Apertamente

di Fabio Fiori da BalcaniCaucaso.org del 15/11/2019 - Trieste, il suo golfo, Miramare e sopratutto il suo vento: la Bora. Un vento a volte mite a volte impetuoso, del quale si possono sentire la voce e l'odore. Continua la nostra esplorazione dell'Adriatico, mare che accomuna. Quale è il regalo più bello che il Golfo di Trieste può offrire al viandante? sempre che appartenga alla genia degli anemofili, gli innamorati del vento. La Bora ovviamente, “Visitatore sgarbato e violento, per cui la città sta sempre sul chi vive”, avverte Giani Stuparich che negli anni Venti del Novecento gli ha dedicato pagine vibranti come la protagonista. La Bora è un mito adriatico, con un posto d'onore in tutti i portolani mediterranei e anche nella “Guide des vents marins”, una sorta di breviario eolico illustrato di Chasse-Marée, rivista culto della Francia marinara. La Bora, un mezzovento dicevano un tempo i marinai, perché sta esattamente al centro tra due venti principali, il Levante e il Grecale, spira cioè da est-nordest. Ma non è di mitologia, letteratura, meteorologia, cronaca, marineria che vogliamo parlare. Dalla Bora per una volta non ci siamo fatti riempire le vele, ma semplicemente gli occhi, il naso e le orecchie, andando a piedi dalla stazione di Miramare alla Lanterna di Trieste, in una lunga passeggiata, una flânerie della Bora, una ventina di chilometri di erte, scalinate, pastini, sentieri, strade e banchine, tutti abitati da questa demone eolica.
Oggi è una Bora mite, riprendendo sempre le parole di Stuparich, che soffia a venti, venticinque nodi, una Bora chiara che fa risplendere il primo sole d'autunno, dopo giorni d'ottobre vestiti d'estate. È un'aria fresca quella che mi dà il benvenuto appena sceso dal treno alla piccolissima fermata di Miramare, penultima stazione sulla gloriosa Ferrovia Meridionale, la Südbahn che collega Vienna a Trieste dal lontano 1857. Quello di Miramare è un originale “fabbricato viaggiatori” in legno, ottocentesco, elegante ma bisognoso di restauri, deserto questa mattina. Qui scendevano i reali per raggiungere il Castello omonimo, qui scende il flâneur alla ricerca di una relazione intima con la Bora. Prendo il sentiero che porta a Contovello, su suggerimento di Maila appassionata di legni, vele e venti. Sale ripido, stretto da un bosco nuovo, che ha invaso gli antichi terrazzamenti, i pastini, un tempo preziosi coltivi. Qualche piccola vigna, nei bellissimi ocra autunnali, testimonia ancora difficoltà e fertilità di un costone che scende ripido verso l'Adriatico. Ogni tanto si mostra in tutto il suo seducente fascino, impreziosito dai colori del fogliame di lecci, carpini, ornielli, aceri e terebinti. Nel controluce il mare è una lamina d'argento arabescata dalla Bora che sembra entusiasta di aver finalmente ritrovato la libertà. Raggiungo Prosecco, un borgo che ha dato il nome al ben più noto vino qui ormai quasi estinto, reinventato qualche decennio fa in Veneto, ed esportato in tutto il mondo. Un vino e una storia che è perfetta metafora dell'erranza mediterranea, di innesti felici di uomini, arti, culture e colture in terre diverse da quella d'origine. E a proposito di piante, molto meno nota, più umile, ma altrettanto esemplificativa è la storia del terebinto, lo spaccasasso. Originario dell'Isola di Chio, diffuso in tutto il Mediterraneo, oltre a tanti, dimenticati, utilizzi di legni, foglie, drupe e linfe, è anche il portainnesti del pistacchio, un archetipo alimentare mediterraneo, insieme a uva e oliva.
Il dossier

