Apertamente

di Giampaolo Pietra da ArticoloUno MDP del 19/8/2019 - Un Paese nel quale l’immaginazione supera la realtà, specie nella vicenda politica, non da oggi. Ma ora con alcune accentuazioni ulteriori. In un rovesciamento dal piano del reale in quello del reality. Nel 1996 uscì un’antologia dal titolo Gioventù cannibale con l’emergere della scrittura splatter. Negli stessi anni Quentin Tarantino s’incamminava verso la Pulp Fiction, dove poi si è saldamente insediato. Lo stesso Tarantino non ha mai fatto mistero del suo debito nei confronti degli spaghetti western del cinema italiano. Da Sergio Leone a Enzo Castellari a Sergio Corbucci. Scazzottate, sparatorie, ammazzamenti, in salsa di pomodoro. Talmente surreali da indurre più al grottesco che al tragico. Cannibalismo e pulp, fenomeni che hanno caratterizzato la penultima stagione culturale, ora dominano, tardivamente, la scena politica, non solo italiana, dagli Usa al Regno Unito, ma soprattutto italiana. La “pancia” di cui da tempo si narra, in fondo, è questa. Si sono allentati i freni inibitori, prevale il realitysmo come malattia infantile del qualunquismo. Casting e marketing elettorale. Con dosi sempre maggiori di aggressività. Un sovranismo, in primo luogo, linguistico: il terribilismo verbale, in questo caso, tipicamente italiano. Cioè: parole in libertà. Trash esibito nella relazione, disintermediata, tra politica e popolo. Un polemos brandito senza alcun rispetto per la polis. Dalla demonizzazione dell’avversario al massacro verbale dell’“altro”. Un passato che non passa, quello dello schiaffo e del pugno, sino alle analogie, sottolineate da Enrico Letta, tra il “vaffa”, la “rottamazione” e la “ruspa”. La vita civile esibita nei suoi accenti più beceri. Decibel, come al Papeete.

E’ da questo blob, di fiction e social, che bisogna allontanarsi, velocemente. Da questo vertiginoso salire sulle montagne russe, sorvolando gli abissi di un Paese che, invece, avrebbe uno straordinario bisogno di tenere i piedi per terra. La gran parte del ceto politico attuale, la nuova casta, è frutto di questo. Con provvista di urti e contrasti, insulti e sparate. Gran blaterare di niente. Poi, come ti giri, non vedi altro che oligarchie, consorterie, combriccole, conventicole, camarille, cricche, congreghe, combutte. O correnti. Contro il politichese tanto populistichese. E particolarismo, perenne, eterno. Al primo posto, l’interesse personale. Lo spazio pubblico, un optional, in genere mal sopportato. Il familismo (non solo amorale). Il nepotismo. L’amico dell’amico. La fedeltà dei mediocri. Un’idea iperflessibile di etica pubblica. Per questo la “questione morale” non è un vezzo moralistico: ma una questione altamente politica. Non occorre essere fuori dalla politica per capirlo.

Nell’archeologia del sapere di un campo in sorprendente sviluppo, meritano una menzione certe pagine del compianto Edmondo Berselli, il quale aveva intrapreso un’esplorazione, purtroppo rimasta incompiuta, di ciò che il Paese – negli anni in cui egli, con tanto disincanto, lo osservava – stava incubando e che poi si è dispiegato davanti ai nostri occhi, negli anni più recenti, non solo l’ultimo. Non occorre scomodare i classici per sapere che oltre la folla, la moltitudine, la plebe, dovrebbe esserci una coscienza, che la modernità si dà nel confronto tra coscienze diverse, contrapposte nel conflitto sociale, in modo pluralistico, sull’asse destra-sinistra, dotate di visioni alternative del mondo, o, più semplicemente, del Paese.

E’ su questo che bisogna fissare un discrimine. Netto. Certo: i valori, i progetti, le proposte. Non c’è bisogno di ripeterlo. Ma è indispensabile anche un cambio di paradigma. In questione non c’è un altro governo, ma un governo altro. Non solo l’esigenza di un’alternativa. Ma anche di una radicale discontinuità. Nessun ritorno al passato. Nessuna operazione nostalgia. Ma un po’ di serietà è indispensabile. La serietà non è qualcosa di pesante e noioso. La competenza non è senso di superiorità. La politica non è solo liturgia, disputa amico-nemico, sgambetti e pugnalate alla schiena.

Bisogna che questo nostro Paese lo veda, lo senta. Certo, gli obiettivi programmatici e politici e gli approfondimenti e gli impegni concreti; ma soprattutto un bagno di umiltà e un chiaro spirito di servizio nei confronti del Paese. Meno di questo e siamo, senza rendercene conto, al poltronificio. Quindi è per questo che dobbiamo batterci, con la forza delle buone ragioni, con le ragioni della forza di cui disponiamo, per quanto piccola.

Per esempio, qualcuno spieghi a Graziano Delrio che l’accordo “alla tedesca” è esattamente il contratto di governo tra Lega e M5s, siglato inopinatamente al Pirellone; c’è già e se ne sono visti i risultati. Quello tedesco è un Vertrag. Qui occorre la politica. Un atto pubblicistico, non privatistico. Per rimanere nell’ambito della cultura tedesca: Politik als Beruf, esattamente come spiegava Max Weber. Cioè la politica come vocazione oltre che come professione.

E’ evidente che sarebbe auspicabile un lavoro scrupoloso di giorni tenacemente spesi a scrivere un programma. Ma probabilmente il numero dei giorni o delle pagine, per quanto fondamentali, non basterà a restituirci il carattere cruciale di questo passaggio. Un eventuale patto di legislatura tra M5s e centrosinistra o esprime uno spirito nuovo o è destinato a gonfiare le vele della cattiva politica che abbiamo visto all’opera negli ultimi anni, non solo nell’ultimo. Il problema non è aver fatto degli errori, ma la capacità di correggerli.

Chiudo con la lettera di Pier Luigi Bersani a “la Repubblica” di sabato contro l’illusione di un’“alternativa generica e fallace fra responsabili e populisti”, lasciando “largamente incustodita la nuova questione sociale” per una “piattaforma di svolta”. Diversamente “qualsiasi soluzione apparirà un arrocco difensivo, e la destra potrà rimanere protagonista nel paese”. Non so se la sinistra, in uno scenario che sino all’altro giorno abbiamo paragonato più ad un cumulo di rovine che ad una prospettiva orientata verso magnifiche sorti e progressive, abbia oggi la volontà, il nerbo, per pretendere da se stessa questa missione: ma questa è la missione della sinistra. Non solo un cambio di governo; non solo un’alternativa, realistica, possibile, al luna-park dell’ultimo anno; ma un mutamento radicale di paradigma sulla questione sociale, sulla forbice delle diseguaglianze, sui giovani non solo senza lavoro, anche senza speranze, sul carattere trasversale della questione ambientale, sulla filiera di una conoscenza da rilanciare, a partire dalla scuola, perché senza idee non si produrranno mai fatti nuovi, sì, per cambiare l’Europa, la comunità di destino, in un rapporto dinamico in cui è anche l’Europa ad attendere di sentir la voce di un’altra Italia.

L’attuale centrosinistra sarà all’altezza? Saggio dubitarne. Giusto provarci.

News - Italia

Galleria fotografica

Consigliati

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino

Appuntamento a Chinguetti. Le vie del destino
di Cristina Cristofoli La Caravella Editrice Caprarola, 2019; br., pp. 184

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager

Le 10 imprevedibili qualità di un bravo manager
di Michele Degrassi - Breve vademecum su come affrontare le nuove sfide della gestione manageriale

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information