Apertamente

di Luca Landò da Striscia Rossa del 28/6/2018 - Un gattopardo s’aggira per l’Italia. Il suo colore è rosso e non ha ancora un nome, ma i più informati giurano che è solo questione di tempo. Presto, dicono, sapremo tutto di lui: che forma ha, cosa fa, ma soprattutto come vive e dove cresce. Perché una cosa è certa: a differenza del suo antenato, metà rosso metà bianco e rinsecchito all’improvviso, questo è dotato di qualità straordinarie e non potrà che aumentare di peso e dimensioni. Francesco Rutelli, uno che di questi animali se ne intende – anche se ormai si “occupa di cinema e non di politica” (il virgolettato è suo) – spiega che il nuovo esemplare, per adattarsi all’ambiente, dovrà essere “empatico, molto empatico e tornare ad essere vicino alle persone” (virgolettato sempre suo). Carlo Calenda, che il gattopardo lo ha visto davvero e gli ha persino dato un nome, giura però che la qualità migliore di “FR” (come Fronte Repubblicano) è difendere e persino mordere, “perché questo, in fondo, è ciò che la gente vuole nei momenti di incertezza e di paura”. Romano Prodi, più enigmatico, si limita a spiegare che, quando arriverà, la nuova creatura dovrà andare “oltre”: che tradotto, forse, significa mettere in pratica quello che il suo progenitore non ha saputo o voluto fare…
Chissà se alla fine questo nuovo esemplare politico uscirà davvero dalla giungla delle dichiarazioni post voto o se, come crediamo, è soltanto un sogno di prima estate, una reazione onirica alla pesante sconfitta delle elezioni amministrative di domenica scorsa. Le quali, tanto per esser chiari, non hanno “soltanto” consegnato le ultime roccaforti rosse a Lega e Cinque Stelle: hanno fatto molto di più. Ad esempio confermare, se ancora ce ne fosse bisogno, che per tutta la sinistra, e non solo per il Pd, la lunga notte del 4 marzo non è affatto passata. Qualcuno dice sia appena iniziata. E qui spunta, vero o presunto che sia, il fantasma del gattopardo rosso. Perché tra le strade che la sinistra potrebbe (dovrebbe) imboccare per evitare questo allarmante declino, l’unica da cui tenersi rigorosamente a distanza è quella del cambiamento posticcio, del maquillage tanto per fare, della mano di bianco, anzi di rosso che tutto copre ma nulla cambia.
Il voto di domenica ci dice, senza se e senza ma, che la strada imboccata è ormai senza uscita. E più che comprare un’auto nuova, operazione ridicola prima ancora che inutile, bisognerebbe reimpostare il navigatore. Già, ma per andare dove?
La domanda ovviamente è pericolosa. Come ben sanno i lettori, non c’è nulla di peggio, a sinistra, che aprire un dibattito sull’universo mondo. Con l’auto, quella vecchia, che intanto procede a tutta velocità contro il muro. Perché è vero che bisogna rimettersi “in viaggio” (speriamo non en marche) come spiega Cuperlo nel suo ultimo libro avvertendo che tempi non saranno affatto brevi. Ma è anche vero che nel lungo periodo saremo tutti morti, come diceva inesorabile Keynes. E’ questo che vogliamo? Discutere, litigare, ragionare forse in attesa del grande botto?
Per nostra fortuna (si fa per dire) esiste un modo per confrontarsi senza perdersi. Basta aprire un computer e collegarsi al sito di Eurostat, l’Istituto di statistica europeo che raccoglie i dati di tutti i 28 Paesi dell’Unione europea, Gran Bretagna ancora compresa. Girando e compulsando, ma soprattutto ordinando quelle cifre in tabelle facili da interpretare il risultato è una classifica, voce per voce, settore per settore, della salute economica e sociale di ogni Paese. Ebbene, passeggiando liberamente in quel sito si scopre, senza troppi giri di parole, che il nostro Paese è messo male, molto male. E che quando non è ultimo, ma proprio ultimo, è penultimo o al massimo terzultimo. Non ci credete? Ebbene, il famoso Pil che fra trombe e fanfare ci hanno detto essere finalmente in ripresa, segna la terza crescita più bassa d’Europa. Più bassa del Portogallo e dell’Estonia, nettamente più bassa di Cipro e Lituania. Più