Apertamente

di Alfredo D'Attore da Striscia Rossa del 6/2/20202 - La vittoria del centrosinistra in Emilia-Romagna e l’annuncio di Zingaretti di voler costruire un nuovo soggetto politico oltre l’attuale Pd sono due notizie incoraggianti. Aprono l’opportunità di una nuova fase della politica italiana, in cui un’egemonia di lungo periodo della destra non sia più un destino segnato. Allo stesso tempo, non sono esenti da insidie, che rischiano invece di prolungare e consolidare gli attuali rapporti di forza politici nella società italiana.  Il voto emiliano-romagnolo ha indubbiamente punito l’arroganza di Salvini (il quale non ha imparato la lezione che trasformare un’elezione in un referendum su di sé è il modo migliore per esserne travolti) e ha premiato la concretezza e la buona amministrazione di Bonaccini. Si sono manifestati anticorpi profondi ancora presenti in quella regione, riattivati anche dagli eccessi sconcertanti del leader leghista e rivelatisi in grado di arginare un’onda di destra che a un certo punto della campagna elettorale è sembrata inarrestabile. Ma quell’onda non si è ritirata, né in Emilia-Romagna, né tantomeno nel resto del Paese. A livello nazionale, come conferma anche il voto della Calabria, i consensi che la Lega perde rispetto ai suoi picchi di qualche mese fa vengono recuperati quasi integralmente dalla Meloni, che oggi i sondaggi segnalano a un livello praticamente doppio rispetto alle europee di fine maggio 2019. Inoltre, la geografia sociale e territoriale anche del voto emiliano-romagnolo conferma una difficoltà ormai strutturale del centrosinistra, quella nelle aree interne e nei centri più piccoli, segnati da livelli più bassi di reddito e più alti di disoccupazione.
La vittoria in Emila-Romagna rischia perciò di trasformarsi in una pericolosa illusione ottica se convince il centrosinistra di poter andare avanti senza affrontare cambiamenti profondi. Fortunatamente, le voci più sagge del Pd hanno almeno sedato subito il riemergere di pulsioni autolesioniste sulla legge elettorale. Dopo l’esito del voto emiliano, i vedovi inconsolabili del maggioritario all’italiana, non contenti dei guasti degli ultimi 25 anni, hanno ripreso l’offensiva perché il centrosinistra faccia naufragare la positiva intesa maturata con il M5S su un sistema proporzionale con un robusto sbarramento anti-frammentazione. A loro giudizio, siccome in una regione delle nove che hanno votato dopo le ultime elezioni politiche il centrosinistra è riuscito a sconfiggere la Lega senza l’apporto del M5S, bisognerebbe virare sul sistema elettorale che chiedono Salvini e la Meloni: una genialata che avrebbe l’effetto di minare ulteriormente le basi politiche dell’attuale governo per andare a elezioni con un sistema che presumibilmente consegnerebbe alla destra una maggioranza sufficiente per cambiare da sola la Costituzione a suo piacimento. Al contrario, sarebbe ora una scelta intelligente quella di provare ad approvare la nuova legge elettorale proporzionale, almeno in un ramo del Parlamento, prima del referendum costituzionale fissato per il 29 marzo. In questo modo, i cittadini potrebbero pronunciarsi avendo presente il quadro istituzionale complessivo che si profila e la presumibile vittoria dei Sì diventerebbe anche una sorta di legittimazione popolare del nuovo sistema elettorale.
Anche il coraggioso annuncio di Zingaretti di voler impegnare il Pd nella costruzione di un”partito nuovo” può essere soggetto a svolgimenti molto diversi. È senz’altro positivo che si riconosca la necessità di una svolta e di una novità politica a tutto tondo. Ma quale deve essere la natura di questa novità? Il Pd è stato costruito fin dal principio sulla base del mito dell’apertura e della “contendibilità”. Il punto è che l’apertura ha dimostrato di non poter essere il surrogato di un’identità culturale e di una visione della società. Se non si affronta finalmente questo nodo, il rischio è quello di mettere in moto (come in parte avvenne dopo lo scioglimento del PCI) una carovana confusa ed esposta a ogni condizionamento esterno. Un’avventura che partirebbe all’insegna del “cambiare tutto”, ma che poi rischierebbe di lasciare irrisolte le due questioni principali che hanno progressivamente minato l’autonomia politico-culturale della sinistra negli ultimi decenni: da un lato, lo scivolamento verso un “progressismo neo-liberale” di impronta liberista sul terreno economico-sociale, dall’altro la permeabilità all’eterodirezione da parte di testate e gruppi editoriali in grado di imporre la loro agenda e le loro priorità. Un serio congresso ri-costituente dovrebbe anzitutto affrontare questi due problemi cruciali, con tutto ciò che ne consegue in termini di ripensamento della cultura politica e del modello organizzativo.
