Apertamente

di Alfio Mastropaolo da Sbilanciamoci.info del 5/7/2017 - Un’analisi delle recenti tornate elettorali in Italia, Francia e Regno Unito conferma il successo del voto di protesta e rivela l’affermazione di una nuova forza “politica”: il fronte degli ammutinati
I significati delle parole e dei gesti notoriamente cambiano. Nello spazio e nel tempo. Tra i gesti e le parole e i gesti che stanno attualmente cambiando di significato c’è pure il voto. Che è già cambiato altre volte. Una cosa era il suo significato iniziale, quando il suffragio era ristretto, e il voto era una testimonianza di deferenza, o d’amicizia, di un pugno di elettori nei confronti di un notabile, un’altra cosa è divenuto il voto al tempo del suffragio universale. È probabile che per una quota di nuovi elettori, che non erano ben al corrente dei suoi effetti, il significato del voto fosse dapprincipio quello di un adempimento burocratico: in Italia tra le elezioni del 1909 e quelle del 1913, le ultime a suffragio ristretto, le prime a suffragio cosiddetto universale, la percentuale dei votanti scese dal 65 al 60 per cento. Ma col tempo, grazie all’azione promozionale dei partiti di massa, il voto acquistò un nuovo significato. Secondo Alessandro Pizzorno, divenne più rivendicazione di appartenenza che non atto di scelta. Gli elettori confermavano la loro affiliazione a un partito inteso quale collettività di riferimento, ma comunque votavano.
È probabile che a lungo andare il voto come scelta abbia preso un po’ di quota. In ragione del più elevato livello d’istruzione e informazione degli elettori. Ciò malgrado, il voto di appartenenza persiste: il Veneto bianco è sempre bianco, anche se la Lega manca delle salutari ipocrisie della Dc; l’Emilia è sempre rossa, anche se un po’ impallidita. Il voto è come l’appartenenza calcistica. Non vi si rinuncia facilmente. Perfino il collasso dei partiti storici in Italia non ha stravolto la sociologia elettorale. Con qualche fatica l’elettorato si è riaccasato tra i nuovi contenitori che sentiva più prossimi.
I partiti lo sanno e ne approfittano. Si concedono da tempo mosse molto poco convenienti ai propri elettori, contando sulla loro fedeltà e cercando di abbacinarli col marketing elettorale e gli effetti speciali della leadership personale. Se non che, la fedeltà degli elettori ha pur sempre un limite. A osservare i loro comportamenti, la loro insofferenza nei confronti dei partiti convenzionali e delle politiche da essi adottate è in crescita da almeno un ventennio. Le differenze tra i partiti non sono irrilevanti. Prodi non era Berlusconi. Blair non era la Thatcher. Sarkozy e Hollande non si equivalgono. Ma le politiche adottate sono pur sempre modulazioni differenti di orientamenti analoghi. Visto che il voto ha perso ogni valore, tanto di appartenenza, quanto di scelta, ecco che allora gli elettori protestano o si ammutinano. Protesta e ammutinamento sono i nuovi significati del voto.
Una prima forma di protesta è arcinota e consiste nel rivolgersi alla nuova destra estrema, sotto l’etichetta edulcorata di populismo. Che ha promosso la radicalizzazione antipolitica degli elettori insofferenti verso lo Stato sociale, gli immigrati, il Mezzogiorno, l’Ue. Ma è riuscita ad attrarre pure elettori provenienti dal versante opposto. Meno di quanto i media si compiacciano di raccontare. Ma c’è effettivamente una quota di ex-elettori di sinistra che per disperazione si è riconvertita. Forse solo provvisoriamente.
Una seconda manifestazione di protesta è il voto per quelli che potremmo chiamare i partiti-Zelig. Grillo ne ha inventato uno per primo, attirando un po’ di scontenti di sinistra, per poi rivolgersi, eccitato dal successo, a quelli di destra, disorientati – provvisoriamente – dal collasso di Berlusconi. Ha perfino fatto scuola. Anche quello fondato da Macron in Francia è un partito-Zelig, anche se più raffinato. È il paradosso di un partito anti-establishment promosso addirittura dall’establishment e guidato da un personaggio che, dopo esser stato assistente di un filosofo à la page, ha fatto il banchiere, l’alto funzionario, il ministro: una sintesi perfetta dei quartieri alti, tecnocratico-imprenditoriali, d’oltralpe.
