Apertamente

di Riccardo Paradisi da Linkiesta del 7/9/2019 - Sì certo, l’opposizione in piazza – “che è quello che sappiamo fare meglio” (Giorgetti dixit) – darà alla Lega e al suo capitano un lampo di visibilità dopo giorni di meste e modeste dirette Facebook contro ribaltonisti e traditori. Ma non sarà il flash-mob di lunedì prossimo contro il governo davanti a Montecitorio a risolvere il grosso guaio in cui s’è cacciato Salvini con la crisi da lui innescata in mezzo ad agosto. Le mancate elezioni e il Conte-bis, esito non voluto della crisi, costituiscono per la leadership della Lega un colpo durissimo. Non c’è nessuna messa in stato d’accusa del leader, finora – anche perché Salvini è pur sempre quello che ha portato la Lega dal 4 al 34% e il partito è blindato - ma l’attività di fronda interna, seppur discreta, ha ripreso a muoversi e a farlo su un tema strategico per il Carroccio: la questione settentrionale, il nord. Il nord tradito da Salvini per inseguire il lepenismo all’italiana e un’idea di Lega nazionale e nazionalista. A vario titolo l’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, l’ex ministro Roberto Maroni, i governatori di Veneto e Lombardia Luca Zaia e Fontana pensano senza dirlo quello che invece dice Gianni Fava, unico dissidente allo scoperto nella Lega, che al congresso del 2013 raccolse un modesto 13% ma che adesso rialza la testa e rivendica d’aver capito in anticipo dove avrebbe portato l’avventura del Capitano. “Il tempo passa e tutte le parabole prima o poi iniziano ad invertire la tendenza. Gli errori politici madornali di questi giorni hanno solo accelerato un processo che cominciava a maturare da tempo”.

Fava garantisce che “Il dissenso, seppur tacitato, rispetto alla linea politica aumenta a dismisura e a velocità impensabile fino a poche settimane fa”. Dissenso che si starebbe riorganizzando proprio sui temi dell’autonomia, del nord, della pressione fiscale, dell’impresa. Un patrimonio programmatico che Salvini – questa è l’accusa dei frondisti - si è giocato e ha perso alla roulette di Roma prima con l’alleanza con Di Maio e poi aprendo una crisi al buio, di nuovo scommettendo e perdendo sul voto anticipato. Resta indeterminato se, quando e come il dissenso interno alla Lega si organizzerà ma tra i leghisti in Parlamento cominciano a serpeggiare con più insistenza malumori e critiche a una leadership verticistica che ha imposto ai quadri del partito di seguire i diktat senza discutere senza mai convocare i centri decisionali del partito come il consiglio federale.

L’intendenza leghista ha seguito il capo senza fiatare fino a che l’onda del consenso è cresciuta e Salvini era alla guida del Viminale, premier in pectore nel governo gialloverde. Ma ora che la Lega è all’opposizione e che il leader del Carroccio è lontano dalle leve del potere comincia a circolare il timore – anche con un occhio ai sondaggi in calo – che possa cominciare un veloce riflusso. Sono molti, per dire, i deputati che hanno al bavero della giacca Alberto da Giussano, a non essere più così sicuri della vittoria alle regionali in Emilia Romagna e in Umbria e più avanti nelle Marche. Regioni del centro nord su cui la Lega era certa di calare vittoriosa per estendere il dominio verde sullo stivale.

L’alleanza di governo giallorossa infatti potrebbe essere la strada su cui anche a livello locale sinistra e Cinquestelle possano siglare intese di centrosinistra magari saldate con esperienze civiche in grado di esprimere candidature credibili e competitive. E considerando che l’elettorato moderato che si aspettava flat tax, minore pressione fiscale sulle imprese e più liberalizzazioni è rimasto a bocca asciutta il timore è giustificato. Nella paura di perdere quota e di regredire la tentazione è quella di tornare sul terreno sicuro del nord, il bene rifugio della Lega. Che a ben guardare è quello che hanno fatto i governatori di Veneto e Lombardia e lo stesso Giorgetti, che non solo ha ammesso che nella Lega non c’è democrazia interna – mascherando l’appunto come apprezzamento d’una leadership forte – ma che l’autonomia dopo tutto quanto è accaduto il nord la vede ormai lontana come in un cannocchiale rovesciato. Un punto su cui ieri Zaia ha rincarato la dose dicendo che “Sulle autonomie i governi non hanno scritto una riga”. Tutti i governi, compreso quello Conte-Salvini-Di Maio: “Mi riferisco anche ai 14 mesi del governo che è appena uscito di scena”.

Per questo con frasi ellittiche, con prudenze orientali – la paura dell’accusa di frazionismo è sempre molto alta - il cosiddetto cerchio magico tenta di suggerire a Salvini il ritorno alla questione settentrionale, peraltro largamente ignorata dal neogoverno giallorosso. Mentre in ambienti vicini al governatore veneto Luca Zaia sta montando addirittura l’idea che Salvini, in un’ottica di ricomposizione del centrodestra e di Lega di nuovo nordista, non dovrebbe essere il futuro candidato premier per la Lega.

Ma i problemi di Salvini sono anche al sud: secondo un sondaggio Swg durante la crisi di governo avrebbe bruciato dagli 8 ai 10 punti percentuali nelle regioni meridionali alienandosi un pezzo di elettorato che aveva votato il leader e non evidentemente un movimento ancora non radicato nelle regioni meridionali. E così al sud la Lega scende al 17% il doppio di quello che il Carroccio ha perso a livello nazionale.

Tutto dipenderà naturalmente dalla durata e dalla tenuta del nuovo governo, da quanto Salvini sarà costretto all’opposizione e da quali possibilità gli si daranno di uscire dall’angolo. Ma se la legislatura dura il rischio concreto di Salvini è logorarsi all’opposizione e sarà fatale l’emergere delle linee di faglia che già percorrono la Lega. I primi fuochi di rivolta sono già accesi.

News - Italia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information