Apertamente

di Fabiano Compagnucci, Mauro Gallegati da Sbilanciamoci.info del 24/10/2017 - La metafora delle tre Italie rappresenta ancora congruamente le diverse forme di sviluppo territoriale? L’Italia di oggi è trainata dalle regioni che meglio nel nostro paese hanno saputo combinare attività manifatturiere e servizi ad alta intensità di conoscenza. L’Italia, già dalla sua Unità, si caratterizza per la differenza nei livelli di sviluppo economico: un primo periodo di lieve divergenza, cui segue, fra le due guerre mondiali, una forte divergenza che muta in convergenza nella fase post-bellica fino ad un nuovo aumento del divario, anche se a macchia di leopardo, a partire dalla recente crisi. Fino agli anni ‘60 questi squilibri territoriali possono essere riassunti nel dualismo nord-sud, riferibile, nonostante la complessità della questione, ad un dualismo di tipo produttivo: industria fordista al nord contro prevalenza di attività e modalità agricole arretrate al sud. A partire dagli anni ’70, però, questa dicotomia non è più in grado di dare conto degli squilibri regionali, la cui articolazione si è andata nel frattempo arricchendo con la diffusione del fenomeno dei distretti industriali nelle regioni del Nord-Est-Centro (NEC). Accanto al modello organizzativo e produttivo basato sulle grandi citt à industriali del nord-ovest, si affianca quello tipico “dell’Italia dei comuni” e della “campagna urbanizzata”.
Trascorsi trent’anni dall’affermarsi di quel modello, un nuovo cambiamento di paradigma mischia di nuovo le carte in tavola, costringendoci ad una nuova lettura degli squilibri regionali. L’affermarsi della cosiddetta “knowledge economy”, un sistema economico fondato sulle attività e sui servizi ad alta intensità di conoscenza e creatività, generatori di innovazione, sembra, nella sua prima fase, avvantaggiare le regioni che si erano industrializzate per prime e che, sempre per prime a cavallo fra gli anni ’80 e ‘90, avevano intrapreso il processo di terziarizzazione. A circa trent’anni da quella svolta e dopo la più grande crisi mondiale che si ricordi dal 1929, la metafora delle tre Italie rappresenta ancora congruamente le diverse forme di sviluppo territoriale in Italia?
Ragionando in termini di PIL per abitante, sembrerebbe sufficiente ribadire il classico dualismo Nord-Sud per interpretare gli squilibri regionali. Secondo Eurostat, infatti, sono tutte meridionali, con l’aggiunta di Marche ed Umbria, le regioni con PIL pro-capite inferiore alla media nazionale nel 2015. Fra le restanti, la maggior parte, al 2015, aveva recuperato totalmente o quasi i livelli di reddito pro-capite pre-crisi, con la rilevante eccezione del Lazio, in cui il differenziale negativo si attesta sul 10%, e della Provincia di Bolzano, che, invece, non sembra essere stata toccata dalla crisi. Fermo restando che l’Italia, fra le nazioni OECD, è quella che ha mostrato le maggiori difficoltà nel superare la fase recessiva, cosa possiamo dire della diversa capacità di queste regioni nell’assorbire gli shock dettati dal cambiamento di paradigma economico e nell’adattarsi alle mutate condizioni di mercato? Esistono dei pattern comuni? Per rispondere a questa domanda consideriamo due tipologie di fattori: le diverse composizioni settoriali delle economie regionali e le peculiarità dei singoli quadri istituzionali. L’ ”Indice Europeo di Competitività Regionale” elaborato dalla Commissione Europea, ossia la capacità di una regione di offrire un ambiente attraente e sostenibile tanto alle imprese che ai cittadini, cerca di tenere conto di questi aspetti nel valutare le performance delle singole regioni. La lettura dell’Indice suggerisce la presenza di una situazione articolata. Lombardia e Emilia Romagna possono essere considerati i motori dell’economia italiana. La Lombardia, che, con il Piemonte e la Liguria, ha traghettato l’Italia nell’era fordista, è la più internazionalizzata delle regioni italiane, e quella che maggiormente ha saputo combinare una ancora rilevante base manifatturiera con i servizi ad alta intensità di conoscenza, coadiuvati anche dai numerosi atenei