Una terza possibilità, non secondaria, che da qualche parte funziona, è il voto per i partiti della nuova sinistra, anch’essi frettolosamente – e strumentalmente – etichettati come populisti: Syriza, Podemos, lo Scottish National Party.
A riscuotere da ultimo più successo è tuttavia una quarta possibilità, ovvero l’ammutinamento costituito dal non voto, o dalle schede bianche e nulle. Per molto tempo i partiti convenzionali l’hanno sottovalutato. In realtà, la crescita esponenziale dell’astensione, prima riservata agli elettori meno istruiti, le ha conferito un altro significato. È un grande ammutinamento, che colpisce per lo più i partiti di sinistra.
Le due contese elettorali svoltesi in Francia negli ultimi tre mesi illustrano molto efficacemente il malsano intreccio tra protesta e ammutinamento. Al primo turno delle presidenziali ha votato il 77 per cento degli elettori: un quarto si è pronunciato per i candidati dei partiti tradizionali (socialisti e repubblicani), mentre il resto hanno protestato votando per i candidati di liste, raggruppamenti, candidati situati al margine o al di fuori dalla scena politica ufficiale: Macron, Le Pen, Mélenchon e altri minori. Agli 11 milioni di astenuti va aggiunto ancora un milione di schede bianche e nulle. Insomma: 8 elettori su 10 hanno manifestato la loro insofferenza per la politica. Al secondo turno astenuti e schede bianche e nulle sono saliti a 16 milioni. A fronte dei 21 milioni di voti con cui è stato eletto Macron.
Alle legislative dell’1-18 giugno scorso è andata ancora peggio. Macron nel frattempo ha fatto il suo governo e ha mostrato il suo vero volto. Il suo partito-Zelig è la maschera della politica più convenzionale. Prontamente rischieratosi, assemblando frattaglie dei due maggiori concorrenti, Repubblicani e Socialisti, un po’ di cosiddetta società civile, ma pur sempre tanto establishment, nazionale e locale. Ebbene, se al primo turno ha votato il 48 per cento, i votanti sono scesi al 42 al secondo turno. Il partito di Macron ha stravinto. Ma quasi 8 francesi su 10 hanno ricusato il verdetto. Incidentalmente: un altro dato merita di essere ricordato. Come qualcuno ha fatto opportunamente notare, il partito di Macron ha preso al primo turno 6 milioni e 400 mila voti, le liste, vecchie e nuove, di sinistra, cioè socialisti, verdi, comunisti e Insoumis, ne hanno raccolti 6 milioni. Salvo che, col sistema elettorale in vigore da quelle parti, al secondo turno solo una sessantina di deputati sono andati alla sinistra e ben 308 deputati al partito di Macron. Tra gli entusiastici osanna degli sciocchi di casa nostra.
In un’atmosfera non troppo diversa si sono svolte le amministrative italiane. È vero, tradizionalmente alle amministrative si vota meno, ma stavolta l’astensionismo ha tracimato: gli elettori si sono ammutinati. Non sopravalutiamo il successo delle destre, in gran parte populiste. Non c’è amministrazione municipale che nell’ultimo quinquennio non abbia operato in condizioni difficilissime. Le decurtazioni finanziarie sono state spietate e così la riduzione dei servizi. Tutti i governi, da Monti in poi, hanno furbescamente scaricato sulle amministrazioni locali larga parte delle politiche di austerità, tagliando i trasferimenti e bloccando indiscriminatamente la spesa. Essendo alla guida del maggior numero di amministrazioni locali, il Pd ha pagato un prezzo altissimo. Ci sarebbe poi da mettere nel conto l’impatto devastante che ha avuto l’azione di Renzi quale leader del Pd sulla comunità di riferimento della sinistra. Né va dimenticata la sua azione di governo: diretta e per interposto fantasma. Ammettiamo pure che fossero misure utili e perfino indispensabili. Ma se qualcuno s’illudeva che il jobs act, i vouchers potessero sedurre gli elettori, non ha il polso del paese. Hanno forse persuaso qualche imprenditore, ma non i grandi numeri, che hanno il vizio di cercare posti di lavoro almeno un poco stabili e non sottopagati. L’economia è sempre al palo, il deficit occupazionale resta drammatico, le disuguaglianze crescono a vista d’occhio. Il referendum del 4 dicembre era stato un avvertimento. Chi scambia la lealtà per dabbenaggine fa male i conti.
