Apertamente

di Davide Strukelj del 11/2/2020 - La sede romana del CONI è un grande palazzo color mattone dalla pianta a forma di H. La costruzione si affaccia sul fiume proprio dove si congiungono i lungotevere Cadorna e Diaz, che come noto sono due generali della prima guerra mondiale nominati contemporaneamente Marescialli d'Italia agli inizi del III anno dell'E.F., ovvero nel novembre del 1924. In quel punto è possibile attraversare il Tevere passando il ponte Duca d'Aosta, inaugurato nel 1936 ed intitolato al comandante della terza armata durante la prima guerra, al secolo Emanuele Filiberto di Savoia. Il palazzo ad H fu voluto da Mussolini, progettato dall'architetto Del Debbio, ed inaugurato nel 1932 quale sede dell'Accademia fascista di educazione fisica maschile e si affaccia sull'ampio piazzale De Bosis. Achille Lauro De Bosis è stato un letterato e antifascista noto per il celebre "volo su Roma", una azione portata a termine in barba alla regia aeronautica che permise di riversare sulla capitale una pioggia di volantini eversivi contrari al regime. De Bosis trovò la morte durante il volo di ritorno dalla sua missione, mentre cercava di raggiungere la costa francese. Era l'ottobre del 1931.

Si sa che la toponomastica, talvolta, sa essere più cinica della storia e infatti il paradosso non finisce qui, tant'è che il citato palazzo ad H è "impreziosito" da una stele, un obelisco, che reca incisa col bel carattere del tempo la scritta "Mussolini Dux".
Ora, è evidente che il piazzale sia stato intitolato a De Bosis dopo la fine della guerra (la norma vuole che per poter intitolare ad una personalità siano passati almeno dieci anni dalla sua morte, e comunque pare inverosimile che il regime potesse scegliere questo nome...), ed è noto che l'obelisco fu inaugurato il 29 ottobre 1932 per celebrare il decennale della marcia su Roma.
La domanda da porsi di conseguenza è: come si può intitolare ad un antifascista un piazzale dove fa bella mostra di sé un obelisco che reca la scritta "Mussolini Dux"? Ovvero: com'è possibile che in Italia esista ancora un monumento che reca una simile dicitura?

Il tassista che mi porta ai Parioli si lancia in una serrata analisi delle colpe dell'attuale amministrazione capitolina, sottolineando più volte che, come a Roma, anche all'Italia servirebbe un nuovo "uomo forte", uno capace di "sistemare" le cose in pochi mesi.
Lascio cadere il discorso e poco prima di arrivare a destino gli chiedo se sia mai stato in Germania: "no, mai". Di seguito gli chiedo cosa penserebbe se arrivato a Berlino si trovasse davanti ad una colonna con su scritto "Adolf Hitler - Führer".
La risposta, istintiva, rasenta l'ovvieta': "Non esiste una colonna così. E se fosse esistita l'avrebbero già abbattuta!". Un minuto di silenzio e l'autista mi guarda nello specchietto retrovisore con un malcelato fastidio. La corsa prosegue e termina senza che sia più proferita una sola parola.

Inciso: so che questa storia del tassista ricorda molto l'incipit di "Costruire il nemico" di Umberto Eco, ma l'ho riportata solo perché è vera, e a questo punto posso concludere che i tassisti sono una autentica fonte di ispirazione. Con le dovute proporzioni, sia chiaro.

Sceso dal taxi mi fermo per un caffè.
Ripenso alla questione e mi torna in mente una celebre intervista a Carlo Ginzburg pubblicata su La Repubblica qualche anno fa.
Sosteneva Ginzburg, che ricordo essere il figlio di Natalia e di quel Leone Ginzburg torturato e ucciso dai fascisti, che la vergogna genera il migliore senso di appartenenza in un Paese.
La vergogna, sia inteso, e non il senso di colpa. Perché la colpa deriva da una co-reita' che ormai, per il fascismo del ventennio, non trova quasi più nessun responsabile in vita nel 2020. Ma la vergogna per una storia comune che ci unisce, quella sì che riguarda anche il presente. È infatti possibile vergognarsi per le vicende del passato,  ma solo per quelle del proprio Paese, non per quelle di un'altra nazione. Esattamente come mi ha insegnato lo sguardo indagatore del tassista interrogato sul Führer e la sua stessa ammissione: se ci fosse stato un monumento con la scritta "Adolf Hitler - Führer" lo avrebbero abbattuto. Loro. I tedeschi. A causa della condivisa vergogna per un passato che li unisce.

