contro gli “altri” mai con lo scopo di fare il bene della collettività (tutta) ma con l’intento di far emergere critiche fondate o meno e denigrare, punire, o svilire alcune persone e le loro istituzioni, di fatto attuando una piccola politica basata sulla negazione.
Ma un tale capo è dunque un leader autentico secondo Esiodo, o solo un burocrate micro-carismatico in cerca di uno status che sa di non avere? È un capo con una visione del mondo e della realtà più chiara degli altri, o semplicemente un improvvisato manipolatore di consenso che si gioca il proselitismo del suo seguito a discapito di una minoranza e in spregio ai "non allineati"?
L’esercizio del potere è un’arte sottile e complicata che compete ai leader. Quelli veri, quelli che esercitano il loro carisma per fini nobili e non personali, costruendo progetti e non procedendo per piccole negazioni, e così perseguendo il bene comune secondo la nota “etica della responsabilità”.
Un vero capo ascolta gli altri, richiede e valuta le più diverse opinioni, delega, coinvolge e aggrega, consapevole che la sorte di un popolo è troppo fragile se riposta nella volontà e nelle idee di una persona sola, come ci ha spiegato Cicerone alcuni secoli fa.

News - Italia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information