Chi ne ha goduto è la destra populista. La quale, in un clima di protesta e ammutinamento generali, ha trattenuto un po’ di più i suoi elettori. Se le politiche non cambiano, è probabile che oggi goda e domani pianga. Magari nel frattempo perpetrando qualche disastro, come fare propaganda xenofoba, eventualmente tirandosi appresso il Pd. È ancora da notare come il disastro che ha travolto il Pd ha lambito il partito-Zelig dei 5 Stelle. Nella sua azione di rappresentanza (nazionale e locale) e nella sua azione di governo (locale) non s’è mostrato migliore dei concorrenti: una conduzione rasputiniana, un po’ di pasticci nell’approntamento delle liste e la miserabile inadeguatezza della sua azione di governo a Roma e da altre parti, ne hanno arrestato lo slancio. Pensava di cavarsela cavalcando l’ostilità verso i migranti, ma è forse cominciato il suo declino.
Solo gli sciocchi possono ignorare il mostruoso ammutinamento che oggi l’astensionismo segnala. Un ammutinamento di tale portata – ma in tutt’altre forme – era avvenuto nel ’68. Governare un grande paese, o una grande città, contro una larga quota di elettori che protestano e una metà, o giù di lì, che diserta le urne, è un fallimento, preludio di fallimenti ulteriori. È un fallimento per la democrazia, è un rischio perché gli astenuti di sinistra ingrassano la destra – il ricatto del voto utile non funziona più – ed è un motivo di debolezza gravissimo per chi governa. Il mantra della stabilità, che da un quarto di secolo ossessiona gli sciocchi, si è risolto in instabilità: tanto profonda quanto inquietante. Il futuro non promette nulla di buono.
Ciò malgrado, non è detto che il peggio sia inevitabile. La Gran Bretagna ha avuto la sua grande insurrezione in occasione del referendum intorno al Brexit: che ha prodotto più un voto contro, che un voto a favore. Arrivato inopinatamente alla guida del Labour, contro la volontà del parliamentary party, grazie al favore della base, che l’ha confermato ben due volte, Jeremy Corbyn ha testardamente voluto nuotare contro corrente e, a dispetto di qualsiasi sondaggio, ha intercettato sia gli ammutinati sia la protesta. Tra il 2015 e oggi il Labour ha guadagnato quasi tre milioni di voti, salendo dal 30 al 40 per cento dei consensi. In che modo? Rispolverando la tradizione socialista, riscoprendo il keynesismo e promettendo un fascio, circoscritto ma affilato, di misure redistributive a favore della gran massa della popolazione. I critici, anche della sinistra del Labour, preannunciavano una grave emorragia di consensi verso il fronte opposto. Non c’è stata. Proporsi quale reale alternativa, offrire agli elettori una scelta chiara in cui riconoscersi, ha pagato. Il Partito Laburista ha trattenuto i suoi vecchi elettori, anche quelli moderati, e ne ha guadagnati di nuovi, tra quelli che da tempo l’avevano abbandonato. Cinque anni or sono c’era stato un deflusso protestatario verso lo Scottish National Party e verso l’astensione, a destra verso l’Ukip.
Possiamo considerare Jeremy Corbyn un modello? Ogni paese ha la sua storia e gli ingredienti di una buona ricetta sono numerosi. Ma è certo che Corbyn ce l’ha fatta. Il Regno Unito non è più lo stesso. A volta il modo migliore di andare avanti è proprio andare indietro. Un restauro ben fatto vale più di tante modernità improvvisate. Un’ultima osservazione: il successo di Corbyn conferma che i sistemi elettorali non sono poi così importanti. Certo, la legge Acerbo e l’Italicum erano mostruosità. Ma in democrazia conta di norma il seguito che si raccoglie. Se è ampio, coeso e convinto, nessuno potrà sottovalutarne la forza politica. Si può essere credibili ed efficaci restando all’opposizione. Si smetta di illudersi che la sola posta in gioco sia una maggioranza purchessia, eventualmente prodotta da qualche alchimia legislativa!

News - Italia

Quale orizzonte per la sinistra

Indagine SWG per Apertamente

Scarica l'indagine >>>

Galleria fotografica

Consigliati

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...

Le mie memorie

Le mie memorie
Da Aiello, piccolissimo paese del Friuli orientale, alla Cina passando dalla Russia dopo esser cresciuto in Brasile.

Trieste la città dei venti

Trieste la città dei venti
Su un molo del porto di Trieste non a caso c’è una rosa dei venti: Trieste è la città dei venti.
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information