Apertamente

di Oreste Pivetta da Striscia Rossa del 16/11/2018 - Stiamo a quel che dice lei. Ha messo un like al post di un amico. Sì, un amico con il quale aveva condiviso nella Croce Rossa tanta fatica a distribuire pacchi ai poveri, anche ai poveri negri. Un like innocente. Non s’era accorta, per amicizia, che il post recitava: chiedono le case popolari, gli darei i forni. Il soggetto sono migranti, rom, poveracci d’ogni genere: i forni sono per loro. Non smentisce la signora. Semplicemente non aveva letto, dal verbo leggere. “Non avevo letto in modo approfondito”, precisa. Certo per capire tanto alto concetto si doveva leggere “in modo approfondito” e lei, la senatrice, aveva da pensare a ben altro. D’altra parte vuoi negare un like a un amico? Comunque “quando è venuto fuori il contenuto, ho chiesto scusa”. La bionda senatrice leghista di Sarzana, Stefania Pucciarelli, ha, dunque, chiesto scusa, evidentemente pentita. Tanto pentita che il suo partito e gli alleati penta stellati, quelli del cambiamento universale, non le hanno potuto negare la presidenza della Commissione diritti umani del Senato, presidenza che era stata nella precedente legislatura di Luigi Manconi, professore universitario, sociologo, parlamentare del Pd, sostenitore di numerose battaglie sui diritti civili, da quelle perché si facesse e si faccia verità sulla morte di Stefano Cucchi, di Federico Aldrovandi, di Giulio Regeni, allo ius soli, all’introduzione di una legge sulla tortura.
Solo cinque giorni fa, in linea con il suo partito e con la dottrina Salvini, lo spazzino (secondo il titolo di Libero: “Salvini si offre spazzino a Roma”, essendo come è noto i migranti del Baobab “spazzatura”), aveva scritto di suo pugno: “Ruspe nel campo nomadi di via Gragnola a Castelnuovo Magra. Un altro passo avanti per ristabilire la legalità”. Non ha risposto ad una sua “lettrice” che le chiedeva di spiegare “in un prossimo post come intende gestire queste persone nel rispetto dei loro diritti umani”. Stavolta non ha neppure chiesto scusa.
Ha illustrato però una nuova stimolante teoria: “Le ruspe servono a proteggere i bambini”. Riecheggia la dottrina Trump: i bambini separati dai genitori. Ma è una interpretazione malevola la mia. Stiamo alla protezione dei bambini, evidentemente risparmiati dalle ruspe: dove e quando ritroveranno le loro famiglie, dove dormiranno, quando mangeranno, dove giocheranno, dove studieranno… Anche noi attendiamo un post.
Non mancherà la spiegazione della senatrice, che nel frattempo, tra una ruspa e l’altra, s’è aggirata nelle zone della Liguria tormentata dal maltempo, senza privarsi di un viaggio a Milano per la Fiera del ciclo e del motociclo, saltando in sella ad un bolide potentissimo in divisa tricolore (sosteniamo il prodotto italiano, ha annunciato la senatrice), chioma bionda fluente come la maggior parte delle ragazze espositrici in fiera. Del resto risulta che la senatrice possegga una di quelle moto (una Ducati, come nella dichiarazione presentata al Senato).
Nata a Sarzana nel 1967, Stefania Pucciarelli, leghista della prima ora, da consigliere comunale a Santo Stefano Magra s’è involata prima tra i banchi del consiglio regionale della Liguria, poi con le ultime elezioni in quelli del Senato. Carriera fulminea. Non le si attribuiscono titoli di studio (risulta solo un diploma di terza media inferiore). Unico lavoro riconosciuto, secondo la scheda biografica del Senato, quello di consigliere comunale. A proposito di politici di professione. Salvini insegna.
Nella sua pagina facebook trionfano le istantanee di lei ai piedi di Salvini in carne e ossa o di un manifesto recante il faccione ciccioso del leader. Un autentico amore. Come neppure la signora Magda Goebbels nei confronti di Hitler (per informazione si veda il film “La caduta”, a conferma di quest’altra ben più storicamente rilevante forma di adorazione cieca per il “capo”). Tanto per tornare ai “forni”.
Per restare in tema, mi verrebbe voglia di ricordare “la banalità del male” (la definizione, come è noto, è Hannah Arendt dopo il processo al criminale nazista Adolf Eichmann a Gerusalemme). Però mi pento anch’io. Perché scomodare una grande filosofa tedesca e quella straordinaria immagine? Qui si tratta solo di banalità, di rudimentale semplificazione del presente, semplificazione di cui la ruspa è un simbolo (la senatrice le ha usate anche per firmare il suo post come fossero un simpatico emoticon). Offende l’incapacità di questi personaggi di vedere il mondo, il rifiuto della complessità e della diversità, la loro esclusiva scelta delle risposte più facili e brutali alle domande dei loro presunti elettori…
Non ci azzardiamo neppure a tirare in ballo i valori, che furono un tempo patrimonio della sinistra e forse lo sono ancora: solidarietà, uguaglianza, giustizia, libertà. Valori che stanno a fondamento della Dichiarazione universale dei diritti umani e della nostra Costituzione, che la senatrice non mancherà di studiare. Le consiglieremmo anche la lettura di qualche riassunto di Bentham e di una definizione da wikipedia di utilitarismo per capire che la strada di Salvini è un vicolo cieco e che le ruspe scavano solo baratri per tutti.
A consolarci dopo tanta pena, si sono fatti vivi però i colleghi leghisti (silenzio da parte cinque stelle) della senatrice Pucciarelli, che hanno scritto (riferiamo integralmente): “Siamo certi che grazie al suo spiccato senso di responsabilità e alla sua comprovata esperienza politica saprà attendere ai compiti cui è chiamata dedicandosi con imparzialità, rispetto istituzionale e grande attenzione verso una tematica trasversale e di fondamentale importanza per la convivenza civile delle moderne democrazie”. Neppure Crozza avrebbe potuto dire meglio.

News - Italia

Galleria fotografica

Consigliati

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information