Apertamente

di Federico Fornaro da ArticoloUno MDP del 28/6/2018 - “Per vincere serve un’alternativa. Radicale. Quando tutto cambia devi cambiare tu. Serve studiare ancora, muovere dal pensiero, mescolare appartenenze e culture. Serve una forza, non la somma di pezzi sparsi, e quella sarà anche la via d’accesso per formare altre classi dirigenti. Ma infine serviranno umiltà e voglia di spendersi. Non è facile perché alle spalle abbiamo anni dominati dal culto opposto, meno vincoli e la subalternità a un capo. Però non è bastato e il racconto di questo tempo hanno finito per dettarlo gli altri. Adesso, alzando la testa, il prossimo viaggio dovremmo compierlo noi. E questo lo fai scegliendo i bagagli adatti. Magari non quelli di sempre, ma adatti. Solo così ci si alza e si va”. Con queste parole Gianni Cuperlo propone nel suo ultimo libro ai lettori di mettersi In viaggio. La sinistra verso nuove terre (Donzelli, pp.182, euro 13,00).
Il suo contributo ha il tratto dell’instant book, anche se di racconto della cronaca minuta di questi ultimi drammatici mesi non c’è quasi nulla; un saggio scritto con passione e con la sua consueta voglia di scoprire, scavare, capire le ragioni di una sconfitta epocale per la sinistra italiana per provare a ripartire, a rimettersi, appunto, in viaggio.
Per poter riprendere il cammino dopo la batosta del 4 marzo, Cuperlo ritiene indispensabile che nella disponibilità del viaggiatore vi siano otto fondamentali e insostituibili bagagli, nell’ordine: Speranza, Identità, Libertà, Conoscenza, Partito, Politica, Europa e buon ultimo la Sinistra.
Nella sua ricerca, Cuperlo non si attarda nella facile tentazione reducistica del bel tempo andato, dei grandi partiti di massa provvisti di ideologie totalizzanti con risposte pronte a ogni interrogativo sulla contemporaneità e nel tempi che viviamo: e questo è un grande merito, perché di fronte alla macerie dei bacini di consenso tradizionali della sinistra è prevalente tra i gruppi dirigenti come tra i militanti la malinconia per un’epoca e per una società che non tornerà più.
Ed è quindi legittimo interrogarsi se si può tornare in viaggio, con l’idea che “a volte dalla disperazione rinasce la speranza”, ovvero vi possa essere, in un futuro non troppo lontano, una sinistra nuovamente vincente ed egemone nella società prima ancora che nelle urne.
Per comprendere le ragioni della vittoria dei Cinque Stelle e della Lega il 4 marzo, secondo Cuperlo, è necessario in primo luogo smettere di usare il termine “populismi come passepartout per omettere i nostri ritardi” e prendere atto di una diaspora che ha lasciato a sinistra – come mai nella sua storia recente – milioni di orfani.
Elaborare una nuova identità, scrivere un nuovo programma fondamentale, è un dunque un passaggio obbligato per recuperare fiducia e consensi perduti e soprattutto superare la frattura prodotta dal renzismo perché, ad esempio, “se sei la sinistra non riformi la scuola o il lavoro contro la Cgil. Lo devi incalzare il sindacato. Chiamarlo alle sue responsabilità. Ma non togliendogli ruolo. Non sminuendone la radice”.
Un programma fondamentale, che in estrema sintesi, rielabori gli obiettivi identitari della sinistra della giustizia e della libertà, senza cadere, però, nella trappola di contrapporre i diritti civili a quelli sociali e avendo il coraggio di riproporre con forza un ruolo da protagonista per lo stato regolatore e per un nuovo welfare.
E alle fondamenta di una moderna sinistra, per Cuperlo, deve esserci in primo luogo il diritto al lavoro e quindi a un reddito, avendo però tra le priorità di governo uno straordinario investimento in cultura e formazione al fine di contrastare la diffusione endemica di un clima di paura del futuro, perché in questo brodo di coltura di insicurezza la destra con i suoi messaggi tradizionali sarà sempre vincente.
La riflessione sul partito, strumento irrinunciabile per la sinistra, è autocriticamente severa pensando ai limiti e agli errori del Partito democratico, fondato nel 2007 con l’ambizione di dare risposta a una domanda di rappresentanza di un “popolo” largo e divenuto, invece, progressivamente una forza post-ideologica e infine “senza identità”.
Un Pd che dunque andrebbe ripensato radicalmente perché “senza questo la convivenza può divenire inutile, persino insopportabile” e al tempo stesso un partito che sappia fare i conti con la sconfitta, con la bocciatura dell’esperienza di governo e affronti a viso aperto una maggioranza degli italiani animata da “un rancore esteso, frutto della mancata distribuzione del dividendo sociale della ripresa con l’immobilismo ormai permanente del vecchio ascensore sociale, per troppi inchiodato al pianterreno. Casomai con la sola probabilità di scendere più in basso, giù in cantina”.
Ma se è vero, come sostiene giustamente Cuperlo, che la “sconfitta riguarda ciascuno di noi, chi è uscito e chi è rimasto”, non sarebbe più utile interrogarsi sulla necessità del superamento delle ragioni fondative dello stesso Pd e chiedersi quindi se non si debba progettare e costruire una nuova casa della sinistra italiana, per una nuova comunità politica? Il coraggio che viene invocato per un ripensamento del bagaglio delle idee dovrebbe, infatti, valere anche pensando allo strumento per dare gambe a una nuova stagione della sinistra, dimostrando, così, di aver fatto tesoro degli errori compiuti e non continuando a riproporre un simbolo divenuto logoro e troppo identificato con il renzismo, una stagione che deve essere archiviata per una nuova ripartenza.
Sulla nuova frattura che si è andata espandendo negli ultimi anni, quella del nostro rapporto con l’Europa, la ricetta proposta da Cuperlo è, per sua stessa ammissione e non senza una critica severa agli attuali limiti dell’Unione Europea, “visionaria” nel senso migliore del termine perché come lui scrive “solo in una visione la politica ritrova l’anima: il nazionalismo porta a destra. La sinistra viaggia solo nello spazio incerto dell’Europa”.
Con un’efficace sintesi, infine, per l’autore non bisogna mai dimenticare che la sinistra non può limitarsi a essere “il volto umano della destra” e, anzi, si deve sempre trovare il coraggio di accettare le sfide proposte dai cambiamenti sempre più repentini della società e dell’economia. L’obiettivo finale è quello di “ricostruire passione per una sinistra da vivere come la più formidabile delle speranze collettive”.

News - Italia

Galleria fotografica

Consigliati

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information