Romano Prodi ha invocato un cambiamento rispetto a un partito in cui decidono «dieci persone», riproponendo l’idea di un soggetto politico senza tessere. Prodi, però, e con lui Parisi e i teorici della legittimazione diretta del segretario tramite primarie aperte dovrebbero ricordare che l’estremizzazione di questo modello ha aperto la strada a leadership che hanno deciso tutto non in dieci, ma in uno. Senza contare poi che, dal punto di vista dei cittadini italiani e non solo degli addetti ai lavori, il vero problema del Pd e del centrosinistra è stato che cosa è stato deciso, prima ancora che chi lo ha deciso…
È senz’altro giusto lanciare un congresso costituente aperto, in grado di attrarre la partecipazione non solo dei militanti che si sono allontanati dal Pd negli ultimi anni, ma anche di energie nuove provenienti dall’associazionismo, dal mondo del lavoro, dalle amministrazioni locali. Il problema è come costruire un processo reale di coinvolgimento e di partecipazione consapevole, funzionale alla costruzione di una nuova identità politico-culturale. Ad esempio, le piazze delle Sardine hanno dato voce alla reazione civile di un pezzo reale della società italiana e, nel contempo, hanno espresso il bisogno di una politica diversa a sinistra. Sarebbe miope non provare a capire questo fenomeno, ma davvero si può chiedere ai giovani che lo hanno innescato di offrire loro da soli una risposta culturale e programmatica compiuta alle domande che quelle piazze hanno espresso? O ancora: gli amministratori locali sono ormai ciò che resta dell’antico insediamento territoriale della sinistra e, in quanto tali, un riferimento ancora più prezioso. Ma possiamo pensare di affrontare uno spiazzamento ideologico e sociale della sinistra, che ha una dimensione quasi ‘planetaria’ ed ‘epocale’, riproponendo 25 anni dopo la formula del “partito dei sindaci”?
Non è più tempo di scorciatoie o di furbizie. E non basteranno stavolta neppure semplici operazioni di restyling organizzativo o comunicativo. Diversi, ad esempio, sia nel Pd sia fuori dal Pd, considerano dirimente il cambio del nome del principale soggetto del centrosinistra, affinché il suo congresso possa svolgere una funzione riaggregante. Ma un cambio del nome, per avere senso e non ridursi a una pura operazione di marketing, è più la conseguenza che la premessa di un processo politico reale. Il vero punto decisivo, quello in grado anche di imprimere una direzione chiara al governo e alla legislatura, è se nel corso del 2020 ci sarà un appuntamento democratico serio nei contenuti e capace di attrarre una parte significativa della sinistra oggi dispersa. E, soprattutto, se questo appuntamento scioglierà finalmente il nodo dell’identità politico-culturale di fondo: continuità su una linea di progressismo neo-liberale oppure svolta in chiave modernamente socialdemocratica ed ecosocialista?
Peraltro, se ci si libera delle caricature e si provano a comprendere le spinte storiche reali che stanno dietro fenomeni politici impensabili fino a qualche anno fa, come i movimenti giovanili a sostegno di Corbyn e di Sanders, una prospettiva ecosocialista non è del tutto incompatibile con l’idea di un nuovo “riformismo comunitario”, su cui esponenti del cattolicesimo democratico e sociale, ma non solo, stanno iniziando a riflettere in maniera innovativa. E lo stanno facendo a partire dalla consapevolezza che il mondo post-crisi, la rivoluzione digitale e l’emergenza ambientale rendono anacronistiche le ricette liberal-liberiste del trentennio precedente. Questo dialogo fra un’ispirazione neo-socialdemocratica ed ecosocialista e un nuovo “riformismo comunitario” anti-liberista può davvero costruire il baricentro culturale del “partito nuovo” e far rivivere in modo più credibile quella in fondo che era l’idea più valida alla base della nascita del Pd oltre 10 anni fa, ossia il venir meno di uno steccato fra laici e cattolici. E l’apporto di un cattolicesimo sociale rinnovato può essere prezioso anche per evitare che una visione economica neo-socialdemocratica assuma solo l’intonazione di uno statalismo dall’alto, sottovalutando il ruolo essenziale delle comunità, della cooperazione , dell’auto-organizzazione sociale.