Sono trascorsi vent'anni da quando il geografo Eugenio Turri ha avviato la monumentale trilogia narrativa e fotografica intitolata “Adriatico Mare d'Europa”. Turri rinnovò una lunga tradizione veneta che ha in Vincenzo Maria Coronelli uno dei suoi figli più illustri. Il primo volume venne pubblicato nel novembre 1999. Venti di guerra spiravano violenti sulle acque adriatiche e sulle terre balcaniche; Google aveva solo due anni ed era semisconosciuto. Dell'Adriatico “così importante, in quanto costituisce uno degli spazi problematici dell'Europa” Turri e decine di intellettuali delle due sponde hanno descritto i tratti caratteristici, a partire proprio dall'idea di “paesaggio come teatro”, riprendendo il titolo di un altro suo libro fondamentale. Oggi, che le guerre sono terminate ma le riappacificazioni sono difficili e che l'Adriatico non è ancora un mare d'Europa ma è un bene comune europeo, riprendiamo e aggiorniamo - grazie alla collaborazione con Fabio Fiori - il racconto dei mille paesaggi che lo compongono, a partire da una banchina, una spiaggia o una falesia. Luoghi in cui ritrovare o rinsaldare la relazione con il nostro mare
Subito fuori l'abitato, in direzione del Santuario di Monte Grisa, la strada si biforca e da qui parte uno dei sentieri più spettacolari dell'Adriatico, la Strada Napoleonica o più propriamente Vicentina, dal nome del progettista Giacomo Vicentini. Una strada che di napoleonico ha solo la leggenda, di vicentino ha solo il progetto, perché non è mai stata completamente realizzata; oggi diciamo per fortuna, visto l'utilizzo pedonale, meditativo, conviviale. Una strada incompiuta che diventa sentiero delle meraviglie, per la pace rupestre, per la vista sul Golfo, per il clima mite anche nei giorni autunnali e invernali di Bora. La strada prima, il sentiero poi è tutto ridossato al ciglione e qui la Bora diventa innanzitutto un odore. Di pietre carsiche, di macchia mediterranea, di calciti e di resine. Lasciata la festosa convivialità degli scalatori che si allenano sulle spettacolari bianche pareti tagliate nell'Ottocento per far passare il primo tratto della strada, che diventa poi una più stretta carrareccia, cammino in compagnia di qualche refolo ribelle che si destreggia tra rami e speroni. Sono anemoi, demoni del vento, che qualche volta invitano ad accelerare il passo altre volte a fermarsi.
Mi siedo sul muretto al sole, sotto di me troneggia il Faro della Vittoria e più lontano si vedono i porti triestini, le navi alla fonda, i profili della costa istriana. Ma chiudo gli occhi e respiro profondamente, per concentrarmi sulla relazione olfattiva con la Bora, perché questi profumi pungenti si facciano ricordi duraturi. Riprendo il cammino e raggiungo l'Obelisco, simbolo dei fasti asburgici e del progresso, qui fattosi Strada Nuova nel 1830, da Trieste a Opicina. Se la strada asfaltata è molto trafficata in questo giorno di festa, chiusa e desolante è la situazione della strada ferrata che collega piazza Oberdan a Trieste con Opicina. “Il servizio della linea 2 (tram di Opicina) è temporaneamente sospeso”, si legge sul sito dell'azienda di trasporti triestina, un lungo temporaneamente che dura dall'agosto 2016. Scendo così a piedi per la Scala Santa, che non ha gradini! ma delle scale ha strettezze e ripidità. Un'erta di 2.050 metri di lunghezza, 16,5% di pendenza media, con picchi al 21%, fondo in pavè, raccontano con orgoglio pedalatorio gli organizzatori della “Rampigada Santa”, una cronoscalata che è anche una dichiarazione d'invito all'andare in bici. Io scendo, spinto dalla Bora e dalla voglia di ritornare a camminare sulle rive, attraversando il quartiere popolare di Roiano, dal passato industriale legato alle distillerie Stock, al presente incerto e malandato di tante periferie italiane. Passato Ponterosso si aprono le rive, rese oggi ancora più festose dal sole e dalla Bora. Il Molo Audace è la più conosciuta e frequentata negli itinerari della Bora. Anche io non mi sottraggo alla ritualità, che si compie su una panchina rileggendo a voce alta la travolgente poesia futurista “bora+polvere”:
ssssssSSSSSSSSSSSSSSSSSssssssssssSSSSSSSSSSSSsssssss
impetuose raffiche di bora ssssssssssssibilando sbattono usci e
finestre…
VELOCITA' 80 - 90 - 100 - 120 - 160 chilometri all'ora
(desiderio di usufruire de la sua potenza per essere trasportati oltre i / limiti d'ogni concepimento umano)
B spazzina insuperabile concorrente degli a la pubblica nettezza
O ladra di tegole e comignoli
R alimentatrice di incendi
A migliore disinfettante contro le malattie infettive.

Una lettura che suscita una certa, anche se discreta, curiosità in una coppia di ragazzi orientali impegnati a raccogliere fotografie per una loro “storia della Bora” che immagino soffi in diretta sui social. La sosta è breve perché della Bora voglio ascoltare la voce in un teatro d'eccezione: la vecchia Lanterna, inaugurata nel 1833 che proprio tra pochi giorni celebra i 50 anni dalla dismissione. Arrivo nel tardo pomeriggio e ad attendermi c'è Pierpaolo, presidente della Lega Navale Italiana di Trieste, orgoglioso custode di questa monumentale icona, un farista dell'anima, quello che conserva la memoria di una lampada spenta tanti anni fa. Con un sorriso complice mi lascia salire da solo i 145 gradini in pietra che portano al penultimo piano, dove s'apre il ballatoio che corre tutt'intorno alla sommità della torre. Ma non apro la porta, non esco subito, non mi getto tra le mani della Bora. Salgo invece ancora; dieci gradini in ferro che portano alla lanterna, vuota senza il fanale ma per paradosso forse ancora più perfettamente acustica. O almeno la mia attenzione è rapita dalla voce della Bora, che quassù regala un concerto indimenticabile, sonorizzando in maniera perfetta il film sulla città, sempre differente per colori del cielo e del mare, per situazioni portuali e urbane. La sala è un ottagono che ha struttura in ferro verniciata di bianco, con tre finestre lunghe e strette per ogni lato. Lassù si sente ancora il rumore delle gesta epiche dei faristi adriatici, evocate nel racconto di Paolo Rumiz. Protagonista è nonna “Onca”, la moglie dell'ultimo fanalista, morto proprio nel faro negli anni Sessanta. Storia di solitudini e tempeste in isole istriane e dalmate, di una vita che brulicava sulle rive triestine. Alzo gli occhi dalla pagina e il fiammeggiare del crepuscolo m'inebria.
La Lanterna è ancora un caleidoscopio su Trieste, sul Golfo, sull'Adriatico che navighiamo tutto fino a un altro faro, quello della Palascia che segna il confine con lo Ionio. È un viaggio felice, con la Bora che riempie le vele di fantasie selvatiche e fanciullesche.

PS
Non di sola geografia, storia e cultura sono fatte le città, ma anche di meteorologia. Quindi prestate particolare attenzione alle previsioni del tempo prima di andare a Trieste. E se comunque vi capiterà di visitarla in una maledetta giornata di bonaza, andate almeno a vedere, sentire, annusare la Bora nel Magazzino dei Venti “lo spazio del vento e della fantasia”, in via Belpoggio 9.

News - Italia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information