bassa vuol dire che mentre noi brindiamo all’1,3% cento (ma l’anno prossimo è già previsto all’1,1) la Spagna e l’Ungheria senza troppi brindisi registrano oltre il doppio della nostra crescita, mentre Svezia e Repubblica Ceca addirittura il quadruplo. E non è finita: penultimi come numero di giovani che trovano lavoro a tre anni dalla laurea, quinti (ma dal basso) per investimenti nell’educazione universitaria e ancora quinti (sempre dal basso) per sostegno alla ricerca. Penultimi nella classifica dell’occupazione generale e lo stesso, penultimi, in quella dell’occupazione femminile e quella giovanile spezzando sì le ossa alla Grecia, ma solo a quella. Dove siamo avanti, come numeri assoluti questa volta, è nel campionato ignobile della povertà: con 10,5 milioni di persone che hanno difficoltà a farsi un pasto proteico ogni due giorni (due), siamo il Paese europeo con il più alto numero di poveri. Record incontrastato anche per la povertà minorile: nel 2016, ultimo dato ufficiale, erano 1 milione e 292 mila, con un aumento del 14,5 per cento rispetto all’anno prima. E che dire delle quattro famiglie su dieci che vivono senza riscaldamento? Ancora: siamo venticinquesimi (su ventotto) nella trasformazione digitale del Paese e non ci vuole un corso ad Harvard per capire che si tratta dell’asfalto su cui correrà il futuro. Mentre riposiamo saldamente nella parte alta della classifica dei Paesi che importano più energia dall’estero: già, proprio mentre tutti, ma proprio tutti (India e Brasile compresi) stanno sgomitando per occupare le posizioni più basse di quella energica classifica grazie ai vantaggi tecnologici ed economici delle rinnovabili.
Sì, basta scorrere le tabelle di Eurostat per capire che il nostro è un Paese dimenticato e malato. Perché se la crisi del 2007 e quella del 2011 sono state devastanti, è innegabile che gli altri si sono ripresi e noi no. Per recuperare i danni economici del terribile ’29 abbiamo impiegato otto anni, per aggiustare quelli della seconda Guerra mondiale ce ne sono voluti dieci: oggi, undici anni dopo, siamo ancora in debito di ossigeno mentre gli altri corrono. Cos’altro ci vuole per capire che la vera emergenza di questo Paese non sono le rotte di Lifeline e Aquarius, ma il motore economico e sociale della nostra nave? Cos’altro deve accadere per convincere la sinistra, prima ancora che il Pd, che se vuole riannodare il filo spezzato con il proprio popolo e i propri elettori non può permettersi il lusso di stare in silenzio a guardare (ignoriamo per carità di patria l’orrenda battuta sui pop corn) ma deve incalzare il governo, il Parlamento, i media, i cittadini prima ancora che gli elettori sulle cose da fare per rimettere in moto il Paese. E che guarda caso, non spuntano nostalgiche dagli appunti sbiaditi di qualche sovversivo dell’Ottocento, ma dai libri di economisti e premi Nobel come Joseph Stiglitz, Paul Krugman, Amartya Sen. O da quelli di studiosi come Mariana Mazzucato e Thomas Piketty. Per riaccendere i motori, dicono in coro, bisogna ridurre le diseguaglianze, combattere la povertà, aumentare l’occupazione femminile, investire sull’istruzione e la conoscenza e, tabù dei tabù, affidare allo Stato, prima ancora che ai privati, l’iniziativa di una politica industriale basata sull’innovazione e la ricerca.
Sono tante le cose da fare e da dire pur restando all’opposizione: perché restare in silenzio e perdere tempo? Facciamo un governo ombra, lanciamo iniziative. Soprattutto elaboriamo e sosteniamo un’agenda di priorità che non sia rispondere alle provocazioni di quel sosia del dottor Stranamore che siede oggi al Viminale. Come ha spiegato bene George Lakoff, grande esperto di scienze cognitive, in politica vince chi impone i propri temi, non chi si accontenta di ribattere a quelli altrui. E in tutto questo, davvero crediamo che la soluzione sia un gattopardo dipinto di rosso?

News - Italia

Galleria fotografica

Consigliati

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information