presenti sul territorio, accrescendo la capacità innovativa e creativa del proprio sistema economico. Stesso discorso, seppur sulla base di un sistema economico di più ridotte dimensioni, si può fare per l’Emilia Romagna, dove si è riusciti a creare un legame virtuoso fra manifattura hi-tech e servizi ad alta intensità di conoscenza, anche in questo caso supportati da un’ottima offerta accademica. Le stime di crescita delle economie regionali per il 2017, non a caso, vedono prima l’Emilia Romagna e seconda la Lombardia. La Lombardia e l’Emilia Romagna, nonostante rappresentino l’esito di due modelli significativamente diversi – una regione industriale della prima ora ed una regione NEC – convergono nelle performance. In entrambi i casi sembra funzionare la “Tripla Elica”, ossia un modello basato sulla centralità dei rapporti fra università e centri di ricerca, industria e istituzioni pubbliche nel sostenere i sistemi innovativi regionali.
Piemonte e Liguria, le altre due regioni del triangolo industriale, non sembrano tenere il passo della Lombardia, nonostante si tratti di sistemi economici in cui l’eredità industriale – ad alta e media intensità tecnologica – e la presenza di aree metropolitane importanti, garantiscano buone prestazioni rispetto alla capacità innovativa. Veneto e Toscana, regioni NEC che possono vantare indicatori di qualità istituzionale simili a quelli dell’Emilia, non riescono ad eguagliarne la capacità innovativa. Nonostante l’importanza manifatturiera di questi regioni, la presenza di specializzazioni a minor intensità tecnologica non permette alla Tripla Elica di operare al livello di quella emiliana. Queste due regioni, hanno prestazioni comunque superiori ad Umbria e Marche, due ulteriori regioni NEC, la cui distanza dalla media italiana in termini di PIL pro-capite si è andata allargando dal 2007 ad oggi, facendole, di fatto, “scivolare verso il sud”. Si tratta di due regioni, giova ricordare, con base manifatturiera a bassa intensità tecnologica e scarsa capacità innovativa. Un discorso a parte merita il Lazio, il cui maggiore punto di forza è la capacità e la propensione ad innovare. A differenza della Lombardia e dell’Emilia, però, dove l’innovazione si concretizza in misura significativa nei servizi per il mercato (manifattura e finanza), nel Lazio essa è maggiormente legata alla presenza dei servizi pubblici di rango superiore. Infine, le regioni a statuto speciale (Bolzano, Trento, Valle d’Aosta e Friuli Venezia Giulia), destinatarie di particolari privilegi di finanza regionale, mostrano buone performance soprattutto rispetto all’elica istituzionale (qualità della governance, livello di corruzione, imparzialità delle PA), che sembra correlarsi positivamente con il livello di maturità tecnologica delle proprie imprese e dei propri cittadini.
In definitiva l’Italia di oggi è trainata dalle regioni che meglio nel nostro paese – comunque in ritardo rispetto al resto dei paesi OECD – hanno saputo combinare attività manifatturiere e servizi ad alta intensità di conoscenza, la Lombardia e l’Emilia Romagna. Contribuiscono alla ricchezza nazionale da una parte Liguria e Piemonte (ex economie fordiste) e dall’altra Veneto e Toscana (ex economie NEC) con l’aggiunta delle regioni a statuto speciale, seppur a livelli inferiori rispetto alle precedenti, dal punto di vista qualitativo o quantitativo. Stante la peculiarità del caso del Lazio, tutto il sud Italia può essere considerato a traino del nord, con una evidente esacerbazione del relativo divario, soprattutto in termini di capacità d’innovazione. Capacità d’innovazione il cui basso livello sembra aver spinto Umbria e Marche più verso le regioni trainate che trainanti.

News - Italia

Quale orizzonte per la sinistra

Indagine SWG per Apertamente

Scarica l'indagine >>>

Galleria fotografica

Consigliati

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...

Le mie memorie

Le mie memorie
Da Aiello, piccolissimo paese del Friuli orientale, alla Cina passando dalla Russia dopo esser cresciuto in Brasile.
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information