Ma dov'è la differenza tra il percorso della vergogna collettiva in Germania ed in Italia? Forse che da noi il senso di appartenenza sia poco sviluppato? Eppure, quando la nazionale di calcio vince i mondiali, gli italiani corrono in piazza ad abbracciarsi e a baciarsi. Quando uno scienziato italiano raggiunge un importante risultato, si sprecano fiumi di parole scritte e parlate e tutti diventano esperti della materia. Lo abbiamo visto con i premi Nobel ma anche col recente isolamento del corona-virus.
La nostra italianità ci appare vivace e genuina ogni qualvolta si presenti l'occasione per celebrarla, prorpio come fanno i tedeschi con la loro germanicita'...
Il problema sta nel fatto che la vergogna è un processo diverso: non basta un effimero inebriamento collettivo, non è sufficiente un gol o un titolo sui giornali. Per provare vergogna è necessario un processo di comprensione profondo, ragionato e condiviso. Serve tempo e sincera disponibilità. Bisogna capire cos'è accaduto e interiorizzare onestamente la verità. La colpa deve emergere chiaramente, la responsabilità dei singoli deve essere portata alla conoscenza di tutti e la "banalità del male" della moltitudine deve essere fatta propria dalla collettività. Solo così le generazioni che seguiranno potranno provare una sana vergogna condivisa e portatrice di quel generoso senso di appartenenza di cui ci ha parlato Carlo Ginzburg.

Ma la nostra storia è diversa.
In Italia non si è mai svolto un vero processo di Norimberga, i gerarchi del regime non sono andati alla sbarra in modo definitivo e nessun italico Heichman è stato giudicato a Gerusalemme.
Anzi, l'amnistia per i reati comuni del '46, fortemente voluta per interessi referendari e poi progressivamente allargata nel corso dei successivi vent'anni, ha via via sopito il senso di colpa.
Le estradizioni richieste dagli stati vincitori per processare i nostri criminali di guerra hanno sempre trovato il fermo diniego dell'Italia neo-repubblicana.
Il progressivo revisionismo, spesso stucchevolmente incentrato sui crimini degli "altri", che certamente ci sono stati, ha voluto attenuare le colpe riconducendole al "così facevan tutti", di fatto destinando all'oblio eventi noti e meno conosciuti, leggi, circolari, atti ed azioni che chiunque, messone a diretta conoscenza, vivrebbe con intima e personale mortificazione.

Alla fine, una progressiva minimizzazione e un generalizzato perdono hanno alleviato i sensi di colpa e reso impossibile il processo di formazione di una sana vergogna collettiva per i misfatti dell'italico fascismo.

Nel pensare al futuro e al costo che tutto ciò produrrà, mi viene in aiuto San Tommaso d'Aquino con una sua celeberrima quaestio quodlibetalis.
Sosteneva il filosofo che un torto può essere riparato nei termini del risarcimento del danno cagionato, ed anche superato dal punto di vista morale grazie all'istituto del perdono. Resta il principio che neanche l'altissimo può rimuovere un fatto accaduto, giacché la verità, per sua natura, non può essere cancellata. Ciò che è stato non può contemporaneamente non essere stato: la verità è data, che la si ricordi o che si cerchi furbescamente di dimenticarla.
E si sa che le verità nascoste esigono di riemergere, e lo fanno sempre ad un prezzo altissimo.

News - Italia

Galleria fotografica

Consigliati

Borderless

Borderless
di Veit Heinichen

La Malaluna di Maurizio Mattiuzza

La Malaluna di Maurizio Mattiuzza
di Maurizio Mattiuzza

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information