Apertamente

di Giampiero Cazzato da Patria Indipendente del 7/3/2019 - Giovanni De Luna, professore di Storia contemporanea all’Università di Torino, interpellato da Patria Indipendente sulla polemica tra la senatrice Liliana Segre e il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti in merito all’abolizione del tema di storia all’esame di maturità, mette subito i piedi nel piatto. Ma va oltre la polemica contingente: «La cancellazione della traccia di storia certifica l’incapacità della classe politica di avere dei valori da trasmettere sul piano del nostro rapporto con la storia. La mia impressione è che questo progetto è il punto di arrivo di un percorso che adesso il ministero sta certificando, ed è il fatto cioè che l’attuale classe politica ha un rapporto di estraneità se non di inimicizia profonda con la storia. Insomma, l’abolizione della traccia di storia non fa che sanzionare il tipo di clima culturale che si vive nel Paese. Ma attenzione, non è una vicenda solo dell’oggi, questo clima viene da lontano. Pensiamo alle primarie che incoronarono Renzi alla guida del Pd: ebbene, chiamati a decidere quale fosse il loro albero genealogico, i dirigenti del Pd hanno squadernato sotto i nostri occhi una sorta di album Panini: chi aveva scelto Papa Giovanni, chi Nelson Mandela, chi madre Teresa di Calcutta… Insomma non sapevano da dove venivano, non avevano più una storia».


Sta dunque dicendo che l’inimicizia nei confronti della storia arriva già con la cosiddetta seconda repubblica?

Per la classe politica della prima repubblica la storia era fondamentale, il continuum in cui ci si trovava era: “riflettere sul passato per capire il presente e progettare il futuro”. Tutto è cambiato con l’arrivo della seconda repubblica e del berlusconismo: sostanzialmente i governi, sia di centrodestra sia di centrosinistra, hanno lavorato a demolire la nostra religione civile di riferimento. Una religione civile fondata sulla Costituzione e sull’antifascismo, che era in qualche modo di ispirazione, che serviva allo Stato per recintare uno spazio pubblico di memorie condivise. La scuola pubblica aveva questa funzione: era chiamata a presidiare la trasmissione del sapere storico. La scuola è nata su una delega statale molto forte. Più forte era il ruolo dello Stato, più forte era la capacità della politica di incidere sui comportamenti collettivi, sulle scelte, sulla dimensione culturale di un Paese, più forte era il ruolo della scuola. Man mano che si è indebolita la statualità, si è logorata la capacità della politica di incidere sui percorsi della storia e della memoria, la scuola ha perso appeal ed è stata scavalcata da altri canali di trasmissione del sapere storico molto più seduttivi, come i mezzi di comunicazione di massa, la televisione prima e adesso il rete web.
Seconda repubblica

Professore, se la religione civile è quello spazio pubblico condiviso di appartenenza e di cittadinanza nel quale ritrovare i valori che legittimano le istituzioni, bisogna dire che il processo di “riconciliazione” iniziato nella seconda repubblica – Violante e i ragazzi di Salò, per intenderci – ha solo prodotto come risultato – avvelenato – la messa in discussione dell’antifascismo e della Costituzione repubblicana, finendo per legittimare gli sconfitti dalla storia.

La religione civile si contrassegna e si definisce nel rapporto con il passato. È un patto di memoria al quale lo Stato laico attinge per legittimare i propri valori e per proporre i simboli grazie ai quali radicarli nelle coscienze. Ebbene, la religione civile è stata distrutta nella stagione politica del centrodestra. L’unica istituzione che ha provato e prova ancora a tenere in vita quei valori è la presidenza della Repubblica. Da Pertini in poi i presidenti sono stati gli unici a recintare quello spazio. Per il resto ciò che ha fatto la classe politica è stato devastare e sostituire al paradigma dell’antifascismo e della Costituzione la dimensione vittimaria: vittime delle foibe, vittime del terrorismo, della mafia, delle catastrofi naturali…, vittime e ancora vittime. Ma le vittime non costruiscono. Le vittime sono da rispettare, chiamano in campo una dimensione totalmente privatistica del dolore, del perdono, della recriminazione. Tutti sentimenti nobilissimi ma che non appartengono ad un spazio pubblico. Mi è difficile pensare che Falcone e Borsellino siano delle vittime. Le vittime hanno una presunzione di innocenza. Falcone e Borsellino erano più che colpevoli, hanno fatto il loro dovere e la mafia li ha eliminati proprio perché erano pericolosi ai suoi interessi, altro che vittime!
Terza repubblica? (da https://blog.eset.it/2017/04/sicurezza-e-social-network-consigli-per-luso/)

Lega e Cinque stelle, i secondi ancor più dei primi, appaiono senza storia. Se qualcosa e qualcuno richiamano dal passato è l’egoismo spicciolo dell’Uomo qualunque, l’antipolitica, il particulare. Che sia questa la nuova “religione civile” dei sovranisti?

