Apertamente

di Simona Maggiorelli da Left del 23/1/2020 - «Me ne frego» dice Salvini citando Mussolini. «È finita la pacchia» urla ai naufraghi dopo avergli negato un approdo sicuro. E poi: «Non è roba nostra», riferito a migranti minorenni non accompagnati. Fino ad arrivare a sbeffeggiare un giovane attivista delle sardine per un suo momento di incertezza nel parlare in pubblico. Basterebbe questo suo linguaggio totalmente privo di empatia, che giustifica e fomenta l’odio e il razzismo, per fare del capo leghista un impresentabile.
Oltre a rifiutare il contenuto violento delle sue parole, torniamo a smontare una per una le sue pericolose fake news a cominciare dall’invasione di migranti (che non c’è mai stata) che punterebbe alla sostituzione etnica dei bianchi, maschi, cristiani. Ma non solo.
Qui ci siamo applicati a ripercorrere la sua lunga serie di fallimenti e gli innumerevoli disastri che ha combinato, soprattutto da ex ministro e vice premier, recando grave danno al Paese. Micidiali sono gli effetti dei due provvedimenti del governo giallonero che portano il suo nome. Il decreto Salvini “sicurezza e immigrazione” ha impresso una feroce stretta sui diritti cancellando i permessi di soggiorno umanitari e ha smantellato il sistema di accoglienza. In questo modo ha sospinto in una zona grigia i migranti, diventati “invisibili”, ha fatto crescere il numero degli «irregolari» e 15mila operatori, perlopiù giovani, rischiano di perdere il lavoro. Ben lungi dal rimpatriare 500mila persone senza permesso di soggiorno come aveva millantato con la sua politiche xenofobe, Salvini è solo riuscito ad andare a sbattere contro le leggi.
La Cassazione ha confermato che la capitana Carola Rackete di Sea Watch non andava arrestata perché ha agito per portare in salvo dei naufraghi. E se nel caso della nave Diciotti, Matteo Salvini si è salvato dal processo per sequestro di persona grazie all’assist dei grillini e di Conte, diverso è il caso della Gregoretti, nave della guardia costiera italiana con a bordo più di cento naufraghi che lui, in quanto ministro dell’Interno, non poteva bloccare a bordo, come invece ha fatto. E poi dove era il «rilevante interesse pubblico» che avrebbe giustificato quell’azione? Quali erano i«diritti costituzionali preminenti» che rischiavano di essere lesi? Sulla nave non c’erano terroristi né armi. Quel gruppo di stranieri provati e vulnerabili quale pericolo potevano mai rappresentare per l’interesse pubblico?
Salvini li ha usati come ostaggio per ridiscutere la ridistribuzione dei migranti. Se questo era lo scopo perché non si è mai impegnato per una revisione del trattato di Dublino quando era parlamentare europeo? La verità è che Salvini è stato un campione di assenteismo disertando ben 22 sedute come gli ha rinfacciato pubblicamente la ex parlamentare europea Elly Schlein durante la campagna elettorale per le elezioni in Emilia Romagna del 26 gennaio.
Il fatto che Salvini abbia detto ai suoi in Giunta per l’autorizzazione a procedere di votare per mandarlo a processo la dice lunga: dice che il lupo intende vestirsi da pecora. Ma pur facendo la vittima sarà difficile coprire la realtà e la gravità dei fatti.
A questo proposito è utile andarsi a rileggere un bel libro di Daniele Giglioli, Critica della vittima, in cui smaschera una pletora di ricchi e potenti che si sono finti martiri per ingannare e affermare un potere. Come insegnava già la favola di Fedro quello di uccidere la pecora e poi dire che gli aveva fatto un torto, non solo lei ma tutti i suoi avi, è un antico vizio di certi lupi.
Che non hanno nulla dell’eroe ma sono solo dei prepotenti pericolosi. Forti con i deboli che impongono il daspo urbano ai più poveri, che multano chi protesta, come è accaduto a lavoratori e due studentesse a Prato colpevoli di aver manifestato pacificamente per strada e come paradossalmente rischia di accadere ai pastori sardi a cui la Lega di Salvini si era proposta come interlocutore, fingendo di sostenerne la lotta. Lupi travestiti da pecore che mentre fingono di fare gli interessi del popolo, propongono provvedimenti che aiutano solo le classi più agiate, come la flat tax e l’autonomia differenziata.
Mentre fingono di lottare contro l’Europa dei mercati votano i trattati neoliberisti e sostengono il meccanismo europeo di stabilità (Mes) salvo poi mostrarsi smemorati. Il lavoro? Non lo creano interventi di Stato, ma solo i privati e le partite Iva ha detto Salvini a Porta a Porta in una delle sue innumerevoli comparsate in tv. Per non dire poi di certi lupi travestiti da agnelli che, sentendosi onnipotenti, pretendono «pieni poteri». Per nostra fortuna esistono ancora baluardi democratici e organi costituzionali come la Consulta che ha bocciato la proposta di referendum Calderoli che avrebbe rischiato di portarci dritti a un maggioritario secco all’inglese.
Non è riuscita la spallata, il referendum è stato giudicato «manipolativo». Ora dopo che la Lega di Bossi è stata costretta a restituire 49 milioni (in comode rate), aspettiamo novità sul Russiagate che vede coinvolto – tra gli altri – l’ex portavoce di Salvini, Gianluca Savoini, quello che sulla sua scrivania in redazione alla Padania teneva foto di Hitler. C’è bisogno di dire altro su questi signori, muniti di rosari, che dicono di agire nel nome del popolo?

News - Italia

Galleria fotografica

Consigliati

Borderless

Borderless
di Veit Heinichen

La Malaluna di Maurizio Mattiuzza

La Malaluna di Maurizio Mattiuzza
di Maurizio Mattiuzza

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information