Il “partito nuovo” deve poi trovare il modo di far partecipare e “sentire a casa” le persone, come ha scritto efficacemente Goffredo Bettini. C’è qui qualcosa che va al di là delle formule organizzative e del dibattito ormai stantio tra partito leggero o pesante. È qualcosa che ha a che fare con un sentimento di comunità, di appartenenza a una cultura e a una visione condivisa delle cose, di radici profonde da riscoprire e, naturalmente, anche di essere riconosciuti e di contare, di sentirsi parte di un movimento reale che si è contribuito a determinare. Una comunità in grado di dare una risposta sia all’enorme accrescimento delle potenzialità di discussione e partecipazione legate alla rivoluzione digitale, sia al senso di isolamento e smarrimento che le trasformazioni contemporanee producono. Non certo, quindi, un partito senza iscritti e senza legami tra di loro, ma nemmeno un corpo chiuso e autoreferenziale, incapace di interrogare e coinvolgere saperi ed energie esterne o di costruire luoghi aperti in cui formarsi un’idea su tanti aspetti di una realtà sempre più mutevole e sfaccettata. Un partito che recupera un “nucleo ideologico” condiviso, che sa qual è la sua direzione di marcia fondamentale, può diventare anche molto più pragmatico sul piano delle singole soluzioni concrete e molto più duttile sul terreno della tattica politica, perché non è più l’ultima scelta contingente o l’ultimo editoriale di Repubblica a decidere quale sia la sua “anima”.
Un “partito nuovo” con un asse politico-culturale chiaro è anche la condizione per incidere al meglio sulla crisi ed evoluzione del M5S, ormai già prosciugato della sua componente più conservatrice. La parte di elettorato che resta o che si è rifugiata nell’astensione difficilmente voterà quel nuovo campo democratico, che oggi si teorizza, se questo assomiglierà al vecchio Pd e al vecchio centrosinistra da cui essa è scappata. Si tratta allora di contrastare i residui di antipolitica e di giustizialismo che permangono nel Movimento, ma di non puntare in maniera miope o arrogante sulla sua umiliazione o deflagrazione. Questa può essere magari una strada per piegare parlamentari interessati a che la legislatura vada avanti comunque, ma non per convincere quegli elettori che hanno riconosciuto ai grillini il merito di aver sollevato una questione sociale che la sinistra sembrava aver dimenticato. E se l’indebolimento politico dei 5S significherà la loro ‘normalizzazione’ e l’abbandono di istanze giuste che essi, sia pure talora con forme discutibili, avevano sollevato (dalla critica della governance economica europea alla revisione delle concessioni autostradali, dal tema dell’acqua pubblica a nuovi strumenti di intervento pubblico nell’economia, per fare alcuni esempi), ciò non renderà il governo più forte nel Paese, ma rischierà di rinchiudere il livello di consenso delle forze di maggioranza nei confini del vecchio centrosinistra. Si tratta, invece, di impadronirsi di questi temi, di depurarli di ogni coloritura demagogica e di dar loro una credibile declinazione di governo. Solo così il nuovo campo democratico non sarà la somma di due debolezze che si sono asserragliate nel Palazzo, ma una sintesi nuova e competitiva nel Paese.
Insomma, tra la svolta politica dell’agosto scorso e il voto emiliano-romagnolo si è aperta una finestra di opportunità per cambiare davvero e mettersi nelle condizioni di sfidare l’egemonia della destra. Ma, dentro e fuori il Pd, per provare a farcela servono umiltà e coraggio, rinunciando a grandi e piccole rendite di posizione e ragionando con la lungimiranza richiesta da questa complicata epoca di transizione che stiamo vivendo.

News - Italia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information