La Lega ha rinunciato ad ogni ancoraggio al passato dopo avere provato con Bossi a inventare una tradizione celtica. I 5stelle dal canto loro non hanno mai nemmeno provato a dire qual è il loro rapporto con il passato. Quindi siamo governati da una classe politica estranea e nemica della storia, che usa la storia soltanto come corpo contundente nelle risse politiche. Pensiamo alle giornate delle memoria sulle foibe e sulla Shoah, piegate a espedienti propagandistici da campagna elettorale. Non c’è alcuna consapevolezza dello spessore storico del passato. Tutto precipita in un immenso presente in cui gli argomenti riferiti al passato vengono usati strumentalmente come bastoni da dare addosso all’avversario. Tornando all’abolizione della traccia di storia, questa è la congiuntura politico-culturale in cui il provvedimento del governo si inserisce. Parliamo, lo ripeto, della rinuncia di fatto della scuola pubblica a incidere sulla trasmissione del sapere storico. Quella misura quindi ha una portata molto più ampia di quel che il ministro Bussetti sembra percepire.

Il governo ha motivato il provvedimento con il fatto che soltanto il 3 per cento degli studenti negli ultimi 10 anni ha scelto la traccia di storia. Come dire, prendono atto di una disaffezione degli studenti nei confronti della storia e si limitano a registrarla.

Il 3 per cento a cui fanno riferimento è lo specchio di una realtà all’interno della quale la scuola sempre meno riesce a veicolare un rapporto con il passato che sia in qualche modo costruttivo e sia capace di suscitare interesse. Però non è vero che la storia non sia più un bisogno sociale, perché fuori dalla scuola pubblica, così avvelenata dal rapporto con la classe politica, la storia la si vede eccome: i canali di Rai Storia sono tra i più seguiti, le lezioni di storia di Laterza vedono una presenza significativa di pubblico, quando si parla di storia si riempiono i teatri. La storia come bisogno culturale è tutt’altro che finita, solo che quando precipita nella scuola sconta l’appannarsi della capacità della politica di determinare degli indirizzi.
L’italiano Matteo Salvini, l’olandese Geert Wilders e la francese Marine Le Pen, tre fra i principali esponenti dell’estrema destra europea. Credit: Getty Images (da https://www.tpi.it/2018/05/30/ue-spese-gruppo-enl-salvini-le-pen/)

Non proporre la storia ai giovani, tagliare le ore di lezione nelle scuole, li rende orfani del passato?

Peggio. Non proporre la storia ai giovani nella scuola vuol dire affidarla ad altri. I giovani comunque guarderanno alla storia, il problema è dove la impareranno. Non diventano orfani del passato, ma si affidano ad un passato fatto di stereotipi e semplificazioni. “Le Br sono come i partigiani”: tutte balle, però è questo il senso comune che circola sulla Rete.

Dove si trovano fake news e paccottiglia negazionista.

È vero. Nella Rete quello che va per la maggiore sono i siti negazionisti. Il fatto è che la Rete non ha bisogno di certificazioni e prove. Che è esattamente il contrario della ricerca storica. Perciò la scuola viene chiamata oggi a reggere la sfida con il linguaggio della Rete, di essere un timone per navigare in internet. Allora sì che gli studenti capirebbero che la scuola è qualcosa di vivo, che è uno strumento utile e fondamentale per riacquistare quella consapevolezza critica che è andata persa completamente. Ma per fare questo occorre tornare a investire sulla scuola pubblica, una istituzione che – anche per responsabilità del passato governo Renzi e della cosiddetta “buona scuola” – è stata svuotata di contenuti.

In commissione Cultura della Camera è in discussione una proposta di legge sull’educazione civica: una proposta dove si trova di tutto, dalla lotta alle droghe all’educazione stradale. L’editore Giuseppe Laterza l’ha definita un «fritto misto, un supermarket delle emergenze civili contemporanee privo di un solido impianto culturale». Lei che ne pensa?

Ho sempre pensato che l’insegnamento dell’educazione civica sia una bufala tremenda, anche quando è stata fatta dalla sinistra. L’educazione civica non è una materia specifica da insegnare, l’educazione civica è il risultato dell’istruzione scolastica. Più è efficace l’istruzione scolastica, più è efficace l’insegnamento delle materie, più diventi un cittadino inserito in una patto di cittadinanza e ti riconosci in alcun valori comuni. L’educazione civica è un ossimoro. Io sono per rafforzare l’insegnamento delle discipline tradizionali e consolidare il ruolo educativo della scuola che, invece, è allo sbando non solo dal punto di vista delle ore che diminuiscono, ma anche a causa del fatto che negli ultimi anni nelle nostre scuole si sono volute introdurre logiche aziendali e valori consumistici di mercato.

News - Italia

Galleria fotografica

Consigliati

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information